Freedom - Oltre il confine

LA NOTTE DELLE STELLE

Sul calendario, la data che forse può meglio celebrare l’unione tra il sacro e il profano è il 10 agosto e cioè quella in cui cade la notte di san Lorenzo. In questa occasione si è soliti recarsi in luoghi dove l’inquinamento luminoso è più debole, per potersi stendere su un prato o su una spiaggia e ammirare lo spettacolo delle stelle cadenti.

L’uomo è stato guidato fin dall’antichità dalle stelle L’uomo e in senso più generale dalla natura. La natura detta i tempi dell’agricoltura e di quella che è la vita umana sul nostro pianeta. Non scordiamoci che le stelle sono servite per permettere ai nostri antenati di muoversi per terra e per mare e per costruire alcuni dei monumenti più famosi, proprio ispirati a costellazioni. Basti pensare all’importanza della Cintura di Orione per gli Egizi (e non solo per loro) o a quella del Drago per la mitologia Indù sul cui modello vennero posizionati i templi di Angkor Wat. Gli uomini si sono rivolti alle stelle per scoprire i segreti della propria nascita e del proprio destino e oggi illustri scienziati, con nuove tecnologie, cercano altra vita nell’Universo.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Interessi correlati

Altro da Freedom - Oltre il confine

Freedom - Oltre il confine2 min lettiArchitecture
La Cattedrale Di Notre-dame
Non ha certo bisogno di presentazioni Notre-Dame: se ne sta lì, a dominare l’Île de la Cité, cuore vivo della città di Parigi fino dal 1163 quando fu posta la prima pietra. I secoli l’hanno resa magnifica, a partire dal 1250 quando i lavori del proge
Freedom - Oltre il confine5 min letti
E Se Londra Avesse Origini Greche?
Questa rubrica vi trasformerà da lettori in reporter d’eccezione di Freedom Magazine. Inviateci i vostri testi e le vostre foto, e fateci viaggiare nei luoghi e tra le storie che più vi appassionano. Partiamo con la versione ufficiale delle origini d
Freedom - Oltre il confine1 min letti
Foreste Boreali In Pericolo
I cambiamenti climatici causati dagli esseri umani, è sempre bene ribadirlo, stanno modificando anche l’ecosistema delle grandi foreste boreali, mettendone a rischio la capacità di assorbire e immagazzinare CO2. Abeti, pini, aceri, betulle e querce c