Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Come incenso salga a te la mia preghiera (Sal 141,2): Preghiere bibliche e carmelitane

Come incenso salga a te la mia preghiera (Sal 141,2): Preghiere bibliche e carmelitane

Leggi anteprima

Come incenso salga a te la mia preghiera (Sal 141,2): Preghiere bibliche e carmelitane

Lunghezza:
104 pagine
57 minuti
Editore:
Pubblicato:
5 mag 2010
ISBN:
9788889840634
Formato:
Libro

Descrizione

Nel vangelo Gesù ci esorta a pregare in ogni momento (cfr Lc 21, 36). Questa esortazione è fatta propria anche dalla Regola del Carmelo che invita a far sì che la Parola di Dio abiti in abbondanza sulla nostra bocca e nei nostri cuori (cfr Regola, 19).

La Bibbia è la raccolta per eccellenza della preghiera. Partendo dall’Antico Testamento e giungendo al Nuovo, abbiamo scelto quei testi che, secondo la nostra sensibilità, esprimono la preghiera a Dio del popolo eletto, prima, e del nuovo Israele, poi. Siamo coscienti che la scelta fatta non è esaustiva.

Al di là delle scelte personali, quello che abbiamo perseguito nella raccolta delle preghiere bibliche è il sentire di ogni cuore che si rivolge a Dio Padre, a Dio Figlio, a Dio Spirito Santo.

Abbiamo, poi, declinato la Parola di Dio nella nostra storia e nel nostro carisma: ecco, quindi, un’antologia di preghiere scaturite dal cuore del Carmelo nel corso dei secoli.

Solo al Signore l’onore e la gloria senza fine per i secoli dei secoli dai nostri cuori, dalle nostre labbra, dalla nostra vita.
Editore:
Pubblicato:
5 mag 2010
ISBN:
9788889840634
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Come incenso salga a te la mia preghiera (Sal 141,2)

Libri correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Come incenso salga a te la mia preghiera (Sal 141,2) - Monache Carmelitane di Carpineto Romano

2009

Preghiere bibliche

Come si legge una citazione biblica? Ecco alcuni esempi:

Lc 1, 26-38: vangelo secondo Luca, capitolo 1, dal versetto 26 al versetto 38;

Lc 1, 26-38. 48-56: vangelo secondo Luca, capitolo 1, dal versetto 26 al versetto 38 e poi, sempre dello stesso capitolo 1, versetti dal 46 al 56;

Lc 1-3: vangelo secondo Luca dal primo versetto dal capitolo 1 all’ultimo versetto del capitolo 3;

Lc 1, 26- 2,40: vangelo secondo Luca dal capitolo 1, versetto 26 al capitolo 2, versetto 40;

Lc 1, 5-25; 3, 1-18: vangelo secondo Luca capitolo 1, versetti dal 5 al 25, poi capitolo 3, versetti dall’1 al 18.

A volte si utilizzano i due punti al posto della virgola per indicare i versetti (per esempio: Lc 1: 26-38).

Le abbreviazioni dei testi biblici sono presenti in ogni edizione della Bibbia (nelle prime o nelle ultime pagine, a seconda dell’edizione).

Intercessione di Abramo

Abramo si avvicinò [al Signore] e gli disse: «Davvero sterminerai il giusto con l’empio? Forse vi sono cinquanta giusti nella città: davvero li vuoi sopprimere? E non perdonerai a quel luogo per riguardo ai cinquanta giusti che vi si trovano? Lungi da te il far morire il giusto con l’empio, così che il giusto sia trattato come l’empio; lungi da te! Forse il giudice di tutta la terra non praticherà la giustizia?» Rispose il Signore: «Se a Sodoma troverò cinquanta giusti nell’ambito della città, per riguardo a loro perdonerò a tutta la città».

