Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Alcune riflessioni sulla teologia del Logos nell’A Diogneto: dalla sua identità alla sua didascalia

Alcune riflessioni sulla teologia del Logos nell’A Diogneto: dalla sua identità alla sua didascalia

Leggi anteprima

Alcune riflessioni sulla teologia del Logos nell’A Diogneto: dalla sua identità alla sua didascalia

Lunghezza:
136 pagine
1 ora
Editore:
Pubblicato:
29 mag 2015
ISBN:
9788891178992
Formato:
Libro

Descrizione

Nel presente lavoro vengono illustrate le principali linee di approccio alla tematica della teologia del Logos nell’A Diogneto, sottolineandone, in particolare, il senso della sua identità e della sua didascalia. Partendo da un’analisi dettagliata dell’A Diogneto, l’autrice delinea i tratti portanti dell’entità del Logos nel mysterion, per poi passare, nell’ambito della nuova economia della salvezza, a rilevarne i motivi della sua venuta, con particolare riferimento agli aspetti e agli effetti della sua attività didascalica nel mondo.
Editore:
Pubblicato:
29 mag 2015
ISBN:
9788891178992
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Alcune riflessioni sulla teologia del Logos nell’A Diogneto

Leggi altro di Cinzia Randazzo

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Alcune riflessioni sulla teologia del Logos nell’A Diogneto - Cinzia Randazzo

Cinzia Randazzo

ALCUNE RIFLESSIONI SULLA TEOLOGIA

DEL LOGOS NELL'A DIOGNETO: DALLA

SUA IDENTITÁ ALLA SUA DIDASCALIA

Youcanprint Self - Publishing

Titolo | Alcune riflessioni sulla teologia del Logos nell’A Diogneto: dalla sua identità alla sua didascalia

Autore | Cinzia Randazzo

Copertina a cura dell’autore

ISBN | 9788891178992

Prima edizione digitale: 2015

© Tutti i diritti riservati all’Autore

Youcanprint Self-Publishing

Via Roma 73 - 73039 Tricase (LE)

info@youcanprint.it

www.youcanprint.it

Questo eBook non potrà formare oggetto di scambio, commercio, prestito e rivendita e non potrà essere in alcun modo diffuso senza il previo consenso scritto dell’autore.

Qualsiasi distribuzione o fruizione non autorizzata costituisce violazione dei diritti dell’editore e dell’autore e sarà sanzionata civilmente e penalmente secondo quanto previsto dalla legge 633/1941.

INDICE

PREFAZIONE

INTRODUZIONE

1. IDENTIFICAZIONE DEL LOGOS

1.1. Il Logos è Verità e Santo

1.2. Il Logos preesistente e consustanziale al Padre

1.3. Il Logos ordinatore dell'universo

2. PRINCIPI EURISTICI DEL LOGOS

2.1. Uguaglianza del Logos rispetto al Padre

2.2. Distinzione del Logos rispetto al Padre

3. I FONDAMENTI EZIOLOGICI DELLA VENUTA DEL LOGOS

4. IL MYSTERION

5. L'ECONOMIA DELLA SALVEZZA

5.1. Rivelazione del Logos

5.2. Regalità del Logos

6. IL LOGOS DIDASKALOS

CONCLUSIONE

BIBLIOGRAFIA

PREFAZIONE

The concept of Logos played an important role in early Christian efforts to create theological systems. The second century apologists were particularly fond of presenting their message by means of it, utilizing the results of Philo’s reflections and the kerygma of the prologue of St. John’s Gospel. A great number of contributions are available on the Logos-theology of Justin, Tatian, Athenagoras, and Clement of Alexandria. However, seemingly less attention has been paid to the enigmatic work of the Ad Diognetum, whose date and authorship have been in the focus of scholarly research, but whose contents have not been subject to thorough research from several points of view. I think Doctor Randazzo’s present work opens wide horizons in this respect. Given the fact that she has already published several contributions examining this precious work of Christian antiquity, I think we can rely on her judgment even in cases of the most controversial issues.

First she delineates the anonymous author’s scheme of presenting the richness of Logos-concept. Logos is identified as truth and holiness, someone whose existence precedes the creation of the material world, and whose substance is not less divine than that of God the Father. His activity in the creation and ordination of the world is considered vital. In the second chapter of this wonderful rhetorical work, the author subjects the equality and distinctness of the Logos with regard to the Father under careful examination, not neglecting the aspects of the unfathomable inner life of the Holy Trinity. One of the objections made by the contemporary pagans in connection with the coming of the Logos to this world was: why was not he sent earlier, only after so many thousand years? The Christian rhetor’s answer is: the moral weakness of mankind and its inability to redeem itself were revealed this way. Human nature is frail, it consequently needs divine grace. The timing itself of the coming of the Logos is a part a revelation.

As we know from numerous sources, several mystery cults were present in the religious scenery of the Mediterranean region during the second century. Presenting the coming of the Logos as a truly life-giving mystery was a wise decision taken by the anonymous author. The Father sent his own Son and servant (παῖς) exactly in the appropriate era of salvation (καιρός). This way God the Father revealed his own goodness, strength, love, and friendship to mankind, which was suffering from the consequences of sin.

In another chapter the notion of the ‘economy of salvation’ is examined in greater detail. The Logos has been revealed by God not forcibly. Basing his message on St. Paul (2 Cor 10:1) and other New Testament sources, the author accentuates the Father’s infinite gentleness towards mankind. However, the same attitude of the Logos in his work of salvation does not exclude that he is invested with full royal authority over all cosmic powers, the whole of creation, which enables him to promote redemption more effectively.

In the final chapter Doctor Randazzo initiates us into another role of the Logos, i.e. his being the teacher (διδάσκαλος) of truth, in whose school, which is the church, the apostles and all Christians are instructed without interruption to learn the enlivening mysteries of the Father. In the power of the Spirit this teacher of ours helps the faithful that they bring fruit in their hearts for ever.

In her presentation of the doctrine of Logos of the Ad Diognetum, the author paints a wide panorama of the sources which this Christian rhetor was able to rely upon in a direct or indirect way. From the Old Testament we can find references to Genesis, the Book of Isaiah, and Proverbs. As to classical Greek works of philosophy, Plato’s Symposium and Aristotle’s Protrepticus are referred to, but the Logos-doctrine of the Stoa is obviously also important. Possible connections with the exegesis of Philo of Alexandria can hardly be denied, either. His references to the New Testament are very numerous: all the gospels, the Acts of the Apostles, several of Paul’s letters, the Letter to Hebrews, the First Letter of Peter, the First Letter of John, and the Revelation of John. As to non-canonical Christian sources, Clement of Rome’s influence is quite obvious, but certain connections with the gnostic work, Pistis Sophia, often attributed to the school of Valentinus, are also present.

The author of this valuable contribution often refers to Origen’s Contra Celsum, which is a source rich in pagan arguments against Christianity. The parallel themes present in the Protrepticus of Clement of Alexandria also enrich our knowledge about the contemporary scenery of the various religious ideas, in the middle of which this pearl of early Christian literature came to light. Relying on numerous and definitive publications (e.g. those of Henry G. Meecham, Enrico Norelli, Michele Pellegrino, Manlio Simonetti, and Sergio Zincone), Doctor Randazzo carefully examines all the possible sources of considerable influence which were present in the philosophical and religious environment of the Ad Diognetum, not laying aside either the controversial ideas or the widely accepted results of scholarly research.

Although the Doctor Randazzo calls the writer of the Ad Diognetum ‘anonymous’, during the last few decades several scholars have been arguing convincingly that the author of this sermon of protreptical character is Polycarp of Smyrna. If this hypothesis finds more general acceptance, the present work of research may achieve even greater significance, because then we would be in a position to regard the Ad Diognetum as an important connecting link between the Logos-concept of the Fourth Gospel and that of the apologists of the late second century.

Budapest 26-4-2015

Prof. László Perendy

Pázmány Péter Catholic University

Budapest, Hungary

INTRODUZIONE

Il testo dell'A Diogneto fu considerato dal suo primo editore Stephanus¹, nel 1592, una lettera indirizzata ad un pagano e tale rimase fino a Pellegrino², il quale dimostrò abbondantemente che si trattava di tutt'altro genere letterario, ovvero di un'opera apologetica.

L'unico manoscritto dell'opera fu trovato a Costantinopoli nel 1436 in una pescheria tra un mucchio di carte da imballaggio, e fu comprato da un giovane chierico latino, Tommaso di Arezzo. Dopo varie peripezie, il manoscritto giunse nella Biblioteca municipale di Strasburgo tra il 1793 e il 1795 e fu distrutto il 24 agosto 1870, da un incendio provocato dalle artiglierie prussiane nel corso della guerra tra la Francia e la Prussia. Fortunatamente il testo che conteneva l'A Diogneto era stato collazionato con cura nel 1842 dal teologo di Strasburgo Ed. Cunitz per conto di Otto, che preparava la sua grande edizione delle Opere di san Giustino.

Reuss confrontò la seconda edizione di Otto col manoscritto originale facendo osservazioni crtiche e paleografiche. Otto ne tenne conto nella sua ultima edizione (1879). Da allora il testo di Otto ha sostituito convenientemente il manoscritto perduto³.

L'A Diogneto, questa "perla dell'antichità cristiana"⁴, dalla gran parte degli studiosi è considerata un'opera apologetica, con contenuto esortatorio e fine propagandistico.⁵

Il lettore, non edotto in materia di letteratura patristica greca, non riesce a cogliere, a prima vista e correttamente, il significato del contenuto esortativo e del fine propagandistico. La difficoltà non è tanto quella di comprendere i termini, che in qualche modo possono evocarne l'idea, quanto quella di cogliere, dietro la patina propriamente semantica dei vocaboli, il senso che solo in virtù del contesto storico viene espresso e chiarito.

Il periodo storico relativo all'A Diogneto oscilla tra la fine del secondo o, al più tardi, agli inizi del terzo secolo; epoca in cui il cristianesimo dovette confrontarsi con il paganesimo allora imperante; confronto non sempre facile, spesso animato da persecuzioni⁶. Dalla maggioranza degli indizi storici e letterari pare certo il periodo in cui l'ignoto autore scrisse tale documento indirizzato ad un pagano di nome Diogneto. Si tratterebbe del periodo aureo degli Antonini verso la metà del II secolo.

L'impatto dell'εὐαγγέλιον (buon annuncio) della Parola divina con la cultura pagana del tempo generò non poche eresie che vennero in superficie man mano che la Chiesa, sotto la potenza dello Spirito Santo, annunciava a tutto il mondo allora conosciuto il messaggio di Cristo, di amore e di vita eterna. In tale contesto è nata questa preziosa lettera che riflette, in misura abbondante, il pensiero dei Padri apologisti, tesi alla difesa vigorosa del κήρυγμα (annuncio) originario contro le accuse che

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Alcune riflessioni sulla teologia del Logos nell’A Diogneto

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori