Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Dall'inferno

Dall'inferno

Leggi anteprima

Dall'inferno

Lunghezza:
124 pagine
51 minuti
Pubblicato:
12 dic 2014
ISBN:
9781633392694
Formato:
Libro

Descrizione

Carlos, un manager di successo, riceve la peggiore delle notizie: sua moglie e sua figlia sono morte in un incidente. Sentendosi colpevole per non aver trascorso tempo a sufficienza con sua figlia, intraprende una ricerca di redenzione per conoscerla meglio. La sorpresa di Carlos avviene quando, man mano che viene a scoprire alcuni dettagli della vita di sua figlia, attraverso la direttrice della scuola, della psicologa e delle amiche della bambina, comincia a sospettare che forse non era come lui la credeva e che dietro il viso adorabile della sua bambina si nascondevano terribili segreti. Dopo varie notti in cui sente rumori strani che provengono dalla sua radio sveglia, sua figlia gli chiederà aiuto…direttamente dall’Inferno! Da quel momento Carlos comincerà un’avventura da brividi nella quale non avrebbe mai voluto trovarsi.
Pubblicato:
12 dic 2014
ISBN:
9781633392694
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore

Enrique Laso was just eight years old when he started writing, and when he finished his first long story, of around 50 pages, entitled "Roca". Since then, he has written around 50 novels, books of poetry and collections of short stories. He has won numerous literary competitions throughout his extensive literary career. For personal reasons, he did not write for almost ten years, until in 2005, when he revived his passion, and since then he has dedicated himself to it whole-heartedly. His most recent successes have been a self-help book entitled "El Mago", which has sold more than 15,000 copies worldwide, and the historical thriller "El Rumor de los Muertos", with more than 130,000 readers (it spent four consecutive years on the Amazon.com Bestseller list), and was the bestselling horror novel on Amazon.com in 2012, 2013 and 2014. "El Rumor de los Muertos" has been recommended by writers such as Juan Gómez-Jurado. It is now available in print, published by MR (Planeta). His most recently published novel is "El Padre Salas" ['Padre Salas', in the English translation], and is a short novel written due to popular demand by hundreds of readers who were captivated by the strength of this character from "Desde el Infierno" ['Hell Calling', in the English translation], a novel recently adapted for the Spanish cinema, and which was premiered in 2015. Available just now is `The Blue Crimes ́, Laso's first foray into the genre of detective fiction, and currently in progress are two spine-chilling, aspiring Bestseller thrillers: `The Tesla Mystery ́ and `God ́s Brain ́. Laso also used many pseudonyms to publish his work, in various genres. The only one that he has revealed to date, however, is 'Henry Osal', which he uses when publishing books on self-help. Altogether, his works are now available in 14 different languages, and have sold around 500,000 copies throughout the world.


Correlato a Dall'inferno

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

Dall'inferno - Enrique Laso

XLIV

I

Carlos avanzò molto lentamente verso la persona che gli stava porgendo il telefono. A dire il vero, era come se non volesse afferrarlo. Avrebbe tanto desiderato che il tempo diventasse infinito e che il suo orecchio e l’auricolare non entrassero mai in contatto. Da quando lo avevano trascinato via dalla riunione con un secco: «Carlos, ti cercano dall’ospedale, è successo qualcosa alla tua famiglia», e malgrado la breve distanza che lo separava dall’ufficio attiguo alla sala riunione, aveva temuto con una paura quasi irreale gli ulteriori dettagli che uno sconosciuto, probabilmente un medico, gli avrebbe comunicato di lì a poco.

–Sì?

– Parlo con Carlos Miranda?

–Sì.

–Guardi, sua moglie e sua figlia hanno avuto un grave incidente d’auto. Deve venire qui il prima possibile.

Non fece alcuna domanda e non attese altre spiegazioni. Riattaccò il telefono, guardò attorno a sé quei volti familiari dalle espressioni strane e, improvvisamente, capì che quel momento sarebbe stato il primo di un lungo cammino infausto e oscuro.

In qualche modo Carlos sapeva che tutto quello che aveva fatto e aveva vissuto fino a quel momento non aveva alcun valore, che le nuove circostanze avrebbero richiesto l’intervento di un nuovo io e che questo nuovo io avrebbe avuto difficoltà a basarsi sull’esperienza precedente. Era curioso come la sua mente anticipasse già il futuro, come il suo cervello già lottasse per adeguarsi a una situazione imprevista e per la quale non era assolutamente preparato, ma per cui il suo subconscio aveva già cominciato a lavorare.

«Non voglio sapere la verità.»

E nonostante le afflizioni che aveva nel negare l’evidenza, aveva sempre più chiaro che la tragica previsione nella sua testa si sarebbe realizzata di lì a poco, e allora quella catena di speculazioni avrebbe avuto un valore incalcolabile perché la speculazione lascia sempre, tra le sue possibilità, spazio alla speranza. Una volta confermati i fatti che lo affliggevano, non ci sarebbe stato spazio per nient’altro all’infuori della sofferenza e del dolore.

«Non voglio andare in ospedale.»

Si ripeteva più e più volte queste parole mentre i suoi piedi avanzavano verso la sua auto, mentre le sue mani afferravano il volante, mentre guidava sulla tangenziale. In breve, mentre tutto il suo corpo imponeva la ragione al desiderio infantile della negazione.

Carlos ebbe la certezza che sarebbe stato meglio farla finita per sempre cinque minuti prima, durante quella noiosa riunione del lunedì pomeriggio, che sarebbe stato meglio fermare il tempo e rimanere nella tranquilla volgarità della vita quotidiana.

II

Sua moglie e sua figlia erano morte. Rimaneva la consolazione che almeno era successo senza che soffrissero, sul momento... o almeno questo gli avevano assicurato. Un incidente stupido, quasi ridicolo. Venivano giù dalla montagna dove aveva piovuto dopo più di quattro settimane. Questo aveva provocato la formazione di fanghiglia sull’asfalto e che il terreno diventasse particolarmente sdrucciolevole. In un punto (non sapeva concretamente quale) sua moglie aveva frenato con forza e l’auto era scivolata impotente in un piccolo burrone.

Era curioso perché a Laura (sua figlia) piaceva pattinare sul ghiaccio. Certamente in un primo momento le sarà sembrato divertente vedere come, mentre la mamma perdeva il controllo dell’auto, quest’ultima sembrasse quasi pattinare, proprio come era solita fare lei molte domeniche.

Non era la prima volta che tutte e due andavano da sole in montagna a trascorrere la giornata. Molti fine settimana lui rimaneva a casa per finire qualche relazione per i lunedì seguenti o semplicemente per rivedere dati e statistiche di vario genere.

A volte Carlos condivideva quei momenti in famiglia, ma la sua testa non smetteva mai di pensare al lavoro e a stento prestava attenzione a quello che sua moglie o sua figlia gli dicevano. Era un alto dirigente come qualsiasi altro, così assorto nel suo lavoro che la sua mente aveva pochissimo tempo per distrarsi con altre cose che non fossero relazionate a esso.

Ora sua moglie e sua figlia erano morte e una specie di voragine verso l’ignoto si apriva davanti ai suoi piedi. Nonostante la distanza immensa che si c’era tra lui e la sua famiglia, si sentiva ancorato a quella sicurezza ferrea e inespugnabile della vita quotidiana, a tutto ciò che è per sempre e non ammette alcun cambiamento. O almeno così credeva fino a quel maledetto e fatidico lunedì.

Per quanto potesse sembrare curioso e spregevole, era stato proprio dall’incidente che Carlos aveva cominciato a prendere coscienza di quanto volesse bene a loro e di quanto aveva bisogno di loro. Fino a quel momento erano state lì, sempre lì, e non se n’era mai reso conto.

Da quel giorno il suo ritmo di vita frenetico e stressante, più dal punto di vista mentale che fisico, si era placato progressivamente, come sottomesso a una carica che aumentava il suo peso lenta e inesorabile, fino a divenire capace di immobilizzare qualsiasi tentativo di agitazione o di cambiamento. Carlos intuiva, quasi come un osservatore imparziale ed esterno alla sua esistenza, che stava raggiungendo una nuova fase di stasi e malessere, e che tutto quello che aveva vissuto fino a quel momento non contava affatto in quanto, ciò che si prospettava, non assomigliava affatto alla sua vita precedente.

E così intratteneva la sua mente, cercando di far trascorrere velocemente il tempo in cerca di qualcosa, anche se non sapeva esattamente cosa.

Era anche curioso che nell’ora esatta dell’incidente Carlos aveva tra le sue mani una foto di sua moglie (Alicia) che era sulla scrivania del suo ufficio e che dopo averla guardata per alcuni secondi, aveva sentito una fitta nei suoi occhi, come quando comincia un’emicrania. Poi aveva smesso di sentire...

III

Esteban (suo padre) lo guardava con tranquillità, in uno stato di pace e calma che sono propri solo dell’esperienza e di una fede forte e incrollabile. Sebbene anche lui molto afflitto, sapeva che il mondo non smetteva di girare per coloro che continuavano a vivere su questa terra.

–Carlos, figliolo, devi solo far passare del tempo. Il tempo è l’unica medicina per situazioni così terribili.

Si guardò le mani. Erano coperte di fango e di alcuni fili d’erba. Quella terra, che aderiva alle sue mani con forza grazie a un po’ di umidità, gli dava una prospettiva diversa della sua breve esistenza, anche se non così breve come quella della sua figlioletta.

–Non lo so papà, non lo so...

–Ora tutto ti sembra così difficile, e questo è normale. Quando tua madre ci lasciò io provai le stesse cose.

–No... Io ho perso anche Laura. Tu non hai mai perso un figlio.

Suo padre si alzò e volse lo sguardo verso l’orizzonte. Il sole aveva già assunto la forma imprecisa di una mezza arancia, che stava per essere inghiottita da un qualche gigante senza scrupoli. Doveva controllare i suoi impulsi, non entrare in competizione con

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. Registrati per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di Dall'inferno

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori