Caravan e Camper Granturismo

DRESDA E L’ARTE ITALIANA NEL CUORE DELLA SASSONIA

Goethe fece di Dresda una delle mete preferite dei suoi viaggi, soggiornandovi in più occasioni tra febbraio e marzo del 1768. Sinceramente attratto dalla quantità di capolavori di arte figurativa, parlò sempre di questa città con grande ammirazione e compiacenza, come un viaggiatore che abbia raggiunto la meta più ambita della propria vita.

Gottfried Herder, letterato e teologo del ‘700, definì la barocca Dresda come la “Firenze del Nord” evidenziandone le affinità con l’arte rinascimentale italiana.

In effetti il profilo della Altstadt, la città antica, per una città tedesca inconsueto in alcuni dei suoi tratti, è caratterizzato dalla “campana di pietra”, la cupola della evangelica Frauenkirche dell’architetto George Bähr, le cui forme stilistiche riecheggiano in modo evidente l’architettura rinascimentale sviluppata da Brunelleschi e Michelangelo. I legami di Dresda con Firenze si concretarono anche attraverso il matrimonio della duchessa Maria Luisa di Toscana con il principe Federico Augusto III (ultimo re di Sassonia) avvenuto a

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Interessi correlati

Altro da Caravan e Camper Granturismo

Caravan e Camper Granturismo1 min letti
Caravan e Camper Granturismo
Direttore responsabile: Giorgio Concina Sede e redazione MAG Editori srl - Via Eustachi, 31 - 20129 Milano tel. 02 2046376 - redazione@caravanecamper.net Realizzazione grafica Floriano Bitturini, Alberto Villa Direttore editoriale Granturismo Lorenza
Caravan e Camper Granturismo1 min letti
Truma Cooler Ora In Tutta Europa
I diversi modelli del frigo Truma Cooler, finora disponibili tramite rivenditori partner solo in Germania, Austria e Svizzera, da ora sono acquistabili anche presso grossisti selezionati in a Italia, Francia, Spagna, Svezia, Benelux, Danimarca, Polon
Caravan e Camper Granturismo5 min letti
Parigi Val Bene Una Messa
Festeggiare una data importante, dove, se non a Parigi? Le perplessità legate alla pandemia sono molte, non tanto per la paura di contagi (la Francia mantiene un alto livello di sicurezza e forme di distanziamento all’ennesima potenza) quanto per il