Goditi subito questo titolo e milioni di altri con una prova gratuita

Solo $9.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Creare una web survey. Guida pratica all'uso di LimeSurvey

Creare una web survey. Guida pratica all'uso di LimeSurvey

Leggi anteprima

Creare una web survey. Guida pratica all'uso di LimeSurvey

Lunghezza:
315 pagine
1 ora
Editore:
Pubblicato:
Mar 26, 2014
ISBN:
9788869090318
Formato:
Libro

Descrizione

LimeSurvey è un software open source per la creazione di questionari da pubblicare nel web. Questo lbro, ricco di esempi, insegna in modo semplice come realizzare una survey e raccogliere dati per la ricerca sociale, per indagini di mercato o per qualunque situazione in cui sia possibile utilizzare internet come canale privilegiato per la raccolta di informazioni.
Editore:
Pubblicato:
Mar 26, 2014
ISBN:
9788869090318
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Creare una web survey. Guida pratica all'uso di LimeSurvey

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Creare una web survey. Guida pratica all'uso di LimeSurvey - Enzo Loner

web

Premessa

Cos’è una web-survey

La diffusione di computer, tablet, telefonini, dispositivi e applicazioni sempre più sofisticate ha raggiunto un’estensione tale da permettere potenzialmente a chiunque di essere agganciato alla rete in ogni istante della propria vita. Questa situazione apre nuove frontiere alla ricerca sociale, in quanto internet sta diventando sempre più un luogo adatto per studiare il mondo che ci circonda.

LimeSurvey è un programma per effettuare interviste direttamente tramite il web (web survey o CAWI, Computer Assisted Web Interviewing) e costituisce dunque uno strumento prezioso per lo scienziato sociale che vuole raccogliere dati per le proprie ricerche, ma anche per chiunque, per il proprio lavoro, abbia la necessità di ottenere informazioni attraverso il web. Una survey, o indagine campionaria, è quindi un approccio alla ricerca che, attraverso la somministrazione di un questionario strutturato, ha lo scopo di raccogliere dati da elaborare successivamente. L’indagine può essere campionaria, e quindi riguardare soltanto una parte della popolazione, oppure esaustiva, vale a dire coinvolgere tutti i soggetti oggetto della ricerca.

Figura  1. La raccolta di dati attraverso il web.

In generale, la raccolta dei dati tramite internet funziona in modo semplice (fig. 1).

Dopo aver messo a punto l’indagine, l’amministratore del sistema pubblica il questionario su un server web. A questo punto può attendere che le persone accedano alla survey e rispondano alle domande. Molto più spesso invia un messaggio di posta elettronica a quanti vorrebbe che lo compilassero. Chi riceve la mail, se decide di collaborare, si collega alla survey e inizia a rispondere alle domande. Durante la raccolta dei dati il ricercatore può monitorare costantemente i risultati, effettuare le prime elaborazioni e spedire altri messaggi di posta elettronica per sollecitare chi non ha risposto a farlo al più presto.

In generale, i programmi per realizzare web survey permettono di gestire in modo automatico l’intero processo. Ad esempio, il ricercatore può decidere la data in cui concludere la raccolta (e quindi quando impedire il collegamento al questionario), oppure quando e a chi inviare i solleciti. Inoltre, al termine dell’indagine il programma fornirà in poco tempo i dati delle risposte (a volte già pronti per essere elaborati statisticamente).

In questo lavoro vedremo come funziona LimeSurvey, la sua storia e come permetta di pubblicare un questionario sul web in modo semplice e senza richiedere grosse conoscenze informatiche. Inoltre, tenteremo di darne una valutazione sommaria, specificando le possibili applicazioni e i limiti. Al termine del libro, il lettore sarà in grado di creare un’indagine web e, speriamo, di valutare da solo se LimeSurvey è uno strumento adatto alle sue esigenze.

Introduzione a LimeSurvey: la storia, da chi è stato creato e da chi è mantenuto

LimeSurvey è un software libero multipiattaforma e distribuito sotto licenza GNU GPL che consente di realizzare questionari per raccogliere dati attraverso il web. Il programma nasce nel 2003 con il nome di PHPsurveyor da un progetto creato da un australiano, Jason Cleeland. Dal 2007 il programma ha cambiato nome diventando LimeSurvey e ha trovato in un tedesco, Carsten Schmitz, il principale sviluppatore.

È scritto in linguaggio PHP e si appoggia sul database MySql, anche se è possibile utilizzare PostgreSQL o Microsoft SQL. Sebbene sia stato creato per lavorare sul server web Apache, LimeSurvey può essere installato anche in altri ambienti. Nel 2004 è stato utilizzato da un’associazione non governativa statunitense, Verified Voting Foundation, per raccogliere dati su possibili irregolarità nel voto durante le elezioni che hanno portato al secondo mandato presidenziale di George W. Bush.

LimeSurvey deve il suo successo alla semplicità dell’uso, dato che permette di creare questionari senza richiedere grosse conoscenze di informatiche. Inoltre, grazie alla modalità WYSIWYG (What You See Is What You Get), il ricercatore può vedere in anteprima, già durante la programmazione, come sarà il risultato finale.

Un’altra particolarità risiede nel fatto che è possibile scaricare il programma dal sito dedicato (www.limesurvey.org), e quindi installarlo e utilizzarlo in locale, oppure sfruttare il servizio di hosting precaricato su altri server che offrono (a pagamento) la possibilità di creare questionari e di gestire tutta la procedura della raccolta senza preoccuparsi della manutenzione e della sicurezza del programma e delle informazioni.

In ambiente Windows l’installazione è facilitata dalla distribuzione di pacchetti di software su cui si appoggia LimeSurvey che sono sviluppati, fra l’altro, da Bitnami, Server2Go e UniformServer. Questi pacchetti hanno lo scopo di semplificare l’installazione di PHP, MySql e Apache e ciò permette di procedere in maniera più semplice anche con l’installazione di LimeSurvey.

Nel 2013 il programma è stato scaricato da Internet più di 400.000 volte. Inoltre, inserendo la voce LimeSurvey in un motore di ricerca compaiono oltre 900.000 risultati. È utilizzato da università, scuole superiori, pubbliche amministrazioni e istituzioni private. A livello nazionale è citato pure nella sezione Strumenti del sito dell’Istituto Nazionale di Statistica e appare in pubblicazioni ufficiali dell’Istat (Cianchetta e Pagliuca 2005) e dell’IRPPS-CNR (Favilene 2011).

Le possibilità di applicazione sono molteplici: dai sondaggi di mercato, alle applicazioni scientifiche, all’utilizzo nelle scuole per raccogliere informazioni sugli studenti, oppure nelle amministrazioni pubbliche per la compilazione di moduli in linea o nelle aziende private per collezionare dati di vario tipo.

Durante gli anni il programma si è consolidato e ha rafforzato la propria posizione fra i software per la raccolta di dati via web, diventando un concorrente temibile anche per le applicazioni commerciali. Ciò è stato possibile grazie ai continui miglioramenti apportati dagli sviluppatori che lo hanno reso completo e affidabile. In particolare, si distingue per alcune caratteristiche:

-   Numero illimitato di survey: non ci sono limiti alla quantità di sondaggi che è possibile mettere in linea se non quelli dettati dalla capacità del server su cui è installato.

-   Numero illimitato di domande in una survey: il vincolo è posto solo dalle caratteristiche del database su cui si appoggia il programma.

-   Numero illimitato di partecipanti a una survey: anche in questo caso gli unici limiti sono posti dal database destinato a raccogliere le informazioni;

-   Gestione degli utenti e dei permessi.

-   Numerosi tipi di domande possibili che permettono al programma di adattarsi anche alla programmazione di vari tipi di questionari.

-   Import ed export dei contatti e delle risposte da e per altri programmi in vari formati: CSV, PDF, SPSS, R, queXML (per Stata), Excel. Questa caratteristica agevola notevolmente la fase antecedente alla raccolta, vale a dire la preparazione dei dati, e quella successiva, cioè l’esportazione verso pacchetti di analisi statistica che serviranno per elaborare i risultati.

-   Realizzazione di indagini anonime, oppure nominative: LimeSurvey gestisce in modo completo gli aspetti chiave della privacy, permettendo di collegare o meno l’elenco dei partecipanti con le risposte che hanno dato.

-   Realizzazione di indagini con un numero chiuso, oppure aperto, di partecipanti: riguarda la possibilità di aprire la partecipazione alla survey anche a chi non è inizialmente inserito nel campione da contattare.

-   Registrazione pubblica opzionale: questa caratteristica consente di collegarsi all’indagine e di registrarsi per partecipare alla survey.

-   Definizione dell’intervallo di date (di inizio e di fine) entro cui un questionario rimane attivo.

-   Creazione di una versione stampabile del questionario: ciò agevola la fase di controllo e di correzione degli errori nella progettazione della survey.

-   Gestione completa del layout dell’indagine: è possibile visualizzare una domanda alla volta, tutte le domande nella stessa pagina web, oppure raggruppare quelle simili nella stessa pagina.

-   Possibilità di importare domande standard già costruite e pronte per l’utilizzo.

-   Randomizzazione: ciò consente di presentare l’elenco delle opzioni di una domanda (oppure anche le domande stesse) in ordine casuale per evitare che la sequenza di presentazione influisca sui risultati dell’indagine.

-   Possibilità di salvare e utilizzare altrove le opzioni di risposta di una domanda: una volta create possono, infatti, essere memorizzate nel sistema e richiamate in seguito aumentando la produttività e l’efficienza nella fase di programmazione del questionario.

-   Gestione dei filtri direttamente sulle domande in relazione alle risposte date a domande precedenti: tale caratteristica consente di ramificare il percorso dei questionari, ad esempio facendo sì che chi ha risposto in precedenza di non avere figli che frequentano la scuola dell’obbligo salti le domande che riguardano l’andamento scolastico.

-   Gestione delle quote: è un’opzione molto utile nella raccolta dei dati, in quanto permette di stabilire quante interviste raccogliere in base alle caratteristiche anagrafiche rilevanti per la ricerca.

-   Integrazione nella survey di immagini e video: questa particolarità consente di sottoporre ai rispondenti stimoli basati su materiale multimediale.

-   Gestione degli inviti e dei solleciti: il sistema consente di inviare in modo automatico le e-mail con gli inviti, i solleciti o altri messaggi ai partecipanti alla survey (purtroppo non è ancora prevista la possibilità di programmare l’invio dei messaggi a date o orari prefissati).

-   Gestione dei modelli degli inviti e dei solleciti: la creazione dei modelli dei messaggi di posta elettronica avviene in maniera semplice ed è possibile creare propri layout personalizzati.

-   Possibilità di sospendere la compilazione del questionario e di proseguirla in seguito: con questo accorgimento chi desidera può interrompere la survey in qualsiasi momento e completarla quando è più comodo.

-   Possibilità di integrare codice JavaScript nei questionari.

-   Possibilità di inserire pagine di aiuto personalizzate.

-   Un manuale in linea e un forum attivo in cui cercare risposte ai problemi o richiedere nuove funzionalità o modifiche al programma.

Dal punto di vista pratico, la raccolta dei dati attraverso internet offre un beneficio sostanziale, in quanto viene fatta senza l’ausilio degli intervistatori e quindi riduce sensibilmente i costi. Inoltre, la diffusione del web è tale che è teoricamente possibile raggiungere i partecipanti in qualsiasi parte del mondo in breve tempo e quasi a costo zero.

Accanto a questi vantaggi è necessario sottolineare anche i limiti di LimeSurvey, che non risiedono tanto nel programma, quanto piuttosto nel campo di applicazione. Per chiarire meglio questa affermazione dobbiamo avere chiaro che lo scopo di un sondaggio, nel caso di una ricerca scientifica, è raccogliere informazioni da un campione (una persona che appartiene al campione è detta unità statistica) da cui sia possibile inferire conclusioni riguardanti l’universo intero (vale a dire la popolazione oggetto d’indagine) da cui abbiamo selezionato il campione. Per la statistica possiamo inferire i risultati dell’analisi del campione all’intera popolazione solo se il campione è stato selezionato in modo del tutto casuale. Possiamo però effettuare un’estrazione casuale soltanto se possediamo la lista dell’intera popolazione. Il problema sta proprio qui, dato che non esiste un elenco delle persone che possiedono una casella di posta elettronica, oppure sono collegate ad internet. Anche se disponessimo di una lista, questa potrebbe essere incompleta e non comprendere tutte le persone della popolazione che vogliamo studiare o, al contrario, contenere anche persone che invece non appartengono alla nostra popolazione. L’errore che commettiamo nello stimare i parametri dell’intera popolazione partendo dai dati raccolti da un campione selezionato da una lista incompleta è chiamato di copertura.

Per questo motivo, l’uso di LimeSurvey è senz’altro appropriato quando possediamo l’elenco completo

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Creare una web survey. Guida pratica all'uso di LimeSurvey

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori