Lonely Planet Magazine Italia

Candele, dolci e “castradina”

Il è una festa speciale (e ufficiale) per i veneziani, istituita nel 1631 dal Doge Niccolò Contarini per festeggiare lo spegnimento. Fu necessario piantare migliaia di pali – c’è chi dice siano oltre un milione –per gettare le fondamenta di questa meraviglia barocca del Longhena e consentirle di svettare sul triangolo di terra di Punta della Dogana, tra Canal Grande e Canale della Giudecca. Si decise di collegarla ogni anno al sestiere di San Marco grazie a un provvisorio ponte votivo di barche, attraversato ancora oggi per l’occasione da centinaia di residenti, curiosi e pellegrini in processione. Dalle 6h alle 20h si susseguono messe a cadenza serrata (quella officiata dal Patriarca di Venezia si svolge alle 10h), si accendono in chiesa migliaia di candele per evitare malanni nell’anno a venire e banchi di dolciumi riempiono il selciato. Anche chi non è religioso apprezzerà la , il piatto di origine dalmata che si consuma alla vigilia della festa: una zuppa a base di cosciotto di montone affumicato e verza.

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Interessi correlati

Altro da Lonely Planet Magazine Italia

Lonely Planet Magazine Italia1 min letti
6. Chi VA Per Questi Mari Questi Pesci Fotografa
“L’INDONESIA È IL CUORE DELLA BIODIVERSITÀ MARINA: in queste acque si possono incontrare più specie di coralli, pesci, gamberetti, granchi, nudibranchi - e la lista potrebbe proseguire ancora - che in qualsiasi altra parte del mondo. Sono tante le sp
Lonely Planet Magazine Italia1 min letti
Editoriale
Uno, due, tre... e così via fino a novantanove, quanti sono i nostri (buoni) motivi per amare l’estate. Certo, ora sarebbe una carineria anticiparvi le destinazioni, ma sono così tante, come si fa con questo caldo. Mmh no, in questo modo non funzione
Lonely Planet Magazine Italia7 min letti
7. Ogliastra, Blu Selvaggio
Alzi la mano chi, dopo un lungo periodo stressante di lavoro, non sogna un primo bagno in un mare da urlo e di staccare la spina: “unplugged”. Da tutto. Dagli orari e dallo stress. Una pausa per ritrovare se stessi e i propri ritmi, sensazioni che un