DayDreamer Magazine - Speciale

CAN E SANEM ADORABILI SAGOME!

È proprio il caso di dirlo: è stato un plebiscito! Le “sognatrici” si sono riunite e hanno fatto sentire la loro voce, un coro spassionato che invocava i nomi di Can e Sanem. Qual era la causa? Aprire le porte Sappiamo tutte che la serie volge lentamente al termine. Abbiamo imparato a conoscere meglio Can e Sanem, siamo state testimoni delle loro trasformazioni, dei loro momenti felici e di quelli più bui. È un po’ come se fossimo cresciute insieme a loro, che hanno rappresentato un punto fermo importante in un anno particolare come quello che ci troviamo alle spalle. Perché allora non farci accompagnare sempre dal loro sorriso, anche quando non sarà più in onda? Le sagome di Can e Sanem saranno con noi in ogni istante della giornata: mentre cuciniamo, mentre lavoriamo al computer o proprio quando ci ritagliamo quel momento magico per guardare la nostra serie alla TV. Basterà un'occhiata fugace per ritrovare il volto complice di due amici che non potremo mai dimenticare.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da DayDreamer Magazine - Speciale

DayDreamer Magazine - Speciale4 min letti
SIBEL ŞIŞMAN «Güliz, Che Gossip Girl!»
Il personaggio più vaporoso e naïf di DayDreamer è proprio lei, la segretaria che vorrebbe fare l’attrice e che vive di moda e gossip. Güliz è l’anima più pink della soap ma potremmo immaginarla anche sbucare da uno dei trafficati corridoi di Runway
DayDreamer Magazine - Speciale4 min lettiCooking, Food & Wine
Le Ricette Dall’orto Di Sanem
Andate a scoprire questo splendido blog-ricettario che propone tutti i piatti, le ricette, i segreti delle cucine delle serie turche, da DayDreamer a Bitter Sweet! www.lacascatadeisapori.it 150 g di bulgur - 150 g di lenticchie verdi - 2 spicchi d’ag
DayDreamer Magazine - Speciale2 min letti
Leggere Storie D’amore
Franz Kafka Mondadori “Un fuoco vivo come non ne ho mai visti”: così è per Franz Kafka la giovane traduttrice ceca Milena Jesenská Pollak, conosciuta a Praga. A lei Kafka comincia a scrivere nell'aprile del 1920, sul balcone della pensione Ottoburg d