Freedom - Oltre il confine

IL PRIMO ITALIANO TRA LE STELLE

«Come si sta nello spazio? Leggeri…» Con queste parole semplici, leggere appunto, inizia il racconto della storia di Franco Malerba, il primo astronauta italiano ad andare nello spazio. Il racconto di un uomo misurato eppure diretto, tenace e competitivo che trent’anni fa ha portato l’Italia tra le stelle. La missione STS-46 era composta da un equipaggio di sette astronauti, che avevano l’obiettivo di portare in orbita la piattaforma EURECA dell’ESA e di sperimentare il satellite Tethered nato dalla collaborazione tra l’ASIAgenzia Spaziale Italiana e la NASA. Era la prima volta che un italiano lasciava la Terra ed entrava nell’orbita bassa del pianeta. Fu un momento importantissimo e incredibile per l’uomo Franco Malerba ma lo fu anche per il nostro Paese e per l’intero mondo della ricerca spaziale italiana che tanto aveva contribuito alla conquista dello spazio. Malerba rimase a bordo della navetta per 7 giorni, 23 ore e 15 minuti coronando un sogno iniziato tanto tempo prima.

L’INIZIO DEL VIAGGIO

La voglia di “spazio” di Franco Malerba era iniziata già da bambino. Quando l’astronauta italiano racconta l’epopea che lo ha

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Freedom - Oltre il confine

Freedom - Oltre il confine8 min letti
Le Sacre Pietre Nere A Roma E Alla Mecca
In passato le pietre meteoriche cadute sulla Terra rappresentavano qualcosa di magico, qualcosa che aveva in sé un legame intrinseco con il cielo. Erano viste come vere e proprie entità appartenenti al soprannaturale e quindi venerate come divinità.
Freedom - Oltre il confine1 min letti
Freedom - Oltre Il Confine
Andrea Delogu andrea.delogu@mediaset.it PROGETTO GRAFICO Pier Paolo Puxeddu+Francesca Vitale Testi: Irene Bellini, Antonio Costa, Michela Ermini, Cinzia D. Leone, Marisa Duranti, Massimo Fraticelli, Angelica Giacobbo, Giovanna Giacobbo, Roberto Giaco
Freedom - Oltre il confine9 min letti
I Vichinghi Prima Dei Vichinghi
Quando le dreki (o drakkar), le loro navi da guerra agili, veloci e silenziose si profilavano all’orizzonte, il terrore assaliva gli abitanti della terraferma, che fossero monaci inglesi chiusi nelle loro nebbiose abbazie o villaggi spagnoli bruciati