Sei sulla pagina 1di 22

La biblioteca ibrida

UC Millennium e Encore Cfr. Informatica Umanistica, pp. 261-288

OPAC Millennium

LOnline Public Access Catalogue UC un catalogo


collettivo = aggrega i cataloghi delle biblioteche di tutte le sedi delluniversit; integrato = presenta ununica scheda catalografica per ciascuna risorsa e ne indica la collocazione dei diversi esemplari nelle varie sedi; ibrido = cataloga risorse sia cartacee, sia elettroniche con accesso locale e remoto.

Come per le risorse locali, anche laccesso alle risorse remote richiede la presenza dellutente allinterno dellUniversit, in quanto consentito di norma solo da postazioni collegate alla rete della Cattolica.

Informatica Umanistica 2011

19/10/2011

Patrimonio della biblioteca

Catalogo generale

Schede bibliografiche delle opere possedute da ognuna delle biblioteche UCSC:

Milano e Brescia, Piacenza e Cremona Roma Campobasso.


141 banche dati; oltre 11.400 e-journal a testo completo.

Risorse elettroniche condivise:


Tesi UCSC (su microfiches) DocTA

Catalogo speciale delle tesi di dottorato discusse a partire dalla.a. 2005/2006 nelle sedi di Milano e Piacenza

Catalogo Servizio librario EDUCatt

Informatica Umanistica 2011

19/10/2011

Servizi personalizzati: My Libr@ry

My Libr@ry,

pagina personale che agevola lutilizzo del Catalogo generale e del servizio di prestito/consultazione:

richiesta di libri da qualunque pc personale con connessione internet; richiesta di pi libri senza l'obbligo di ripetere la propria identificazione; salvataggio di ricerche gi effettuate, da riutilizzare per verificare in ogni momento la disponibilit di opere relative alle aree disciplinari preferite; controllo costante dei dati personali (iscrizione, termine per la restituzione dei libri in carico, stato delle richieste di prestito/consultazione inoltrate); informazione in tempo reale sul proprio pc circa lo stato delle richieste di prestito/consultazione inoltrate e sui volumi in carico, basata sul sistema RSS.
Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

Accesso a My Libr@ry

La User ID composta da:

cognome nome

La PassWord la Matricola Biblioteca, composta nel seguente modo:

Categoria studente (1) + Matricola UCSC (7 caratteri). 13805241

Esempio:

Informatica Umanistica 2011

19/10/2011

Catalogazione
Che significa la sigla ISBD (1971-2007)

International Standard Bibliographic Description

Una descrizione bibliografica linsieme delle informazioni adatte a individuare in modo univoco un oggetto come un libro, unopera in pi volumi, un periodico, etc. Esempio:
La flora dei Colli Euganei / Antonio Mazzetti ; con un saggio di Roberto Valandro ; prefazione di Giovanni Giorgio Lorenzoni ; fotografie di Antonio Mazzetti. [Padova] : Editoriale Programma, copyr. 1987. 223 p. : ill. ; 24 cm. (Guide Programma ; 2). Bibliografia: p. 217-218 6 Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

Campi descrittivi (etichette)


Livello bibliografico Monografia Tipo documento Testo a stampa Autore principale Mazzetti, Antonio Titolo La flora dei Colli Euganei / Antonio Mazzetti ; con un saggio di Roberto Valandro ; prefazione di Giovanni Giorgio Lorenzoni ; fotografie di Antonio Mazzetti Pubblicazione Padova! : Editoriale Programma, c1987 Descrizione fisica 223 p. : ill. ; 24 cm. Collezione Guide Programma ; 2 Nomi [Autore] Mazzetti, Antonio Valandro, Roberto Lorenzoni, Giovanni Giorgio scheda di autorit Soggetti Flora - Colli Euganei Lingua di pubblicazione ITALIANO Paese di pubblicazione ITALIA Codice identificativo IT\ICCU\VIA\0042447
7 Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

Da ISBD a MARC

MAchine-Readable Cataloguing:
Notizia catalografica che viene automaticamente elaborata dal computer, il quale in grado di riconoscere lidentit dei diversi elementi della notizia e di trattarli di conseguenza. Notizia catalografica = Record bibliografico = Metadati. Criteri di compilazione determinati dalle normative catalografiche (ISBD, RICA o REICAT, AACR2 o RDA). Permette la ricerca negli OPAC. Personalizzazioni: USMARC, LCMARC, UKMARC, INTERMARC, etc. Scambio internazionale dei dati: 1977 UNIMARC (Universal Marc format).

Standard della Comunit Europea per i progetti di cooperazione.


Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

Esempio UniMarc
LEADER 01879nam0 22004093i 4500 001 IT\ICCU\VIA\0042447 005 20030721000000.0 100 $a19940314d1987 ||||0itac50 ba 101 $aita 102 $aIT 200 1 $a<<La >>flora dei Colli Euganei$fAntonio Mazzetti$gcon un saggio di Roberto Valandro$gprefazione di Giovanni Giorgio Lorenzoni$gfotografie di Antonio Mazzetti 210 $a Padova!$cEditoriale Programma$dc1987 215 $a223 p.$cill.$d24 cm. 410 0$1001IT\ICCU\CFI\0013254$12001 $aGuide Programma$v2 606 $aFLORA$xCOLLI EUGANEI$2FI $3IT\ICCU\MILC\081416 700 1$aMazzetti$b, Antonio$3IT\ICCU\CFIV\109879$4070 702 1$aValandro$b, Roberto$3IT\ICCU\CFIV\010684 702 1$aLorenzoni$b, Giovanni Giorgio$3IT\ICCU\CFIV\051518 790 1$aLorenzoni$b, G. G.$3IT\ICCU\SBNV\007337$zLorenzoni, Giovanni Giorgio 790 1$aLorenzoni$b, Giangiorgio$3IT\ICCU\SBNV\007338$zLorenzoni, Giovanni Giorgio 790 1$aLorenzoni$b, Gian Giorgio$3IT\ICCU\SBNV\007339$zLorenzoni, Giovanni Giorgio 801 3$aIT$bICCU$c20110907
9 Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

Accessi semantici: soggettazione


Insieme di procedure che permettono di organizzare e rappresentare il contenuto dei documenti. Due operazioni:
1. 2.

Analisi del documento (che permette l'identificazione del contenuto semantico). Traduzione del contenuto in un linguaggio normalizzato che consente il recupero dei documenti legati a un particolare argomento o che abbiano in comune la disciplina. Basato su un soggettario, ovvero una lista controllata di termini, definita thesaurus. Nuovo Soggettario BNCF: stabilisce relazioni tra i termini (semantiche valgono a priori), cos organizzate:

Linguaggio controllato:

TT (top term = ambito tematico) BT (broader term = termine pi generale) NT (narrower term = termine pi specifico) USE/UF (use/used for = usa/usato al posto di, equivale al vedi) RT (related term = termine correlato, equivale al vedi anche)
Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

10

Accessi semantici: classificazione


La classificazione decimale uno schema di ordinamento dei documenti su base disciplinare. La Classificazione Decimale Dewey (CDD), sviluppata dal bibliotecario statunitense Melvil Dewey (1851-1931) nel 1876, la classificazione bibliotecaria pi diffusa nel mondo: la adoperano pi di 135 paesi ed stata tradotta in pi di 30 lingue. Nata per ordinare i volumi in base alla materia nelle biblioteche a scaffale aperto. Esistono altri sistemi di classificazione generali e specifici di determinate discipline o tipologie di pubblicazioni. LUC utilizza i sistemi di classificazione della Library of Congress e della National Library of Medicine (NLM).
11 Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

Consultazione

Vi sono 3 modalit di consultazione per gli OPAC, che si integrano fra di loro:
1.

Interrogazione (query):
x parola chiave su tutti i campi (ricerca semplice) x parola chiave su campi precisi collegati da operatori booleani (ricerca avanzata).

2.

Navigazione (browsing):
utilizzando i collegamenti attivi nei campi delle schede catalografiche.

3.

Scorrimento di liste (scanning):


Utilizzando la ricerca per indici su
Titolo esatto Autore Autore/Titolo Soggetto ISBN/ISSN Titolo di Collana Collocazione Fondo Editore Luogo di produzione Classificazione

12

Informatica Umanistica 2011

19/10/2011

WebBridge Servizio More info

Nel catalogo classico, ogni notizia bibliografica accompagnata dal pulsante che attiva alcune funzioni di ricerca al di fuori del catalogo UC.

Utilizzando i metadati disponibili nel record bibliografico di partenza (es. ISBN, ISSN, Autore, Titolo, ...) il sistema esegue, automaticamente, ulteriori ricerche nelle risorse configurate. Indici e sommari (Table of Contents) di pubblicazioni possedute. Spogli bibliografici. Volumi posseduti in altre biblioteche. Recensioni (Review) di libri. Abstract o testi completi (Full Text) di articoli.
Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

Il servizio permette di reperire online:


13

Risorse elettroniche

Si dividono in:

REL (Risorse elettroniche locali)

Sono quelle conservate direttamente dalla biblioteca, o su supporti digitali (CD, DVD), oppure sul server (p.es. ebook, filmati, registrazioni sonore). Rappresentano una parte minore del posseduto.
Sono quelle conservate su server diversi da quelli della biblioteca, di cui quindi non si ha il possesso, bens laccesso:

RER (Risorse elettroniche remote)

Basi dati bibliografiche o testuali E-journal nativi o digitalizzati.

La loro accessibilit non permanente, in quanto dipende dal perdurare dellabbonamento stipulato.

14

Informatica Umanistica 2011

19/10/2011

Risorse elettroniche UC

Catalogo Banche Dati Delle 141 banche dati possedute, 124 sono ad accesso remoto.

Elenco Banche Dati con accesso fuori rete dAteneo (aggiornato al 6 giugno 2011) - documentazione [28 KB]

E-Journal - Catalogo Riviste Elettroniche (Millennium)

Il catalogo e-journal in buona parte copre quello delle banche dati, in quanto le BD full text ad accesso remoto riguardano riviste elettroniche. Gli e-journal sono compresi anche nel catalogo generale dei periodici.

Article Finder Modulo di ricerca per trovare in maniera rapida il testo completo di un determinato articolo pubblicato in un e15 journal cui la biblioteca Informatica Umanistica 2011 19/10/2011 UC abbonata.

Metaricerca ovvero ricerca federata

Il metamotore Research Pro interroga in tempo reale un insieme di basi dati che possibile selezionare per disciplina e/o singolarmente. Pu essere un utile punto di partenza per ottenere una prima panoramica sullargomento di ricerca e per facilitare la scelta tra le varie risorse disponibili. Comprende:

Cataloghi UCSC Cataloghi bibliografici Area biomedica Area economica Area giuridica Area matematico-scientifica Area sociologica Area umanistica Multidisciplinari Motori di ricerca
Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

16

Encore, la discovery interface UC

17

Informatica Umanistica 2011

19/10/2011

Legenda della SERP


1.
2.

3.

4.

5.

6.
18

Casella di ricerca per interrogazione semplificata in stile web 2.0 delle risorse del Sistema Bibliotecario dAteneo. Presentazione dei risultati corredata con informazioni e strumenti per una fruibilit ancora pi soddisfacente: aggiunta di tag e rating personali, esportazione in RefWorks, aggiunta al carrello personale per successiva esportazione via e-mail, contenuti extra (sommari, riassunti, recensioni, note sugli autori etc.) e multimediali correlati. Filtri per restringere la visualizzazione dei risultati (Collezione, Disponibilit, Data pubblicazione, Trovato in, Formato, Lingua, Luogo, Tag). Articoli e altro: strumento per ampliare la tua ricerca con linterrogazione di alcune tra le principali risorse elettroniche UCSC e di motori di ricerca esterni. Aggiunte recenti: segnalazione dei titoli utili alla tua ricerca pi recentemente aggiunti nel Catalogo generale. Ricerche relazionate: collegamento ad altre risorse UCSC potenzialmente pertinenti al tema di tuo interesse.
Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

DocTa e Open Access


Umanistica)

(cfr. pp. 303-315 di Informatica

La prima definizione di Open Access quella della Budapest Open Access Initiative (BOAI) del 2002 in cui si dice che: La letteratura che dovrebbe essere liberamente accessibile on-line quella che i ricercatori cedono senza corrispettivo economico. Con open access a questa letteratura intendiamo la sua libera disponibilit sulla rete, e il permesso a ogni utente di leggere, scaricare, copiare, distribuire, stampare, cercare, linkare al full text di questi articoli, indicizzare, passarne i dati al software o utilizzare per ogni altro scopo legale senza altre barriere finanziarie, legali o tecniche da quelle inseparabili dallaccesso a internet. La sola restrizione sulla riproduzione e la distribuzione, e il solo ruolo per il copyright in questambito, dovrebbe riguardare il mantenimento del controllo dellautore sullintegrit dellopera e il diritto di essere riconosciuto e citato correttamente.
19 Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

Strategie OA
1.

Green Road:
Autoarchiviazione in depositi istituzionali (di universit o enti di ricerca, p.es. Universit di Firenze) o disciplinari (dedicati a una singola disciplina, p.es. BioMedCentral). Openarchives.eu una guida ai repository digitali OA nel mondo, che consente anche la ricerca dei testi.

2.

Gold Road:
Pubblicazione su e-journal peer reviewed ad accesso aperto (p.es. Testo e senso). DOAJ il motore di ricerca per gli e-journal Open Access.
Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

20

Open Access in Italia


Dichiarazione di Messina del 4-5 novembre 2004 in sostegno dellOA, firmata da 71 dei 77 atenei italiani. La Conferenza dei Rettori delle Universit Italiane (CRUI) nel 2006 crea il gruppo OA allinterno della Commissione biblioteche per redigere linee guida in materia di OA. Nel novembre 2007 la Commissione biblioteche approva le Linee guida per laccesso aperto alle tesi di dottorato. 1. un patrimonio considerevole (migliaia ogni anno). 2. Sono equiparabili a testi peer reviewed, ma senza un canale di diffusione. DART-Europe E-theses Portal il portale per laggregazione e laccesso alle e-thesis in Europa. 3. Nascono fuori dei canali editoriali, per cui possono essere liberamente pubblicate senza considerazioni commerciali e di copyright. 4. Sono in obbligo di deposito presso la BNF. 5. Le linee guida prevedono che i bandi di dottorato contengano la clausola di pubblicazione OA. 6. Le universit italiane che hanno aderito al progetto sono al momento 34.
21 Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

Cataloghi esterni
VRD nazionale e internazionale Biblioteche italiane

Cataloghi delle principali biblioteche in Italia Cataloghi collettivi italiani Cataloghi di biblioteche nazionali estere Cataloghi collettivi esteri

Biblioteche estere

Cataloghi e siti web di biblioteche italiane e del mondo - repertori curati da AIB Cataloghi remoti (via Z3950)

Lo Z39.50 un protocollo di comunicazione elettronica che permette di interrogare pi archivi, uno alla volta o contemporaneamente, attraverso una singola interfaccia e un singolo linguaggio di interrogazione, semplificando cos il processo di recupero di documenti di interesse.
Informatica Umanistica 2011 19/10/2011

22