Sei sulla pagina 1di 13

PLATONE

LAMORE

Lamore (ros) per Platone il rapporto tra il sapere tra luomo e le idee, e tra gli uomini associati nella comune ricerca.

A questo tema Platone dedica due dialoghi: il Simposio e il Fedro. Il primo considera la bellezza come oggetto dellamore e mira a determinare i suoi gradi gerarchici.

Il Fedro considera invece lamore nella sua soggettivit, come aspirazione verso la bellezza ed elevazione dellanima al mondo delle idee.

IL SIMPOSIO
Aristofane nel mito degli androgini, esseri primitivi met uomo e met donna, racconta che questi vennero divisi per punizione dagli dei e che furono costretti a vivere luno alla ricerca dellaltra perch da soli si sentivano insufficienti.

Secondo il mito Amore figlio di Pena (Povert) e Pros (Abbondanza) e come tale non un dio, ma un demone. Egli non possiede perci la sapienza, ma vuole possederla, ed quindi un filosofo (amante della sapienza).

Lamore non ha bellezza, e la desidera in quanto essa il bene che rende felici. Luomo tende a generare nella bellezza lasciando dopo di s un essere che gli somiglia. La bellezza il fine, loggetto dellamore.

La bellezza ha gradi diversi: Bellezza del corpo; Bellezza dellanima; Bellezza delle istituzioni e delle leggi; Bellezza delle scienze; Bellezza in s (amore filosofico).

IL FEDRO
Il problema del Fedro come si pu raggiungere la bellezza suprema . La natura dellanima si pu esprimere con un mito. Essa simile ad una coppia di cavalli alati guidati da un auriga: uno bianco (eccellente), e uno nero (pessimo). Lauriga cerca di indirizzare verso il cielo i cavalli per raggiungere la regione sopraceleste. Qui sta la vera sostanza che pu essere contemplata solo da quella guida dellanima che la ragione.

Questa sostanza la totalit delle idee ma lanima pu contemplarla solo per poco perch il cavallo nero tira verso il basso. Quindi ogni anima contempla la sostanza dellessere di pi o di meno.

Successivamente lanima perde le ali e si incarna andando a vivificare il corpo di un uomo che sar tale quale essa lo rende. Allora lanima che ha visto di pi vivificher il corpo di un uomo che si consacrer al culto della sapienza o dellamore, mentre le anime che hanno visto di meno si incarneranno in uomini che saranno via via pi alieni dalla ricerca della verit e della bellezza.

La bellezza fa quindi da mediatrice tra luomo caduto e il mondo delle idee. La ricerca dellessere in s e lunione amorosa delle anime nellapprendere e nellinsegnare chiamata dialettica.

Realizzazione di Sara Milia Liceo scientifico Brotzu

Classe 3 F
Anno scolastico 2011/2012 Professore Gianfranco Marini

FINE