Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Disinformazione e giornalismo finanziario

Disinformazione e giornalismo finanziario

Leggi anteprima

Disinformazione e giornalismo finanziario

Lunghezza:
36 pagine
22 minuti
Pubblicato:
21 mag 2015
ISBN:
9786050381429
Formato:
Libro

Descrizione

In questo momento storico sembra scontato ma anche doveroso trattare di temi riguardanti la finanza. Stiamo assistendo ad una grande crisi economica che ha messo in ginocchio molte nazioni. Parecchi sono gli economisti che hanno affrontato il problema da un punto di vista tecnico. Ma, per avere un quadro completo delle cause che ci hanno portato a questo punto il parere dell’esperto non basta. Sono diversi punti i vista da prendere in considerazione. Cos’è successo in questi anni? Inizialmente si può pensare che molta sia la responsabilità di testate specialistiche come “Il sole 24h” che non hanno promosso una corretta informazione. Ma la responsabilità non può essere di uno solo, il problema è più generale e investe tutti gli elementi dell’informazione: dall’opinione pubblica agli organi di stampa. Il primo errore viene commesso dalle banche. Queste infatti hanno un sistema di comunicazione che può essere paragonato a quello di Don Abbondio con Renzo nei “Promessi Sposi”. Parlare in una lingua non comprensibile a tutti per evitare situazioni scomode. Nel nostro caso, spesso nemmeno il giornalista che dovrebbe riportare le notizie ha la corretta chiave di lettura. Eppure, anche questa spiegazione è troppo superficiale. Quindi, l’unica cosa che rimane da fare per capire quali sono i meccanismi errati di questo tipo di informazione è analizzare uno ad uno tutti i fattori implicati nella vicenda. Nel cominciare questo percorso, la prima cosa che salta all’occhio, è che la struttura di questa sfera dell’ informazione è piena di falle. Sembra assurdo pensare che proprio riguardo un tema del genere, di comune interesse, ci sia una tale confusione generale. C’è un sistema bancario che agisce nell’ottica del venditore, spingendo i proprio clienti a fare investimenti sbagliati solo per mero profitto. C’è un’informazione che invece di denunciare i fatti o non li capisce o ha interessi troppo forti. Infine, c’è un’opinione pubblica quasi dormiente. Eppure gli errori commessi in questo caso resteranno impuniti. I “procacciatori di ingenui investitori” se la caveranno istituendo un nuovo sistema di regole riguardati l’etica del mestiere per riacquistare credibilità, la stampa semplicemente si volterà dall’altra parte facendo finta di nulla e chi ha perso i proprio risparmi? Potrà solo prendersela con se stesso.
Pubblicato:
21 mag 2015
ISBN:
9786050381429
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a Disinformazione e giornalismo finanziario

Libri correlati

Categorie correlate

Anteprima del libro

Disinformazione e giornalismo finanziario - Marilena Passaretti

La storia del giornalismo è la storia di una professione: la storia di uomini e donne che hanno dato vita a un nuovo mestiere, lo hanno reso autonomo da altre figure lavorative, lo hanno fatto crescere in complessità e potere sociale. Oggi gli effetti di questo processo plurisecolare sono davanti agli occhi di tutti: il potere incarnato dal sistema dell'informazione è oggetto di una costante discussione civile che di volta in volta lo esalta o lo demonizza a seconda delle circostanze

G.Gozzini

Prefazione

In questo momento storico sembra scontato ma anche doveroso trattare di temi riguardanti la finanza. Stiamo assistendo ad una grande crisi economica che ha messo in ginocchio molte nazioni. Parecchi sono gli economisti che hanno affrontato il problema da un punto di vista tecnico. Ma, per avere un quadro completo delle cause che ci hanno portato a questo punto il parere dell’esperto non basta. Sono diversi punti i vista da prendere in considerazione. Cos’è successo in questi anni? Inizialmente si può pensare che molta sia la responsabilità di testate specialistiche come Il sole 24h che non hanno promosso una corretta informazione. Ma la responsabilità non può essere di uno solo, il problema è più generale e investe tutti gli elementi dell’informazione: dall’opinione pubblica agli organi di stampa. Il primo errore viene commesso dalle banche. Queste infatti hanno un sistema di comunicazione che può essere paragonato a quello di Don Abbondio con Renzo nei "Promessi

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Disinformazione e giornalismo finanziario

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori