Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Note di gonna (quando il jazz lo suona lei)

Note di gonna (quando il jazz lo suona lei)

Leggi anteprima

Note di gonna (quando il jazz lo suona lei)

Lunghezza:
43 pagine
29 minuti
Pubblicato:
30 ott 2013
ISBN:
9788868557553
Formato:
Libro

Descrizione

“Note di gonna” è il primo capitolo della collana “Dentro la scen@” - il jazz in Italia ai tempi del download -, una serie di ebook rivolta a illustrare la situazione del movimento jazzistico in Italia all’inizio degli anni Duemila. Si tratta di brevi indagini, svolte attraverso le interviste, le dichiarazioni e le idee di chi vive ogni giorno la realtà di questa musica, in perpetuo divenire e in continuo confronto tra passato, presente e ipotesi future.
Parola dunque ai musicisti, esordienti e affermati, e alla comunità di riferimento, dai critici ai tecnici di registrazione, dai manager agli organizzatori di eventi, per far luce su una realtà artistica che non conosce stasi creativa, e capace di proiettare significati alti, ma che si possono riscontrare anche nella vita di ogni giorno.
In questo episodio d’apertura l’argomento trattato è la condizione delle musiciste in un ambito storicamente di natura maschile. Tra i jazzisti esiste ancora discriminazione nei confronti delle colleghe donne? Il pubblico si trova spiazzato davanti a una donna che sul palco suona la batteria o il contrabbasso?
Pubblicato:
30 ott 2013
ISBN:
9788868557553
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Note di gonna (quando il jazz lo suona lei)

Libri correlati

Anteprima del libro

Note di gonna (quando il jazz lo suona lei) - Roberto Paviglianiti

Ringraziamenti

I. Introduzione: Quando il jazz lo suona lei

Paolo Conte, nella sua Sotto le stelle del jazz, cantava «le donne odiavano il jazz, non si capisce il motivo». Erano gli anni Ottanta, e il mondo viveva un’altra realtà. Le donne erano avulse dall’ambiente jazzistico per un fattore prettamente storico e culturale, e anche perché si è sempre trattato di una musica cresciuta e forgiata in posti poco raccomandabili e, soprattutto, frequentati da una società decisamente maschilista. In seguito sono cambiate molte cose, lo scenario jazz femminile ha iniziato a fermentare, la passione e la preparazione delle musiciste ha raggiunto livelli assoluti.

Questo ha portato a un aumento esponenziale anche della presenza di donne tra il pubblico, e dovrebbe risultare anacronistico, mentre scorrono veloci gli anni Duemila, parlare - in qualsiasi ambito e situazione sociale - della distinzione tra sessi. In Italia però, e nello specifico nell’ambiente musicale che fa riferimento all’area jazzistica, una certa discriminazione ancora serpeggia, tra il pubblico, gli addetti ai lavori e tra gli stessi musicisti. Alcune diffidenze continuano ad affiorare nel caso, per esempio, di contrabbassiste o batteriste, e relegano la musicista donna a svolgere ruoli spesso di secondaria importanza, riducendone così la visibilità mediatica e l’importanza storica che le andrebbe tributata.

L’Olimpo del jazz è un luogo che è stato per anni riservato esclusivamente ai personaggi di sesso maschile, che hanno fatto la storia di questa musica, cementificando nel tempo una figura delineata e quasi inscalfibile. Le donne, nonostante l’elevato tasso tecnico ed espressivo che sono riuscite a produrre, hanno stentato a trovare un proprio stato di riconoscibilità capace di smarcarle da alcuni stereotipi, come quello radicato della cantante da jazz club in abito da sera, che sono rimasti per lungo tempo, e come unici esempi plausibili, impressi nell’immaginario comune.

Certo è che il vento, con il passare degli anni, un po’ è cambiato, anche per via delle sostanziali variazioni sociali che si sono succedute e per le numerose, e rilevanti, figure femminili che nel frattempo sono riuscite a mettersi in luce nell’emisfero jazzistico. Anche il Parlamento Europeo si è espresso riguardo alla parità di trattamento e di accesso tra uomini e donne nelle arti e nello spettacolo (European Parliament Resolution del 10 marzo 2009 / Equality Of Treatment And Access For Men And Women In The Performing Arts); questo a testimoniare che nei fatti quotidiani qualcosa si sta

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Note di gonna (quando il jazz lo suona lei)

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori