Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

La Nutraceutica del Dott.V: Monococco e dintorni. Stare bene e dimagrire mangiando

La Nutraceutica del Dott.V: Monococco e dintorni. Stare bene e dimagrire mangiando

Leggi anteprima

La Nutraceutica del Dott.V: Monococco e dintorni. Stare bene e dimagrire mangiando

Lunghezza:
73 pagine
1 ora
Pubblicato:
12 set 2014
ISBN:
9786050321456
Formato:
Libro

Descrizione

Il Dott. Vito Traversa, Nutrizionista Chinesiologo e terapista della riabilitazione, traccia la strada per un'alimentazione consapevole che consenta una autodifesa dai prodotti industriali e manipolati. Spiega la sua visione della prevenzione attraverso l'alimentazione, la Nutraceutica (fatta di alimenti naturali e sani e non di sintesi). Il libro si snoda tra questo concetto, quello di Nutrigenomica e di biologico.

La testimonianza diretta del Dott. Traversa guida attraverso il processo di dimagrimento che non fa rinunciare al gusto ed al piacere della tavola: il segreto per dimagrire in salute c'è e va cercato nella scelta alimentare.
Pubblicato:
12 set 2014
ISBN:
9786050321456
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a La Nutraceutica del Dott.V

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

La Nutraceutica del Dott.V - Vito Traversa

Vito Traversa

La Nutraceutica del Dott.V: Monococco e dintorni. Stare bene e dimagrire mangiando

UUID: 1e2b2d8c-3a82-11e4-af40-9b5d8de4baaf

This ebook was created with BackTypo (http://backtypo.com)

by Simplicissimus Book Farm

Ringraziamenti

Dedicato ai nostri figli

Indice

Ringraziamenti

La Nutraceutica e la Nutrigenomica raccontate dal Doctor V

Luoghi comuni

Ed ora basta banalità

Alimentazione consapevole

Cibo e qualità di vita delle nostre cellule

Una questione di scelte

Zucchero e sale, un'unione dannosa in cui annegare le cellule

Cibi e sostanze tossiche

Conoscere se stessi: nozioni di biochimica

Le proteine

La digestione delle proteine

A tavola con i grassi

A scuola di nutrizione

Relazione fra geni ed alimenti

I primi passi

L'uomo e i neuroni a specchio

La mia Nutraceutica

Il valore biologico del monococco Shebar

Il monococco in cucina

Come si usa?

Un grasso benefico per la salute: l'olio extravergine di oliva

Così mangio io

Mio figlio Michele

I consigli del Dott. Traversa

Curiosità dal passato

Come mangiavamo

Le ricette di mamma Monia

Chi sono

Bibliografia

La Nutraceutica e la Nutrigenomica raccontate dal Doctor V

Come tutto è iniziato

Un giorno, era una domenica pomeriggio di tanti, tanti chili fa, mi accorsi di essere obeso.

Ero a casa di un parente e stavo raccontando a mia mamma e a mia zia la prima delusione amorosa. Non capivo perché quella bimba bionda, così carina e simpatica, mi evitasse. Ma la cosa più assurda, che ricordo ancora oggi che ho 46 anni, era che i compagni di classe mi chiamavano montone. Mi faceva arrabbiare, non la sopportavo. A volte, quando tornavo a casa da scuola, rallentavo il passo per sentire quello che dicevano di me gli altri ragazzi: montone, montone, montone....

Era una ferita dopo l'altra. Quella domenica avevo 12 anni e pesavo quasi 100 chili. Giuro, non me ne ero mai accorto. Mia madre mi sgridava e mi diceva che non potevo più mangiare tutto quel pane, perché mi avrebbe fatto male.

Ma era più forte di me: era così morbido, soffice e farcito, con un profumo che appagava ancora prima di poterlo assaporare.

E così, un morso dopo l'altro, avevo finito una pagnotta da un chilo. Non mi importava cosa pensassero gli altri. In quel momento desideravo soltanto completare l'opera iniziata: divorare quella fragrante bontà.

Un'altra sera, invece, mi trovavo a Roma con i miei genitori e mia sorella per il matrimonio di due cugini. Eravamo al buffet del ristorante: quante prelibatezze servite su tavole imbandite alla perfezione! Prima un giro, poi un altro, finché non vidi una montagna di panini mignon al latte, ripieni di prosciutto crudo e maionese.

Che colore e che bontà quel sapore inaspettato tra la lingua e il palato. Lo confesso: sognavo a occhi aperti di tuffarmi in una vasca ripiena di quelle delizie. Mi guardavo intorno perché non volevo che mamma mi vedesse. E intanto prendevo un panino e lo ingurgitavo, poi ne infilavo un altro nella tasca destra del pantalone, un altro ancora in quella sinistra e così via fino a riempire anche la giacca. Che ansia quei momenti, ma alla fine mi sentivo sereno e rassicurato di aver fatto la cosa più giusta per me e per mia madre. Non volevo che lei potesse star male, sapevo di sbagliare ma era più forte di me. Ero me stesso. E non sapevo fino a dove mi avrebbe spinto quella voglia.

Nessuno poteva fermarmi. Nelle orecchie risuonavano le frasi dei miei cari: stai attento che finisci in ospedale, poi vomiti tutto....

Il medico di famiglia ebbe la brillante idea di incollare sulla porta del frigorifero una mia foto nudo, ma neanche quello mi fermava.

Sai dottore quanto me ne frega?

Quello non sono io... Invece quella famosa domenica pomeriggio, mentre confessavo le mie pene sentimentali, si accese una luce nella mia mente.

Volevo uscire da quella situazione, togliermi di dosso tutto quel grasso. Il giorno dopo acquistai dei pesetti, la corda per saltare

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di La Nutraceutica del Dott.V

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori