Sei sulla pagina 1di 9

F.

Dostoevskij (1821-1881)
La pena di morte Da LIdiota

Il 16 novembre 1849 Dostoevskij condannato alla pena di morte mediante fucilazione, esecuzione che all'ultimo momento, come era uso a quei tempi per esaltare la grandezza e la magnanimit dello zar, viene commutata in condanna ai lavori forzati in Siberia. Nella fortezza di Omsk Dostoevskij passa quattro anni a contatto con detenuti di ogni genere, provenienza, estrazione, ognuno con una storia diversa; tutto materiale che verr utilizzato per "Memorie da una casa di morti".

In Francia,a Lione, ho assistito ad una esecuzione capitale. Ci andai con Schneider. Impiccano? No; tagliano la testa. E il condannato grida?

Eh no! E un attimo. Lo mettono a posto, sul ceppo, e cade dallalto una lama pesante... Si chiama la ghigliottina... Cade con impeto, fulmineamente. La testa troncata in un batter docchio. I preparativi, quelli s che sono penosi. Quando si legge al condannato la sentenza, quando poi lo vestono, gli radono i capelli, lo legano, lo tirano su al patibolo... Una gran folla accorre, perfino le donne, sebbene molti lo disapprovino. Non spettacolo per loro.

Si capisce... Una tortura infernale... Il condannato era un uomo intelligente, robusto, coraggioso, di mezza et. Si chiamava Legros. Ebbene, lo credereste? Salito sul patibolo si fece bianco come la carta, piangeva. Un orrore, una cosa indescrivibile! E si pu forse piangere di spavento? Un uomo, vi dico, non un ragazzo: un uomo di quarantacinque anni. Che prova lanima in quel momento? Da che convulsioni dilaniata? Perch, vedete, proprio lanima che si manda a morte. Non uccidere, detto nei comandamenti. E perch, dunque, per punire un uomo di aver ucciso, lo uccidono? No, no, e un infamia. E appena un mese che vho assistito, lho sempre davanti agli occhi e cinque volte lho sognato. Il principe si scaldava, si coloriva in viso, sebbene non alzasse la voce. Il cameriere, forse non meno di lui impressionabile, ascoltava intento.

Questo c di buono, not, che non si soffre a lungo quando la testa viene troncata. Cos dicono tutti, e perci hanno inventato quella cos detta ghigliottina. A me invece balen allora il sospetto: e se invece quello il colmo della sofferenza? Questo vi parr strano, vi far ridere... eppure... Prendiamo, per esempio, la tortura: strazio, piaghe, scricchiolio di ossa, dolore materiale insomma, che distrae la vittima dalle sofferenze morali, fino a che non venga la morte. Ma il dolore principale, il pi forte, non gi quello delle ferite; invece la certezza, che fra unora, poi fra dieci minuti, poi fra mezzo minuto, poi ora, subito, lanima si staccher dal corpo, e che tu, uomo, cesserai irrevocabilmente di essere un uomo. Questa certezza spaventosa. Tu metti la testa sotto la mannaia, senti strisciare il ferro, e quel quarto di secondo pi atroce di qualunque agonia. Questa non una mia fantasia: moltissimi ci sono che pensano come me.

E ve ne dico anche unaltra. Uccidere chi ha ucciso , secondo me, un castigo non proporzionato al delitto. Lassassinio legale assai pi spaventoso di quello perpetrato da un brigante. La vittima del brigante assalita di notte, in un bosco, con questa o quellarma; e sempre spera, fino allultimo, di potersi salvare. Si sono dati casi, in cui lassalito, anche con la gola tagliata, riuscito a fuggire, ovvero, supplicando, ha ottenuto grazia dai suoi assalitori. Ma con la legalit, questultima speranza, che attenua lo spavento della morte, ve la tolgono con una certezza matematica, spietata.

No, no, inumana la pena, selvaggia e non pu n deve essere lecito applicarla alluomo.