Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Un Mare Di Scudi (Libro #10 In L’Anello Dello Stregone)
Un Mare Di Scudi (Libro #10 In L’Anello Dello Stregone)
Un Mare Di Scudi (Libro #10 In L’Anello Dello Stregone)
E-book317 pagine5 ore

Un Mare Di Scudi (Libro #10 In L’Anello Dello Stregone)

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

In Un Mare Di Scudi (Libro #10 In L’anello Dello Stregone), Gwendolyn dà alla luce il figlio nato dalla sua unione con Thorgrin, nel mezzo di potenti presagi. Con un loro figlio ora le vite di Gwendolyn e Thorgrin cambiano per sempre, così come anche il destino dell’Anello.

Thor ha il compito di ricomporre la Legione. Intensifica i suoi allenamenti con Argon e gli viene concesso un onore più grande di quanto avrebbe mai potuto sognare: entra a far parte dell’Argento e diventa Cavaliere. Prima di lasciare l’Anello alla ricerca di sua madre, Thor si prepara prima per il suo matrimonio con Gwendolyn. Ma si potrebbero verificare degli eventi tali da intralciare i suoi piani.

Gwendolyn viene stravolta dalla nascita di suo figlio, dall’imminente partenza di suo marito e dalla morte di sua madre. L’Anello si riunisce per il funerale reale che riporta insieme le sorelle separate, Luanda e Gwendolyn, in un ultimo confronto che avrà implicazioni catastrofiche. Le profezie di Argon le risuonano nella testa e Gwendolyn sente la presenza di un pericolo incombente sull’Anello. Per questo porta avanti i suoi piani per salvare tutta la sua gente dalla catastrofe.

Erec riceve la notizia che suo padre è malato ed è convocato a casa, nelle Isole del Sud. Alistair lo accompagna nel viaggio mentre i preparativi per il loro matrimonio sono già avviati. Kendrick cerca la madre perduta da tempo ed è scioccato dinnanzi a chi viene a trovare. Conven fa ritorno al suo paese natale e non trova le cose come se le aspettava, cadendo ancor più nello sconforto. Steffen trova inaspettatamente l’amore, mentre Sandara sorprende Kendrick con il desiderio di andarsene dall’Anello per raggiungere la sua terra nell’Impero.

Reece non può fare a meno di innamorarsi di sua cugina, e quando i figli di Tiro lo vengono a sapere, mettono in moto un grosso piano di tradimento. Ne deriva una tragedia di fraintendimenti e rischia di scoppiare una guerra nell’Anello e nelle Isole Superiori a causa delle infuocate passioni di Reece. La parte di Altopiano appartenente ai McCloud è pure instabile, sull’orlo di una guerra civile.

Romolo, nell’Impero, scopre una nuova forma di magia che potrebbe distruggere lo Scudo una volta per tutte. Stringe un patto con il lato oscuro e, rafforzato da un potere che neanche Argon può fermare, intraprende una via certa che lo potrebbe condurre alla distruzione dell’Anello.

Con la sua sofisticata struttura e caratterizzazione, UN MARE DI SCUDI è un racconto epico di amicizia e amore, di rivali e seguaci, di cavalieri e draghi, di intrighi e macchinazioni politiche, di maturazione, di cuori spezzati, di inganno, ambizione e tradimento. È un racconto di onore e coraggio, di fato e destino, di stregoneria. È un fantasy capace di portarci in un mondo che non dimenticheremo mai, in grado di affascinare persone di ogni sesso ed età.
“Un grande intreccio, è proprio il genere di libro che farete fatica a mettere giù per dormire. Il finale è ad alta tensione, talmente spettacolare che vorrete comprare all’istante il libro successivo, anche solo per vedere cosa succede.”
--The Dallas Examiner {parlando di Amata}
LinguaItaliano
Data di uscita2 set 2015
ISBN9781632910417
Leggi anteprima
Autore

Morgan Rice

Morgan Rice is the #1 bestselling and USA Today bestselling author of the epic fantasy series THE SORCERER'S RING, comprising 17 books; of the #1 bestselling series THE VAMPIRE JOURNALS, comprising 11 books (and counting); of the #1 bestselling series THE SURVIVAL TRILOGY, a post-apocalyptic thriller comprising two books (and counting); and of the new epic fantasy series KINGS AND SORCERERS, comprising 3 books (and counting). Morgan's books are available in audio and print editions, and translations are available in over 25 languages.Book #3 in Morgan's new epic fantasy series, THE WEIGHT OF HONOR (KINGS AND SORCERERS--BOOK 3) is now published!TURNED (Book #1 in the Vampire Journals), ARENA ONE (Book #1 of the Survival Trilogy), and A QUEST OF HEROES (Book #1 in the Sorcerer's Ring) are each available as a free download on Amazon.Morgan loves to hear from you, so please feel free to visit www.morganricebooks.com to join the email list, receive a free book, receive free giveaways, download the free app, get the latest exclusive news, connect on Facebook and Twitter, and stay in touch! As always, if any of you are suffering from any hardship, email me at morgan@morganricebooks.com and I will be happy to send you a free book!

Correlato a Un Mare Di Scudi (Libro #10 In L’Anello Dello Stregone)

Ebook correlati

Recensioni su Un Mare Di Scudi (Libro #10 In L’Anello Dello Stregone)

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Un Mare Di Scudi (Libro #10 In L’Anello Dello Stregone) - Morgan Rice

    U n  m A r e   d i  Sc u D i

    (libro #10 in l’anello dello stregone)

    Morgan Rice

    Edizione italiana

    A cura di

    Annalisa lovat

    Chi è Morgan Rice

    Morgan Rice è l’autrice campione d’incassi di APPUNTI DI UN VAMPIRO, una serie per ragazzi che comprende al momento undici libri; autrice campione d’incassi di LA TRILOGIA DELLA SOPRAVVIVENZA, un thriller post-apocalittico che comprende al momento due libri; e autrice campione d’incassi della serie epica fantasy L’ANELLO DELLO STREGONE, che comprende al momento quattordici libri.

    I libri di Morgan sono disponibili in edizione stampata e in formato audio e sono stati tradotti in tedesco, francese, italiano, spagnolo, portoghese, giapponese, cinese, svedese, olandese, turco, ungherese, ceco e slovacco (prossimamente ulteriori lingue).

    Morgan ama ricevere i vostri messaggi e commenti, quindi sentitevi liberi di visitare il suo sito www.morganricebooks.com per iscrivervi alla sua mailing list, ricevere un libro in omaggio, gadget gratuiti, scaricare l’app gratuita e vedere in esclusiva le ultime notizie. Connettetevi a Facebook e Twitter e tenetevi sintonizzati.

    Cosa dicono di Morgan Rice

    "Un fantasy meraviglioso che intreccia nella propria linea narrativa elementi di mistero e intrighi. Un’Impresa da Eroi ruota attorno alla presa di coraggio e al compimento di un obiettivo vitale che porta a crescere, maturare ed eccellere… Per tutti coloro che cercano sostanziose avventure fantasy, i protagonisti, gli stratagemmi e l’azione forniscono un vigoroso insieme di incontri che si concentrano alla perfezione sull’evoluzione di Thor, da ragazzino sognatore a ragazzo maturo che affronta situazioni impossibili per sopravvivere… É solo l’inizio di quella che promette di essere un’epica serie per ragazzi."

    Midwest Book Review (D. Donovan, recensore di eBook)

    L’ANELLO DELLO STREGONE ha tutti gli ingredienti per un successo immediato: intrighi, complotti, mistero, cavalieri valorosi, storie d’amore che fioriscono e cuori spezzati, inganno e tradimento. Vi terrà incollati al libro per ore e sarà in grado di riscuotere l’interesse di persone di ogni età. Non può mancare sugli scaffali dei lettori di fantasy.

    Books and Movie Reviews, Roberto Mattos

     L’intrigante serie epica fantasy della Rice [L’ANELLO DELLO STREGONE] contiene tratti classici del genere: un’ambientazione forte – profondamente ispirata dall’antica Scozia e alla sua storia – e un buon senso dell’intrigo di corte.

    Kirkus Reviews

    Mi è piaciuto un sacco come Morgan Rice ha costruito il personaggio di Thor e il mondo in cui vive. Il paesaggio e le creature che lo popolano sono ben descritti… Mi sono goduto la trama, breve e dolce… Ci sono la giusta quantità di personaggi secondari, così non c’è il pericolo di confondersi. Pullula di avventure e momenti tormentosi, ma l’azione presentata non appare mai grottesca. È un libro adatto a lettori adolescenti… L’inizio di qualcosa di notevole…

    --San Francisco Book Review

    In questo primo libro pieno zeppo d’azione della serie epica fantasy L’Anello dello Stregone (che conta attualmente 14 libri), la Rice presenta ai lettori il quattordicenne Thorgrin Thor McLeod, il cui sogno è quello di far parte della Legione d’Argento, i migliori cavalieri al servizio del re… Lo stile narrative della Rice è solido e le premesse sono intriganti.

    --Publishers Weekly

    [UN’IMPRESA DA EROI] è una lettura semplice e veloce. Le conclusioni di ogni capitolo sono ingegnate in modo da dover leggere ciò che accade successivamente, senza poter smettere. Nel testo ci sono alcuni refusi e a volte i nomi vengono confusi, ma questo non distrae dalla storia nel suo complesso. La conclusione del libro mi ha subito fatto venire voglia di prendere il seguente, e così ho fatto. Tutti i libri della serie L’Anello dello Stregone possono essere acquistati in format Kindle e Un’Impresa da Eroi – per iniziare – è disponibile gratuitamente! Se state cercando qualcosa di veloce e leggero da leggere mentre siete in vacanza, questo è il libro perfetto per voi.

    --FantasyOnline.net

    L’ANELLO DELLO STREGONE

    UN’IMPRESA DA EROI (Libro #1)

    LA MARCIA DEI RE (Libro #2)

    DESTINO DI DRAGHI (Libro #3)

    GRIDO D’ONORE (Libro #4)

    VOTO DI GLORIA (Libro #5)

    UN COMPITO DI VALORE (Libro #6)

    RITO DI SPADE (Libro #7)

    CONCESSIONE D’ARMI (Libro #8)

    UN CIELO DI INCANTESIMI (Libro #9)

    UN MARE DI SCUDI (Libro #10)

    UN REGNO D’ACCIAIO (Libro #11)

    LA TERRA DEL FUOCO (Libro #12)

    LA LEGGE DELLE REGINE (Libro #13)

    GIURAMENTO FRATERNO (Libro #14)

    LA TRILOGIA DELLA SOPRAVVIVENZA

    ARENA UNO: SLAVERSUNNERS (Libro #1)

    ARENA DUE (Libro #2)

    APPUNTI DI UN VAMPIRO

    TRAMUTATA (Libro #1)

    AMATA (Libro #2)

    TRADITA (Libro #3)

    DESTINATA (Libro #4)

    DESIDERATA (Libro #5)

    BETROTHED (Libro #6)

    VOWED (Libro #7)

    FOUND (Libro #8)

    RESURRECTED (Libro #9)

    CRAVED (Libro #10)

    FATED (Libro #11)

    Ascoltate la serie L’ANELLO DELLO STREGONE in formato audio-libro!

    Copyright © 2014 by Morgan Rice

    All rights reserved. Except as permitted under the U.S. Copyright Act of 1976, no part of this publication may be reproduced, distributed or transmitted in any form or by any means, or stored in a database or retrieval system, without the prior permission of the author.

    This ebook is licensed for your personal enjoyment only. This ebook may not be re-sold or given away to other people. If you would like to share this book with another person, please purchase an additional copy for each recipient. If you’re reading this book and did not purchase it, or it was not purchased for your use only, then please return it and purchase your own copy. Thank you for respecting the hard work of this author.

    This is a work of fiction. Names, characters, businesses, organizations, places, events, and incidents either are the product of the author’s imagination or are used fictionally. Any resemblance to actual persons, living or dead, is entirely coincidental.

    Jacket image Copyright Razzomgame, used under license from Shutterstock.com

    INDICE

    CAPITOLO UNO

    CAPITOLO DUE

    CAPITOLO TRE

    CAPITOLO QUATTRO

    CAPITOLO CINQUE

    CAPITOLO SEI

    CAPITOLO SETTE

    CAPITOLO OTTO

    CAPITOLO NOVE

    CAPITOLO DIECI

    CAPITOLO UNDICI

    CAPITOLO DODICI

    CAPITOLO TREDICI

    CAPITOLO QUATTORDICI

    CAPITOLO QUINDICI

    CAPITOLO SEDICI

    CAPITOLO DICIASSETTE

    CAPITOLO DICIOTTO

    CAPITOLO DICIANNOVE

    CAPITOLO VENTI

    CAPITOLO VENTUNO

    CAPITOLO VENTIDUE

    CAPITOLO VENTITRÉ

    CAPITOLO VENTIQUATTRO

    CAPITOLO VENTICINQUE

    CAPITOLO VENTISEI

    CAPITOLO VENTISETTE

    CAPITOLO VENTOTTO

    CAPITOLO VENTINOVE

    CAPITOLO TRENTA

    CAPITOLO TRENTUNO

    CAPITOLO TRENTADUE

    CAPITOLO TRENTATRÉ

    CAPITOLO TRENTAQUATTRO

    CAPITOLO TRENTACINQUE

    CAPITOLO TRENTASEI

    CAPITOLO TRENTASETTE

    CAPITOLO TRENTOTTO

    CAPITOLO TRENTANOVE

    CAPITOLO QUARANTA

    CAPITOLO QUARANTUNO

    CAPITOLO QUARANTADUE

    CAPITOLO QUARANTATRÉ

    CAPITOLO QUARANTAQUATTRO

    Westmoreland: "Oh, avere oggi qui, non dico tanto,

    un diecimila in più, tra tutti quelli

    che son rimasti in ozio in Inghilterra!"

    Enrico V: "No, mio caro cugino…

    Quanti meno saremo,

    Tanta maggiore Gloria per ciascuno.

    Perciò ti prego, per l’amor di Dio,

    non augurarti un sol uomo di più."

    --William Shakespeare

    Enrico V

    CAPITOLO UNO

    Gwendolyn gridava a più non posso, lacerate dal dolore.

    Era stesa in mezzo al prato fiorito e la pancia le faceva male più che mai, come se la bastonassero, mentre cercava di spingere e di liberarsi del bambino. Una parte di lei desiderava che tutto finisse e di poter raggiungere un luogo sicuro prima che il bambino venisse al mondo. Ma sapeva con tutta se stessa che stava veramente per nascere, che le piacesse o no.

    Ti prego Signore, non adesso, pregava. Ancora poche ore. Lascia solo che arriviamo al castello.

    Ma evidentemente era ormai già deciso. Gwendolyn sentì un’altra fitta tremenda attraversarle il corpo e si inarcò gridando mentre avvertiva i movimenti del bambino dentro di lei, ormai pronto ad uscire. Sapeva che non c’era modo di fermarlo.

    Decise invece di fare riscorso alle spinte, sforzandosi di respirare come le levatrici le avevano insegnato, cercando di facilitare l’uscita del bimbo. Non sembrava funzionare e lei continuava a lamentarsi agonizzante.

    Si rimise a sedere, guardandosi attorno per vedere se ci fosse alcun segno di presenza umana.

    AIUTO! gridò a pieni polmoni.

    Non giunse alcuna risposta. Gwen si trovava nel mezzo dei campi, lontana da tutti, e il suo grido fu assorbito dagli alberi e dal vento.

    Cercava sempre di essere forte, ma doveva ammettere che ora era terrorizzata. Non tanto per lei quanto per il bambino. E se nessuno li avesse trovati? Anche se fosse riuscita a partorire da sola, come avrebbe mai potuto essere capace di camminare fino al castello con il piccolo? Aveva il terribile presentimento che sia lei che suo figlio sarebbero morti lì.

    Ripensò al Mondo Inferiore e al fatidico momento in cui aveva liberato Argon, dovendo fare quella scelta. Il sacrificio. La decisione insopportabile che era stata costretta a prendere, dovendo scegliere tra suo figlio e suo marito. Ora piangeva, ripensando alla decisione che era stata fatta. Perché la vita chiedeva sempre dei sacrifici?

    Gwendolyn trattenne il fiato mentre improvvisamente il bambino si spostava dentro di lei e un dolore terribile la trapassava dalla testa fino ai piedi. Si sentiva come un albero di quercia che veniva diviso a metà dall’interno.

    Gwendolyn si inarcò e si lamentò guardando il cielo e cercando di immaginarsi da qualsiasi altra parte ma non lì. Cercò di tenere un pensiero fisso in mente, qualcosa che le desse un senso di pace.

    Pensò a Thor. Vide loro due insieme, il primo giorno che si erano incontrati, in cammino in mezzo a quegli stessi prati, per mano, con Krohn che saltellava tra loro. Cercò di mantenere vivido nella propria testa quel quadro, cercando di concentrarsi sui dettagli.

    Ma non funzionava. Aprì gli occhi di colpo, mentre il dolore la riportava alla realtà. Si chiese come potesse mai essere finita lì, in quel luogo, tutta sola. Poi ricordò Aberthol che le comunicava l’imminente morte di sua madre. Quindi il suo scatto per raggiungerla. Anche sua madre stava morendo in quel momento?

    Improvvisamente Gwen gridò sentendosi quasi morire e abbassando lo sguardo vide la testa del bambino che faceva capolino. Si appoggiò indietro e gridò di nuovo, continuando a spingere, sudando e facendosi completamente rossa in volto.

    Spinse un’ultima volta e improvvisamente uno strillo squarciò l’aria.

    Lo strillo di un neonato.

    Improvvisamente il cielo si fece nero. Gwen sollevò lo sguardo e guardò terrorizzata quel perfetto cielo estivo che, senza alcun preavviso, si mutava in notte. Vide i due soli improvvisamente eclissati dalle due lune.

    Un’eclisse totale di entrambi i soli. Gwen ci credeva a malapena: sapeva benissimo che  accadeva solo una volta ogni diecimila anni.

    Impaurita si vide immersa nell’oscurità. Improvvisamente il cielo si riempì di lampi, strisce di luce che scendevano verso il basso, e Gwen si sentì colpire da piccole palline di ghiaccio. Non riusciva a capire cosa stesse succedendo, fino a che comprese che stava grandinando.

    Sapeva bene che tutti questi segni erano un fortissimo presagio che si stava verificando proprio nel momento in cui aveva partorito. Guardò il suo bambino e capì subito che era ancora più potente di quanto lei si aspettasse. Che veniva da un altro mondo.

    Quando emerse, piangendo, Gwendolyn istintivamente si allungò e lo afferrò tirandoselo al petto prima che potesse cadere tra l’erba e il fango. Lo protesse dalla grandine avvolgendolo tra le proprie braccia. Il bimbo vagì e in quel preciso istante la terra iniziò a tremare. Gwen sentì il suolo scuotersi e in lontananza vide dei massi che rotolavano lungo i versanti delle colline. Sentiva il potere di quel bambino scorrerle dentro e condizionare l’intero universo.

    Mentre lo teneva stretto a sé cominciò a sentirsi più debole, percependo che stava perdendo troppo sangue. Le girava la testa e le mancavano le forze per muoversi. Era a malapena capace di tenere in braccio il bambino che non smetteva di gridare. Ormai non sentiva quasi neanche più le proprie gambe.

    Ebbe la tremenda premonizione che sarebbe morta lì, su quei prati, con il bambino. Non le interessava più di se stessa, ma non poteva concepire l’idea che il piccolo morisse.

    NO! urlò, raccogliendo gli ultimi rimasugli di forza che aveva per gridare al cielo.

    Quando lasciò cadere la testa all’indietro, giacendo completamente stesa a terra, giunse un grido in risposta al suo. Ma non era un grido umano. Era il grido di un’antica creatura.

    Gwen iniziò a perdere conoscenza. Sollevò lo sguardo mentre gli occhi le si stavano chiudendo, e vide quello che le parve un’apparizione del cielo. Era una bestia enorme che scendeva verso di lei, e si rese conto a malapena che si trattava della creatura che amava.

    Ralibar.

    L’ultima cosa che Gwen vide, prima che le palpebre le calassero del tutto, fu Ralibar che scendeva con i suoi grandi occhi verdi e brillanti e le sue antiche scaglie rosse, gli artigli protesi in avanti verso di lei.

    CAPITOLO DUE

    Luanda era paralizzata per lo shock e guardava, tenendo ancora stretto il pugnale insanguinato in mano, il cadavere di Koovia, incredula di ciò che aveva appena fatto.

    Tutti nella sala della festa fecero silenzio e la fissarono, meravigliati, senza muoversi di un solo millimetro. Guardavano tutti il cadavere di Koovia ai suoi piedi, l’intoccabile Koovia, il grandioso guerriero del regno dei McCloud, secondo in abilità solo a re McCloud. L’atmosfera era così tesa nell’aria che si sarebbe potuto tagliarla con un coltello.

    Luanda era la più scioccata di tutti. Sentiva la mano che le bruciava, il pugnale ancora in pugno. Il calore le pervadeva il corpo mentre si sentiva euforica e terrorizzata alla stesso tempo per aver appena ucciso un uomo. Era soprattutto fiera di ciò che aveva fatto, orgogliosa di aver fermato quel mostro prima che potesse mettere mano su suo marito o sulla sposa. Aveva ottenuto ciò che meritava. Tutti quei McCloud erano dei selvaggi.

    Si udì un grido improvviso e Luanda sollevò lo sguardo vedendo il primo guerriero di Koovia scattare in azione a pochi passi da lei, la vendetta negli occhi. Sollevò in aria la sua spada intenzionato a trafiggerle il petto.

    Luanda era ancora troppo frastornata per reagire e quel guerriero si mosse velocemente. Si preparò sapendo che nel giro di un attimo avrebbe sentito il freddo acciaio perforarle il cuore. Ma non le interessava. Qualsiasi cosa le accadesse non contava più nulla ora che aveva ucciso quell’uomo.

    Luanda chiuse gli occhi mentre la lama calava verso di lei, preparandosi a morire. Ma con sorpresa udì invece un clangore metallico.

    Aprì gli occhi e vide Bronson che si faceva avanti sollevando la propria spada e bloccando il colpo dell’altro soldato. Il gesto la sorprese: non pensava che ne fosse capace o che con la sola mano buona potesse fermare una stoccata così potente. Soprattutto era commossa di rendersi conto che le voleva bene, tanto da rischiare la propria vita.

    Bronson fece roteare la spada con destrezza e anche con una sola mano aveva un tale potere e una tale precisione da riuscire a trafiggere il guerriero al cuore, uccidendolo sul posto.

    Luanda stentava a crederci. Ancora una volta Bronson le aveva salvato la vita. Si sentiva profondamente in debito con lui e provò una rinnovata ondata di amore nei suoi confronti. Forse era più forte di quanto lei avesse mai immaginato.

    Le grida si levarono da entrambe le parti della sala mentre i McCloud e i MacGil si lanciavano gli uni contro gli altri, ansiosi di vedere chi uccidere per primo. Tutti i pretesti di civiltà che si erano manifestati durante la giornata di nozze e le festività della sera erano spariti. Ora era la guerra: guerriero contro guerriero, tutti scaldati dal bere, rinvigoriti dalla rabbia e dall’oltraggio che i McCloud avevano tentato di perpetrare cercando di violare la sposa del clan MacGil.

    Gli uomini balzarono sullo spesso tavolo di legno, desiderosi di uccidersi, pugnalandosi e prendendosi per il viso, lottando corpo a corpo a terra, facendo cadere al suolo il cibo e il vino. La stanza era così piena, zeppa di persone che stavano spalla contro spalla senza quasi neanche lo spazio per muoversi. Tutti sbuffavano e colpivano, gridavano e strillavano e la scena si tramutò in un caotico bagno di sangue.

    Luanda cercò di tornare in sé. Il combattimento era così rapido e intenso, gli uomini erano così assetati di sangue e così concentrati nell’uccidere gli avversari che nessuno si diede la briga di guardarsi attorno e osservare la periferia della stanza. Luanda osservò tutto, studiando la situazione con ampia prospettiva. Lei fu l’unica a vedere i McCloud che strisciavano attorno ai bordi della stanza, sbarrando lentamente le porte, una alla volta, e poi sgattaiolando via.

    Le venne la pelle d’oca quando si rese improvvisamente conto di ciò che stava accadendo. I McCloud li stavano chiudendo nella stanza per poi fuggire per una ben precisa ragione. Li vide afferrare le torce dalla parete e Luanda sgranò gli occhi per la paura. Capì con orrore che i McCloud stavano per bruciare la sala con tutta la gente intrappolata all’interno, addirittura i loro stessi compagni.

    Luanda avrebbe dovuto saperlo da subito. I McCloud non avevano scrupoli e avrebbero fatto qualsiasi cosa pur di vincere.

    Si guardò attorno, osservando tutto ciò che si stava svolgendo davanti ai suoi occhi e vide una porta non ancora barricata.

    Si voltò, si scostò velocemente dalla baraonda e corse verso quella porta ancora aperta, prendendo a gomitate e spingendo gli uomini che si trovavano sulla sua traiettoria. Vide che anche un McCloud scattava verso la medesima direzione dalla parte opposta della stanza, quindi si mise a correre più velocemente, con i polmoni che le scoppiavano, determinata ad arrivare per prima.

    Il McCloud non vide Luanda arrivare mentre raggiungeva la porta e afferrava lo spesso trave di legno che gli serviva per sbarrarla. Luanda gli saltò addosso di lato, sollevando il pugnale e colpendolo alla schiena.

    Il McCloud gridò, inarcò il dorso e poi cadde al suolo.

    Luanda afferrò il trave e con forza lo tirò via dalla porta, spalancandola poi e correndo all’esterno.

    Una volta fuori dalla stanza e abituatasi all’oscurità, si guardò a destra e a sinistra e vide diversi McCloud allineati fuori dalla sala con in mano delle torce, pronti ad appiccare il fuoco. Si sentì pervadere dal panico: non poteva lasciare che ciò accadesse.

    Quindi si voltò, tornò di corse nella sala, afferrò Bronson e lo trascinò lontano dalle schermaglie.

    I McCloud! gli gridò terrorizzata. Si stanno preparando a dare fuoco alla sala! Aiutami! Fai uscire tutti! ORA!

    Bronson, capendo, sgranò gli occhi per la paura e a suo credito, senza alcuna esitazione, si voltò e corse verso i capi dei MacGil, allontanandoli dal combattimento e gridando loro, aiutandosi con i gesti, spingendoli a dirigersi verso la porta aperta. Tutti si voltarono e capirono, quindi iniziarono a dare ordini ai propri uomini.

    Con grande soddisfazione Luanda vide gli uomini dei MacGil allontanarsi immediatamente dalla battaglia, voltarsi e correre verso quell’unica porta che lei aveva conservato aperta.

    Mentre si stavano organizzando, Luanda e Bronson non persero tempo. Corsero verso la porta e lei vide con orrore un altro McCloud che si affrettava a raccogliere il trave e a cercare di sbarrare l’uscita. Pensò subito che non erano in tempo per impedirglielo, questa volta.

    Fu invece Bronson a reagire: sollevò in aria la spada, si lanciò in avanti e la scagliò.

    La spada volò in aria, roteando, e andò a conficcarsi nella schiena del McCloud.

    Il guerriero gridò e collassò al suolo, quindi Bronson corse alla porta e la spalancò appena in tempo.

    Decine di MacGil si riversarono attraverso il passaggio e Luanda e Bronson si unirono a loro. Lentamente la sala si svuotò e i McCloud rimasti all’interno guardarono incuriositi chiedendosi perché i loro nemici si stessero ritirando.

    Una volta che i MacGil furono tutti all’esterno, Luanda chiuse la porta, prese la trave con l’aiuto di alcuni uomini e sbarrò la porta dall’esterno, così che nessun McCloud potesse seguirli.

    I McCloud che si trovavano all’esterno iniziarono a notare ciò che stava accadendo e iniziarono a lasciar cadere la proprie torce e a sguainare invece le spade, pronti ad attaccare.

    Ma Bronson e gli altri non gliene lasciarono il tempo. Attaccarono i soldati McCloud tutt’attorno alla struttura, pugnalandoli e uccidendoli man mano che loro abbassavano le torce e brancolavano con le braccia. La maggior parte dei McCloud era ancora all’interno e le poche decine che si trovavano fuori dalla stanza non poterono sostenere la furia dei MacGil che, con gli occhi iniettati di sangue, li uccisero tutti rapidamente.

    Luanda rimase lì, con Bronson al suo fianco, accanto agli uomini dei MacGil. Respiravano tutti affannosamente, ma erano felici di essere vivi. Guardarono tutti Luanda con rispetto, sapendo che le dovevano le loro vite.

    Mentre si trovavano lì iniziarono a udire i battiti alla porta da parte dei McCloud che ancora si trovavano nella stanza e che cercavano di uscire. I MacGil si voltarono lentamente e, insicuri sul da farsi, guardarono Bronson per avere istruzioni.

    Devi sedare questa ribellione, disse Luanda con decisione. Devi trattarli con la stessa brutalità che loro intendevano riservare a te.

    Bronson la guardò esitante e lei lesse l’indecisione nei suoi occhi.

    Il loro piano non ha funzionato, disse Bronson. Ora sono in trappola là dentro. Prigionieri. Li arresteremo.

    Luanda scosse la testa con fierezza.

    NO! gridò. Questi uomini guardano a te come a una guida. Questa è una zona brutale del mondo. Non ci troviamo alla Corte del Re. Qui regna la brutalità. E la brutalità richiede rispetto. Quegli uomini non possono essere lasciati in vita. Deve essere dato un esempio!

    Bronson si irrigidì, disgustato.

    Ma cosa stai dicendo? le chiese. Che dovremmo bruciarli vivi? Vuoi che li trattiamo con la stessa violenza selvaggia che loro hanno usato nei nostri confronti?

    Luanda serrò la mandibola.

    Se non lo farai, segnati bene in testa le mie parole: un giorno saranno sicuramente loro ad assassinarti.

    I MacGil erano tutti

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1