Lampoon Magazine

Marmi Torlonia – Roma quanta fuit, ipsa ruina docet collezione privata di statuaria antica

Una collezione di antichità composta di seicento venti pezzi catalogati, che in ordine cronologico è stata l’ultima raccolta principesca romana a formarsi: fu inaugurata nel 1876, quando ormai il papa – che non è più re – se ne sta recluso tra le alte mura del Vaticano, mentre i Savoia riescono a insediarsi nella Città eterna e sul trono d’un Italia appena nata. La Collezione Torlonia è il compendio di tante testimonianze della classicità confluito in un unico ambito grazie alla volontà di una sola figura di mecenate e collezionista – il Principe Alessandro Torlonia - è oggetto di una mostra a Villa Caffarelli, sul Campidoglio, dal 3 aprile. L’esposizione si intitola I Marmi Torlonia a cura di Salvatore Settis e Carlo Gasparri, con allestimento di David Chipperfield, si potrà visitare fino al 10 gennaio 2021. Promosso dal Ministero delle Belle Arti e del Turismo e la Fondazione Torlonia, con catalogo edito da Electa, l’evento è sostenuto dalla casa Bvlgari.

Si tratta della più – racconta Alessandro Poma Murialdo – Con l’acquisto Cavaceppi, la famiglia Torlonia diviene non solo proprietaria di un’imponente collezione di capolavori antichi, ma anche delle ultime testimonianze di alcune delle collezioni romane cinque-seicentesche allora in via di dispersione. Nel 1816, per poi averne piena disponibilità nel 1856-1859, i Torlonia acquisiscono 270 opere della Galleria dei marchesi Giustiniani, tra le quali e il cosiddetto , oltre a busti imperiali e ritratti. La rassegna romana, che si articola su una selezione di novantasei opere plastiche greche e romane, estrapolate dai curatori e ordinate in cinque diverse sezioni, segna la prima tappa di quest’itinerario. Oltre a quanto è frutto degli scavi ottocenteschi – il tema della Sezione II –, alcuni nuclei furono acquisiti da Alessandro Torlonia, banchiere e imprenditore, presso famiglie aristocratiche locali. Nel 1816 egli acquista in blocco la statuaria dei Giustiniani e nel 1866 entra in possesso della settecentesca Villa Albani, playground di Winkelmann, immersa in un parco nel cuore della città e tuttora proprietà Torlonia. Due contenitori di rarità e bellezze, che custodivano il meglio di precedenti gallerie patrizie – Orsini, Savelli, Cesarini, Pio da Carpi, Cesi, Imperiali, Barberini.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Interessi correlati

Altro da Lampoon Magazine

Lampoon Magazine4 min letti
Serge Brunschwig L’ossessione Per Il Logo Rimarrà Attuale?
La casa Fendi è oggi orientata all’abbigliamento, agli articoli in pelle – la borsa Baguette –, agli accessori e alle fragranze, ma la sua specializzazione resta la pellicceria. È la terza marca di moda del gruppo LVMH, dopo l’acquisizione nel 2001.
Lampoon Magazine10 min letti
Architettura Per Intersezioni Dialettica Litigiosa E Immaginaria
Due protagonisti dell’architettura del Novecento, poetiche che esprimono modi opposti nell’affrontare il tema del sacro. Un dialogo immaginario tra Alvar Aalto e Gio Ponti, a confronto su due chiese diverse nella matrice ideologica e progettuale, nel
Lampoon Magazine5 min letti
Melanie Courbet Cultura Giapponese E Filosofia Da Applicare Vicino A Chi Sa Dire Di No
Uno spazio contiene moltitudini. Una galleria mette in evidenza l’ethos lavorativo e il retaggio culturale negli oggetti, nonché l’opera dei maestri artigiani che gli oggetti stessi rappresentano. Fondata nel 2013 tra Soho e NoLita ed entrata di diri