Freedom - Oltre il confine

L’ULTIMA DIMORA SETI

Luxor, Valle dei Re. È qui, sulla sponda opposta del Nilo di fronte all’antica capitale che allora si chiamava Tebe, che i faraoni del Nuovo Regno (dalla XVIII alla XX dinastia, cioè dal 1552 al 1069 a.C) avevano stabilito la loro necropoli. Un sito vastissimo, che ha restituito al mondo le tombe di 65 sovrani, tutte catalogate dagli archeologi con la sigla KV (King’s Valley). Tra queste, la più celebre è probabilmente quella di Tuthankhamon, il faraone bambino, ritrovata ancora pressoché intatta negli inestimabili tesori che vi erano custoditi. Ma la più grande e la più splendida in assoluto, tanto da essere soprannominata “la Cappella Sistina egizia” per la ricchezza e la qualità delle decorazioni che la ricoprono interamente, è di certo la sepoltura di Seti I, faraone della XIX dinastia.

UNA PASSIONE INDISCUSSA

L’Egitto, lo sappiamo, è una passione antica per Roberto Giacobbo. E la fascinazione non diminuisce certo nel tempo: la curiosità, l’amore per la scoperta e la capacità dell’archeologia egizia di trasmettere sempre grandi suggestioni, fanno sì che ogni viaggio, ogni reportage, ogni ripresa siano sempre un’esperienza unica e irripetibile.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Freedom - Oltre il confine

Freedom - Oltre il confine5 min letti
Cartoline Dall’isola Dei Mahoreros
Questa rubrica vi trasformerà da lettori in reporter d’eccezione di Freedom Magazine. Inviateci i vostri testi e le vostre foto, e fateci viaggiare nei luoghi e tra le storie che più vi appassionano. ILmio viaggio dell’estate 2020 nelle Isole Canarie
Freedom - Oltre il confine9 min letti
Empatia
Quest’anno, nel mese di gennaio, la Camera dei Deputati ha approvato il Disegno di legge n. 2493, il cui progetto prevede «l’introduzione dello sviluppo di competenze non cognitive nei percorsi delle istituzioni scolastiche e dei centri provinciali p
Freedom - Oltre il confine1 min letti
Studiata La Mummia Di Un Nobile Morto 500 Anni Fa
Si chiamava Giovanni d’Avalos ed era un nobile italiano morto nel 1586 all’età di 48 anni, i cui resti si trovano nella Basilica di San Domenico Maggiore a Napoli (nella foto), dove sono stati recuperati nel 1983. Ora un gruppo di ricercatori, sotto