L'Officiel Hommes Italia

Body of Evidence.

na fresca camicia button-down, una cravatta di seta, un classico mocassino in pelle. Negli anni i caposaldi del maschile non, non è più così. Con l’avvicinarsi del centenario de , abbiamo chiesto ancora una volta ai lettori di raccontare gli must-have di questa stagione. Migliaia di voi, da tutto il mondo, hanno risposto sui social media, condividendo i propri desideri di e selezionando i pezzi più desiderabili della fall/winter 2020, in cui investire. Ecco, in queste pagine, un album che racconta il cambiamento: dalla brogue a punta squadrata di , all’eyewear fiammeggiante e audacemente oversize di , le scelte riflettono i nuovi confini che sta esplorando oggi l’abbigliamento maschile. Mentre i colori neutri e le forme classiche continuano a regnare, l’aggiunta di un accessorio più audace regala un tocco di alla tipica sartoria da uomo. È sufficiente pensare alla crossbody bag di o alla collana di cristalli di , originariamente sfoggiata su cappotti e blazer. Mentre uomini e donne iniziano a condividere gli armadi e le passerelle, la definizione di abbigliamento maschile si è espansa fino a una . Un dress code che, nell’uomo, non sarebbe completo senza un .

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da L'Officiel Hommes Italia

L'Officiel Hommes Italia6 min letti
L’arte (e La Vita) In Loop
Era dicembre. E non faceva neanche tanto freddo, calcolando che ci trovavamo ad una mezz’ora buona di macchina da Reykjavik. Ma eravamo all’aperto, su una piccola altura in una landa altrimenti piattissima, e nella luce opaca soffiavano folate di ven
L'Officiel Hommes Italia1 min letti
Il Tempo Del Romanticismo
Un orologio poetico, per connoisseurs sensibili e inguaribili romantici. A dieci anni di distanza dal lancio di Lady Arpels Pont des Amoureux, Van Cleef & Arpels ne propone il pendant al maschile. Se lo storytelling rimane identico, una coppia che si
L'Officiel Hommes Italia3 min letti
There’s No Limits
Ogni episodio, alla voce “alpinismo”, sul sito di Hervé Barmasse, lascia col fiato sospeso. Racconta le sue imprese, dall’ascesa alla “Gran Becca”, la montagna di casa, a luoghi lontani e altrettanto leggendari in Pakistan, Nepal, Tibet e Patagonia.