Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Diario di una guarigione
Diario di una guarigione
Diario di una guarigione
E-book42 pagine31 minuti

Diario di una guarigione

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Un diario per non lasciarsi sopraffare. Il racconto, lucido e disincantato della scoperta di un male che, spesso, non perdona. Le reazioni al tumore, la voglia di combatterlo e il racconto dei giorni di lotta contro la malattia. La cura di un male così terribile può annientare resistenze e difese. Serve una grande forza d’animo per non lasciarsi sopraffare e cedere allo sconforto. E l’aiuto di tutte le persone che ci stanno intorno.

LinguaItaliano
EditoreZeugmaPad
Data di uscita29 apr 2015
ISBN9781311688040
Diario di una guarigione
Leggi anteprima

Correlato a Diario di una guarigione

Ebook correlati

Articoli correlati

Recensioni su Diario di una guarigione

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Diario di una guarigione - Paola Porfido

    Diario di una guarigione

    di Paola Porfido

    Published by ZeugmaPad at Smashwords

    Copyright 2015 ZeugmaPad

    Smashwords Edition, License Notes

    Thank you for downloading this free ebook. You are welcome to share it with your friends. This book may be reproduced, copied and distributed for non-commercial purposes, provided the book remains in its complete original form. If you enjoyed this book, please return to Smashwords.com to discover other works by this author. Thank you for your support.

    1. La scoperta

    Sabato 12 marzo 2010.

    Era un sabato come tanti. Mi ero recata, come di consueto, a fare la mammografia e l’ecografia mammaria. Un controllo periodico, di routine. Due giorni prima, il 10 marzo, avevo chiamato per prendere l’appuntamento; la prima data disponibile era il 6 aprile, perché il dottore sarebbe stato all’estero per un convegno.

    Si trattava di una visita a pagamento, così una mia cara collega, paziente dello stesso medico, mi suggerì di chiamarlo direttamente sul cellulare. Qualcosa mi aveva spinto a darle retta e così gli parlai al telefono, insistendo per fare la visita presto, prima della sua imminente partenza. Fui talmente convincente che mi chiese se ci fosse un’urgenza; risposi di no, che era solo un controllo prescrittomi dal mio ginecologo, ma mi fissò l’appuntamento a distanza di due giorni.

    Quella mattina, mentre mi occupavo delle faccende familiari, ricevetti una chiamata dall’ecografo per anticipare l’esame; si era liberato un posto all’ora di pranzo e, molto volentieri, accettai. Ricordo di aver pensato con sollievo che avrei avuto tutto il sabato pomeriggio a disposizione. Velocemente avevo preparato il pranzo, apparecchiato la tavola e, non appena rientrato dal lavoro mio marito, Fabio, lo lasciai con mia figlia Laura e andai via.

    Nel giro di pochi minuti arrivai all’ospedale, abito vicino, e così, serenamente, mi sottoposi alla mammografia. Dopo nemmeno dieci minuti passai nella stanza attigua, dove mi aspettava lo specialista per fare l’ecografia mammaria.

    Prima di iniziare, il dottore aveva esaminato la mammografia, avvisandomi che era tutto a posto. In quella stanzetta buia, le luci devono essere spente per ovvi motivi, mentre guardavo il monitor ebbi una percezione negativa, confermata dall’atteggiamento del medico: nonostante cercasse di contenersi, aveva cambiato espressione. Cercavo di convincermi che era solo un brutto pensiero, dovevo reagire positivamente senza lasciarmi prendere dall’ansia. Purtroppo non mi sbagliavo. Dopo un accurato controllo, il medico incominciò a parlare e io capii solo alcune parole: «tumori alla mammella… con la mammografia non sempre si evidenziano… sono visibili solo con l’ecografia. Alcuni accertamenti necessari… per escludere…»

    Ero frastornata, attonita, agitata e impaurita. Dopo essermi rivestita, chiesi al dottore

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1