Goditi milioni di eBook, audiolibri, riviste e tanto altro ancora con una prova gratuita

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

Il Vangelo secondo Francesco
Il Vangelo secondo Francesco
Il Vangelo secondo Francesco
E-book65 pagine1 ora

Il Vangelo secondo Francesco

Valutazione: 0 su 5 stelle

()

Leggi anteprima

Info su questo ebook

Questo libro presenta ai lettori un Francesco Guccini inedito. Giancarlo Padula, (Terni 1953), giornalista professionista e scrittore, “Premio Astro Nascente 2005” per una trilogia di libri sul film di Mel Gibson “La Passione di Cristo”, scava, come ogni buon cronista, scopre tra le pieghe, fa opera di “investigazione”, scruta nei versi, allude a citazioni, pensieri, dichiarazioni, parole carpite, ed offre un’immagine inconsueta di quello che rimarrà per sempre un monumento della canzone d’autore italiana, ma anche della letteratura. Pur proclamandosi agnostico, il “vate” di Pavana Pistoiese esprime suo malgrado concetti cristiani, si pone la domanda del senso della vita, si pone l’interrogativo di sempre dell’ “homus religiosus” : “Chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo”? Il cantautore per eccellenza canta, per esempio, in Signora Bovary: “Ma che cosa c'è proprio in fondo in fondo, quando bene o male faremo due conti, e i giorni goccioleranno come i rubinetti nel buio e diremo "...un momento, aspetti..." per non essere mai pronti....” Semi del “Verbo”? Un inconsapevole cristiano? Almeno così lo ha descritto lo zio Antonio Prandi, uno dei primi aderenti ai “focolarini”, fondati da Chiara Lubic. E fu proprio a Loppiano, ad ovest del Comune di Incisa Val d’Arno, a 20 chilometri da Firenze, cittadella del Movimento cattolico dei Focolari, con milioni di aderenti, in ogni parte del globo.Un esempio di vita evangelica in questo mondo, che Francesco Guccini cantò per la prima volta in pubblico la mitica “Dio è morto”, (Album Folk Beat n° 1 – Emi, 1967), bandiera di più generazioni, censurata dalla Rai, ma accolta con entusiasmo da Radio Vaticana, tanto che Papa Paolo VI dichiarò di apprezzare questo pezzo “il quale non ha di certo intenzioni antireligiose, ma richiama sani principi morali”. La prefazione è di Don Backy uno dei massimi autori italiani di canzoni, attore, scrittore, fumettista.

LinguaItaliano
Data di uscita1 ago 2013
ISBN9781301646500
Il Vangelo secondo Francesco
Leggi anteprima

Correlato a Il Vangelo secondo Francesco

Titoli di questa serie (7)

Visualizza altri

Ebook correlati

Recensioni su Il Vangelo secondo Francesco

Valutazione: 0 su 5 stelle
0 valutazioni

0 valutazioni0 recensioni

Cosa ne pensi?

Tocca per valutare

La recensione deve contenere almeno 10 parole

    Anteprima del libro

    Il Vangelo secondo Francesco - Giancarlo Padula

    Il Vangelo secondo Francesco

    Guccini sulle tracce della fede

    Pubblicato da Fuoco Edizioni in Smashwords

    * * * * *

    Copyright Fuoco Edizioni – http://www.fuoco-edizioni.it

    1^ Edizione Agosto 2013

    Questo ebook è concesso in uso per l’intrattenimento personale. Questo ebook non può essere rivenduto o ceduto ad altre persone. Se si desidera condividere questo ebook con un’altra persona, acquista una copia aggiuntiva per ogni destinatario. Se state leggendo questo ebook e non lo avete acquistato per il vostro unico utilizzo, si prega di tornare a Smashwords.com e acquistare la propria copia. Grazie per il rispetto al duro lavoro di questo editore.

    Indice

    Prologo - Due metri di terreno

    Prefazione

    Introduzione

    Capitolo Primo - Un’incursione giornalistica

    Capitolo Secondo - L’esistenzialità

    Capitolo Terzo - Il Guccini impegnato

    Capitolo Quarto - Il senso religioso

    Intervista a Guccini

    Autore

    Prologo

    Torna all’indice

    Due metri di terreno

    Ognuno vive dentro i suoi egoismi, / vestiti di sofismi, / e ognuno costruisce il suo sistema di piccoli rancori irrazionali, / di cosmi personali/ scordando che poi in fine tutti avremo/ due metri di terreno.

    In una bella domenica solare com’è quella che oggi ci apprestiamo a vivere, possono suonare stridenti questi versi. Tra l’altro chi li ha scritti, Francesco Guccini, con la sua Canzone di notte n. 2, contenuta nell’album Via Paolo Fabbri 43 del 1976, non è mai stato ospite in questa nostra oasi quotidiana di riflessione. Eppure queste sue parole, che devo a un lettore, magistrato di Caltanissetta, hanno una loro potenza malinconica e severa. Ha ragione chi mi ha inviato questi versi, (che sono quasi uno spunto da esame di coscienza), nel rimandare alla celebre parabola del Vangelo di Luca, (Capitolo 12, versetto 12-20), del ricco insensato che accumula senza posa e che nel silenzio notturno sente quella voce gelida: «Stolto, questa notte stessa ti sarà richiesta la tua vita. E quello che hai preparato per chi sarà?» Eppure ecco, anche da parte di molti cristiani che pure dovrebbero credere in una pienezza di vita che va oltre i due metri di terreno del camposanto, una ricorsa sfrenata alle cose, una tutela a spada tratta del proprio egoismo, una visiera calata come maschera a celare le ipocrisie, un rosario di rancori e di piccinerie, un orizzonte ristretto nel quale ci si rinserra ignorando ciò che sta al di là, cioè gli altri e il mondo. Il richiamo della morte può risuonare come iettatorio e invece è una delle poche verità o certezze che stanno davanti a noi, ma dalle quali ritraiamo lo sguardo. Non aggrappiamoci, allora, al tesoro delle cose che periscono, ma facciamo respirare in noi l’aria dello Spirito di amore che ha in sé un seme di eternità e di luce.

    Dalla rubrica Il Mattutino del quotidiano ‘Avvenire’ del 24 giugno 2007, a cura di monsignor Gianfranco Ravasi

    Prefazione

    Torna all’indice

    Una vera rivelazione

    Mai avrei pensato di potermi scoprire somigliante al Guccini qui raccontato, non fosse che dal punto di vista caratteriale. Alcuni anni fa, lessi il suo Cròniche epafàniche. In quel caso, avrei voluto telefonargli per dirgli quanto quel suo mondo d’infanzia, somigliasse al mio, di quanto mi avesse affascinato il suo modo di narrare e mi fosse – ovviamente – piaciuto. Probabilmente abbiamo all’incirca la stessa età, essendo io del 1939 e abbiamo quindi attraversato tutto il periodo del conflitto bellico e post. Per questo mi ero ritrovato in quel magico, piccolo mondo antico. Del resto, il desiderio di scriverne e raccontarne (per poter legare a quello in uscita, il periodo precedente della mia storia, elaborando una mia pubblicazione del 1974), è tutt’ora vivo in me, tanto che ci sto lavorando.

    Non gli telefonai, forse per una sorta di pudica timidezza (che toglie spontaneità), ritenendo di non voler ingenerare negli altri, il sospetto di un interesse pro domo mea. Ho certamente sbagliato e chissà che prima o poi non rimedi. Tornando a questo saggio, l’ho trovato assolutamente ben costruito e rivelatore di una persona vera, al di là degli stereotipi che possono essergli stati appiccicati addosso. E poi quel parallelismo tra la sua produzione musicale e gli scritti dei Vangeli o della Bibbia… suvvia, una vera rivelazione inimmaginata (almeno da me). Di sue canzoni – come capita sovente – avevo ascoltato (un po’ come accade di solito, piuttosto superficialmente), alcuni suoi brani degli anni ‘60, peraltro eseguiti da vari artisti e comunque ritenendoli diversi dagli

    Ti è piaciuta l'anteprima?
    Pagina 1 di 1