Fortune Italia

La corsa all’oro ‘elettrico’: come cambia il mercato dell’auto in Cina

In una grigia zona industriale nell’area occidentale di Shanghai, tra le fabbriche che ogni anno sfornano centinaia di migliaia di automobili a benzina e gasolio, trasmissioni, e motori, il più grande produttore di automobili al mondo è al lavoro per terminare il prima possibile un nuovo tipo di impianto industriale, che produrrà un’auto diversa da qualsiasi altra mai costruita prima. La struttura di 74 acri avrà una nuova catena di montaggio con un nastro trasportatore in plastica invece del legno o dell’acciaio tradizionalmente utilizzati. Un sistema, nelle intenzioni, più economico e veloce da riconfigurare, di modo da poter fabbricare automobili con forme e layout suscettibili a modifiche sempre più frequenti e radicali rispetto al passato. E l’impianto sarà dotato di telecamere a infrarossi per monitorare la sicurezza di stock di componenti che l’azienda non aveva mai dovuto maneggiare in grandi quantità: enormi batterie, ciascuna grande quanto due bare una accanto all’altra, che hanno una fastidiosa tendenza a prendere fuoco. Ciò che sta succedendo qui a Shanghai non è un semplice miglioramento dell’industria. È il tutto per tutto del gruppo Volkswagen per il primato nell’Era dell’auto elettrica. ‘Volkswagen’ si traduce come ‘l’automobile della gente’: per la maggior parte degli 80 anni di vita dell’azienda, la ‘gente’ erano gli europei o gli americani, e le automobili quelle alimentate a benzina. Ma ora il mercato più grande di VW è la Cina, e l’azienda, sotto la pressione dei nuovi obblighi verso l’ambiente, ha deciso di

 reinventarsi come produttore di veicoli prevalentemente elettrici (gli Electric vehicles, Ev). Il che rende questo nuovo impianto di Shanghai un avamposto della lotta per la sopravvivenza di VW. Quando inizierà a produrre veicoli elettrici il prossimo anno, sarà “la più moderna fabbrica VW in tutto il mondo”, spiega Fred Schulze, che dirige la produzione a Shanghai, frutto della joint venture di VW con Saic Motor, la più grande azienda automobilistica di proprietà dello Stato cinese, con sede a Shangai. Schulze, che è un veterano di VW, in precedenza supervisionava l’unità di produzione dei Suv e dei veicoli crossover dell’unità Audi di VW, succhia-benzina come il Q7 e il Q8, ma anche l’elettrica E-tron. D’ora in poi, ha detto Schulze parlando della VW, “la nostra crescita dovrebbe essere guidata dai veicoli elettrici”. In tutto il mondo, i titani dell’Era dei combustibili fossili stanno lottando per adattarsi ad un cambiamento esistenziale: la crescente sostenibilità economica delle alternative pulite rispetto all’energia sporca. I produttori di elettricità e di petrolio stanno lottando per guidare l’ondata delle energie rinnovabili, e non rimanerne schiacciati.

Le banche stanno cercando di rafforzare i loro portafogli contro le perdite indotte dal cambiamento climatico. I produttori di automobili, però, si trovano a un bivio particolarmente delicato. L’aumento dei veicoli elettrici - macchine con tanti piccoli motori invece di uno grande; con batterie invece di un serbatoio per il carburante; con sistemi software mai così sviluppati al posto di una trasmissione - è pronto a ridefinire il mercato delle automobili. Se i grandi produttori di auto non si adatteranno, e velocemente, l’infrastruttura aziendale che per lungo tempo hanno visto come un asset sicuro, si potrebbe dimostrare, invece, un insostenibile costo fisso. È ancora troppo presto per proclamare la fine dell’Era del motore a combustione interna. Al 30 giugno di quest’anno, secondo quanto riporta l’azienda di dati energetici Wood Mackenzie, il 97% di tutte le nuove automobili vendute a livello globale avevano nel cofano esclusivamente motori a scoppio. Ma non è troppo presto per vedere che le auto elettriche stanno arrivando. In effetti, le vendite stanno aumentando di

Stai leggendo un'anteprima, registrati per continuare a leggere.

Altro da Fortune Italia

Fortune Italia4 min lettiInternet & Web
ShinyStat, La Sfida Italiana Al ‘Far Web’
L’ANALISI STATISTICA dei dati web, in Italia, ha compiuto 25 anni. Si chiama ShinyStat la piattaforma italiana pioniera di web analytics ed è nata a Savona, in Liguria, nel 1997. Nel tempo, l’azienda è cresciuta fino a diventare una Spa, nel 2017, ed
Fortune Italia3 min letti
Moda, Guida Per Consumatori Responsabili
SOSTENIBILE, GREEN, circolare: 3 parole che spesso non mancano nelle campagne pubblicitarie dei brand di moda. Che si tratti di piccole aziende familiari o di grandi colossi internazionali del tessile, sembra che la tutela dell’ambiente e delle perso
Fortune Italia2 min letti
L’inverno Del Nostro Scontento, Ma A Ragion Veduta
QUALI? Almeno tre questioni innanzitutto: il finale approntamento della legge di bilancio entro il 31 dicembre, onde evitare i potenti danni che deriverebbero dall’essere in esercizio provvisorio; l’attuazione della legislazione primaria e secondaria