Fortune Italia

Il Canada, la Russia del futuro

“Volete investire in Canada, o preferite collaborare con la Cina?”. Sembra che la domanda della ministra degli Esteri canadese Mélanie Joly, rivolta ai partner europei del comitato ministeriale misto Ue-Canada, riunitosi a Bruxelles, non sia caduta nel vuoto. L’argomento che l’ha suscitata è stato quello, vitale per il nostro futuro, della sicurezza energetica e degli approvvigionamenti di minerali e materiali critici, punti caldi all’ordine del giorno del comitato presieduto da Joly e da Josep Borrell, l’Alto rappresentante Ue per gli affari esteri e la politica di sicurezza, che ha visto anche, fra gli altri, la partecipazione del nostro ministro degli Esteri Luigi Di Maio.

Istituito sei anni fa, nell’ambito dell’accordo di partenariato strategico bilaterale (Aps), il comitato ministeriale misto è lo strumento che ha recentemente permesso di sviluppare importanti sinergie nonché una cooperazione sempre più intensa e proficua tra Ottawa e Bruxelles. Le due – è bene ricordarlo – sono anche legate istituzionalmente, dal 2017, dall’accordo economico di libero

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia2 min letti
Il Sostegno Alle Imprese, Oltre L’export
SACE CONFERMA il suo ruolo a sostegno del Paese nel difficile periodo pandemico, continua con determinazione il percorso sul sentiero della crescita e contemporaneamente ‘mette in pista’ la nuova identità green. La sottoscrizione di finanziamenti ass
Fortune Italia2 min letti
Un Motore Di Innovazione
NEL 2021 POSTE ITALIANE conferma il suo ruolo di azienda centrale e ‘sistemica’ per il Paese, attraverso l’impegno concreto nella gestione dell’emergenza sanitaria e lo sviluppo di un modello di business che combina innovazione tecnologica e crescita
Fortune Italia5 min lettiIntelligence (AI) & Semantics
Quanto Corre Il Metaverso
INQUADRA IL QR CODE Per vedere il video dell’intervista su fortuneita.com “IN ITALIA manca la premialità. Dobbiamo imparare a essere meritocratici e a pagare di più”. Maximo Ibarra l’Italia la conosce bene. L’ha vista dal basso, ma molto di più da