Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il Simbolismo dei Sogni

Il Simbolismo dei Sogni

Leggi anteprima

Il Simbolismo dei Sogni

Lunghezza:
233 pagine
5 ore
Editore:
Pubblicato:
1 lug 2015
ISBN:
9786051765983
Formato:
Libro

Descrizione

Questo libro tratta del mondo dei sogni, del loro studio sperimentale per mezzo dell’introspezione e, per conseguenza, del loro simbolismo e della loro interpretazione. Interpretazioni diverse sono state date in tutti i tempi dall’intuito degli indovini o dall’indagine degli scienziati; abbozziamo qui una sintesi di questi diversi tentativi e speriamo di offrire così a quelli che ci consultano la chiave della loro vita onirica. I sogni accompagnano la nostra vita, dalla nascita alla morte; sempre investono il problema attuale della vita del sognatore e non sono comprensibili o spiegabili che in rapporto a questa stessa vita, in più essi adombrano nello stesso tempo una cosa sconosciuta, più vasta dell’esistenza personale, e nascosta dietro a queste realtà palpabili. Per il “sogno” niente è troppo piccolo e niente è troppo grande.

Indice dei Contenuti

Prefazione

CAP. I - Introduzione: Il sogno emanazione dell’inconscio

CAP. II - L’interpretazione dei sogni nei tempi moderni e nell’antichità

La struttura del sogno - Esempio dell’interpretazione d’un sogno - Osservazioni da ricordare - L’interpretazione dei sogni nell’antichità

CAP. III - L’inconscio ed il suo simbolismo

La psiche, sua struttura e dinamismo - I simboli dell’inconscio collettivo e gli archetipi - Il simbolismo della casa in relazione agli strati della psiche - Il simbolismo dei colori - Il simbolismo dello spazio - Il simbolismo dei numeri e delle figure geometriche - Simbolismo di alcune situazioni definite nel sogno - Il simbolismo della musica - I sogni e le immagini dei sogni di Silvia come rappresentazioni dell’inconscio

CAP. IV - Il principio femminile e i suoi simboli: madre, terra, acqua, luna, vergine, cavallo, vacca, strega, balena, tutto ciò che è recipiente

L’archetipo della madre - L’archetipo della madre nei sogni dell’uomo moderno - L’archetipo della madre nei sogni del figlio

CAP. V - Il principio maschile ed i suoi simboli: padre, sole, fuoco, cielo, leone, serpente, drago, uccello, armi, utensili etc.

L’archetipo del padre - L’archetipo del padre nei sogni dei moderni - Il simbolismo del fuoco - Parti del corpo umano come simboli del principio maschile - Simboli animali del principio maschile - Il simbolismo del serpente - Il simbolismo del drago - Il simbolismo della rana - Il simbolismo del pesce - Il simbolismo del topo - Il simbolismo dell’uccello - Oggetti presi come simboli del principio maschile spirituale - Il simbolismo del sole e della luce

CAP. VI - Anima ed animus, Eros e logos: il principio dell’unione

CAP. VII - Il principio della trasformazione: L’io ed i suoi simboli; la via dell’evoluzione spirituale indicata dai sogni

Il problema della morte nei sogni - I simboli della trasformazione - L’evoluzione spirituale d’una donna rappresentata dai suoi sogni

Indice dei sogni analizzati
Editore:
Pubblicato:
1 lug 2015
ISBN:
9786051765983
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Il Simbolismo dei Sogni

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Il Simbolismo dei Sogni - Ama Teillard

AMA TEILLARD

IL SIMBOLISMO DEI SOGNI

F.B. EDITORI – prima edizione digitale 2015 a cura di David De Angelis

INDICE GENERALE

Prefazione

CAP. I - Introduzione: Il sogno emanazione dell’inconscio

CAP. II - L’interpretazione dei sogni nei tempi moderni e nell’antichità

La struttura del sogno - Esempio dell’interpretazione d’un sogno - Osservazioni da ricordare - L’interpretazione dei sogni nell’antichità

CAP. III - L’inconscio ed il suo simbolismo

La psiche, sua struttura e dinamismo - I simboli dell’inconscio collettivo e gli archetipi - Il simbolismo della casa in relazione agli strati della psiche - Il simbolismo dei colori - Il simbolismo dello spazio - Il simbolismo dei numeri e delle figure geometriche - Simbolismo di alcune situazioni definite nel sogno - Il simbolismo della musica - I sogni e le immagini dei sogni di Silvia come rappresentazioni dell’inconscio

CAP. IV - Il principio femminile e i suoi simboli: madre, terra, acqua, luna, vergine, cavallo, vacca, strega, balena, tutto ciò che è recipiente

L’archetipo della madre - L’archetipo della madre nei sogni dell’uomo moderno - L’archetipo della madre nei sogni del figlio

CAP. V - Il principio maschile ed i suoi simboli: padre, sole, fuoco, cielo, leone, serpente, drago, uccello, armi, utensili etc.

L’archetipo del padre - L’archetipo del padre nei sogni dei moderni - Il simbolismo del fuoco - Parti del corpo umano come simboli del principio maschile - Simboli animali del principio maschile - Il simbolismo del serpente - Il simbolismo del drago - Il simbolismo della rana - Il simbolismo del pesce - Il simbolismo del topo - Il simbolismo dell’uccello - Oggetti presi come simboli del principio maschile spirituale - Il simbolismo del sole e della luce

CAP. VI - Anima ed animus, Eros e logos: il principio dell’unione

CAP. VII - Il principio della trasformazione: L’io ed i suoi simboli; la via dell’evoluzione spirituale indicata dai sogni

Il problema della morte nei sogni - I simboli della trasformazione - L’evoluzione spirituale d’una donna rappresentata dai suoi sogni

Indice dei sogni analizzati

PREFAZIONE

Questo libro tratta del mondo dei sogni, del loro studio sperimentale per mezzo dell’introspezione e, per conseguenza, del loro simbolismo e della loro interpretazione. Interpretazioni diverse sono state date in tutti i tempi dall’intuito degli indovini o dall’indagine degli scienziati; abbozziamo qui una sintesi di questi diversi tentativi e speriamo di offrire così a quelli che ci consultano la chiave della loro vita onirica. I sogni accompagnano la nostra vita, dalla nascita alla morte; sempre investono il problema attuale della vita del sognatore e non sono comprensibili o spiegabili che in rapporto a questa stessa vita, in più essi adombrano nello stesso tempo una cosa sconosciuta, più vasta dell’esistenza personale, e nascosta dietro a queste realtà palpabili. Per il sogno niente è troppo piccolo e niente è troppo grande. I sogni partecipano ‘alle manifestazioni più insignificanti della vita di tutti i giorni ma penetrano ugualmente nei problemi considerati in ogni tempo come i più elevati. Nei sogni noi attingiamo le esperienze primordiali di cui parlano i Mistici. Tali esperienze, fatte per mezzo del sogno, costituiscono la materia prima da cui sgorgano la poesia, le religioni, lo arti, i sistemi filosofici del mondo intero, proprio come da uno stesso linguaggio universale derivano le diverse lingue umane.

Questa dottrina che il sogno è un’altra vita che accompagna la nostra vita di veglia e che ne è inseparabile, spiega l’ordine di questo libro [1] . Tratteremo prima dei sogni riguardanti l’infanzia dell’uomo, cioè della madre e di tutto il simbolismo che la riguarda; poi dei sogni riguardanti il padre e il simbolismo del principio paterno. Nei capitoli seguenti studieremo i sogni che accompagnano la vita dell’adolescente, sogni che si intrecciano intorno al problema dell’amore e delle relazioni fra i sessi. Infine, nell’ultimo capitolo, esporremo le visioni oniriche [2] che esprimono le esperienze spirituali della vita, sogni filosofici per così dire, che riguardano il problema della morte e dell’evoluzione dell’animo. Per penetrare nei problemi posti dai sogni, occorrerebbe una grande erudizione, che abbracciasse le conoscenze più vaste della filosofia, della scienza, della storia delle religioni, della cultura umana, della mitologia e della glottologia, e per tentarne l’interpretazione, una profonda saggezza. Con il nostro modesto lavoro non abbiamo altra pretesa che di portare una piccola pietra alla costruzione della scienza dei sogni.

[1] Nessuno dei sogni descritti in quest’opera è stato inventato a scopo dimostrativo; tutti sono stati realizzati e provengono dalla nostra documentazione personale o da quella di investigatori autorizzati

[2] Onirico: che si riferisce al sogno

CAPITOLO I - INTRODUZIONE. IL SOGNO EMANAZIONE DELL’INCONSCIO

Che cos’è un sogno? Le opinioni sono state in passato tanto numerose quanto varie: messaggi degli dei, effetti d’una digestione, visioni del futuro, immagini senza coesione attinte dalla vita quotidiana, deformate senza senso, fantastiche divagazioni causate dal rumore d’una imposta che sbatte. L’arte d’interpretare i sogni è sempre esistita e quest’arte è stata anche considerata come risultante d’una delle più alte facoltà umane. Si sono votati allo studio dei fenomeni onirici indovini come Artemidoro di Daldia, nel II sec. av. Cr., scienziati ed occultisti, antichi sacerdoti dopo il sonno sacro nel tempio, medici e filosofi. Nessuno spirito profondo è passato indifferente accanto a questo problema e il popolo non ha mai abbandonato la credenza che per mezzo del sogno la divinità comunichi con l’umanità. Malgrado questi sforzi, noi ignoriamo, ancor oggi, che cos’è un sogno. Conosciamo le qualità e gli effetti del sogno, conosciamo le sue immagini tipiche (trovarsi in camicia in mezzo alla strada, dimenticarsi la valigia, veder partire un treno ecc.), siamo al corrente del lavoro importante del sogno (Freud) [1] ma malgrado tutto questo nessuno ha mai potuto definire in termini soddisfacenti questo sorprendente tessuto, fatto di ricordi personali e di simboli antichissimi, questo fluire d’immagini colmo di bellezze e di apparenti controsensi.

Ripetiamo: che cos’è un sogno? Il problema impostato così supera Ie possibilità degli studi attuali. Ma possiamo domandarci; che cosa racchiude un sogno? Qual è il suo significato? E in verità c’è una domanda più fascinosa, e che ci tocca più intimamente di questa: "che significa il mio sogno?. Fare dei sogni in effetti è un’attività psichica primordiale comune a tutti e che lega gli umani; ma cosa strana, e naturale, ognuno non si interessa che del proprio sogno; dei sogni degli altri si ascolta la narrazione con indifferenza: si sorride d’un metodo che si preoccupi di fornirne l’interpretazione: solo il nostro sogno fa eccezione. Anche l’uomo più materialista e scettico ha una sensazione sgradevole quando fa un sogno di angoscia, perché in quel momento egli diventa cosciente della realtà del mondo psichico, si rende conto dell’esistenza di questo mondo, inaccessibile nella vita ordinaria, mondo che però esiste sempre, e in una maniera più permanente del cosciente effimero. Moltissimi uomini han fatto l’esperienza di un solo sogno che ha assunto una grande importanza nella loro vita, ma grandissimo è il numero di quelli che misconoscono la continuità della loro vita onirica e ignorano che essi possiedono nei loro sogni un fattore potente, una guida interiore che parla loro qualche volta in sordina, qualche volta imperiosamente. Bisogna darsi la pena di capire il linguaggio infantile, arcaico, spesso logoro e che confonde il sognatore. Perché il linguaggio del sogno è simbolico. Le immagini sono tratte per lo più dalle epoche antiche, anzi preistoriche. Alcune immagini appartengono all’animo dell’uomo dei tempi antichi e si riproducono nei sogni dell’epoca contemporanea, per esempio l’immagine della terra: femmina e dea, resa feconda dall’amplesso d’amore di un dio della pioggia steso su di lei (vedi sogni di Claudina, Cap. IV). Il costume chiamato dell’Amplesso Nuziale sul campo, secondo il quale in certi paesi una coppia di contadini andava ad accoppiarsi una notte sul terreno che si voleva rendere fertile significava: che la terra sia fecondata come io fecondo la donna!" e la visione di lavorare la terra, citata da Artemidoro, riproduceva esattamente questa metafora. L’aratro era in questo senso un simbolo fallico ed ancor oggi mantiene questo significato nei nostri sogni. Ogni epoca concorre ad arricchire questo tesoro di immagini. Così il nostro secolo offre dei contributi desunti dall’ambiente della tecnica meccanica che l’antichità ignorava. Le immagini dell’aeroplano e più particolarmente del dirigibile s’aggiungono così alle immagini antiche del fallo. L’antichità del resto conosceva bene il sogno di volare in aria (desiderio secolare realizzato soltanto ai nostri giorni) e l’interpretazione che il grande Artemidoro dà di questo gesto simbolico non s’allontana molto dall’interpretazione moderna. Quante persone al giorno d’oggi non sognano bombe, immagini che celano tutti i mali immaginabili che vanno dalle bombe vere fino ai coniugali rimproveri verbali o meno che cadono sulle spalle di un marito innocente! La storia di tutte le grandi civiltà è piena di racconti di sogni e delle loro interpretazioni. Quanta importanza non si dava ai sogni nell’India antica! Il valore spirituale che fu loro attribuito risalta dal seguente brano del Yoga-sutra di Patanjali (due mila anni circa a. Cr.): Si mediti sopra le conoscenze acquisite durante il sogno [2] . Il nostro contemporaneo Swami Vivekananda dice nel Raja Yoga [3] Qualche volta un uomo sogna che angeli vengono a lui e gli parlano, che egli è in uno stato d’estasi, sente la musica delle sfere e prova una felicità suprema. Considerate questo sogno come una realtà e meditateci sopra; e se questo vi è impossibile meditate sopra un soggetto sacro che vi è caro. L’interpretazione dei sogni nell’antichità scaturiva dalla pienezza dei simboli viventi, e nessuno metteva in dubbio la realtà del simbolo e la possibilità di interpretarlo. Il sognatore e colui che gli interpretava il suo sogno si trovavano nella stessa atmosfera psichica e si capivano perfettamente. Il sogno faceva parte della vita. Poteva essere bene o male capito come qualsiasi altro messaggio degli dei. Spesso un professionista interprete dei sogni che faceva male il suo mestiere, non veniva pagato, qualche volta era anche punito (soprattutto quando egli aveva a che fare con un personaggio importante) ma il fatto stesso d’interpretare non era mai discusso. Nell’Epopea di Gilgamesh che data dalla più alta antichità, si racconta che il re Gilgamesh sognò a parecchie riprese che la montagna sulla quale egli si trovava col suo amico Enkidu, rovinava. Il re ne concluse che egli avrebbe vinto Chumbaba suo nemico (come difatti avvenne). La leggenda aggiunge che la madre di Gilgamesh era una sacerdotessa molto versata nell’arte d’interpretare i sogni. Nell’antica Roma sogni impressionanti furono portati perfino in Senato. L’antichità ammetteva la verità del sogno e anche più recentemente l’epoca di Artemidoro viveva in stretto contatto con le immagini archetipi e primordiali, pur razionalizzandole e spiegandole con una discreta dose di sofisticherie [4] I fenomeni onirici sono stati studiati sotto vari punti di vista in tutte le epoche. Ma occorre subito rilevare che le diverse ricerche camminavano in generale parallelamente e se s’incontravano, sui pacifici campi delle idee, quasi sempre gl’incontri sono scontri, ciò non era che per creare dei malintesi ancor più nefasti. Mistici del sogno e scettici materialisti si consideravano con un certo disprezzo, prodighi di vicendevoli sorrisi di pietà. Su piani diversi dalle ricerche scientifiche, due vie tentavano il segreto del sogno: la via intuitiva e fantastica della poesia e del romanzo e la via popolare con i Libri dei Sogni, dizionari-manuali, dei simboli del sogno. E come la cartomanzia conserva le vestigia dell’antica tradizione dei Tarocchi, carte in origine consacrate alla profezia, i popolari Libri dei Sogni conservano resti d’immagini archetipi, se pur mal capite e spesso deformate. La scienza moderna del sogno, che abbraccia tutte le conquiste anteriori, si sviluppa là dove meno era prevedibile: dalla medicina. Il fatto che oggi siamo più vicini che mai ad una profonda comprensione del sogno in tutta la sua estensione, lo dobbiamo alle ricerche dei medici psicologi, degli psichiatri e degli psicanalisti. Continuando una tradizione creata in Francia da Charcot, Bernheim e Janet, questa nuova scienza si basa sui lavori di Freud, Bleuler, Breuer, Jung, Maeder, Adler, Stekel, Rank, Flournoy, Allendy, Hesnard ed altri. La scienza dei sogni ha avuto il suo risveglio verso il 1900, epoca in cui in tutti i campi artistici, scientifici e filosofici, nuove correnti d’idee vennero ad opporsi al razionalismo o all’intellettualismo della fine del secolo XIX. La filosofia di Bergson che riabilitava l’intuizione e aveva rovesciato la visione meccanicistica della vita, aveva preparato il cammino al nuovo concetto del sogno.

L’inconscio descritto teoricamente da Carus, Schopenhauer, Hartmann ed altri filosofi fu scoperto sperimentalmente dagli psicologi. Freud, uno dei grandi pionieri di questa scienza nuova, riconobbe l’importanza ineguagliabile del sogno come espressione diretta dell’inconscio; egli additò il sogno come la via reale verso l’inconscio. Grazie a questa nuova dottrina, il sogno fu riconquistato al sentimento e al pensiero dell’umanità. Tuttavia Freud e la sua scuola non avevano ancora compreso il sogno in tutta la sua estensione e s’arrestavano a certi limiti. Il sogno, in effetti, era concepito come un mezzo per ricondurre gli elementi inconsci o subcoscienti nel dominio della coscienza, che era considerata come superiore all’inconscio. Il sogno quindi era considerato come il servitore di una psicoterapia orientata nel senso materialista. Furono le scoperte del dott. C. G. Jung, capo della scuola svizzera di Psicanalisi [5] , che per prime crearono un ponte fra i sogni e le esperienze spiritualistiche fatte dall’umanità attraverso i tempi. Jung per mezzo della sua ipotesi dell’inconscio collettivo immanente nella psiche individuale, liberava l’arte dell’interpretazione dei sogni dal concetto secondo il quale questi erano puramente individuali. Per poter dare al sogno tutto il suo valore psicologico, bisogna ammettere nell’animo umano una parte inconscia penetrata da un’anima collettiva. L’interpretazione dei sogni dipende interamente da questa ipotesi. Le esperienze fatte dall’analista e dall’analizzato nel corso di un trattamento [6] , durante dei mesi e spesso degli anni, mostrano ad essi con grande loro sorpresa, che nessun mistico, nessun interprete dei sogni aveva mai troppo esaltato la portata dei sogni; essi restano stupiti e provano una ammirazione sempre crescente per l’inconscio che così si rivela. Ciascuno di noi nei suoi sogni è un poeta e un chiaroveggente. Ciascuno di noi può sorpassare i proprio limiti e per un momento attingere i segreti della vita: rivelazione che si riteneva riservata a qualche essere privilegiato. Il concetto del sogno introdotto da Freud - un desiderio soddisfatto simbolicamente - è oggi sorpassato. Freud considera il sogno come una funzione che scarica lo psichismo incanalando certe emozioni, proteggendo così il sonno del sognatore. Il sogno è in questo caso concepito come un servo dell’lo del sognatore. Jung ha infinitamente ampliato questo concetto: il sogno esprime dei desideri, ma può anche abolirli. Le possibilità del sogno sono inesauribili; ci sono dei sogni telepatici, premonitori, sogni che esprimono una critica al sognatore, altri che danno un orientamento generale augurabile per la sua condotta, sogni fantastici, sogni creatori. Ma tutti senza eccezione devono essere considerati come un’emanazione psichica proveniente dalla totalità della psiche e dall’insieme della vita. Il sogno porta alla coscienza del sognatore degli elementi sconosciuti, compiendo così una funzione complementare e compensatrice. Poiché come il corpo reagendo contro i microbi e le tossine, tende alla salute integrale, così la vita psichica aspira all’equilibrio. Parleremo più tardi della forza rigeneratrice dell’animo umano, forza immanente a ciascun essere, e vedremo come si sviluppa la nevrosi: tentativo dell’inconscio per liberarsi e guarirsi. Le emozioni canalizzate per mezzo del sogno vengono in gran parte, secondo Freud, dalla zona sessuale. Questa opinione che procurò all’autore tanti avversari fu da lui più tardi riveduta e attenuata. Bisogna collocare la dottrina di Freud nello sviluppo della nostra cultura, come un elemento di antitesi al concetto della vita e ai costumi della seconda metà del secolo XIX. A quel tempo si respingeva tutto quello che era naturale e istintivo; e l’inconscio che crea sempre le compensazioni necessarie a un atteggiamento esagerato e unilaterale della vita cosciente, metteva in evidenza i desideri e le fantasie represse. Questa repressione della vita sessuale e le reazioni che ne derivavano, erano in maggior rilievo nei paesi anglosassoni, in quelli di lingua tedesca e specialmente nei paesi protestanti. In Francia, paese cattolico, vecchia terra dove ancora è solida la tradizione dei trovadori, era in vigore la vita sentimentale ed erotica, e l’anima poteva vibrare con tutte le sue corde senza le costrizioni del sentimento che caratterizzavano i paesi nordici. Il romanzo psicologico da Balzac, Stendhal e Maupassant fino agli autori più moderni, mostra la libertà concessa alla vita sessuale, che non è stata mai brutalmente separata dalla coscienza, e che appunto per questo non fu mai la vittima delle forze dell’inconscio. Di più, la Chiesa cattolica aveva presso i credenti organizzato e canalizzato queste forze dell’inconscio; le aveva captate nel suo simbolismo potente mentre il protestante e l’ateo, lasciati in balia della loro coscienza e alle opposizioni che le sono inerenti, avevano un bisogno interiore molto più acuto di conoscere sé stessi e di stabilire un equilibrio fra i loro istinti e i loro principi morali e sociali. Il sogno, come noi vedremo, apre una porta sulla vita dell’inconscio. Una volta fatta sperimentalmente questa scoperta, l’interpretazione dei sogni diventa una parte importante della psicologia e psicoterapia moderne. Noi vogliamo studiare qui senza preconcetti i dati scientifici e tradizionali coordinandoli secondo il. metodo pratico della psicanalisi. Ma se il lettore crede di trovare in questo Libro dei Sogni moderno, un mezzo per meglio comprendere i suoi sogni, egli dovrà ricordarsi che un libro, come il presente, non può tracciare che linee generali per l’interpretazione dei simboli il cui significato può variare in ogni sogno individuale. I popolari Libri dei Sogni commettono l’errore fondamentale di voler semplificare dando delle interpretazioni stereotipe, che valgano per tutti i lettori, senza occuparsi dell’atmosfera affettiva del sogno, della polivalenza dei simboli e della vita del sognatore che è alla base di ogni prodotto psichico. Contrariamente alle interpretazioni popolari, la scienza moderna non dà mai un’interpretazione definitiva di un sogno, a realizzazione obbligatoria. Un’immagine onirica isolata non preannuncia la morte o il matrimonio, tutto dipende dall’atteggiamento intimo del sognatore. I nostri sogni denunziano il nostro stato d’animo, le nostre forze psichiche e le nostre tendenze latenti che possono realizzarsi su dei piani diversi. Certi Libri dei Sogni dicono, per esempio, che l’ombelico visto in sogno significa la morte. E’ questa un’affermazione erronea e dannosa- tali suggestioni possono ispirare una terribile angoscia a delle nature deboli e così accelerare la loro morte. Ma, cosa strana, c’è peraltro una parte di verità in questo miscuglio paradossale di un simbolo e del senso che gli si attribuisce. E questa

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Il Simbolismo dei Sogni

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori