Scopri milioni di ebook, audiolibri, riviste e altro ancora

Solo $11.99/mese al termine del periodo di prova. Cancella quando vuoi.

L'artiglio del Drago.

L'artiglio del Drago.

Leggi anteprima

L'artiglio del Drago.

Lunghezza:
148 pagine
1 ora
Pubblicato:
9 gen 2012
ISBN:
9781465833846
Formato:
Libro

Descrizione

L’evento geopolitico più importante degli ultimi anni è senz’altro l’ascesa inarrestabile della Cina. A partire dal 1979, con le liberalizzazioni introdotte da Deng Xiaoping, la Repubblica popolare è cresciuta ad una velocità senza paragoni, divenendo così, complice il fatto di possedere una popolazione da 1,4 miliardi di abitanti ed essere la seconda economia al mondo in termini assoluti. Oggi Pechino è divenuta anche la seconda Potenza al Mondo, subito dietro gli Stati Uniti, per quel che concerne le spese militari, pari a 1,6 mila miliardi di dollari, l’1,3 per cento in più rispetto al 2009. Tutti questi elementi non possono che provocare serie ripercussioni sugli scenari internazionali. Tuttavia, occorre sottolineare che la crescita cinese, è finora avvenuta in un clima pacifico favorendo l’espansione economica. Ma proprio ora si comincia a delineare una strategia di ampliamento della sfera d’influenza della RPC che finirà, molto probabilmente, col creare tensioni con gli altri attori internazionali. Attualmente la Repubblica popolare è impegnata in un’opera di ristrutturazione e ammodernamento industriale e militare e ha costruito una propria rete di potere strategico, assicurandosi il controllo o la semplice presenza in numerose aree strategiche asiatiche e non solo per soddisfare le esigenze di un’economia notevolmente energivora. La strategia cinese di vincere senza combattere, conquistando i mercati internazionali e rivendicando il controllo del Mar Cinese meridionale non è però gradita a Washington che per questo è intenta in una manovra di accerchiamento, attraverso molteplici alleanze militari con i Paesi dell’Asia orientale e meridionale. Da qui ai prossimi 20 anni però il divario tecnologico tra la Cina e la Superpotenza americana potrebbe essere colmato, mettendo a rischio la pace e il dominio unipolare degli USA.

Pubblicato:
9 gen 2012
ISBN:
9781465833846
Formato:
Libro

Informazioni sull'autore


Correlato a L'artiglio del Drago.

Libri correlati

Articoli correlati

Anteprima del libro

L'artiglio del Drago. - Andrea Perrone

Il messaggio di questo approfondito e stimolante studio sulle forze armate cinesi di Andrea Perrone è semplice e ambizioso allo stesso tempo: dobbiamo conoscere la Cina. Dobbiamo liberarci di molti stereotipi e della crosta di cineserie che ci portiamo dietro dai tempi di Voltaire. Durante la Guerra Fredda avevamo creduto di usare la bassa temperatura dello scontro Est-Ovest per ibernare la Cina. Pensavamo di averlo fatto per sempre e invece il Dragone si è liberato dal letargo non tanto per il miglior clima esterno, ma per la ripresa di una forza interna a lungo narcotizzata da un regime totalitario e autarchico.

La lente d’ingrandimento posta da questo libro sull’apparato militare e sull’hard power cinese va usata considerando la caratteristica fondamentale del sistema: in Cina la politica è il Partito Comunista Cinese, questa politica, e non altra, controlla i fucili e tutto il resto. Si può discutere quanto e se, il sistema durerà, ma molti ritornelli sono ormai stonati e le campane a morto che suonavano già negli anni ’70 sono più fioche, dopo quarant’anni di progressi imponenti. Anche se si può dubitare della capacità del sistema di adeguarsi alle nuove esigenze democratiche interne ed internazionali, non vi sono ancora alternative credibili ad esso e quindi si può solo sperare che la maggiore esposizione internazionale induca lo stesso potere a sostanziali cambiamenti. Anche la speranza o la previsione di una rivoluzione (o implosione) non deve alimentare molte illusioni. Le rivoluzioni sono una costante storica cinese, ma hanno sempre portato un’altra dinastia al potere senza mai cambiare il sistema. Lo stesso regime comunista attuale continua ad avvicendare monarchi affermando di avvicendare generazioni nell’ambito di una dinastia espressa da un’aristocrazia di partito.

La caratteristica politica ha un corollario: l’apparto militare cinese non è né il solo, né il principale strumento della potenza cinese. E la misura della potenza cinese sarebbe distorta se non considerasse la capacità cinese nel soft power.

Soft power e public diplomacy sono le paroline magiche di quest’ultimo decennio dietro le quali si celano le parti meno appariscenti della guerra dell’informazione, dell’intelligence, della guerra psicologica e della cyber war. Si riconducono ideologicamente alla vecchia propaganda e sono dei grimaldelli semantici per far accettare come legittimo, legale, non violento e non invasivo un sistema di penetrazione che invece non è pienamente legittimo (ad esempio la diplomazia non può interferire con la politica dei Paesi di accreditamento), non è pienamente legale (si usano spesso metodi illegali come spionaggio, corruzione, ricatto e compromissione), è profondamente invasivo, psicologicamente violento e politicamente distruttivo. Lo scopo di entrambi gli strumenti è togliere autonomia di decisione politica ad uno Stato influenzando contemporaneamente i decision makers, gli opinion leaders e l’opinione pubblica specialmente quella politicizzata o ideologizzata. Soft power e public diplomacy non escludono ed anzi prevedono l’appoggio reciproco con tutte le branche d’intelligence, con l’uso delle fonti aperte, le operazioni coperte di spionaggio di ogni genere, con le operazioni di compromissione di agenti e dirigenti, con la corruzione e con le stesse attività criminali e terroristiche necessarie a penetrare, orientare, influenzare e destabilizzare un sistema avversario o semplicemente poco affidabile. La propaganda e le attività di spionaggio offensivo sono state per mezzo secolo concentrate sui fronti dei blocchi contrapposti: Occidente-Blocco sovietico. L’Urss è stata estremamente efficiente, ma anche attenta a non scoprire troppo le proprie carte. Ancora oggi, nonostante l’accesso a vari archivi della Guerra Fredda, si sa poco delle loro operazioni d’influenza e comunque i risultati non sono stati positivi, se il regime sovietico è sempre stato costretto a sostenere la penetrazione con le armi, le rivoluzioni e le repressioni militari. In pratica, l’espansione dell’influenza sovietica si è limitata agli ambiti già controllati dal partito comunista e dagli amici, con una tendenza alla regressione, fino all’implosione, man mano che i movimenti comunisti all’estero diventavano più critici nei riguardi del sistema sovietico.

La Cina ha tentato una iniziale esportazione del proprio modello rivoluzionario essenzialmente assecondando i movimenti maoisti che si aprivano nelle varie parti del mondo e poi, dopo la rottura con l’Urss, ha tentato di guidare i movimenti politici non allineati. Con l’accesso al Consiglio di sicurezza dell’Onu ha poi sviluppato, come difesa interna, la politica della non interferenza: non avrebbe interferito a patto che nessuno interferisse nei suoi affari interni.

Attraverso il superamento del maoismo, il fallimento dei movimenti non allineati e l’avvento del capitalismo cinese (eufemisticamente chiamato socialismo con caratteristiche cinesi) la Cina ha cambiato completamente il modello di espansione ideologica ed ha assunto in toto le logiche e le tecniche inventate e utilizzate dal sistema occidentale e in particolare dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna. Americani e inglesi, che hanno inventato le parole soft power, public diplomacy e influence operations, ne sono infatti anche i maestri, così come sono maestri delle operazioni coperte, delle extraordinary renditions, dei killeraggi, dei dossieraggi, delle compromissioni e, in pratica, dell’assoggettamento di un sistema statale esterno (e interno) alle proprie esigenze ed ai propri interessi. Dalla Gran Bretagna la Cina ha mutuato l’approccio al neo-colonialismo pragmatico con la conquista delle risorse e dagli Stati Uniti ha integralmente copiato il modello di gestione della potenza con la combinazione dell’hard power (la forza militare) e il soft power (la forza economica, i finanziamenti, la seduzione dello stile di vita, la pretesa di libertà, la ricchezza) privilegiando però il primo all’interno e il secondo all’esterno.

Dalla Gran Bretagna la Cina ha anche appreso il sistema amministrativo delle colonie, dapprima con lo studio generale del Commonwealth in Asia dove da secoli si muovono i cinesi della diaspora e poi, al microscopio, di quello di Hong Kong dopo la riacquisizione del 1997. I cinesi, con molta saggezza e grande profitto, hanno mantenuto il sistema britannico di Hong Kong piegandolo alla rapacità dei nuovi padroni, ma senza provocarne lo sconquasso.

Ma l’operazione di apprendimento più importante dei cinesi è stato nei riguardi del sistema degli Stati Uniti, o di quello che essi hanno voluto capire e mutuare da essi. La Cina si è sempre vista riflessa negli Stati Uniti come in uno specchio. Per decenni lo specchio è stato distorcente e restituiva un’immagine irrealistica e velleitaria. Già prima del collasso dell’Unione Sovietica la Cina perseguiva un modello di vita americano senza poterselo permettere. Alla fine degli anni ‘80, mentre l’Italia in cambio di due lire svendeva la propria immagine esportando in America, Cina e Giappone la serie televisiva della Piovra, dagli Stati Uniti arrivava in Cina la serie di telefilm su una famiglia di cinesi trapiantata a New York. Avere una casa, anche se piccola, stare insieme, avere figli, la televisione, la lavatrice, far mettere il rossetto alle ragazzine e i jeans ai ragazzi ed essere ancora integralmente cinesi divenne il sogno di tutti quelli che avevano la televisione e dei milioni di paesani che assistevano alle trasmissioni collettive nei villaggi rurali. Con le trasformazioni economiche, lo specchio è diventato sempre più realistico e anzi si avvia ad essere distorcente nel senso opposto: gli Stati Uniti oggi riflettono un modello che la Cina vuole e può superare e migliorare. L’antagonismo fra i due sistemi, che non ha mai avuto nulla d’ideologico, fino all’arrivo dei neoconservatori americani, si è perciò sviluppato di fronte alla constatazione via via più evidente che il sistema americano non permetteva lo sviluppo cinese e quello cinese limitava l’espansione americana.

Nel 1991 la Guerra del Golfo, con la tecnologia e gli attacchi a distanza, ha dettato il modello militare da perseguire per l’hard power, ma è nel decennio successivo che la Cina scopre il modello americano di soft power e ancora oggi tenta d’imitarlo con la pretesa di renderlo perfino più soft, più legale e più legittimo.

La pretesa di legittimità viene suggerita dal contesto nel quale si muovono il soft power, i suoi attori e i suoi target negli Stati Uniti e nel mondo occidentale. La Cina si ritiene uno Stato, uno Stato sovrano, i cui governanti devono fare gli interessi collettivi e quindi gli interessi supremi della nazione e del popolo. In Occidente, invece, la Cina ritiene che gli Stati siano diventati strumenti al servizio d’interessi personali e che abbiano perso la sovranità di un tempo. Questa convinzione rende la realizzazione del soft power cinese come un imperativo politico, sociale e morale che giustifica e fa diventare patriottici anche atti e attività illegali. Ovviamente non è vero che la classe dirigente cinese ai vari livelli sia esente dalle malversazioni, dalla corruzione e dal malaffare che affliggono molte leadership occidentali, ma è vero che, proprio in quanto Stato totalitario, la Cina è forse uno dei pochi luoghi al mondo dove il potere politico viene prima di quello economico e il secondo deve servire il primo. La struttura del potere cinese è articolata in fazioni e bande come quello occidentale, ma esse trovano un punto di equilibrio di fronte all’interesse nazionale. Ed è sempre l’interesse nazionale condiviso da tutte le fazioni e le varie bande a prevalere su quello particolare di ciascuna dando vita al nazionalismo cinese inteso come salvaguardia del potere centrale, del ruolo internazionale, del prestigio, della sovranità, dei confini, dell’autonomia decisionale, delle risorse, dell’indipendenza culturale e della prospettiva di sviluppo. L’hard power militare serve in particolare a controllare l’interno e tutto ciò che mette in pericolo il principio di sovranità e integrità territoriale. Gli Stati Uniti possono navigare nel Pacifico in lungo e in largo con decine di portaerei senza essere percepiti come minaccia, ma guai ad una barca militare nello Stretto di Taiwan, un aereo spia su Hainan o un’infiltrazione di forze speciali e spie in Tibet e Xinjang. Sfortunatamente, tutte le garanzie nazionali e di sovranità sono mantenute da un regime assolutista e feroce, ma i cinesi sono convinti che senza questo regime nessuna di quelle garanzie sarebbe possibile e che senza di esso, o con un drastico allentamento della disciplina centralizzata, tutto il Paese sarebbe preda del dominio altrui. D’altra parte,

Hai raggiunto la fine di questa anteprima. per continuare a leggere!
Pagina 1 di 1

Recensioni

Cosa pensano gli utenti di L'artiglio del Drago.

0
0 valutazioni / 0 Recensioni
Cosa ne pensi?
Valutazione: 0 su 5 stelle

Recensioni dei lettori