Lonely Planet Magazine Italia

Mizrahì, vitalità e tradizione

con le migrazioni delle comunità ebraiche, si calcola siano oltre settecentomila gli ebrei che tra l’inizio degli anni Cinquanta e gli anni Ottanta lasciano Maghreb e nazioni arabe per . È proprio dai loro insediamenti che le prime voci si alzano: cantano in ebraico e in arabo, utilizzano l’oud, il kanun (cordofono a settantotto corde) e il tamburo darbuka che hanno portato con sé nel viaggio verso la Terra Promessa. Alla musica mizrahì (“ebreo orientale”) vengono poi associati anche gli ebrei persiani, curdi e georgiani, bagdaditi e indiani. Un pool di artisti comincia ben presto a elaborare queste sonorità: si chiamano Avihu Medina, Joe

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Lonely Planet Magazine Italia

Lonely Planet Magazine Italia9 min letti
Quei Trasporti Eccezionali
@beatricetomasinitravel @lucianasquadrilli SI DICE CHE IN UN VIAGGIO non sia importante la meta ma il percorso. E aggiungeremmo specialmente se quest’ultimo si intraprende a bordo di mezzi fuori dal comune, tanto particolari da diventare attrazion
Lonely Planet Magazine Italia2 min letti
Nel Paradiso Delle Raja Ampat
Sono uno scrittore e fotografo residente a Bali, da dove gestisco anche ZuBlu, un’agenzia di viaggi per sub specializzata in tour personalizzati. Ho fatto immersioni in tutta l’Indonesia, da Aceh a Cenderawasih Bay, ma ciò che preferisco è osservare
Lonely Planet Magazine Italia2 min letti
I Tesori Nascosti Dell’Albania
Sono scrittore di viaggi, autore di guide e fotografo da prima dell’avvento di internet (sì, una volta si usava la segreteria telefonica al posto diWhatsapp). Gran parte del mio lavoro si focalizza sulle regioni montuose, sull’escursionismo e sull’am