Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Zinque bici, do veci e una galina con do teste
Zinque bici, do veci e una galina con do teste
Zinque bici, do veci e una galina con do teste
E-book150 pagine2 ore

Zinque bici, do veci e una galina con do teste

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Info su questo ebook

Scritto interamente in dialetto triestino, il libro è diviso in due sezioni che si alternano e si fondono tra loro.

La prima racconta il viaggio in bicicletta di cinque ragazzi triestini, tra cui gli autori stessi, da Trieste a Budapest, sette giorni per 650 chilometri totali, tra cani inseguitori e tentativi di corruzione del capotreno durante il viaggio di ritorno.

La seconda sezione racconta le maldobrie di Ucio e Ciano, due anziani triestini in osmiza, che, ispirati dalle disavventure dei ciclisti, si racconteranno alcune storielle divertenti. Tra queste, gare di rutti tra gabbiani e fatali scontri con la bora.

Questa doppia linea di narrazione, bici e osmiza, permette al libro di presentare due tipi di dialetto, uno “più giovane”, usato nel ciclodiario in prima persona, e uno più “anziano”, usato nel raccontare gli aneddoti di Ucio e Ciano in forma di dialogo. Uno degli obbiettivi del libro è infatti quello di voler illustrare l'evoluzione del dialetto triestino tra le diverse fasce di età della popolazione.
LinguaItaliano
Data di uscita10 mag 2014
ISBN9786050303711
Zinque bici, do veci e una galina con do teste
Leggi anteprima

Leggi altro di Diego Manna

Correlato a Zinque bici, do veci e una galina con do teste

Categorie correlate

Recensioni su Zinque bici, do veci e una galina con do teste

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

    Anteprima del libro

    Zinque bici, do veci e una galina con do teste - Diego Manna

    Diego Manna - Michele Zazzara

    Zinque bici, do veci e una galina con do teste

    5-2-1-2

    nativi

    Testi

    Diego Manna e Michele Zazzara

    www.mononbehavior.it

    www.mononbehavior.blogspot.it

    www.facebook.com/mononbehavior

    Pupoli

    Michele Zazzara

    Impaginazione e grafica

    Michele Zazzara e Diego Manna

    Revisione bozze

    Erika Ronchin

    In copertina

    Zinque bici per zinque mononi. Pupolo di Michele Zazzara

    Edito da

    Nativi Società Cooperativa

    Scala Santa, 65 - 34135 Trieste

    www.Bora.La

    manna@bora.la

    Della stessa collana

    Polska... rivemo!

    di Diego Manna e Michele Zazzara

    Zinque bici e un amaro Montenegro

    di Diego Manna

    Ai miei noni,

    lori gavessi sicuro aprezà.

    La roba figa dei noni xe che

    anche se te se li godi solo per una picia parte dela tua vita

    el ricordo che i te lassa xe tra i più profondi che esisti.

    (Diego Manna)

    Ala mia familia,

    che ga fato dele ridade e dele monade,

    el suo lessico famigliare.

    (Michele Zazzara)

    El triestin de sto libro

    Noi consideremo el triestin la nostra lingua, quela che usemo ogni giorno, quela che ne permeti de esprimerne cola massima naturaleza. Come tuti i dialeti, el xe in continuo mutamento, che per tanti vol dir in declino, ma che per noi invece vol dir solo che vita. Tante parole ogni giorno le vien perse, tante parole ogni giorno le se zonta. No semo amanti dela frase no xe più el triestin de una volta. Noi credemo che el triestin vadi oltre l’uso dela singola parola. El triestin xe l’intonazion, xe l’acento, xe el ritmo, xe el morbin che te ghe da al discorso, xe sonorità, xe musica, xe vita. Con questo no volemo dir però che un che disi toite la blusa al posto de cavite la blusa no gabi de esser ciapà a piade int’el popi.

    Int’ele do sezioni de sto libro (osmiza e diario) gavemo usà do tipi diversi de triestin, un più vecio e un un poco più giovine, a testimonianza de come che xe cambiada la lingua int’ele generazioni. Cussì presempio int’el diario gavemo usà incomincia dove che i do veci dopra invece scominzia.

    Per limar i nostri dubi, gavemo fato riferimento a sti libri:

    Edda Vidiz – Abecè per resentar el talian int’el Rosandra

    Ernesto Kosowitz – Dizionario triestino (1890)

    Mario Doria – Grande dizionario del dialetto triestino

    Gianni Pinguentini – Nuovo dizionario del dialetto triestino

    Ogni tanto però i va in contrasto tra de lori, e in quel caso gavemo messo quel che ne piaseva de più a noi e viva l’A e po’ bon, che come moto ne par bastanza triestin.

    Introduzion

    Legè se no dopo no capì gnente de come che xe fato sto libro

    Capita che un giorno, d’estate, te rivi la mail de do amici che i se sta organizando per andar a Budapest in bici. E la mail disi circumcirca cussì:

    Ou, femo un ultimo tentativo de convinzer Pasta e Diego, dei. Noi partimo dopodoman. Vegnì?

    Inutile dir che el tentativo xe andà a bon fine. E che xe stado un viagio de quei che te se li ricordi per tuta la vita. Talmente memorabile che gavemo pensà de farghe un libro. Coi pupoli.

    Copioni!

    Xe vero. I ga za fato un libro cussì, semo rivai tardi. Xe che el nostro ritmo in bici iera un bic’ più blando e semo restai indrio...

    Alora gavemo pensà de far qualcossa de diverso. Inframezar el raconto del viagio con qualche storiela ispirada ai loghi visitai, ale persone incontrade e a quel che ne xe nato. In pratica con qualche nova picia maldobria, se cussì podemo ciorse el ris’cio de ciamarle.

    I veri protagonisti de sto libro sarà alora Ucio e Ciano, veci patochi de età indefinida. Comodamente sentai in osmiza a bater carte e bever otavi, i ne legerà el diario dei zinque ciclisti e i ne lo comenterà, zontandoghe vizin qualche storiela che i ne conterà lori.

    In pratica sto libro se pol leger tuto intiero, opur solo el diario, opur solo le storiele de Ucio e Ciano, opur solo i pupoli e po’ bon. Insoma ognidun poderà far quel che’l vol. Volendo, el xe anca ‘ssai utile per meterlo soto una gamba dela tola, i disi.

    E se no’l ve piaserà, la carta xe studiada per far dei otimi aereoplani, anzi, otimi aparechi. Per altro no dei, no stè gnanca pensarlo!

    Bon, that’s all. Bona letura!

    P.S. L’idea originale iera che al posto de Ucio e Ciano ghe iera zinque mule belissime a Barcola soto el sol che legeva el diario del viagio e che dopo ogni capitolo le diseva che semo dei gran fighi e ala fine le se inamorava perdutamente de noi.

    Ma dopo gavemo pensà che forsi xe più realistici i do veci che dopo ogni capitolo i ne manda a remengo e i parla monade. Pecà, la copertina saria stada sicuro de magior sucesso comerciale.

    In Osmiza: Ucio, Ciano e el cotecio remengo

    Osmiza, osmiza, su a Gabroviza, xe el paradiso del triestin.

    No che le altre sia de meno. Difati Ucio e Ciano sto giro i xe a Samatorza. Sti do, apena che i ga un fià de tempo, i xe sempre che i bagola in giro per frasche insieme. Per quel i altri co i parla de lori i usa sempre el singolare: Ma cossa, Uciano xe za in osmiza che el ghe da zo de otavi? Ma se dovevimo becarse tra do ore, riveremo su che el sarà za mezo incocalì!

    Davanti a do otavi de bianco, Ucio e Ciano i xe impegnai a zogar una partida de cotecio remengo.

    Cotecio remengo xe una version strana de cotecio, che i se ga inventà lori do. Funziona che ogni tanto te ga de mandar a remengo l’aversario, però no con frasi banali tipo "orco tocio o tu mare grega", ma tirando fora qualcossa de novo, che fazi rider e che no sia volgare. Oviamente se pol zogar solo co che intorno ghe xe altra muleria, se no no ghe saria chi che decidi se el viz fa rider o meno. In pratica ogni tanto un dei do mola un zigo. Se la muleria intorno ridi, el ciapa un punto. Se nissun ridi, un punto in meno. Se el ziga tropo e l’oste se rabia e lo buta fora, el ga perso la partida. Per cui xe de farse ben i conti in scarsela prima de zigar, che no se sa mai che l’oste no sia in giornada bona.

    - Vintiquatro a sie! Te ga perso! Ciapa là, vecio mona! Mi son ancora a quatro, ti te va a tre.

    - Nissun ga ridù, te va zo a tre anca ti.

    - No gavevo miga zigà, no iera un insulto del zogo quel, solo la pura verità.

    - Ah ah, bravo, te futizi come el solito, se la monagine gavessi le gambe ti te saria un milepiedi!

    (Ridade)

    - Sarà, ma mi no la me pareva ‘ssai studiada però.

    - No stà dir monade. Più uno, semo de novo quatro pari.

    - Vara, ogi gavevo bastanza problemi de stiticheza, ma co te go visto i me xe passai de colpo!

    (Ridade)

    - Bel. De bon gusto propio ara. Bon ah, zinque a quatro per ti.

    - Eh, me par che la muleria qua ogi ga propio el morbin de una volta, i ridi per ogni monada che disemo.

    - Bon, desso dà le carte, dei. Come iera quela? "Dotor, dotor, son vegnù per le carte!, Va lecar tu mare!"

    - Ah ah ah moniga, la te xe andada mal. Ormai sta qua la sa anca el gato, chi te speravi de far rider? E po’ no iera gnanca un insulto. Zinque a tre.

    Come gaverè capì, cotecio remengo xe un zogo infinito e, sora de tuto, te pol esser bravo quanto che te vol cole carte, ma xe totalmente ininfluente.

    - Vara, no te mando in mona solo perché gnanca no te se meriti de vederla!

    (Ridade)

    - Osteria, bela questa, te dago ato.

    - Zinque a quatro. Dà le carte dei.

    Gnanca a dir, la muleria, più che rider de quel che i disi, ridi propio de lori, do veci petessoni che ogni tanto tira un zigo, cussì, a caso.

    - Ciapa, ciapa dei. Ma a che ora riva quei altri? Qua scominzio a esser stufo de darte sempre straze a cotecio remengo!

    - Nissun ridi. Quatro pari. E po’ remengo no me pareva gnanca tanto original. Te scominzi a perder colpi me par. Te son cussì mona che int’una gara de mone te rivassi secondo perché te son tropo mona per rivar primo!

    (Ridade)

    - A volte volessi esser un folpo per poder tirarte s’ciafoni, strozarte, mandarte a cagar e aplaudirme contemporaneamente.

    (Ridade)

    - Ecolo, zinque a zinque. Comunque i ga dito che ogi i riva tardi, per le oto diritura.

    - Ale oto?!? E cossa femo intanto? No podemo miga bater carte tuto el giorno solo in do!

    - Ara, se te vol, per passar el tempo intanto che te le sono, podemo leger un poco de sto libro.

    - E che libro xe? Un elenco de novi insulti de cotecio remengo?

    - No, xe el diario de viagio de zinque muli che i xe andai in bici a Budapest.

    - In bici a Budapest? E come i xe andai fora? Col tren? Go sentì dir che no i lassa meter le bici sul tren...

    - Ma no, se te digo... i xe andai fora in bici. Partindo de Trieste po’, de qua dei.

    - Ah ah ah. Sa cossa? Bravi mone! No i podeva andar col aparechio pitosto?

    - Ma no te capissi gnente, in bici xe tuta n’altra roba.

    - Ah, se te disi ti. E cossa i ga trovà? I ga zercà el tocai ungherese? Quel che i furlani i la ga ciapada int’el daur, che desso no i pol gnanca più dir tocai che zac, i ghe taia la lingua!

    - Eh no so, no go ancora leto. Vedemo dei, intanto che spetemo che rivi quei altri legemo un poco qua...

    1. Leaving Trieste

    Via.

    Una setimana via. Serar baraca e buratini, o meio, lassarli che i se zoghi vanti de soli int’ela baraca e che magari i te prepari una sorpresa pe’l tuo ritorno, cior in man la bici, dopo do ani che la iera imbusada in cantina a ciapar polvere, e partir, savendo che per sete giorni la sarà in totale simbiosi con ti e i tui pensieri poderà corer liberi senza nissun scoio in mezo, esatamente come le sue riode sbrisserà veloci sula strada.

    Ma andemo con calma.

    Diversi ani fa, che poderia esser diese come zinque, mi e el mio amico Eric Medvet se ierimo fati una promessa: ispirai dela rumizada ciclistica de Paolo Rumiz, se semo diti che entro i trenta ani dovevimo far assolutamente anca noi qualcossa de simile. Cole dovude proporzioni, oviamente. Per el giusto rispeto, se Rumiz a zinquanta ani iera rivà fin Istanbul, noi a trenta dovevimo far qualcossa che sia tipo i tre quinti de quel viagio, no de più. E visto che el nostro rispeto per el mulo Rumiz iera ‘ssai ma ‘ssai grando, gavemo fato ancora meno de tre quinti. Ma solo per rispeto eh, credeme.

    Insoma, entro i trenta ani se disevimo, perché co se xe muleti se pensa che a trenta ani nassi qualcossa che te fa entrar int’el mondo dei veci, dele responsabilità, dei xe longhi e dei nosepol. In realtà dopo, co te bagoli intorno ai trenta, te se acorzi che te son più giovine de prima, perché de vecio adolescente te passi a giovine adulto, che volendo xe anca meo, perché te rivi ala consapevoleza de gaver tute le carte in regola e la piena potenzialità de far qualcossa de bel per ti, per i altri e per la tua cità, a meno che no te gabi voia de lassarte andar al nosepolismo cosmico.

    Dopo te ga de zontar anca che fra disocupazion, precariato, co.co.prot, co.co.incool, contrati a chiavata e lavoreti post-laurea o pre-work-experience o know-how-ciaping o appredist-with-great-experience-cumuling, tanti dela nostra generazion una setimana libera no fa ‘ssai fadiga a trovarla. E in fondo, anca se te lavori, te scopri che

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1