Abramo riprese e disse: «Vedi come ardisco parlare al mio Signore, io che sono polvere e cenere... Forse ai cinquanta giusti ne mancheranno cinque; per questi cinque distruggerai tutta la città?» Rispose: «Non la distruggerò, se ve ne trovo quarantacinque». Abramo riprese ancora a parlargli e disse: «Forse là se ne troveranno quaranta». Rispose: «Non lo farò, per riguardo a quei quaranta». Riprese: «Non si adiri il mio Signore, se parlo ancora: forse là se ne troveranno trenta». Rispose: «Non lo farò, se ve ne troverò trenta». Riprese: «Vedi come ardisco parlare al mio Signore! Forse là se ne troveranno venti». Rispose: «Non la distruggerò per riguardo a quei venti». Riprese: «Non si adiri il mio Signore, se parlo ancora una volta sola; forse là se ne troveranno dieci». Rispose: «Non la distruggerò per riguardo a quei dieci».

Genesi 18, 23-32

Inno pasquale

Voglio cantare in onore del Signore:

perché ha mirabilmente trionfato,

ha gettato in mare

cavallo e cavaliere. Mia forza e mio canto è il Signore,

egli mi ha salvato.

È il mio Dio e lo voglio lodare,

è il Dio di mio padre

e lo voglio esaltare! Il Signore è prode in guerra,

si chiama Signore. I carri del faraone e il suo esercito

ha gettato nel mare

e i suoi combattenti scelti

furono sommersi nel Mare Rosso.

Gli abissi li ricoprirono,

sprofondarono come pietra.

La tua destra, Signore,

terribile per la potenza,

la tua destra, Signore,

annienta il nemico;

con sublime grandezza

abbatti i tuoi avversari,

scateni il tuo furore

che li divora come paglia.

Al soffio della tua ira

si accumularono le acque,

si alzarono le onde

come un argine,

si rappresero gli abissi

in fondo al mare.

Il nemico aveva detto:

Inseguirò, raggiungerò,

spartirò il bottino,

se ne sazierà la mia brama;

sfodererò la spada,

li conquisterà la mia mano!

Soffiasti con il tuo alito:

il mare li coprì,

sprofondarono come piombo

in acque profonde.

Chi è come te fra gli dei, Signore?

Chi è come te,

maestoso in santità,

tremendo nelle imprese,

operatore di prodigi? Stendesti la destra:

la terra li inghiottì.

Guidasti con il tuo favore

questo popolo che hai riscattato,

lo conducesti con forza

alla tua santa dimora.

Hanno udito i popoli e tremano;

dolore incolse gli abitanti della Filistea.

Già si spaventano i capi di Edom,

i potenti di Moab li prende il timore;

tremano tutti gli abitanti di Canaan.

Piombano sopra di loro

la paura e il terrore;

per la potenza del tuo braccio

restano immobili come pietra,

finché sia passato il tuo popolo, Signore,

finché sia passato questo tuo popolo

che ti sei acquistato.

Lo fai entrare e lo pianti

sul monte della tua eredità,

luogo che per tua sede,

Signore, hai preparato,

santuario che le tue mani,

Signore, hanno fondato.

Il Signore regna

in eterno e per sempre!

Esodo 15, 1- 18

Benedizione

Ti benedica il Signore

e ti protegga.

Il Signore faccia brillare il suo volto su di te

e ti sia propizio.

Il Signore rivolga su di te il suo volto

e ti conceda pace.

Così porranno il mio nome sugli Israeliti

e io li benedirò.

Numeri 6, 24-27

Preghiera di Mosè

Quando l’arca partiva, Mosè diceva:

«Sorgi, Signore,

e siano dispersi i tuoi nemici

e fuggano da te coloro che ti odiano».

Quando si posava, diceva:

«Torna, Signore,

alle miriadi di migliaia di Israele».

Numeri 10, 35-36

Cantico di Mosè

Ascoltate, o cieli: io voglio parlare:

oda la terra le parole della mia bocca!

Stilli come pioggia la mia dottrina,

scenda come rugiada il mio dire;

come scroscio sull’erba del prato,

come spruzzo sugli steli di grano.

Voglio proclamare il nome del Signore:

date gloria al nostro Dio!

Egli è la Roccia; perfetta è l’opera sua;

tutte le sue vie sono

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Come incenso salga a te la mia preghiera (Sal 141,2)

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori