Sei sulla pagina 1di 170

1

AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA


NDCE
Programma
Riorganizzazione dei Servizi e Risanamento Economico Aziendale

NDCE
1
L QUADRO D CONTESTO N CU OPERA LA SOCETA pag. 4

ANALS STORCA ED EVOLUZONE ECONOMCA pag. 19


3
SERVZ E LA LORO VALORZZAZONE pag. 37
4
L PANO D SVLUPPO pag. 91
5
QUADRO ECONOMCO-PATRMONALE-FNANZARO
"l contratto di servizio con il Comune di Palermo pag. 146
6
OBETTV E SVLUPPO ECONOMCO pag. 156
7
DAT PREVSONAL:i ricavi pag. 159
8
DAT PREVSONAL: i costi pag. 163
9
DAT PREVSONAL: investimenti/ricapitalizzazione/ripatrimonializzazione pag. 168
3
AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA
Programma
l presente documento viene redatto ad integrazione del
programma predisposto ai sensi degli articoli 54 e seguenti
D.l.vo 70/99, gi depositato, e si propone di fornire il quadro
attuale del Gruppo Amia e di esporre le linee guida per lo
sviluppo strategico e la ricapitalizzazione della societ. n
particolare, vengono forniti riferimenti specifici alle principali
direttrici industriali, alle implicazioni realizzative, anche di natura
socio-politico, legate al peculiare contesto in cui si opera ed ai
conseguenti risultati economici e finanziari.
4
AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA
Programma
L QUADRO D CONTESTO N CU OPERA LA SOCETA'
1
5
Le opportunit e Ie minacce per AMIA derivano, principaImente, daI contesto normativo e
daIIe caratteristiche deI settore di riferimento
Opportunit e minacce provenienti daI contesto esterno Opportunit e minacce provenienti daI contesto esterno
EIementi di settore EIementi normativi
Piano Regionale dei Rifiuti in fase di elabora-
zione (draft preliminare)
stituzione di n. 10 nuovi ATO nella Regione
Siciliana con autosufficienza in ognuno di
questi per lo smaltimento rifiuti, non ancora
operativi
Obiettivi regionali raccolta differenziata:
0% (010)
40% (01)
65% (015)
Le gestioni dirette in essere scadono il 31
dicembre 011
Le modalit di affidamento sono: ordinario
(procedure competitive a evidenza pubblica,
societ miste pubblico / privato) e per deroga
(in house)
l Commissario Delegato pu adeguare le
discariche per fronteggiare l'emergenza e
autorizzare gli impianti di termovalorizzazione
individuati
La Sicilia, con ca. 56 Kg. di rifiuti prodotti
all'anno per abitante, si colloca in posizione
intermedia a livello nazionale (Palermo si
attesta su valori molto elevati, ~ 63 Kg)
La raccolta differenziata nella Regione ed a
Palermo inferiore alla media nazionale (6,7%
e 6,5%); i costi per la raccolta differenziata
sono elevati
A livello nazionale si rilevano trend crescenti di
raccolta differenziata con esempi di forte
sviluppo (pari a ca. 16 punti percentuali in
quattro anni), ma con profili di gradualit
l grado di copertura dei costi della Sicilia il
minore tra le regioni italiane
La Sicilia presenta costi per lo smaltimento
minori rispetto alla media nazionale, a fronte di
un ricorso alla discarica tra i maggiori in talia
Rispetto alle aziende comparabili di grandi
dimensioni AMA risulta a superiore intensit
di lavoro
Le forze operanti nel contesto di AMA
6
iscariche
Rifiuti speciaIi
inceneritori
II Waste Management in ItaIia totaIizza pi di 32 miIioni ton di Rifiuti Urbani e 117 miIioni tonnneIIate
di Rifiuti SpeciaIi. La raccoIta differenziata ha registrato un aumento rispetto agIi uItimi anni, mentre
i rifiuti conferiti in discarica sono diminuiti in modo significativo
Fonte: Osservatorio Nazionale Rifiuti, 009
(*) codici CER 00301, 00303 e scarti della raccolta differenziata
RaccoIta SeIezione
Trattamento
TMB
RicicIo
Incenerimento
Recupero
SmaItimento
Mercato Mercato
CR
compostaggio
BiostabiIizz. BiostabiIizz.
CR CR
iscariche
Rifiuti
urbani
~ 16 ~ 16
~ 3,5 ~ 3,5
Inceneritori
UtiIiz. compost UtiIiz. compost
Rifiuti
Indifferenziati*
Rifiuti
Indifferenziati*
~ 22 ~ 22
~ 7 ~ 7
~0.7 ~0.7
~ 25 ~ 25
ImbaIIaggi industriaIi
AItri materiaIi
ImbaIIaggi industriaIi
AItri materiaIi
Aziende manufacturing
Costruzioni e demoIizioni
Fanghi depurazione e aItri residui da rifiuti urbani e speciaIi
~ 117 ~ 117
Rifiuti
SpeciaIi**
La filiera italiana dell'giene Ambientale
~52 ~52
~46 ~46
~15 ~15
RU
Rifiuti speciaIi pericoIosi
~4 ~4
0,5 mIn di
tonneIIata sono
Ingombranti a
smaItimento
~3,0 ~3,0
~1,5 ~1,5
~0,6 ~0,6
~3,4 ~3,4
~0,3 ~0,3
~1,3 ~1,3
(**) Dati 006: ultima rilevazione ufficiali relativa alla raccolta Rifiuti Speciali
SeIezione e
separazione
PIastica
Carta
Vetro
Organica
MetaIIi
RaccoIta
differenziata
RaccoIta
differenziata
~ 10 ~ 10
PIastica PIastica
Carta Carta
Vetro Vetro
Organica Organica
MetaIIi MetaIIi
AItro AItro
~ 32,5 ~ 32,5
Rifiuti
Urbani
ImbaIIaggi industriaIi
AItri materiaIi
AItro ricicIo
7
Produzione Rifiuti urbani in ItaIia
004-008; Milioni Ton
Fonte: Elaborazioni BP su dati Utilitatis e SPRA, Rapporto Rifiuti, 009
1,0% 1,0% CAGR
Produzione Rifiuti urbani per Regione
008; Milioni Ton; % CAGR 004-008
La produzione di rifiuti urbani cresciuta, neI decennio 2004 - 2008, con un tasso medio annuo pari a
1% ca. (neI quinquennio precedente era stata deI 2,4%)
A far data dal 2008 si rilevata una diminuzione deIIa produzione di Rifiuti Urbani, principalmente causata da un
rallentamento dei consumi e del PL, quale effetto della crisi economica ma rileva anche una riduzione della elasticit della
produzione procapite al PL
Nord: 14.8 miI. T
Centro: 7.3 miI. T
Sud: 10.3 miI. T
% CAGR 004-008
,5
,6
,7 ,7 ,6
2004 2005 2006 2007 2008
Resto
dell'talia
Sicilia
31,15
31,66
32,51
32,54
32,47
2,79
1,00
0,49
0,86
2,52
2,65
0,27
0,13
1.% 1.%
.6% .6%
1.8% 1.8%
- -
.1% .1%
5.4%
5,02
2,95
0,61
0,51
2,26
0,99
0,08
0,55
2,54
2,72
2,13
0,23
0,13
1.% 1.2%
.6% 2,0%
2,5%
0,3%
1.8% 0,9%
0,9%
- 1.4%
1,5%
1,5%
0,5%
1,2%
.1% 3,5%
-0,6%
1,0%
1,8%
-0,6%
-0,9%
0,8%
5.4% -1,0%
2,3%
2,41
3,34
0,70
0,92
0,85
Rifiuti Urbani: Produzione nazionale e per Regione
8
La produzione di rifiuti urbani in ItaIia si attesta su ca. 541 kg annui per abitante (1,48 kg aI giorno per
abitante), pur con disparit regionaIi e picchi in aIcune regioni deI Centro e Nord
picchi si registrano in
Toscana, EmiIia Romagna,
Umbria, Liguria e VaI d'Aosta
(superiori a 600 kg), seguite da
Marche e Lazio
La SiciIia si colloca in una
posizione intermedia, con un
valore di poco inferiore rispet-
to alla media itaIiana
La produzione giornaliera della
regione SiciIiana circa 1,44
kg aI giorno per abitante,
inferiore rispetto alla media
nazionale
Produzione rifiuti urbani procapite
008; Kg. per abitante per anno
Rifiuti Urbani: Produzione procapite per Regione
> 600 Kg
550 - 600 Kg
500 - 550 Kg
450 - 500 Kg
< 450 Kg
515
509
608
496
494
497
612
680
686
613
551
524
594
420
507
526
468
523
386
459
Nord: 541 Kg.
Centro: 619 Kg.
Sud e IsoIe: 496 Kg.
ItaIia: 541 Kg.
Fonte: SPRA, Rapporto Rifiuti, 009
9
La produzione di rifiuti urbani per abitante neIIe maggiori citt evidenzia trend differenziati: iI
turismo e i city users hanno un impatto significativo, unitamente aIIa differenze neIIe modaIit di
assimiIazione dei rifiuti speciaIi e ai conferimenti impropri. Lo sviIuppo deIIa raccoIta differenziata
porta a porta induce invece una contrazione deIIa produzione
Produzione rifiuti urbani neIIe maggiori citt (> 150.000 ab.)
008; Kg. per abitante
Fonte: SPRA, Rapporto Rifiuti, 009
> 600 Kg
550-600 Kg
450-550 Kg
Rifiuti Urbani: Produzione procapite nelle maggiori citt
MiIano: 577
Torino: 577
Brescia: 729
Genova: 542
BoIogna: 574
Roma: 648
Verona: 558
Venezia: 765
Padova: 689
Bari: 618
Firenze: 709
NapoIi: 635
PaIermo: 623
Catania: 756
CagIiari: 626
Parma: 569
Taranto: 610
Reggio
CaIabria: 488
Foggia: 483
Modena: 657
Trieste: 488
Livorno: 596
Perugia: 730
Messina: 508
Media ItaIia: 541 Kg.
PaIermo evidenzia una produzione
eIevata per I'effetto congiunto
deIIe variabiIi considerate:
Elevato afflusso turistico
Rilevanza dei "city users
Raccolta differenziata a livelli
contenuti
Elavato grado di "assimila-
zione e conferimenti impropri
10
La Regione SiciIia presenta iI rapporto Produzione Rifiuti Urbani / PIL tra i pi aIti d'ItaIia, anche
per Ia presenza di modeIIi di consumo in Iarga misura invarianti rispetto aI reddito
La modalit di contabiIizzazione dei rifiuti (differenze nelle modalit di assimilazione dei rifiuti speciali e conferimenti
impropri) ha, anch'essa, un effetto sull'indicatore, incrementando i volumi di produzione di Rifiuti Urbani
Fonte: Elaborazione BP su dati SPRA e stat, 009
008, Produzione RU / PL Regionale; tonn / mln C
15,4
16,4
17,0
18,9
1,9 ,0
5,8
8,3
L
o
m
b
a
r
d
i
a
E
m
i
l
i
a

R
o
m
a
g
n
a
V
e
n
e
t
o
P
i
e
m
o
n
t
e
L
i
g
u
r
i
a
F
r
i
u
l
i

V
e
n
e
z
i
a

G
i
u
l
i
a
T
r
e
n
t
i
n
o

A
l
t
o

A
d
i
g
e
V
a
l
l
e

d
'
A
o
s
t
a
L
a
z
i
o
T
o
s
c
a
n
a
M
a
r
c
h
e
U
m
b
r
i
a
3,9
5,6
9,6
31,1
Media ITALIA: 5,4 5,4
Media CENTRO:
26,4
Media NOR: 18,7
Rifiuti Urbani: Produzione su PL
Produzione rifiuti su PIL
C
a
m
p
a
n
i
a
S
i
c
i
I
i
a
P
u
g
l
i
a
C
a
l
a
b
r
i
a
S
a
r
d
e
g
n
a
A
b
r
u
z
z
o
B
a
s
i
l
i
c
a
t
a
M
o
l
i
s
e
0,4
0,8
4,9
7,0
7,8
9,5
9,9 30,
Media SU: 28,2
11
Principali player della raccolta e trasporto
servizi di igiene urbana sono gestiti daII'ente IocaIe, titolare della privativa, direttamente o tramite impresa pubblica,
oppure mediante affidamento a terzi
Negli ultimi anni la normativa ha cercato di promuovere la competizione tramite le gare e favorire l'ingresso di capitali privati
Le aziende private presenti ad oggi servono per la maggior parte reaIt di piccoIe/medie dimensioni
Fonti: Utilitatis 009 e dati di bilancio aziendali 008
AMIA si coIIoca tra i principaIi player deIIa raccoIta, coIIocandosi in sesta posizione neI ranking
nazionaIe per fatturato
MoIto Grandi
(>150mln) Grandi (>90mln) Medie (<90 e > 50 mln)
50
100
150
00
50
300
350
400
A
M
A

S
P
A
A
M
S
A

S
.
P
.
A
.
A
M

A
T

S
P
A
A
M

A

P
a
l
e
r
m
o
A
M

U

S
.
P
.
A
.
T
M
.
E
.

S
.
P
.
A
.
D
e

V
i
z
i
a

T
r
a
n
s
f
e
r
.
E
C
O
N
O
R
D

S
.
P
.
A
.
Q
u
a
d
r
i
f
o
g
l
i
o

S
P
A
G
r
u
p
p
o

B
i
a
n
c
a
m
a
n
o
C
O
.
L
A
.
R

.

M
u
l
t
i
s
e
r
v
i
z
i

R
o
m
a
M
a
n
u
t
e
n
c
o
o
p
G
E
S
E
N
U
S
.
P
.
A
.
C
O
O
P
L
A
T
A
.
S
.
P
.

.
C
.
A
E
N

A

P
A
R
M
A
P
u
b
l
i
a
m
b
i
e
n
t
e
G
E
O
F
O
R

S
.
P
.
A
.
A
M

A

V
E
R
O
N
A
A
.
S
.
M
.

A
.
A
M
.
P
.
S
.

M
o
n
t
e
l
l
o
W
a
s
t
e

t
a
l
i
a
A
M

U

B
a
r
i
600
MIn C
PrincipaIi pIayer itaIiani per fatturato
Dati in mln C
CIassificazione per forma societaria
% aziende; % abitanti serviti
% di aziende
% Popolazione
Gestione
dirette
Imprese
pubbIiche
Operatori
privati
19,1%
34,8%
10,1%
59,%
46,1%
30,7%
H
E
R
A

A
m
b
i
e
n
t
e
1
> 40 %
30-40%
15-29%
5-14%
RaccoIta differenziata per Regione
008; raccolta differenziata come % rifiuti urbani
La Regione SiciIia presenta una percentuaIe di raccoIta differenziata mediamente inferiore rispetto
aIIe principaIi regioni itaIiane
36,8%
46,2%
48,5%
56,8%
52,9%
42,6%
42,7%
33,6%
21,8%
26,3%
28,9%
21,9%
12,9%
37,7%
6,5%
10,6%
9,1%
19,0%
12,7%
6,7%
RaccoIta differenziata per provincia
008; raccolta differenziata come % rifiuti urbani
Raccolta differenziata in talia per Regioni e citt
Fonte: SPRA, Rapporto Rifiuti, 009
Nord: 45,5%
Centro: 22,9%
Sud:14,7%
ItaIia: 30,6%
MiIano: 45,8%
Torino:
49,3%
Brescia: 39,1%
Genova: 20,8%
BoIogna: 35,1%
Roma: 13,7%
Verona: 48,8%
Venezia: 41,5%
Padova: 56,7%
Bari: 12.0%
Firenze: 36,3%
NapoIi: 14,8%
PaIermo: 6,5%
Catania: 6,3%
CagIiari:
35,6%
Parma: 47,8%
Taranto:
6,8%
Foggia: 9,7%
Modena: 26.2%
Trieste: 20,3%
Reggio CaIabria: 10,2%
Aosta: 38,6%
> 40 %
30-40%
15-29%
5-14%
La provincia di PaIermo presenta un livello di Raccolta differenziata di poco inferiore rispetto aIIa Regione
13
AMA presenta una preponderanza ancora pi marcata deI costo deI personaIe, con un impatto minore dei servizi
Gli ammortamenti di AMA dimostrano un basso IiveIIo di meccanizzazione dei servizi e di dotazione impiantistica
Costi della produzione per classi di operatori
Fonte: Utilitatis, Green Book, 009
Composizione dei costi di produzione per cIassi dimensionaIi di imprese
007, % del totale dei costi di produzione; classificazione panel in base al fatturato*
AMIA (009) Top Grandi Medio/Grandi Medio/PiccoIe
^
: Non considera eventi straordinari avvenuti nel 009
5,5% Costi materie prime 5,8% 6,3% 4,7%
11,% Ammortamenti e sval. 8,7% 7,% 5,7%
,% Godimento beni di terzi ,8% 4,4% 5,5%
34,7% Acquisto servizi 5,4% 43,0% 44,1%
4,0% Costi del personale 5,7% 34,1% 35,%
1,4% Accantonamenti 1,5% 1,9% ,3%
3,1% Oneri diversi 3,1% 3,0% ,6%
4,7% 4,7%
2,2%
^
2,2%
^
3,2% 3,2%
25,2% 25,2%
56,0% 56,0%
3,0% 3,0%
5,7% 5,7%
Le aziende di maggiori dimensioni presentano una forte incidenza dei costi deI personaIe e
deII'acquisto di servizi, ai quaIi si aggiunge un vaIore non trascurabiIe per gIi ammortamenti,
dovuto aIIa presenza di impianti di propriet
* : Top > 55Mil C, 0Mil C < Grandi < 55Mil C, 10 Mil C < Medio/Grandi < 0Mil C, 5Mil C < Medio/Piccole < 10 Mil C
14
Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Aspetti principali
L'ipotesi di Pianificazione RegionaIe per Ia Regione SiciIia - attuaImente in fase di definizione
preIiminare - prevede tre fasi principaIi per garantire iI superamento deII'emergenza rifiuti
Si prevede di garantire una capacit residua di abbancamento minima di 36 mesi per tutti gli Ambiti Provinciali
La gestione dei rifiuti urbani deve priviIegiare Ie attivit di prevenzione, riutiIizzo, ricicIaggio, recupero energetico e,
residualmente, smaItimento dei rifiuti in discarica (Dlgs15 /006 Titolo )
Fonte: elaborazioni BP su ipotesi di pianificazione regionale
* Bellolampo stralcio V vasca
** Bellolampo implementazione V vasca
SerradifaIco SerradifaIco
Assoro Assoro
CasteIIana
SicuIa
CasteIIana
SicuIa
BoIognetta BoIognetta
CamporeaIe CamporeaIe
PaIermo** PaIermo**
PaIermo* PaIermo*
Sciacca Sciacca
CampobeIIo
di Licata
CampobeIIo
di Licata
Motta
S.Anastasia
Motta
S.Anastasia
Trapani Trapani
1. EmergenziaIe: interventi da avviare
nel breve periodo per permettere lo
scarico in discarica, attraverso
I'incremento deIIa R, in
particolare nei grandi centri urbani
2. Transitoria: monitoraggio continuo
finalizzato a garantire il
funzionamento deII'impiantistica
esistente e lo stato di avanzamento
dei progetti previsti, mantenendo una
visione aggiornata della capacit
residua neIIe discariche
3. A regime: avvio della reaIizzazione
deII'impiantistica destinata al
trattamento finale del RUR
3 fasi previste neI Piano: 3 fasi previste neI Piano:
15
Sintesi delle principali evidenze normative con impatto su AMA
Le pi recenti normative con impatto su AMIA, neIIe principaIi fasi deIIa catena deI vaIore deIIa
gestione dei rifiuti, vengono - di seguito - esaminate
Gli elementi normativi nazionali e regionali che hanno o potranno avere un impatto significativo su AMA vengono,
dettagliatamente illustrati, nelle pagine che seguono:
Governance e
Pianificazione
Governance e
Pianificazione
Recupero e
SmaItimento
Recupero e
SmaItimento
RaccoIta e
Servizi
RaccoIta e
Servizi
CIienti e
Tariffa
CIienti e
Tariffa
Emergenza
Rifiuti
Regione SiciIiana
Emergenza
Rifiuti
Regione SiciIiana
Si conferma la gestione
integrata per ATO,
dando priorit alla
dimensione provinciale
nella individuazione dei
10 nuovi ATO
Vengono delineate le
modaIit di
affidamento: ordinario
(procedure competitive
a evidenza pubblica,
societ miste pubblico /
privato) e per deroga
(in house)
Le gestioni dirette in
essere scadono iI 31
dicembre 2011
La gestione dei
rifiuti deve
privilegiare la
prevenzione, il
riutilizzo, il
riciclaggio, il
recupero energetico
e, residualmente, lo
smaltimento
n ogni ATO deve
esistere una
autosufficienza
per Io smaItimento
rifiuti
La Legge Regionale
ristabilisce, rispetto
alla normativa
nazionale, la
tempificazione e gli
obiettivi di raccoIta
differenziata come
segue:
Anno 2010:
Raccolta
differenziata 20%
Anno 2012:
Raccolta
differenziata 40%
Anno 2015:
Raccolta
differenziata 65%
La tariffa sui rifiuti
commisurata alla
quantit e qualit
media di rifiuti prodotta
per unit di superficie e
deve garantire Ia
copertura dei costi
accessori della
gestione
Viene determinata
tramite I'Autorit di
Ambito e riscossa daI
gestore
II Commissario
eIegato incaricato
a raggiungere il 35%
di R e adeguare Ie
discariche per
fronteggiare
l'emergenza
II Commissario
deIegato dispone di
ampi poteri, essendo
autorizzato a
realizzare interventi
di immediato effetto
e impianti di
termovaIorizzazione
individuati
16
Elementi del contesto normativo di riferimento
Modalit di affidamento
Una modifica importante stata apportata riguardo al conferimento della gestione dei servizi
pubblici locali, con due possibili modalit:
~ Ordinaria:
A favore di imprenditori o di societ in qualunque forma costituite individuati mediante
procedure competitive ad evidenza pubbIica nel rispetto dei principi del Trattato
che istituisce la Comunit europea e dei principi generali relativi ai contratti pubblici
A societ a partecipazione mista pubbIica e privata a condizione che la selezione
del socio avvenga mediante procedure competitive ad evidenza pubblica, le quali
abbiano ad oggetto la qualit di socio e l'attribuzione dei compiti operativi connessi
alla gestione del servizio e che al socio sia attribuita una partecipazione non inferiore
al 40 %
~ eroga ("in House"):
Affidamento verso societ a capitaIe interamente pubbIico partecipata dall'ente
locale nel rispetto dei principi Comunitari in materia di controllo analogo e di
prevalenza dell'attivit svolta con l'ente o gli enti pubblici che la controllano, in
presenza di situazioni eccezionali economiche (comma 3) non consentano un efficace
e utile ricorso al mercato (questo per evitare gare "a vuoto)
L'affidamento deIIa gestione dei servizi pubbIici IocaIi di raccoIta e spazzamento rifiuti
viene effettuato tramite gare pubbIiche indette secondo due modaIit: ordinarie (con
procedure competitive o societ a partecipazione mista pubbIico/privato) e in deroga (in
House)
L 25/06/2008 e
L 25/09/2009
(Art. 23-bis)
L 25/06/2008 e
L 25/09/2009
(Art. 23-bis)
Norma Norma Punti saIienti Punti saIienti
17
Le gestioni in house in essere alla data del agosto 008 cessano,
improrogabiImente, iI 31 dicembre 2011; esse cessano alla scadenza prevista dal
contratto di servizio a condizione che entro il 31 dicembre 011 le amministrazioni cedano
aImeno iI 40% deI capitaIe
Le gestioni affidate direttamente a societ miste senza Ia procedura deIIa "gara a
doppio oggetto" cessano improrogabilmente alla data del 31 dicembre 011
Le gestioni affidate direttamente a societ miste con procedura di "gara a doppio
oggetto cessano alla scadenza prevista nel contratto di servizio (e, dunque, anche oltre il
termine del 31 dicembre 011)
GIi affidamenti diretti assentiti alla data del 1 ottobre 003 a societ a partecipazione
pubblica gi quotate in borsa a tale data cessano alla scadenza prevista nel contratto di
servizio, a condizione che la partecipazione pubblica si riduca progressivamente (ad una
quota non superiore al 40 % entro il 30 giugno 013 e non superiore al 30 % entro il 31
dicembre 015)
Art. 23-bis L
25/06/2008 e L
25/09/2009
Art. 23-bis L
25/06/2008 e L
25/09/2009
Norma Norma Punti saIienti Punti saIienti
Le gestioni dirette in essere cessano iI 31 dicembre 2011 a meno che non si abbia Ia cessione deI
40% deI capitaIe ad un socio privato
Elementi del contesto normativo di riferimento
Scadenza delle gestioni in essere
18
Opportunit e minacce provenienti dal contesto esterno
Aree di opportunit PotenziaIi minacce
AMA uno dei principaIi pIayer nazionaIi,
con potenziali economie di scala e potenzialit
di beneficiare in ottica prospettica su possibili
aperture all'interno del proprio ATO
Messa a gara prospettica deI servizio da
parte dell'ATO, con efficacia del servizio /
efficienze a regime
Presidio di tutte Ie fasi deIIa fiIiera
Ampi poteri attribuiti aI Commissario
regionaIe per l'emergenza rifiuti, su tematiche
attinenti alla raccolta differenziata, allo
smaltimento in discarica, agli impianti di
termovalorizzazione
Disponibilit di siti per sviIuppo impian-
tistico, anche in ottica integrata a livello di
ATO
Potenzialit di estendere in ottica prospettica il
servizio di Manutenzione strade anche
presso Comuni terzi
Potenzialit di sviIuppo business presso
privati e, successivamente alla gara, parteci-
pazione ad altri ATO
EIevata produzione di rifiuti pro capite e
rispetto al PL
Obiettivi di raccoIta differenziata moIto
sfidanti rispetto ai livelli attuali, ancora molto
contenuti
Grado di copertura dei costi (tassa / tarif-
fa) deIIa Regione minore in talia
eboIe sistema industriaIe di recupero /
ricicIo neIIa Regione, con impatto su tempi /
distanze e costi
Costi superiori per Ia raccoIta differen-
ziata
Assenza di impianti di termo-
vaIorizzazione nella Regione (attualmente
non previsti nella bozza di Piano Regionale)
Tempi di attuazione deI Piano RegionaIe
19
AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA
Programma
ANALS STORCA ED EVOLUZONE ECONOMCA

0
Le chiavi di lettura del contesto AMA
Aree di forza e di deboIezza Aree di forza e di deboIezza
La Iettura deIIe performance economico-gestionaIi deIIa Societ, aIIa Iuce deI Contratto di Servizio,
deII'assetto deIIe Operations e deI presidio deIIe risorse (umane, fisiche, tecnoIogiche e
immateriaIi) consente di fornire una chiave di Iettura deI contesto" as-is"
Contratto di Servizio ed
evoIuzioni societarie
Contratto di Servizio ed
evoIuzioni societarie
Situazione economica Situazione economica Operations e Organizzazione Operations e Organizzazione
Nel 009 scostamento da fatturato
potenziale (CdS) per circa 4 mln C (ca. 1
mln su giene e ca. 3 mln su strade)
Ricavi da Comuni terzi per ca. 10, mln
C (in diminuzione nel 010)
Costo principale del Personale (ca. 80
mln C) e costi per CdS Essemme (ca. 7
mln C)
Elevate penali erogate per l'giene e la
manutenzione strade nel corso 010
(accordo su tetto del 3%)
Elevati straordinari (in calo nel 010)
EBTDA e EBT negativi nel 009
(rispettivamente -,4 e -17,5 mln C)
CdS giene Ambientale: ca.70,8 mln C +
ca. 1 mln per integrazione servizio
Essemme (006) + addendum com-
postaggio e pretrattamento (010)
CdS Manutenzione Strade: ca. 14 mln C
Costituzione di AMA Essemme mediante
acquisizione risorse in pi step dal 004
Amministrazione straordinaria da 04/10
Conferma ricapitalizzazione Delibera
Consiglio Comunale (06/10)
Attivazione del PaP spinto (centro)
Forte incremento del turno pomeridiano
su raccolta indifferenziata, anche per
criticit su mezzi (guasti, fermi)
Unico scarico mezzi raccolta indiffer.
Parco cassonetti sottodimensionato
Vincoli di sistema nello smaltimento /
riciclo (distanze / costi)
Saturazione prossima della discarica
Parco mezzi sovradimensionato; elevati
tempi e costi riparazioni esterne
Spazzamento non meccanizzato
Efficienze su altri servizi Essemme
1
iI Gruppo AMIA presentava Ia seguente area significativa di consoIidamento:
Amia S.p.A.
100 %
Amia Essemme
S.r.l.
100 %
Amia Servizi
S.r.l.
48 %
Palermo Energia
Ambiente S.c.p.A.
AI 31 dicembre 2008
AMIA Spa e Ie sue controIIate detenevano aItres taIune partecipazioni non quaIificate

Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
Valori Patrimoniali - Quadriennio 007/010
(*) Valori al marzo 011
importi in migliaia di euro) 31-dic-07 31-dic-08 31-dic-09 31-dic-10 )
Crediti v/ Soci e/o Enti
PubbIici
0 50.000.000 0 64.299.564
Attivit ImmobiIizzate 51.206.964 37.525.846 59.950.077 76.834.587
Rimanenze 1.668.34 .113.99 .650.157 73.645
Crediti V/ Controllante 80.63.35 17.178.541 30.934.090 38.546.859
Crediti V/ Clienti 79.168.941 74.367.017 106.080.083 101.356.67
Crediti V/ Altri 104.174.810 48.005.68 46.15.110 4.983.67
Disponibilit liquide 1.858.149 161.857 107.370 11.800
Ratei e Risconti attivi 14.340.877 11.78.899 145.369 0
Attivit Correnti 281.843.444 153.555.511 186.042.179 182.972.603
TOTALE ATTIVITA' 333.050.408 241.081.357 245.992.256 324.106.754
Capitale Sociale 39.637.76 53.865.553 53.865.553 53.865.553
Riserve patrimoniali 15.003.41 0 0 85.49.564
Utile (Perdita) d'Esercizio -30.83.98 -131.371.875 -155.675.463 -155.706.037
PATRIMONIO NETTO (EFICIT
PATRIMONIALE)
23.808.039 -77.506.322 -101.809.910 -36.139.194
Fondo post - mortem 70.37.590 70.664.38 70.664.38 64.5.446
Fondo Rischi ed Oneri futuri .514.131 5.380.90 64.847.479 65.754.657
TFR 33.716.53 9.177.387 8.997.985 9.739.3
Altri Debiti a m/l termine 0.16.869 8.764.479 7.598.790 7.733.57
Passivit a m/I termine 126.685.122 133.987.024 192.108.492 187.452.898
Debiti finanziari a breve termine 55.75.615 31.531.645 30.955.68 8.457.873
Debiti V/ fornitori a breve termine 6.777.16 67.705.163 53.05.011 8.696.797
Debiti V/ Altri 63.913.640 84.907.847 58.660.357 61.638.380
Ratei e Risconti passivi 590.776 456.000 13.05.678 0
Passivit a breve termine 182.557.247 184.600.655 155.693.674 172.793.050
TOTALE PASSIVITA' 333.050.408 241.081.357 245.992.256 324.106.754
3
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
Valori Economici(*) - Quinquennio 006-010
(*) Conti Economici sono stati riclassificati per natura
(**) Valori al marzo 011
(***) Comprensivo di giene Ambientale e Manutenzione Strade
Euro 006 007 008 009 010 (**)
Ricavi delle Vendite e delle prestazioni
97.98.371 97.867.099 97.047.976 93.953.077 99.931.74
a) corrispettivo da Amm.ne Com.le (***)
b) ricavi per servizi a terzi
6.54.155 3.946.745 0.109.87 0.750.5 10.189.498
c) altri ricavi
6.735.88 14.999.55 1.670.970 6.541.44 3.449.163
d) ricavi copert. costi gest post-mortem 13.395.16 1.606.754 4.499.48 4.845.907 .896.780
TotaIe vaIore deIIa produzione (A) 144.366.976 149.419.853 13.38.300 16.090.678 116.467.183
Costi della Produzione
-11.393.704 -7.7.71 -10.885.919
a) 5er materie 5rime, sussidiarie,
consumo, merci e var. riman. -10.87.48 -7.517.694
b) 5er servizi
-40.143.178 -51.891.0 -40.048.463 -40.836.0 -43.678.110
c) 5er il 5ersonale
-83.004.776 -83.414.817 -8.81.530 -80.391.444 -74.540.64
d) oneri diversi di gestione
-15.69.406 -14.457.135 -8.40.608 -7.593.509 -.37.990
TotaIe costi (B) -149.89.84 -161.156.876 -138.808.95 -136.093.867 -131.43.661
Margine Operativo Lordo (A-B)
-4.922.866 -11.737.023 -15.479.995 -10.003.189 -14.965.478
Percentuali dei ricavi (%)
,41% ,86% 12,55% ,9% 12,85%
a) Ammortamenti,
svalutazioni ed accantonamenti -18.753.98 -18.57.856 -46.387.570 -7.503.146 -4.38.790
Risultato Operativo -23.676.164 -30.309.879
-61.867.565
-17.506.335 -19.204.268
a) Gestione straordinaria
-3.661.100 1.455.145 -119.446.797 -4.175.784 1.49.468
RisuItato ante imposte 8.984.936 -28.854.734
-181.314.36
-21.682.119 -17.774.800
mposte dellesercizio (ires irap)
-8.784.586 -1.978.194 0 -.61.469 -1.773.474
RisuItato netto 200.350 -30.832.928 -181.314.362 -24.303.588 -19.548.274
4
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
Valore della Produzione
Storico Aziendale 008 - 010
(*) Fino al 008 compreso risultano non
incassati i correlati crediti per circa l'80%
Tipologie dei Ricavi x
macrovoci riepilogative
Al 31 dicembre 008 Al 31 dicembre 009 Al 31 dicembre 010
Ricavi da corrispettivo
Comune di Palermo . A.
C 83.01.359 C 83.01.358 C 89.310.761
Ricavi da corrispettivo
Comune di Palermo M.S.
C 14.035.617 C 10.940.719 C 10.61.331
Ricavi da terzi per
smaltimento rsu (*)
C 0.109.87 C 0.750.5 C 10.189.498
Ricavi da Raccolta
differenziata
C 600.000 C 604.000 C 870.000
Ricavi per gestione post
mortem
C 4.499.48 C 4.845.907 C .896.780
Altri Ricavi (da Comune di
Palermo e da terzi)
C 1.070.970 C 5.937.44 C .578.813
TOTALI
C 123.328.300 C 126.090.678 C 116.467.183
0
20.000.000
40.000.000
60.000.000
80.000.000
100.000.000
2008 2009 2010
Comune PA
Terzi
R..
Post mortem
AItri
5
II compIesso dei ricavi aziendaIi composto da:
- servizio di igiene ambientale svolto per il Comune di Palermo (1)
- servizio di conferimento in discarica per gli altri enti conferitori diversi da Palermo
- servizio di manutenzione strade ed emergenza e gestione dei sinistri
- servizi vari ad altri soggetti diversi anche occasionali.
ricavi da terzi non includono pi il servizio di rimozione amianto e talune altre attivit
non piu' contemplate negli attuali contratti di servizio
ricavi da manutenzione strade in atto registrano una sopravvenuta criticit sulla
parte di corrispettivo afferente la gestione dei sinistri che il Comune oggi non ritiene di
riconoscere per la intervenuta procedura di amministrazione straordinaria
ricavi da terzi per conferimento in discarica si prevedono in sensibile aumento per il
progressivo ripristino del rapporto con i soggetti gi conferitori che avevano fatto poi
ricorso all'utilizzo di altri impianti
(1) l Contratto soggetto a penali; Per gli anni 008/010 le
stesse conseguono a contestazione della Societ all'uopo
incaricata dal Comune (Palermo Ambiente Spa). Sono in
corso di definizione le procedure per la loro determinazione
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
Evoluzione dei ricavi
6
II vaIore deIIa produzione di AMIA SpA pari a circa Euro 126 miIioni neI 2009. EBITA e EBIT
sono negativi
l fatturato di AMA SpA principalmente legato ai contratti di servizio con il Comune di Palermo (giene Ambientale e
Manutenzione strade)
AMA SpA Conto economico
Valore della Produzione e voci di Costo
Fonte: elaborazione BP su consuntivo AMA 009
126.091
VdP
-2.410
EBITA
-17.537
EBIT
83.012
10.941
10.262
10.745
4.846
6.284
-6.969
-28.663
-7.511
-4.662
Scomposizione consuntivo 2009
009, C/000
Igiene
Ambien-
taIe
Manut.
strade
Ricavi da
discariche
Comuni
terzi
Prestaz.
terzi
Ricavi
Post
mortem
AItri
ricavi
VdP Materie
prime
Servizi
diversi*
AItri
costi
servizio
Godim.
Beni
terzi
Costo
PersonaIe
Oneri soc. e
aItri costi deI
personaIe
EBITA Amm.ti
Accanto-
namenti
EBIT
-57.958
-22.434
-80.392
-7.273
Retribuzioni
Iorde
-2.410 -17.537
Essemme -27.044
* Contratti con ditte esterne per l'affidamento ed il trattamento di rifiuti provenienti dalla raccolta differenziata e pericolosi
Oneri
diversi
8.158
7
126.091
VdP
83.012
10.941
10.262
2.045
4.846
4.301
giene
Ambientale
Manutenzione
strade
Ricavi da
discariche
Comuni terzi
Proventi per lo
smaltimento
Ecotassa
Ricavi Post
mortem
Ricavi servizi
collegate e
service
controllata
VdP
II Contratto di
servizio giene
ambientale
soggetto a
penaIi (valore
2009 pari a
1.092)
II Contratto di
servizio giene
ambientale
soggetto a
penaIi (valore
2009 pari a
1.092)
AMA SpA Conto economico
Dettaglio del Valore della Produzione
PenaIi pari
a 176 nel
009
PenaIi pari
a 176 nel
009
ricavi sono per
servizi igiene a
terzi,
principalmente
ATO Messina 4.
Questi contratti
sono stati rescissi
nel corso del 009
ricavi sono per
servizi igiene a
terzi,
principalmente
ATO Messina 4.
Questi contratti
sono stati rescissi
nel corso del 009
Ricavi da Comuni
che conferiscono
in discarica (5
contratti vigenti* per
il conferimento fino
al 011)
Ricavi da Comuni
che conferiscono
in discarica (5
contratti vigenti* per
il conferimento fino
al 011)
Ricavi post-mortem
Da Comuni terzi:
4.351
Da Comune di
Palermo: 495
Ricavi post-mortem
Da Comuni terzi:
4.351
Da Comune di
Palermo: 495
Servizi
verso
CoIIegate:
.359
Service
HoIding
verso
controllata
(Essemme)
: 1.94
Servizi
verso
CoIIegate:
.359
Service
HoIding
verso
controllata
(Essemme)
: 1.94
AnaIisi vaIore deIIa produzione da consuntivo 2009
Fonte: elaborazione BP su consuntivo AMA 009
(*): Bagheria, Misilmeri, Villabate, Altavilla M., Santa Flavia, Casteldaccia, Ficarazzi, Bolognetta, Carini, Lercara, Friddi, Marineo, Ciminna, sola delle Femmine, Alia,
Mezzojuso, Vicari, Villafrati, Ventimiglia, Roccapalumba, Baucina, Ustica, Capaci, Castronovo di S. , Terrasini, Godrano, Campofelice, Cefal Diana, Piana Degli Albanesi
II vaIore deIIa produzione riIevata neI consuntivo 2009 si discosta daI fatturato potenziaIe per
circa Euro 4 mIn (di cui ca. 1 mIn daI contratto di servizio di Igiene AmbientaIe per penaIi, e ca. 3
mIn daI contratto di servizio deIIa manutenzione strade)
(**): La revisione del contratto di servizio di gen-010 prevede compensi legati ai volumi di interventi eseguiti
Consuntivo 009; C/000
(***)Tributo speciale per il deposito in discarica dei rifiuti solidi
Servizi
igiene a
terzi
6.122
2.578
Ecotassa dovuta
da chi concorre
all'inquinamento
ambientale (rifiuti,
emissione di gas
tossici, scarichi
nocivi ecc.)
Ecotassa dovuta
da chi concorre
all'inquinamento
ambientale (rifiuti,
emissione di gas
tossici, scarichi
nocivi ecc.)
Proventi per
smaItimento
RSU ditte: 676,
Prov.sel. / racc.
differenziata:
604
NoIo automezzi:
3
Proventi per
smaItimento
RSU ditte: 676,
Prov.sel. / racc.
differenziata:
604
NoIo automezzi:
3
Altri ricavi
per servizi
Altri ricavi
1.984
Affitti e
locazione su
terreni 617
Recuperi vs
terzi 469
Rimborsi
INAIL: 47
PenaIit
fornitori: 04
AItri ricavi:
67
Affitti e
locazione su
terreni 617
Recuperi vs
terzi 469
Rimborsi
INAIL: 47
PenaIit
fornitori: 04
AItri ricavi:
67
126.091
8
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
"uadro dei Costi CompIessivi AziendaIi
Analisi comparativa 001 010 (*)
(*) Valori determinati al marzo 011
(**) l commento alle note viene riportato nella scheda che segue.
Tipologie dei Costi (**) Consuntivo 001 Consuntivo 008 Consuntivo 009
Delta (%)
008 - 010
Consuntivo 010
Personale (retribuzioni onnicomprensive,
sicurezza ecc.)
C 69.81.639 C 8.81.530 C 80.391.450 -10,00% C 74.540.64
Carburanti, merci, energia, acqua, gas
(1)
C 6.51.385 C 8.450.494 C 7.801.054 1,18% C 8.550.38
Manutenzione mezzi, attrezzature,
immobili (2)
C 3.107.69 C 5.19.443 C 3.61.05 -15,88% C 4.390.49
Fitti passivi sedi az.li C 538.898 C .718.545 C 877.501 -79,93% C 545.67
Noli ed altri servizi tecnici C 68.449 C 4.311.59 C 1.30.403 -8,89% C 737.901
Assicurazioni (3) C 1.358.00 C .349.499 C 1.716.384 16,95% C .747.706
Servizi terziarizzati C 3.447.069 C 5.37.486 C 4.375.970 -44,70% C .946.01
Servizi tecnici a supporto attivit
aziendali
C 0 C 18.61.653 C 7.043.973 45,3% C 7.043.973
Ammortamenti materiali e immateriali (4) C 6.847.593 C .986.49 C 3.153.163 4,4% C 4.53.31
Vigilanza e pulizia C 1.76.667 C 1.931.064 C 354.61 -97,9% C 5.387
Oneri di pretrattamento rifiuti (5) C 0 C 0 C 09.53 0,00% C 3.158.835
Tassa Reg. Smalt RSU ecotax ed oneri
di gestione (6)
C 5.831.593 C 7.057.05 C 6.078.159 -8,87% C 1.09.107
Oneri post mortem discarica (7) C 3.044.550 C 4.004.388 C 4.350.813 -7,11% C .918.698
TOTALE COST AZENDAL (8) C 101.593.13 C 145.799.175 C 141.66.869 -8,71% C 133.094.939
9
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
"uadro dei Costi CompIessivi AziendaIi
Analisi comparativa 001 010
1. Incremento 2009 2010 5er effetto innalzamento 5rezzo del carburante
2. Incremento 2009 2010 dovuto alla riattivazione contratti di manutenzione automezzi
aziendali
. Incremento 2009 2010 legato alla sti5ula del contratto di assicurazione mezzi
aggiudicato nel 2010 a seguito esaurimento gara triennale 2008/2010
4. Incremento 2009 2010 5er acquisizione nuovi beni strumentali
5. Incremento 2009 2010 5er entrata in vigore nuovi obblighi 5retrattamento a far data
dall'1/1/2010
6. Riduzione 2009 2010 5er effetto abbattimento ecotassa al 20% su quantit rifiuti
conferiti in discarica soggetti a 5retrattamento
. Riduzione 2009 2010 5er effetto corris5ondente riduzione delle quantit di rifiuti
conferiti da Comuni ed Autorit Ambito diverse dal Comune di Palermo
8. Pur sommando al corris5ettivo del Comune di Palermo i ricavi da terzi 5er smaltimento
RSU in discarica, 5ermane lo sbilancio a carico di Amia 5er i servizi di igiene
ambientale anno 2010 5ari ad euro 19.981.997.
Note a commento deI "uadro dei Costi CompIessivi AziendaIi
30
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
Evoluzione di costi e ricavi 008/010
osti operativi
Linee di intervento per Ia Ioro riduzione
a) Progressiva internalizzazione di attivit, sia esse nuove che gi affidate ai fornitori
b) nterventi volti a contenere la dinamica dei costi del personale soprattutto con recuperi in termini
di numero di occupati tenendo conto che:
- rapporti di lavoro si basano sul contratto nazionale collettivo e non esistono contratti
integrativi
- l tasso di assenteismo, posizionandosi annualmente tra il 3-4% della forza lavoro, evidenzia
un pieno allineamento alle medie nazionali
- l costo del lavoro riflette in modo fisiologico la presenza di una significativa parte dell'attivit
svolta durante le ore notturne e con ricorso a plus orario e festivo per effetto del basso tasso
di investimento
c) nterventi finalizzati ad ottimizzare gli altri costi operativi, considerando per che gli stessi si
posizionano gi a livelli contenuti
d) Ricapitalizzazione della Societ con l'apporto di beni immobili e valori mobiliari
e) nnalzamento del livello di patrimonializzazione della societ, oltre che per fattori vincolanti per
legge, al fine di ripristinare condizioni idonee di elasticit finanziaria
31
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
Evoluzione di costi e ricavi 008/010
osti operativi
PROGRAMMA INTERNALIZZAZIONE SERVIZI E REVISIONE ONTRATTI ESTERNI
OGGETTO
CONTRAZIONE SPESA ANNUA
(2008/2010)
NOTE
Manutenzione e Lavaggio Cassonetti t 1000000 Completato
Pulizia Autoparchi e Gestione mpianto Lavaggio Mezzi t 160000 Completato
Lavaggio Mezzi presso mpianti Terzi t 200000 Completato
Manutenzone e lavaggio cestini gettacarte t 800000 Completato
Guardiania Sedi t 1400000 Completato
Erogazione Carburante t 330000 Completato
Prelievo e trasporto percolato t 800000 Avviato
Sede via Giafar t 100000 Fine locazione
Sede Via Li Bassi t 13000 Fine locazione
Sede Via Nenni t 493000 Fine locazione
Attivit di spunta e registrazione fatture t 60000 Completato
Sede di Via Agrigento t 140000 Completato
Servizi di informatizzazione e di telefonia t 300000 Completato
Assicurazioni aziendali t 200000
Rivisitazione arretrato, aggiornamento
mezzi e riduzione sinistrosit
Spese minute e varie, consulenze, pubbl, propag ecc t 330000 Completato
Telecomunicazioni e postali t 130000 Avviato
Revoche gare e mancato rinnovo contratti per servizi esterni vari t 800000 Avviato
nternalizzazione Call Center t 73000 Completato
Annullamento cessione Fabbricati ed Automezzi ad Amia Servizi t 3000000 Completato
Vendita automezzi aziendali t 300000 n corso
Razionalizzazione autoparco aziendale t 300000 n corso
TotaIe C 13.395.000
3
superare la persistente crisi economico-finanziaria
riequilibrare il patrimonio aziendale
definire le operazioni straordinarie di ricapitalizzazione e ripatrimonializzazione
raggiungere il riequilibrio economico nel breve/medio periodo
avviare gli investimenti per il miglioramento dei servizi
pianificare i programmi finalizzati all'implementazione dell'efficienza aziendale
agire con l'ausilio di budget previsionali
ottimizzare l'impiego del personale
attivare idonei sistemi di controllo e di monitoraggio della qualit dei servizi
Le Iinee guida deII'azione gestionaIe tracciate neI 2009
predisposte con I'intendimento di:
33
GIi eventi societari neI biennio 2009/2010
(*) Tale Societ veniva costituita nel 005 con l'obiettivo di
gestire il patrimonio strumentale di Amia spa
ottimizzandone l'utilizzo.
34
Timeline delle evoluzioni societarie
Viene
trasformata in
Azienda
SpeciaIe*
Viene
trasformata in
Azienda
SpeciaIe*
Servizio di
raccolta e
trasporto dei
rifiuti prodotti
nel territorio
del Comune
di Palermo
Servizio di
raccolta e
trasporto dei
rifiuti prodotti
nel territorio
del Comune
di Palermo
Tutti i servizi
di igiene
ambientale,
sia
tradizionali
che innovativi
Tutti i servizi
di igiene
ambientale,
sia
tradizionali
che innovativi
Viene
costituita la
Azienda
Municipalizza-
ta Nettezza
Urbana -
AMNU
Viene
costituita la
Azienda
Municipalizza-
ta Nettezza
Urbana -
AMNU
1968 1968 1985 1985 1999 1999
Ente pubblico economico dotato di personalit giuridica ed autonomia imprenditoriale su principi di efficacia, efficienza ed economicit
** 70% di AMA nel 006 e 100% nel 007
Viene
trasformata in
Societ per
azioni, con il
Comune di
Palermo come
socio unico
Viene
trasformata in
Societ per
azioni, con il
Comune di
Palermo come
socio unico
2001 2001
E
v
e
n
t
i

s
o
c
i
e
t
a
r
i
E
v
e
n
t
i

s
o
c
i
e
t
a
r
i
Contratto di
servizio per
Servizio di
Gestione
Rifiuti ed
Igiene
AmbientaIe e
Servizio di
Manutenzio-
ne Strade
Contratto di
servizio per
Servizio di
Gestione
Rifiuti ed
Igiene
AmbientaIe e
Servizio di
Manutenzio-
ne Strade
ic
2009
ic
2009
Feb
2010
Feb
2010
2004 2004
Viene
costituita
mediante fasi
successive di
acquisizione di
servizi la
societ AMIA
Essemme**
Viene
costituita
mediante fasi
successive di
acquisizione di
servizi la
societ AMIA
Essemme**
L'attivit di
spazzamento
manuale delle
aree
pubbliche e
ad uso
pubblico e
delle caditoie
viene svolta
attraverso
Amia
Essemme
L'attivit di
spazzamento
manuale delle
aree
pubbliche e
ad uso
pubblico e
delle caditoie
viene svolta
attraverso
Amia
Essemme
Apr
2010
Apr
2010
AMA viene
posta in
Iiquidazione
dal Tribunale
di Palermo
AMA viene
posta in
Iiquidazione
dal Tribunale
di Palermo
AMA viene
posta in stato
di insoIvenza
dal Tribunale
di Palermo
AMA viene
posta in stato
di insoIvenza
dal Tribunale
di Palermo
AMA entra in
regime di
Amministra-
zione
Straordinaria
AMA entra in
regime di
Amministra-
zione
Straordinaria
AMIA, dopo I'avvio deIIa procedura di Iiquidazione e Ia dichiarazione deIIo stato di insoIvenza
(rispettivamente neI Novembre 2009 e Febbraio 2010), in data 12 ApriIe 2010 entra in regime di
Amministrazione Straordinaria
S
e
r
v
i
z
i
S
e
r
v
i
z
i
Viene
trasformata in
Azienda
Municipalliz-
zata giene
Ambientale -
AMIA
Viene
trasformata in
Azienda
Municipalliz-
zata giene
Ambientale -
AMIA
35
AI 31 dicembre 2010
iI Gruppo AMIA ha Ia seguente configurazione:
AMIA Spa e Ie sue controIIate continuano a detenere trascurabiIi partecipazioni non quaIificate
GRUPPO AMA SPA
PEA SCPA
N LQUDAZONE
AMIA Spa in Amministrazione
Straordinaria
AMIA Essemme Srl
36
Eventi di rilievo dell'ultimo anno e prospettici
Nomina dei
Commissari
Giudiziali
Nomina dei
Commissari
Giudiziali
11.02.10 11.02.10
E
v
e
n
t
i
E
v
e
n
t
i
E
f
f
e
t
t
i
E
f
f
e
t
t
i
l dipartimento
della Raccolta
Differenziata ha
introdotto il
servizio intorno
alla zona
Malaspina,
Libert, Noce e
Politeama
(130.000
abitanti)
l dipartimento
della Raccolta
Differenziata ha
introdotto il
servizio intorno
alla zona
Malaspina,
Libert, Noce e
Politeama
(130.000
abitanti)
02/2010 02/2010 30.06.10 30.06.10
L'ipotesi di
investimento
dei fondi :
~60mln su
impianti e 10
mln su
automezzi
L'ipotesi di
investimento
dei fondi :
~60mln su
impianti e 10
mln su
automezzi
2010/11 2010/11
Viene ceduta la
gestione della
pulizia dei
mercatini;
allargata
iniziativa del
Porta a Porta
spinto dal
dipartimento di
raccolta
Differenziata
Viene ceduta la
gestione della
pulizia dei
mercatini;
allargata
iniziativa del
Porta a Porta
spinto dal
dipartimento di
raccolta
Differenziata
09/2010 09/2010
Effetti a breve:
Si ripristina il regolare
funzionamento
Si congelano i debiti
generati in passato
Si avviano le azioni di
recupero dei crediti
Obiettivi a 2 anni:
Equilibrio del bilancio
aziendale
Elimina indici negativi di
bilancio
Ritorno "in bonis
Risorse finanziarie per
esigenze aziendali
Effetti a breve:
Si ripristina il regolare
funzionamento
Si congelano i debiti
generati in passato
Si avviano le azioni di
recupero dei crediti
Obiettivi a 2 anni:
Equilibrio del bilancio
aziendale
Elimina indici negativi di
bilancio
Ritorno "in bonis
Risorse finanziarie per
esigenze aziendali
12.04.10 12.04.10
GIi eventi deII'uItimo periodo consentono di riconfigurare i servizi a marginaIit negativa ed
investire i fondi e Ie ricapitaIizzazioni per Ia gestione di Iungo termine
16.11.09 16.11.09 22.01.10 22.01.10
AMA viene
posta in stato
di insolvenza
dal Tribunale
di Palermo
AMA viene
posta in stato
di insolvenza
dal Tribunale
di Palermo
Entrata in
vigore del
Porta a Porta
Spinto come
servizio
dedicato
Entrata in
vigore del
Porta a Porta
Spinto come
servizio
dedicato
Comma 8
dell'articolo 4-
bis: conferma
dell'azione di
ricapitalizza-
zione nella
delibera di
Consiglio
Comunale
Comma 8
dell'articolo 4-
bis: conferma
dell'azione di
ricapitalizza-
zione nella
delibera di
Consiglio
Comunale
Fondi FAS
Delibera CPE
n.69 del
31/07/009
pari a 68 mln:
circa 0mln
nel 010 e
restante nel
011
Fondi FAS
Delibera CPE
n.69 del
31/07/009
pari a 68 mln:
circa 0mln
nel 010 e
restante nel
011
Affidamento di
parte del
servizio di
pulizia dei
mercatini da
AMA SpA ad
AMA
Essemme
Affidamento di
parte del
servizio di
pulizia dei
mercatini da
AMA SpA ad
AMA
Essemme
nizio periodo
commissariale
nizio periodo
commissariale
AMA in
liquidazione
AMA in
liquidazione
Avvio espleta-
mento
dell'incarico
conferito
dal Tribunale
di Palermo
Avvio espleta-
mento
dell'incarico
conferito
dal Tribunale
di Palermo
37
AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA
Programma
SERVZ E LA LORO VALORZZAZONE
3
38
La filiera dell'giene Ambientale a Palermo
AMIA presidia Ie fasi di raccoIta (RSU e differenziata), seIezione dei rifiuti differenziati, trattamento dei
rifiuti indifferenziati e conseguente smaItimento in discarica
l prodotto della raccoIta differenziata viene conferito alle piattaforme CONA (carta, vetro, plastica e metalli) o smaltito presso
impianti specializzati (umido, ingombranti, elettronici)
000/tonn
009
Rifiuti urbani Rifiuti urbani
381,4 381,4
UNIECO UNIECO
Trituratore Trituratore
RaccoIta RaccoIta
Rifiuti Indiffer. Rifiuti Indiffer.
331,4 331,4
PuIizia strade PuIizia strade
16,3 16,3
iscarica
BeIIoIampo
iscarica
BeIIoIampo
364,1 364,1
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
*: RAEE, veicoli,
pneumatici, scorie
costruzioni, farmaci,
batterie, indumenti
Impianti Partanna
MondeIIo
Impianti Partanna
MondeIIo
iff. stradaIe e P/P iff. stradaIe e P/P
33,7 33,7
Carta Carta 7,8 7,8
PIastica PIastica 1,6 1,6
Vetro Vetro 2,4 2,4
Legno Legno 11
AItro* AItro* 2,9 2,9
Mercati, verde,
fanghi
Mercati, verde,
fanghi
16,4 16,4
Consorzi,
mercato
Consorzi,
mercato
SmaItitori
speciaIizzati
SmaItitori
speciaIizzati
Ingombr. Ingombr. 1,6 1,6
SeIezione e
trattamento
SeIezione e
trattamento
RicicIo RicicIo SmaItimento SmaItimento
39
Produzione complessiva di rifiuti
La maggior patre dei rifiuti raccolti costituita da rifiuti indifferenziati, raccolti attraverso lo svuotamento di cassonetti
(poco meno del 90% della produzione complessiva di rifiuti)
L'andamento mensile della produzione di rifiuti si assesta su un valore medio di circa 33.000 tonnellate, con minimi
raggiunti neI mese di agosto e picchi ad ottobre
La raccoIta di rifiuti neI periodo 2007-2010 ha evidenziato una Iieve diminuzione, conseguente aIIa
contemporanea crisi economica in corso ed aI trend decrescente deIIa popoIazione
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
Produzione compIessiva di rifiuti
007 008 009 010*
007 - 010; 000 / tonnellate
*: dati disponibili fino ad agosto 010
**: rifiuti dei mercati, biodegradabili, acque reflue, altro
355
343
331
3

16
15
14
18
18
17
15
16
11
409
394
381
252
Differenziata
Altra indifferenziata**
Strade
ndifferenziata
40
Raccolta ndifferenziata Elementi di sintesi
Residenti serviti: 589.433*
Itinerari di raccoIta: 145
PersonaIe impiegato: 59
Mezzi attivi: 14
VoIumi compIessivi (2009): 37 mila tonn
Viaggi in discarica (media mensiIe 2010): .743
Carico medio (media mensiIe 2010): 10,3 tonnellate
Numero compIessivo di cassonetti: 8.158
VoIumetria compIessiva cassonetti: 1,8 mln litri
Area servita
Quartieri serviti Raccolta ndifferenziata; primo semestre 010
Autoparco
Brancaccio
Discarica
Bellolampo
II servizio di raccoIta dei rifiuti indifferenziati da cassonetto viene svoIto suII'intera superficie urbana
ad eccezione deI centro, dove stato attivato iI servizio di raccoIta differenziata Porta a Porta
Grandezze caratteristiche
Primo semestre 010
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
Brancaccio antimeridiano Ex Tasca Lanza antimeridiano
Brancaccio pomeridiano Ex Tasca Lanza pomeridiano
Brancaccio notturno Ex Tasca Lanza notturno
Le squadre operative fanno riferimento al soIo autoparco di Brancaccio, dove stato riunificato il servizio
precedentemente erogato dall'autoparco di Tasca Lanza
rifiuti raccolti vengono conferiti nella discarica di BeIIoIampo
* 659.433 abitanti (popolazione 31/1/08), esclusi 70.000 ab serviti da Porta a Porta
41
Raccolta ndifferenziata Metodologia di raccolta
L'esecuzione deI servizio di raccoIta indifferenziata richiede I'impiego di 402 risorse (104 autisti e
298 operatori) e di 155 mezzi (compattatori, minicompattatori / autocarri e semirimorchi /
compattatori grandi)
Organizzazione degIi itinerari di raccoIta e dimensionamento tecnico
Autista (tot 104)
Operatore (98)
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
010; itinerari, personale, mezzi
Itinerari SateIIitare
(53 navette)
Itinerari SateIIitare
(53 navette)
106 Operatori
53 tra Minicomp. (8mc)
o motocarri (4mc)
PersonaIe PersonaIe
Minicomp. / Autocarro Minicomp. / Autocarro
4/8 mc
Itinerari PrincipaIi
(92**)
Itinerari PrincipaIi
(92**)
9 Autisti
180 Operatori
90 Compattatori
PersonaIe* PersonaIe*
Autocompattatore Autocompattatore
24 mc
Itinerari SateIIitare
(12 postaz.)
Itinerari SateIIitare
(12 postaz.)
1 Autisti
1 Operatori
1 semirimorchi 48 mc
o autocomp. 3 mc
PersonaIe PersonaIe
Autocomp. Extra / rimorchio Autocomp. Extra / rimorchio
48-32 mc
* itinerari serviti da monoperatore (squadra costituita dal solo autista)
La citt suddivisa in itinerari principaIi (totale: 9) e itinerari sateIIite (totale: 53 navette e 1 postazioni)
Gli itinerari principaIi vengono serviti attraverso compattatore. Gli itinerari sateIIite vengono serviti attraverso mezzi
navetta (autocarri o minicompattatori) che alimentano una postazione mobile (compattatore grande o scarrabile)
l Dipartimento Raccolta ha identificato la possibiIit di riduzione di 10 itinerari principaIi, a seguito del'entrata a regime
della raccolta Porta a Porta
**: in fase di riconfigurazione; 10 itinerari sostituiti da raccolta PaP a regime
4
Raccolta ndifferenziata - Organizzazione Operativa
II servizio di raccoIta indifferenziata viene interamente erogato daII'autoparco di Brancaccio, su tre
turni di Iavoro (Antimeridiano 5.00-11.00, Pomeridiano 13.30-19.30, Notturno 22.00-4.00)
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
La raccolta dei rifiuti giornaIiera da Iuned a sabato
La domenica previsto un servizio ridotto, finalizzato alla raccolta negli itinerari principali (incrementato fino a coprire l'80%
circa della quantit media giornaliera, con l'impiego a rotazione del personale)
servizi degli ex settori Brancaccio e Tasca Lanza sono stati unificati nell'autoparco di Brancaccio. Dal punto di vista
organizzativo continuano ad essere gestiti da due uffici distinti
Antimeridiano
(05:00-11:00)
Antimeridiano
(05:00-11:00)
Pomeridiano
(13:30-19:30)
Pomeridiano
(13:30-19:30)
Notturno
(22:00-04:00)
Notturno
(22:00-04:00)
53
tinerari
Navette Navette
24
Navette Navette
9
20
Navette Navette
92
tinerari
PrincipaIi PrincipaIi
32
PrincipaIi. PrincipaIi.
24
36
PrincipaIi PrincipaIi
Postazioni Postazioni
4
Postazioni Postazioni
4
Postazioni Postazioni
4
12
Postazioni
Totale
145 itinerari
Totale
145 itinerari
Organizzazione turni di raccoIta RSU
010
PersonaIe tecnico raccoIta RSU
Sono presenti due strutture analoghe (per settori EST e OVEST)
Capo settore
1
Resp. tecnico
Antimeridiano
Impiegato
Antimerid.
2
Capo Area
Antimerid.
2
Resp. tecnico
Notturno
Impiegato
Notturno
1
Capo Area
Notturno
3
Impiegato
Pomeid.
1
Capo Area
Pomeid.
2
: FTE
1 1
Totale
28 FTE
Totale
28 FTE
43
Raccolta ndifferenziata Risorse impiegate
L'esecuzione deI servizio di raccoIta indifferenziata comprende compIessivamente I'impiego di 529
risorse effettive e 214 mezzi
PersonaIe assegnato aI ipartimento
RaccoIta
Settembre 010
Totale
529
Totale
529
Mezzi attivi assegnati aI ipartimento RaccoIta
Settembre 010
Totale
214
Totale
214
33
Autocarro
23
Autocarri
attrezzati
16
Minicomp.
posteriore
13
Autocomp.
extragrande
12
Cassoni
scarabili
11
Trattori e
rimorchi
35
Altro Autocomp.
grande
posteriore
71
n ordine all'organico tecnico sono previsti 118 autisti e 346 operatori, corrispondenti ad una scorta per assenze e
turnazione domenicaIe deI 15% (rispetto ai 104 autisti e 98 operatori richiesti da progetto)
Le risorse destinate alla raccoIta di rifiuti abbandonati e discariche abusive sono complessivamente 14 FTE; le risorse
destinate alla puIizia e manutenzione dei cassonetti sono complessivamente 6 FTE. n caso di necessit, queste risorse
vengono destinate all'esecuzione dei servizi di raccolta
mezzi operativi richiesti dall'attuale progetto basato su tre turni risultano essere 64 (36 compattatori, 4 tra
minicompattatori/autocarri e 4 tra semirimorchi e compattatori extragrandi), dimensionati sul picco del turno notturno
Fonte: rilevazioni BP; elaborazione BP su informativa aziendale; * applicato dal dipartimento Raccolta RSU nel dimensionamento del servizio
118
6
14
346
44
Autisti raccolta
Pulizia cassonetti
Rifiuti abbandonati
Coordinatori e staff
Operatori raccolta
44
Raccolta ndifferenziata Volumi raccolti
Le quantit di rifiuti indifferenziati (327 miIa tonneIIate neI 2009; 223 miIa tonneIIate fino ad
agosto 2010) variano tra Ie 25.000 e 30.000 tonneIIate mensiIi in tutta Ia citt. II turno pomeridiano
risuIta in forte crescita (+67% neI confronto 2009/2010), per far fronte aII'incremento di rifiuti
prodotti ed aII'aumento deII'indisponibiIit dei mezzi
Fonte: elaborazione BP su reportistica aziendale
l confronto gennaio-agosto 009/010 evidenzia un incremento deIIe quantit raccoIte (+10.400 tonnellate)
Nel corso del 010 le maggiori quantit vengono raccolte durante gli itinerari antimeridiani (40%) e notturni (36%); le
restanti quantit durante il turno pomeridiano (4%)
Tot '09: 327 Tot '09: 327
Andamento voIumi RSU
009 e 010; 000/tonn RSU per area
Tot '10: 223 Tot '10: 223
gennaio-agosto; 000/tonn
Carico per turni di Iavoro
88
55
79
96
33
83
Antimerid.
Pomerid.
Notturno
010 009
-8% -8%
+67% +67%
-5% -5%
1
10
13
14
1
14
13
9
10
1
11
1 13
10
1
10
1
10
11
10
5
5
5 4
3
3 4
6
7
8
7
6
7
7
8
8
7
7
6
6
1
10
11
11
10
11 10
8
9
11
10
10
11
9
10
10
10
11
10
9
29
25
29
28
25
27 27
23
27
31
28
28
30
26
30
28
29
28
27
25
G
2009
F M A M G L A S O N D G
2010
F M A M G L A
Antimeridiano Pomeridiano Notturno
45
Raccolta Differenziata Elementi di sintesi
II servizio di raccoIta differenziata comprende Ia raccoIta di carta, pIastica, vetro e umido (soIo
porta a porta); iI servizio viene svoIto su tutto iI territorio cittadino neIIe seguenti modaIit:
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
RaccoIta stradaIe: il servizio viene svolto attraverso lo svuotamento di campane per il vetro, campane per la plastica e
cassonetti per la carta; non viene attualmente raccolta la frazione organica
RaccoIta Porta a Porta: il servizio viene svolto attraverso la raccolta a pi portone delle frazioni differenziate. l servizio
stato attivato nel 010 e sar rivolto a circa 130.000 abitanti (entro fine 010)
Andamento RaccoIta ifferenziata
007 ottobre 010; tonnellate per frazione
Carta
Vetro
Plastica
Legno
Altro**
007 008 009 Gen-ott 010
** Apparecchi elettrici, elettronici, ingombranti e imballaggi metallici, ecc
4,0%
3,8%
4,1%
%
Quota di
raccolta
differenziata
9.840
8.034
7.83
5.097
1.563
.478
.435
1.647
1.87
1.544
1.63
1.645
979
803 1.044
1.07
.857
1.948
.811
.768
.693
16.526
14.807
15.735
14.879
46
Raccolta Differenziata Elementi di sintesi (continua)
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
FIussi di conferimento deIIe frazioni raccoIte
Destinazioni delle principali frazioni di RD
MarsaIa
Termini Imerese
PaIermo
Umido
Carta
Plastica e metalli, vetro
II servizio di raccoIta prevede iI conferimento dei materiaIi a operatori speciaIizzati (iI materiaIe
viene conferito direttamente daI compattatore, aI termine deII'itinerario di raccoIta)
La raccolta delle frazioni plastica e metalli, vetro, carta e cartone determina ricavi dalla cessione di materiali alle
piattaforme CONAI, in funzione della qualit dei materiali raccolti
La scarsit di piattaforme e deI sistema industriaIe del recupero comporta distanze e costi elevati per trattare/smaltire i
materiali (trasferimenti a Termini merese per plastica e metalli, vetro; trasferimenti a Marsala per smaltire l'umido)
La frazione organica viene attualmente smaltita al costo di 75-80 C/tonnellata (escluso il trasporto, a carico di Amia)
La frazione indifferenziata residua viene trattata e smaltita presso la discarica di Bellolampo
Corrispettivi per raccoIta differenziata
010, C/tonn da accordo quadro ANC-CONA
4,56
Carta PIastica Vetro Legno AIIuminio Acciaio
90,48
77,87
37,
13,78
8,68
47
Raccolta Differenziata Porta a Porta Elementi di sintesi
Residenti serviti "PaIermo ifferenzia": 70.000
(107.60 entro fine 010)
"uartieri serviti: Malaspina, Libert, Noce, Politeama
Itinerari di raccoIta: 0 principali + 5 secondari
(carta)
Risorse impiegate: 139
VoIumi compIessivi: 10.900 tonnellate (gen-ago;
complessivo porta a porta e stradale)
Area servita da ifferenziata Porta a Porta
Quartieri serviti Raccolta Porta a Porta; progetto 010
II servizio di raccoIta differenziata "Porta a Porta spinto" (progetto PaIermo ifferenzia) viene svoIto
neI centro deIIa citt (attuaImente MaIaspina e parte di Libert), con incIusione deIIe zone Noce e
PoIiteama entro iI 2010
Grandezze caratteristiche
Ottobre 010
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
Possibile estensione (011) Palermo Differenzia (totale 010)
Palermo Differenzia (settembre 010)
l servizio prevede la raccolta differenziata Porta a Porta delle frazioni umido, pIastica/metaIIi, carta, secco residuo e la
raccolta del vetro attraverso campane
Le squadre operative addette al servizio fanno riferimento aII'autoparco di Partanna MondeIIo; i rifiuti vengono conferiti alle
piattaforme CONAI di Partanna Mondello (carta e cartone), Termini merese (Vetro, Plastica, RAEE), Marsala (Umido)
Autoparco
Mondello
Discarica
Bellolampo
48
Raccolta Differenziata Porta a Porta Organizzazione Operativa
II servizio di raccoIta Porta a Porta ( denominato Palermo Differenzia)) prevede iI conferimento dei
rifiuti a pi portone da parte degIi utenti (previa esposizione dei contenitori nei giorni prestabiIiti), ed
iI successivo ritiro da parte deIIe squadre operative. II servizio organizzato in base aIIa tipoIogia di
utenza
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
omestico omestico
CommerciaIe CommerciaIe
Orario
RaccoIta
Orario
RaccoIta
22.00-4.00
14.00-18.00
Orario
Conferimento
Orario
Conferimento
20.00-22.00
13.00-14.00
Utenze domestiche: il servizio viene svolto nel corso del turno notturno. previsto il ritiro porta a porta di tutte le frazioni, ad
eccezione del vetro (raccolto in apposite campane)
Utenze commerciaIi: il servizio viene svolto nel corso del turno pomeridiano. previsto il ritiro porta a porta di tutte le
frazioni ad eccezione del secco, raccolto durante il turno notturno insieme alle utenze commerciali
*: la raccolta di vetro e plastica/metalli bisettimanale, ripartita su pi giorni
Iuned Iuned venerd venerd mercoIed mercoIed marted marted gioved gioved
Erogazione servizio Erogazione servizio
sabato sabato
Organico Organico Secco Secco PIastica PIastica Organico Organico Secco Secco Organico Organico
Carta** 1/4 Carta** 1/4 Carta 2/4 Carta 2/4 Carta 3/4 Carta 3/4 Carta 4/4 Carta 4/4
Vetro 1/2 Vetro 1/2 Vetro 1/2 Vetro 1/2
Carta Carta Carta Carta Carta Carta Carta Carta Carta Carta Carta Carta
Organico Organico Organico Organico Organico Organico Organico Organico Organico Organico Organico Organico
PIastica* 1/2 PIastica* 1/2 PIastica 1/2 PIastica 1/2 PIastica 2/2 PIastica 2/2 Vetro 2/2 Vetro 2/2 PIastica 2/2 PIastica 2/2 Vetro 2/2 Vetro 2/2
**: la raccolta della carta settimanale, ripartita su quattro giorni al fine di mantenere bilanciato il servizio
49
Raccolta Differenziata PaP Metodologia di raccolta domestico
L'esecuzione deI servizio di raccoIta Porta a Porta (PaIermo ifferenzia) per Ie utenze domestiche
richiede da progetto I'impiego di 70 risorse (18 autisti e 52 operatori) e di 28 mezzi (tra compattatori,
minicompattatori e autocarri)
Organizzazione quotidiana itinerari di raccoIta (turno unico notturno) e dimensionamento tecnico
Autista (18)
Operatore (5)
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
010; itinerari, personale, mezzi
Postazioni (3) Postazioni (3)
3 Autisti
6 Operatori
Itinerari Compattatore
(15)
Itinerari Compattatore
(15)
La raccolta viene effettuata principalmente attraverso minicompattatori e autocarri (gli autocarri servono le vie dove il
compattatore non in grado di operare)
mezzi pieni scaricano in compattatori di dimensioni maggiori (postazioni)
Itinerari Autocarro
(8)
Itinerari Autocarro
(8)
PersonaIe PersonaIe
PersonaIe PersonaIe
Compattatore (3) Compattatore (3)
32/24/15 mc
Mimicomp. (10) Mimicomp. (10)
15 mc
Mimicomp. (4) Mimicomp. (4)
8 mc
Autocarro (7) Autocarro (7)
5 mc
Autocarro (1) Autocarro (1)
9 mc
PersonaIe PersonaIe
Compattatore (1) Compattatore (1)
24 mc
1 Autista
Operatori
10 Autisti
0 Operatori
4 Autisti
8 Operatori
14 Operatori
Operatori
50
Raccolta Differenziata PaP Metodologia di raccolta commerciale
L'esecuzione deI servizio di raccoIta porta a porta (PaIermo ifferenzia) per Ie utenze commerciaIi
richiede da progetto I'impiego quotidiano di 47 risorse (9 autisti e 38 operatori) e 19 mezzi (9
compattatori e 10 autocarri) per Ia raccoIta di organico e carta
La raccoIta di pIastica e vetro richiede 29 risorse (3 autisti e 26 operatori) e 13 mezzi (10 autocarri e
3 compattatori) con frequenza di raccoIta bisettimanaIe
Organizzazione settimanaIe itinerari di raccoIta e dimensionamento tecnico
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
010; itinerari, personale, mezzi
Organico Organico
3 Autisti
14 Operatori
La frazione indifferenziata viene raccolta durante il turno notturno, insieme all'indifferenziato delle utenze domestiche
32/24/15 mc
Carta Carta
PIastica PIastica
Vetro Vetro
6 giorni 6 giorni
6 giorni 6 giorni
2 giorni 2 giorni
2 giorni 2 giorni
Autocarro (4) Autocarro (4) Compattatore (3) Compattatore (3)
32/24/15 mc
Autocarro (5) Autocarro (5) Compattatore (3) Compattatore (3)
32/24/15 mc
Autocarro (6) Autocarro (6) Compattatore (6) Compattatore (6)
Autocarro (5) Autocarro (5)
6 Autisti
4 Operatori
3 Autisti*
16 Operatori*
10 Operatori*
Autista (10) Operatore (47)
*: servizio bisettimanale
51
Raccolta Differenziata stradale - Elementi di sintesi
Residenti serviti: 589.433*
"uartieri serviti (PaIermo differenzia):
Itinerari di raccoIta: 24 (da ripetere per le tre
frazioni; totale 7 itinerari)
Frequenza raccoIta: quindicinale
Numero compIessivo di cassonetti : .800
VoIumetria compIessiva cassonetti: 7, mln
litri
VoIumi compIessivi: 10.900 tonnellate (gen-
ago; complessivo porta a porta e stradale)
Area servita da ifferenziata StradaIe
Quartieri serviti Raccolta differenziata stradale
II servizio di raccoIta differenziata stradaIe viene svoIto neII'intera area cittadina (ad eccezione dei
quartieri MaIaspina e Libert, dove stato avviato iI servizio di raccoIta differenziata porta a porta)
Grandezze caratteristiche
010
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
Differenziata Porta a Porta Differenziata stradale
Autoparco
Brancaccio
La raccolta differenziata prevista per le frazioni pIastica/metaIIi, carta e vetro attraverso apposite campane e cassonetti
Le squadre operative addette al servizio fanno riferimento aII'autoparco di Brancaccio; i rifiuti vengono conferiti alle
piattaforme CONAI di Partanna Mondello (carta e cartone), Termini merese (Vetro, Plastica, RAEE), Marsala (Umido)
* 659.433 abitanti (popolazione 31/1/08), 70.000 ab serviti attraverso
Porta a Porta
5
Raccolta Differenziata stradale Metodologia di raccolta
L'organizzazione operativa deIIa raccoIta differenziata stradaIe prevede I'assegnazione di ciascun
servizio (PIastica, Vetro, Carta) ad una squadra costituita da autista e operatore; iI veicoIo utiIizzato
un mezzo con gru o un autocarro scarrabiIe
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
Organizzazione attuaIe RaccoIta StradaIe
Frequenza quindicinale; organizzazione della giornata di raccolta
PIastica
(2 itinerari aI
giorno)
PIastica
(2 itinerari aI
giorno) PersonaIe PersonaIe Compat Compat
Autisti
Operatori
Compattatori
Autista (tot 6) Operatore (6)
Vetro
(2 itinerari aI
giorno)
Vetro
(2 itinerari aI
giorno) PersonaIe PersonaIe ScarrabiIe ScarrabiIe
Autisti
Operatori
Autocarri
Scarrabili
Autisti
Operatori
Autocarri
Scarrabili
Carta
(2 itinerari aI
giorno)
Carta
(2 itinerari aI
giorno) PersonaIe PersonaIe ScarrabiIe ScarrabiIe
Organizzazione originaIe RaccoIta StradaIe
Frequenza settimanale; organizzazione della giornata di raccolta
PIastica
(4 itinerari aI
giorno)
PIastica
(4 itinerari aI
giorno) PersonaIe PersonaIe Compat Compat
4 Autisti
4 Operatori
4 Compattatori
Autista (tot 1) Operatore (1)
Vetro
(4 itinerari aI
giorno)
Vetro
(4 itinerari aI
giorno) PersonaIe PersonaIe ScarrabiIe ScarrabiIe
4 Autisti
4 Operatori
4 Autocarri
Scarrabili
4 Autisti
4 Operatori
4 Autocarri
Scarrabili
Carta
(4 itinerari aI
giorno)
Carta
(4 itinerari aI
giorno) PersonaIe PersonaIe ScarrabiIe ScarrabiIe
L'attuale organizzazione del servizio prevede frequenze di raccoIta quindicinaIi (al posto delle frequenze settimanali
inizialmente pianificate), con conseguente difficolt nel coprire regolarmente il servizio
53
Raccolta Differenziata stradale Organizzazione operativa
II servizio di raccoIta differenziata stradaIe viene erogato attraverso Io svuotamento di
contenitori posizionati neI territorio cittadino (campane e cassonetti). I contenitori sono
mediamente posizionati a pi di 150-200 metri daII'utenza. II conferimento da parte deII'utenza
avviene durante I'intero arco deIIa giornata
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
Programma giornaIiero
(svuotamento quindicinaIe dei contenitori)
Programma giornaIiero
(svuotamento quindicinaIe dei contenitori)
Turno
Antimeridiano
Turno
Antimeridiano
PIastica PIastica
Itinerario 1:
50
cassoni
Vetro Vetro Carta Carta
Itinerario 2:
41
campane
Itinerario 3:
31
campane
Turno Notturno Turno Notturno
PIastica PIastica
Itinerario 4:
46
cassoni
Vetro Vetro Carta Carta
Itinerario 5:
42
campane
Itinerario 6:
33
campane
Programma ifferenziata StradaIe
Numero di cassonetti complessivamente svuotati
Contenitori ifferenziata StradaIe
1.099
963
729
PIastica Vetro Carta
Quantit e volumetria, settembre 010
3.200 Iitri 3.200 Iitri
2,5 MC 2,5 MC
1.700 -
3.200 I
1.700 -
3.200 I
l servizio viene svolto in due turni di Iavoro (Antimeridiano 5.00-11.00, Notturno .00-4.00), su sei giorni Iavorativi (da
luned a sabato); gli itinerari vengono svolti con frequenza quindicinaIe
Tot 1.099
cassoni
Tot 1.099
cassoni
Tot 963
campane
Tot 963
campane
Tot 729
campane
Tot 729
campane
54
Raccolta Differenziata Rifiuti ingombranti e RAEE
Rifiuti ingombranti e RAEE vengono ritirati attraverso diverse modaIit:postazioni mobiIi, ritiro a
domiciIio, raccoIta abbandonati su strada
Postazioni mobiIi "Piazza PuIita": avvio nel 009, con postazione costituita da uno scarrabile e servita da due operatori,
attiva a rotazione in tutte le circoscrizioni, destinata alla raccolta di rifiuti ingombranti, RAEE, materiali ferrosi
Ritiro a domiciIio: ritiro degli ingombranti presso il domicilio dell'utenza, a seguito della richiesta telefonica da parte
dell'utente
Ritiro rifiuti abbandonati su strada: rimozione su strada di rifiuti ingombranti abbandonati dagli utenti
Rifiuti non ammessi in discarica (per es. RAEE)
l servizio viene svolto da una media di ~50-60 FTE; in contesti comparabili il servizio viene svolto da circa 4 operatori
complessivi (4 squadre da 3 FTE su 2 turni)
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
VoIumi di ingombranti
Tonnellate; escluso CER 0013
Ingombranti e RAEE ritirati
010; migliaia di pezzi raccolti; totale 167.000 pezzi
1.90
147
344
2.410
1.314
15
57
1.696
1.580
15
576
2.371
007 008 009
Non ricicl.
Riciclabili
Rifiuti Elettrici
1.90
130
670
2.702
Gen ago 010
Range di efficienze ipotizzabili (FTE): 20 FTE Range di efficienze ipotizzabili (FTE): 20 FTE
2,9
4,0
4,9
4,5
5,7
5,0
4,2
4,5
5,0
3,8
4,9
9,4
7,7
9,7
8,2
8,3
9,0
11,2
9,9
12,4
9,3
9,6
4,0
5,9
8,8
6,7
7,6
8,4
8,8
7,6
7,8
9,8
6,2
gen feb mar apr mag giu lug ago set ott nov
Utenti
Strada
Postazione
55
Raccolta Differenziata Pulizia mercati e servizi a terzi
Mercati serviti
Mercati storici: 5; mercatini rionali: 7
AMIA SpA svoIge Ia puIizia dei mercati cittadini stabiIi. I mezzi impiegati provengono daIIa sede di
Brancaccio, iI personaIe operativo da Strazzeri
Mercati stabiIi: sono aperti tutti i giorni; la raccolta viene svolta dopo Ia chiusura, a partire dalle 0.00; la produzione di
rifiuto prevaIentemente organica
Servizio svoIto da una media di 60 FTE (10 operatori per 5 mercati, pi scorte)
Mercati rionaIi: da Settembre 2010 la pulizia dei mercatini rionali passata ad AMIA Essemme da settembre 010
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
Via MontaIbo
BaIIar
Vucciria
Borgo Vecchio
Capo
Mercati storici
Mercatini rionali
Brancaccio Brancaccio
Strazzeri Strazzeri
007
10.847
008
10.673
009
9.649
Rifiuti dei mercati; tonnellate raccolte
Gen-ago
010
7.346
VoIumi raccoIti
56
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
COSTI OPERATIVI - SmaItimento Rifiuti Urbani e Gestione iscarica di PaIermo
Analisi comparativa 001 010 (*)
(*) Valori determinati al marzo 011
(**) l commento alle note riportato alla pagina n. 7.
Tipologie dei Costi Consuntivo 001 Consuntivo 008 Consuntivo 009
Delta (%)
008 - 010
Consuntivo 010
(da assestare)
Personale (retribuzioni
onnicomprensive, sicurezza ecc.)
C 63.385.387 C 71.16.645 C 67.40.749 -3,5% C 68.817.5
Carburanti, merci, energ, acqua, gas
(1)
C 4.65.034 C 5.8.11 C 4.999.078 35,76% C 7.097.567
Manutenzione mezzi, attrezzature,
immobili ()
C .935.931 C 4.911.759 C 3.368.157 -13,86% C 4.31.11
Fitti passivi sedi az.li C 434.53 C .589.08 C 773.14 -81,94% C 467.684
Noli ed altri servizi tecnici C 58.777 C 4.308.54 C 756.589 -84,15% C 68.79
Assicurazioni (3) C 88.905 C .341.743 C 1.379.378 10,18% C .580.03
Servizi terziarizzati
C 3.176.017 C 3.988.164 C 6.157.56 -9,94% C .794.97
Servizi tecnici a supporto raccolta e
igiene ambientale
C 0 C 0.009.933 C 3.799.35 35,15% C 7.043.973
Ammortamenti materiali e immater (4) C 6.371.497 C .803.140 C .943.559 44,4% C 4.043.98
Vigilanza e pulizia C 1.05.631 C 1.576.85 C 35.308 -96,68% C 5.387
Oneri di pretrattamento rifiuti (5) C 0 C 0 C 09.53 100,00% C 3.158.835
Tassa Reg. Smalt RSU ecotax (solo
Palermo) e altre tasse e imp (6)
C 4.18.09 C 4.703.757 C 4.577.543 -80,56% C 914.363
Oneri post mortem discarica (solo
Palermo) (7)
C 0 C 495.094 C 495.094 0,00% t 493094
Costi RaccoIta e SmaItimento Rifiuti
SoIidi Urbani Citt di PaIermo
86.699.731 124.081.923 117.024.909 -1,37% C 122.378.686
Corrispettivo da Contratto di Servizio
Comune di Palermo
C 70.76.388 C 83.01.359 C 83.01.359 8,18% C 89.805.855
Altri Ricavi da gestione Discarica e
servizi igiene a terzi
C 18.39.196 C 4.609.354 C 5.596.159 -48,84% C 1.590.834
Valore della Produzione C 89.001.584 C 107.61.713 C 108.608.518 -4,85% C 10.396.689
MAkGINL CLkA1IVC LCkDC (8) 23018S3 16460210 8416391 1,40% 19981997
57
Vestiario :
1.173
Tappetini
d`usura: 1.085
at. nertI: 159
Vestiario :
1.173
Tappetini
d`usura: 1.085
at. nertI: 159
AA SpA - Conto economIco
DettagIIo vocI dI Costo
128.500
Costi iretti
143.628
TotaIe Costi
4.351
28.663
4.419
4.662
Altre
Materie
prime
Servizi
diversi
(Essemme)
Altri
costi
servizio
Godimento
Beni terzi
Costo
Personale
Oneri soc. e
aItri costi deI
personaIe
EBTDA
Accantona-
menti
EBT
57.958
22.434
80.392
3.296
Retribuzioni
Iorde
Fonte: elaborazione BP su consuntivo AMA 009
AnaIisi costi operativi da consuntivo 2009
Consuntivo 009; C/000
CostI dI servIzIo
connessI aI
Contratto di
Servizio di
Essemme (parI a
27,1 mIn)
CostI dI servIzIo
connessI aI
Contratto di
Servizio di
Essemme (parI a
27,1 mIn)
I costi principaIi di AMIA sono rappresentati daI PersonaIe (pari a circa Euro 80 mIn) e dai
servizi assicurati da AMIA Essemme (pari a circa Euro 27 mIn)
Altre costi per servizi:
ServIzI da coIIegate:
1.894
Prestaz. proIessIonaII:
637
EnergIe: 528
ServIzI esternI e tratt.
rIIIutI: 436
VIgIIanzaJpuIIzIe: 354
Altre costi per servizi:
ServIzI da coIIegate:
1.894
Prestaz. proIessIonaII:
637
EnergIe: 528
ServIzI esternI e tratt.
rIIIutI: 436
VIgIIanzaJpuIIzIe: 354
Canone
manutenzione
mezzi (cIrca 1,8 mIn)
IttI passIvI: 773
AItrI canonI: 408
Canone
manutenzione
mezzi (cIrca 1,8 mIn)
IttI passIvI: 773
AItrI canonI: 408
#etribuzioni lorde
#etrIbuzIonI ordInarIe: 47,0
mIn
estIvo: 4,0 mIn
StraordInarIo: 3,6 mIn
Notturno: 2,0 mIn
ProgettI mIratI: 1,2 mIn
#etribuzioni lorde
#etrIbuzIonI ordInarIe: 47,0
mIn
estIvo: 4,0 mIn
StraordInarIo: 3,6 mIn
Notturno: 2,0 mIn
ProgettI mIratI: 1,2 mIn
Ammortamenti
su mezzi mobili
(parI a cIrca
1,6mIn)
Ammortamento
degli immobili e
deIIe
attrezzature parI
a cIrca 1,3mIn
Ammortamenti
su mezzi mobili
(parI a cIrca
1,6mIn)
Ammortamento
degli immobili e
deIIe
attrezzature parI
a cIrca 1,3mIn
3.977
Acquisto
carburanti e
lubrificanti
3.092
Assicura-
zioni e
manodopera
CostI IegatI aIIe
assicurazioni
(parI a cIrca
1,7mIn) e aIIa
manodopera su
automezzi (parI a
cIrca 1.217)
CostI IegatI aIIe
assicurazioni
(parI a cIrca
1,7mIn) e aIIa
manodopera su
automezzi (parI a
cIrca 1.217)
8.158
Oneri
diversi di
Gestione
PrIncIpaII
OnerI:
Tassa
Smaltimento
#.S.U.
(ecotassa) dI
AA e terzI :
4.578 e 2.501
PrIncIpaII
OnerI:
Tassa
Smaltimento
#.S.U.
(ecotassa) dI
AA e terzI :
4.578 e 2.501
2.410 17.537
2.618
Amm.ti
Accantonament
o Postortem
per Iondo
Accantonament
o Postortem
per Iondo
58
AMA Essemme Grandezze caratteristiche
AMIA Essemme svoIge i servizi di spazzamento manuaIe, puIizia caditoie, diserbo, svuotamento
cestini e puIizia deIIe sedi aziendaIi di AMIA SpA; iI rapporto tra AMIA ed Essemme regoIato da
contratto di servizio (deI vaIore annuaIe di 27 miIioni C)
PersonaIe compIessivo
Situazione al 5 agosto 010
Mezzi a disposizione
Situazione al 5 agosto 010
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
Terne e rulli Comp. grandi
Motocarri Mezzi di spostamento Autobotti/autospurghi
Spazzatrici/innaffiatrici Autocarri Altri
Diserbo Pulizia
caditoie
Pulizia
Mercatini
Rionali
Spazz.
manuale
9
140
149
Svuotamento
cestini
gettacarte
8
37
45
30
39
9
16
12
Essemme comprende 903 dipendenti; la maggior parte delle risorse impiegata nello svolgimento del servizio di
spazzamento strade (circa il 50%). Sono inoltre presenti 11 distaccati da Amia SpA (servizi amministrativi)
Vengono impiegati circa 260 mezzi; le categorie pi numerose sono i motocarri (per i servizi di spazzamento e diserbo) e
gli autocarri (per la pulizia delle caditoie e gli altri servizi)
Totale 261
mezzi
Totale 261
mezzi
Totale 903
dipendenti
Totale 903
dipendenti
47
157
93
59
35
35
1
15
19 6
spazzamento
caditoie (ex SPC)
diserbo
pulizia sedi
amministrazione
cestini
portineria
pulizia mercati
R.D.
sospesi
59
AMA Essemme Spazzamento
Sedi operative e itinerari
Dettaglio e numero itinerari
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
PersonaIe impiegato: 47 addetti
Mezzi assegnati: 149 (principalmente motocarri)
Tratti stradaIi sensibiIi: 900 + Punti sensibiIi:
1.000
Grandezze caratteristiche
010
Residui deIIa puIizia deIIe strade
CER 00303; tonnellate
22.158 21.736
16.338
007 008 009
38
29
51
47
51
27
54
78
AM 56 AMb 9
Brancaccio
AM: 6.00-1.00
AMb: 6.00-11.0
PM: 1.00-19.0
AM 49
AM 51 AMb 1
Via Cappuccini
Via Mozart
Tascalanza
AM 29 AMb 2 PM 2
Castellotti
AM 14
P.Mondello
Via Campisi
Via Armida
Piazza Strazzeri
AMb 4
AM 47 AMb 14
AM 47
AM 16
AM 24 AMb 1
II servizio di spazzamento viene svoIto suII'intera superficie urbana, con una copertura geografica
di 1.410 Km di strade e ca. 1.000 punti sensibiIi
La citt suddivisa in 394 ambiti di spazzamento. Ciascun ambito associato ad una sede e viene assegnato ad un
operatore
Lo spazzamento unicamente di tipo manuaIe; non sono previsti itinerari di tipo meccanizzato. l servizio viene
principalmente svolto in turno antimeridiano
Ciascun ambito prevede lo spazzamento manuaIe di circa 3 Km di strade; all'interno di ogni ambito possono essere
presenti strade da spazzare quotidianamente e strade da spazzare con intervaIIi pi ampi
60
II servizio di puIizia caditoie impiega 165 risorse aIIocate in 20 squadre di sei unit; gIi interventi
sono stati pari a ca. 46,7 K neI 2008
AMA Essemme Pulizia caditoie
Addetti Addetti
165
Interventi Interventi
007: 39.355
008: 46.704
Fonte: elaborazioni BP su informativa aziendale
Erogazione deI servizio Erogazione deI servizio
Servizio da Partanna e Tasca
Lanza
0 squadre di 6 unit
Mezzi: 11 autocarri con cassa
stagna, 0 autocarri turbo diesel, 3
autospurghi, 4 furgoni
Contratto con AMAP (4, mln C)
VoIumi caratteristici VoIumi caratteristici
Numero caditoie: 58.000
40K griglia
18K chiaviche e
bocche di lupo
Parametri di benchmark:
1 intervento medio
annuo per caditoia
0' di lavorazione per
caditoia con
autospurgo (18
interventi a turno)
Parametri di benchmark:
1 intervento medio
annuo per caditoia
0' di lavorazione per
caditoia con
autospurgo (18
interventi a turno)
Criticit vasche di drenaggio dove confluiscono gli scarichi delle caditoie nelle zone
di mare provocano allagamenti (attualmente competenza di AMAP per pulizie)
Penali erogate da Palermo Ambiente
Applicando questi ratio, si
possono ipotizzare 5 +1
autospurghi su due
turni (3 FTE ciascuno)
Applicando questi ratio, si
possono ipotizzare 5 +1
autospurghi su due
turni (3 FTE ciascuno)
PuIizia caditoie PuIizia caditoie
Range di efficienze ipotizzabili (FTE): 111-129 Range di efficienze ipotizzabili (FTE): 111-129
61
II servizio di diserbo impiega 107 risorse; I'attivit non prevede aIcun trattamento chimico. Citt
di dimensioni maggiori impiegano un numero di risorse sostanziaImente inferiore adottando
trattamenti chimici
AMA Essemme Servizio di diserbo
Addetti Addetti
107 nterventi 007: 1.979
nterventi 008: 1.500
Fonte: elaborazioni BP su informativa aziendale
Erogazione deI servizio Erogazione deI servizio
Turno unico (06:00-1:00)
Mezzi: apecar due posti
l servizio viene effettuato sulla base della
conoscenza pregressa del territorio e su
segnalazione
VoIumi caratteristici / interventi VoIumi caratteristici / interventi
Parametri di benchmark:
ca. 0 risorse per citt di
dimensioni superiori
(chimico)
ca. 10k C per citt di
dimensioni comparabili
(chimico)
ca. 0K C per citt di 40K
abitanti (misto)
Standard su aree da
trattare per il controllo della
vegetazione spontanea pari
a 3 ettari ogni 10k abitanti
(10-40 C/m

)
Parametri di benchmark:
ca. 0 risorse per citt di
dimensioni superiori
(chimico)
ca. 10k C per citt di
dimensioni comparabili
(chimico)
ca. 0K C per citt di 40K
abitanti (misto)
Standard su aree da
trattare per il controllo della
vegetazione spontanea pari
a 3 ettari ogni 10k abitanti
(10-40 C/m

)
Criticit Nessun trattamento chimico
iserbo iserbo
Range di efficienze ipotizzabili (FTE): 67-87 Range di efficienze ipotizzabili (FTE): 67-87
6
II servizio di puIizia dei cestini impiega 29 addetti; I'attivit svoIta su due turni con cadenza
bisettimanaIe; da una anaIisi di benchmark preIiminare iI dimensionamento di AMIA appare
sostanziaImente aIIineato
AMA Essemme Servizio di pulizia cestini
Addetti Addetti
9* Numero cestini: 15.000
1.000 (contratto a noleggio,
cestini non ignifughi)
3.000 fissi (zone centrali)
l servizio comprende anche 150
ulteriori contenitori per raccolta
deiezioni animali
Svuotamenti annui stimati:
1.800.000
Fonte: elaborazioni BP su informativa aziendale
Erogazione deI servizio Erogazione deI servizio
4 itinerari su due turni (frequenza due volte
alla settimana)
Mezzi: 1 autocarri con vasca svuotati due /
tre volte per turno presso le postazioni
(Giotto / Brancaccio)
VoIumi caratteristici / interventi VoIumi caratteristici / interventi
Parametro di
benchmark:
produttivit di 10
cestini / giorno
Parametro di
benchmark:
produttivit di 10
cestini / giorno
Criticit Tempi di trasferimento presso le postazioni
Contenzioso con fornitore (impatto su sostituzione cestini, rimozione e ricollocazione per
eventi)
PuIizia cestini PuIizia cestini
* Di cui idonei ai cestini
Si rileva un vaIore
sostanziaImente
in Iinea con il
dimensionamento
di AMA
Si rileva un vaIore
sostanziaImente
in Iinea con il
dimensionamento
di AMA
63
II servizio di puIizia deIIe sedi aziendaIi (uffici e spogIiatoi), effettuato da AMIA Essemme, impiega
95 risorse
AMA Essemme Servizio di pulizia sedi aziendali
Addetti Addetti
95 VoIumi compIessivi (uffici +
spogIiatoi): 10.415 m
2
, di cui:
ngham: 3.050
Piazzetta Cairoli: .885
Tasca Lanza: 940
Partanna: 90
Campisi: 810
Pecoraino: 470
Cappuccini: 390
Mozart: 355
Strazzeri: 35
Castellotti: 00
Armida: 70
Erogazione deI servizio Erogazione deI servizio
l servizio viene svolto da personale
Essemme
La sede principale ubicata in Piazzetta
Cairoli
Gli autoparchi sono ngham, Pecoraino;
Tasca Lanza, Partanna
Le sedi periferiche sono: Mozart, Strazzeri,
Campisi, Castellotti, Cappuccini, Armida
VoIumi caratteristici / interventi VoIumi caratteristici / interventi
Pulizia uffici
Standard basso: 0,79
C / m

/ mese
Standard medio: 1,14
C / m

/ mese
Standard alto: 1,49 C /
m

/ mese
Pulizia uffici
Standard basso: 0,79
C / m

/ mese
Standard medio: 1,14
C / m

/ mese
Standard alto: 1,49 C /
m

/ mese
PuIizia deIIe sedi aziendaIi PuIizia deIIe sedi aziendaIi
Considerando uno
standard medio, il
vaIore annuo si
attesterebbe su 142,5
K C / anno (223,7 K C
con standard elevati)
Considerando uno
standard medio, il
vaIore annuo si
attesterebbe su 142,5
K C / anno (223,7 K C
con standard elevati)
Fonte: elaborazioni BP su dati aziendali; Consip, Costi Facility Managementi, 010
Range di efficienze ipotizzabili (FTE): 70-83 Range di efficienze ipotizzabili (FTE): 70-83
64
Servizi affidati aIIa Societ controIIata Amia Essemme srI
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
I Conti Economici - RicIassificazione comparativa anaIitica
(*) lo osseozo Jl costl/tlcovl ooo cotottetlstlcl e Jl lmposte Jl esetclzlo
Tipologie dei Costi Consuntivo 007 Consuntivo 008 Consuntivo 009
Delta (%)
007 - 010
Consuntivo 010
(*)
Personale (retribuzioni
onnicomprensive, sicurezza ecc.)
C 0.714.10 C 3.78.971 C 7.87.334 40,% C 9.045.937
Carburanti, merci, energia, acqua,
gas
C 3.995 C 34.35 C 44.045 189,34% C 69.47
Manutenzione mezzi, attrezzature,
immobili
C .157 C 0 C 0 1069,68% C 5.30
Servizi e Godimento beni da terzi
C 9.457.808 C 75.415 C .571.916 -77,57% C .11.600
Ammortamenti materiali e
immateriali
C 3.818 C 3.338 C 18.403 -3,60% C 16.054
Oneri di Gestione
C 46.907 C 85.075 C 581.56 155,96% C 76.690
Costi Operativi Partecipata C 30.68.805 C 5.391.14 C 31.088.4 5,85% C 3.040.938
Tipologie dei Ricavi Consuntivo 007 Consuntivo 008 Consuntivo 009
Delta (%)
008 - 010
Consuntivo 010
Corrispettivo da Contratto di
Servizio con AMA Spa
C 27.043.973 C 18.621.653 C 27.043.973 -0,06% C 27.028.306
Corrispettivo da Contratto di
Servizio con AMAP Spa
C 5.454.533 C 5.679.555 C 4.43.66 -24,96% C 4.093.65
Valore della Produzione Operativa C 3.498.506 C 4.301.08 C 31.87.39 -4,4% C 31.11.571
MAkGINL CLkA1IVC LCkDC 2229701 1089916 19901S -141,3% 919367
65
"uadro di raffronto costi - Ricavi Servizio Spazzamento
Analisi economico-finanziaria Performance economiche
I Conti Economici - RicIassificazione comparativa anaIitica
Tipologie dei Costi
Consuntivo 004
(avvio Essemme
srl)
Consuntivo 005 Consuntivo 006 Consuntivo 007 Consuntivo 008 Consuntivo 009
Consuntivo
010
Costi Operativi Servizio Spazzamento manuale
e meccanizzato Amia Spa
C 6.707.776 C 4.931.776 C .068.085 C 1.57.700 C 54.8 C 169.467 C 6.935
Corrispettivo integrativo riconosciuto dal
Comune di Palermo per stabilizzazione LSU
(Amia Essemme)
11.19.816 (*) 5.673.104 (*) 1.950.89 (**) C 1.950.89 C 1.950.89 14.765.088 (***) C 1.950.89
Costo Operativo personale spazzamento
manuale AMA ESSEMME srl
C 4.884.496 C 10.388.40 C 15.765.87 C 18.59.487 C 19.485.705 C 3.69.768 C 4.789.317
Numero di Dipendenti ESSEMME assegnati al
Servizio Spazzamento manuale
549 547 590 675 674 753 736 (1)
NUMERO UNTA' Dipendenti AMA assegnati
al Servizio Spazzamento manuale e
meccanizzato ante costituzione ESSEMME
(media 001/004)
260
%&% coottlboto ooo tootom %&&% oomeoto fotmole coottotto setvlzlo %&&&% Jl col coottlboto ooo tootom pet eoto 1814196
PREVISIONE 2011
Costo Operativo personale spazzamento
manuale AMA ESSEMME srl (A)
Corrispettivo integrativo riconosciuto a
regime dal Comune di Palermo per
stabilizzazione LSU (Amia Essemme) (B)
Costi Operativi Amia Servizio
Spazzamento manuale storicizzato (anno
004) (C)
lnLegrazlone corrlspeLLlvo necessarlo a coperLura magglor
cosLo a carlco Amla Spa per Servlzlo SpazzamenLo Manuale A
(8+C)
C 27.043.973 (2) 129S0892 6707776
%1) ln agglunLa vanno conslderaLl n 173 unlL %ln medla) desLlnaLl al servlzl dl pullzla cadlLole
%2) 1ale lmporLo lnclude ll cosLo del personale parl per ll 2010 ad euro 24789317
66
mpianto di Bellolampo Elementi di sintesi
II dipartimento Impianti impiega compIessivamente 90 dipendenti e 48 mezzi; AMIA gestisce
direttamente I'impianto di smaItimento di BeIIoIampo
PersonaIe assegnato aI ipartimento Impianti
Settembre 010; risorse assegnate
Mezzi attivi neI ipartimento Impianti
Settembre 010, numero mezzi attivi
TotaIe
48
TotaIe
48
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale

9
40
6
3
4
6
Gestione rete (centraline)
Gestione Discariche
coordinamento
Gestione Discariche
area operativa
Gestione Discariche
area manutentiva
Laboratorio chimico
Segreteria
Gestione Discariche
area amministrativa
Autocarro Autocarri
attrezzati
Trattori e
rimorchi
Autobotti/
autospur
Mezzi di
spostam.
Altro Spazzatrici/
innaffiatrici
9
7
6
4 4 4
3

9
Pale
gommate/
cingolate
Compatt.
grande
TotaIe
90
TotaIe
90
II personaIe si compone di 66 unit operative in discarica, a cui si aggiungono 9 unit addette al coordinamento, 10 unit di
staff (segreteria ed amministrazione), 3 unit operanti nel laboratorio chimico e addetti alla gestione delle centraline. n
discarica, le risorse lavorano su 3 turni nei giorni feriali e su in quelli festivi
La parte preponderante dei 48 mezzi a disposizione costituita da autocarri, mezzi di spostamento e pale atte alla
movimentazione dei rifiuti. Alcuni dei mezzi generici (dumper ed escavatori) sono adibiti esclusivamente alla stazione di
conferimento, in modo da evitare ai mezzi esterni l'ingresso in discarica
67
mpianto di Bellolampo Flussi di materiale
I rifiuti, dopo I'ingresso in discarica, vengono trattati presso I'impianto UNIECO e presso Ia stazione di
trasferenza e successivamente smaItiti
rifiuti, nella fase di ingresso, vengono identificati e pesati. Viene definita la successiva fase del processo di trattamento (i
rifiuti gi trattati possono essere direttamente abbancati in discarica)
rifiuti raccolti da AMA vengono trattati presso I'impianto UNIECO (separazione della frazione secca dalla FOS). Gli altri rifiuti
raccolti da Amia e da conferenti terzi vengono trattati presso la stazione di trasferenza (triturazione dei rifiuti)
rifiuti vengono smaltiti tramite abbancamento in discarica o conferimento a smaItitori speciaIizzati
**: Materiali non processabili (ingombranti ferrosi, non ferrosi, metallo, pneumatici,.)
Trattamento Ingresso SmaItimento
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
618 618
SmaItitori speciaIizzati SmaItitori speciaIizzati
AMIA
Raccolta RSU
AMIA
Raccolta RSU
879* 879*
iscarica BeIIoIampo
V^ Vasca
iscarica BeIIoIampo
V^ Vasca
1.465 1.465
UNIECO
5 tonn/turno
Apertura turni per 5 giorni
UNIECO
5 tonn/turno
Apertura turni per 5 giorni
338 338 362 362
24** 24**
Rifiuti gi trattati
(es. fanghi
depurazione)
Rifiuti gi trattati
(es. fanghi
depurazione)
Terzi Conferenti
Comuni e privati
Terzi Conferenti
Comuni e privati
397 397
Trituratore Trituratore
1.009 1.009
118 118
: tonn/giorno
FIusso dei rifiuti (01/05/010 a 3/09/010) FIusso dei rifiuti (01/05/010 a 3/09/010)
*: Dipartimento Raccolta
68
mpIanto dI 8eIIoIampo - ConIIgurazIone
L'impianto si compone di 5 vasche, di cui 4 dismesse per avvenuta saturazione ed una attiva
Data la limitata capacit residua attualmente in fase di progettazione la reaIizzazione di una sesta vasca
Posizione 5
vasca (attiva)
Posizione 5
vasca (attiva)
Ingresso con
pesatura
Ingresso con
pesatura
Posizione
impianto
UNIECO
Posizione
impianto
UNIECO
Strada
d'accesso (SP1)
Strada
d'accesso (SP1)
Stazione di
conferimento
dei rifiuti e
trituratore
Stazione di
conferimento
dei rifiuti e
trituratore
Serbatoio di
accumuIo deI
percoIato
Serbatoio di
accumuIo deI
percoIato
Posizione deIIa
4 vasca
esaurita
Posizione deIIa
4 vasca
esaurita
69
Fonte: Elaborazione BP su informativa aziendale
unzIonamento deII`ImpIanto UNECO
9.060
8.394
9.076
8.756
5.585
11.18 11.18
1.115
11.667
8.974
Maggio Giugno Luglio Agosto Settembre *
Rifiuti conferiti
Capacit teorica
(*) Limitatamente all'intervallo 1-3 settembre
Rifiuti processati daII'impianto UNIECO
010; tonnellate/mese
La Societ UNIEO stata incaricata della costruzione e gestione, presso la discarica di Bellolampo, di un impianto
per il trattamento dei rifiuti da conferire in discarica, al fine di ridurre la frazione organica stoccata
L'impianto deve processare 140.000 t/a di rifiuti (10.000 t di tal quale e 0.000 t di organico da RD); il conferimento
standard di 448 t/gg, con un massimo di 600 t/gg
l costo di gestione riconosciuto ad UNECO pari a 3, C/t conferite
L'impianto, dall'inizio della sua attivit (Maggio 010), I'impianto ha Iavorato aI di sotto deI suo IiveIIo di piena
saturazione, probabilmente a causa di frequenti guasti che hanno limitato la quantit di rifiuti accettati in ingresso
Volumi trattati: 140.000 t/a (10.000 tal quale, 0.000
organico da RD)
Conferimento giornaliero medio: 448 t/gg
Conferimento giornaliero massimo: 600 t/gg
Costo per tonnellata conferita: 3, C/t
Costo stimato annuo: 4.508.000 C
Giorni di apertura: 31
Anni di gestione UNECO: 3 da messa in funzione
Rapporto medio quantit in input/quantit in output: 0,96
Percentuale media di saturazione: 74%
Scheda tecnica Scheda tecnica
81% 81% 75% 75% 75% 75% 75% 75% 6% 6%
70
Trituratore
primario
Trituratore
primario
Separatore
magnetico
Separatore
magnetico
Sistema di
omogeneiz-
-zazione
Sistema di
omogeneiz-
-zazione
Impianto di
stabiIizzazion
e chimica
Impianto di
stabiIizzazion
e chimica
Separatore
magnetico
Separatore
magnetico
SottovagIio
SopravagIi
o
MetaIIi
ferrosi
MetaIIi
ferrosi
MateriaIe
da
smaItire
MateriaIe
da
smaItire
MateriaIe
<30mm
MateriaIe
<30mm
FOS FOS
Rifiuto taI
quaIe
Rifiuto taI
quaIe
Organico
da R
Organico
da R
20.000 t/a
120.000 t/a
Layout di processo deII'impianto UNIECO
010
Fonte: Elaborazione BP su informativa aziendale
ayout deII`ImpIanto UNECO
L'impianto UNIECO in una prima fase procede aIIa seIezione meccanica (triturazione, vagIio e
separazione magnetica), ed in una seconda aIIa omogeneizzazione e stabiIizzazione deI sottovagIio,
aI fine di ottenere Ia frazione organica stabiIizzata (FOS)
La prima vagliatura sottrae al processo il materiaIe pi grossoIano, il quale viene destinato alla compressione e al
deposito in discarica; la vagliatura finale serve per sottrarre al composto in uscita le frazioni con diametro inferiore a
30mm, come richiesto da capitolato
Sia il sopravaglio che il sottovaglio passano attraverso dei separatori magnetici al fine di estrarre i metalli ferrosi da
destinare al riciclo
La frazione di sottovagIio dopo omogeneizzazione viene conferita all'impianto di stabiIizzazione chimica ottenuta
miscelando il rifiuto omogeneizzato con ossido di calcio; iI processo di trattamento consente di ottenere un prodotto
perfettamente stabiIe che ha perso buona parte deIIa propria umidit, semplice da movimentare e che pu esser
utilizzato in discarica come materiale da copertura
VagIio
rotante
VagIio
rotante
VagIio
finaIe
VagIio
finaIe
71
mpianto di valorizzazione biogas
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
valori di biogas estratto ed energia prodotta mostrano un trend speculare e crescente, ad eccezione del 008 in cui i valori appaiono leggermente
biforcati; i picchi sono usualmente legati alla chiusura di vasche della discarica
l contratto stipulato nel 1999 col gestore (Asja) prevedeva il pagamento ad AMA di un corrispettivo pari al 5% degli incassi ottenuti dalla vendita
dell'energia prodotta, ai sensi del CP 6, e del 6,5% delle quantit eccedenti 1 MW
Nel 009 AMA ha ottenuto dalla cessione del biogas un corrispettivo di 40.364 C, in linea con la crescita registrata nella quantit di energia
prodotta rispetto al biennio precedente
Nel 011Amia stipulava nuova concessione con Asja avente pari oggetto, nella quale veniva rivisitato il corrispettivo dal 5% al 0% di tutti i ricavi
percepiti per la vendita dell'energia prodotta dall'impianto. Ci provocher un consistente incremento del volume dei ricavi (almeno 1,5 mln annui).
La produzione di energia eIettrica da biogas (gestita da Asja) evidenzia trend crescenti con un picco
tra 2009 e 2010 (pari a 5 mIn m
3
).
Biogas estratto ed energia eIettrica prodotta
004 010; metri cubi / kilowatt ora
1.000.000
.000.000
3.000.000
4.000.000
5.000.000
Biogas (m
3
)
Energia elettrica (Kwh)
004 005 006 007 008 009 010
410.695
303.478
40.364
006 007 009
Corrispettivo annuo registrato da AMIA
006-007-009; C
7
Gestione del percolato
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale; * dati al 19/11; ** WeatherUnderground stazione di Carini (PA)
Nel 009, per lo smaltimento del percolato AMA si avvalsa di 7 diversi impianti specializzati; oltre l'80% del materiale
stato inviato in soli impianti a Palermo (per AMAP spa) e a Gioia Tauro (per AM spa):
L'andamento del percolato correlato a quello delle precipitazioni con picchi pi elevati nei periodi invernali
Nel 009 la Regione Siciliana interviene con Deliberazione n. 15 riconoscendo una anticipazione fino a 1 mln per le
spese di emergenza della discarica di Bellolampo fra cui quelle relative allo smaltimento del percolato
NeI triennio 2008-2010 Ia quantit di percoIato prodotta in discarica quasi tripIicata, passando da
circa 44 miIa tonneIIate prodotte neI 2008 a circa 110 miIa tonneIIate prodotte neI 2010; I'andamento
deI percoIato parziaImente correIato a queIIo deIIe precipitazioni (aumentate di due voIte e mezzo
circa durante iI triennio)
Precipitazioni** (mm) Percolato Prodotto (kg/000)
Andamento percoIato e precipitazioni
008-010; mm; tonn
008 009
50
100
150
00
50
300
350
400 mm
.000
4.000
6.000
8.000
10.000
1.000
14.000
16.000 tonn
Dic FebApr GiuAgo Ott Dic FebApr GiuAgo Ott Dic FebApr GiuAgo Ott
010*
008 009
"uantit totaIe percoIato e precipitazioni
008-010; migliaia di kg; mm
010*
43.520
87.330
109.643
587
1.780
1.393
Precipitazioni** (mm) Percolato Prodotto (kg/000)
73
Benchmark gestione discarica
* Dimensionamento su un unico turno con ca. 100 mezzi al giorno in ingresso
La reingegnerizzazione deII'impianto di BeIIoIampo e Ia sua organizzazione comporteranno
sicure ottimizzazioni, anche grazie aIIa progressiva eIiminazione deII'emergenza
volumi caratteristici dell'impianto adottato per il benchmark sono di circa .000 t/giorno
L'impianto non include l'attivit di triturazione (alla quale si dedicano circa 5,8 FTE a Bellolampo)
14,0 43,0 24,0 9,0 AMlA 88
enchmark di
settore
5J6 3J4 1 1 9J11
TOTALE
Dimensionamento
AMlA con parametri
di benchmark
~8 ~1719 ~23 ~23
~31J33
su un turno
no trIturazIone
Possibile efficienza
considerando le
specificit dell'impianto
di ellolampo
~6 ~2426 ~2122 ~57
~56J58
ProgrammazIone
e CestIone
ammInIstratIva
anutenzIone e
IaboratorIo
ogIstIca e servIzI
CestIone
ammInIstratIva
percoIato e rIIIutI In
uscIta
CestIone
ammInIstratIva rIIIutI
In Ingresso
anutenzIone e
IavaggIo mezzI
anutenzIone
ImpIantI
Cestione impianti e discarica
CestIone documentaIe
(dIchIarazIonI ,
segret., presenze etc.)
CestIone
operatIva
dIscarIca
TrIturazIone
ConIerImento rIIIutI
Trasporto,
Abbanc.to, compatt,
rIcoprImento
CestIone percoIato
agazzIno
#IIornImento
PuIIzIa IocaII
#accoIta rIIIutI sparsI
area dIscarIca
ProgrammazIone,
coordInamento e
controIIo
aboratorIo chImIco
6,0
2,6
2,8
2,4
10,7
5,8
19,5
7,0
12,4
5,6
3,0
3,2
2,7
2,1
4,2
13,8
43,0 24,2 9,0
90,0
Tale
sovradimensionamento
appare giustificato dalla
situazione di
emergenza
n prospettiva
necessario considerare la
riaIIocazione deI
personaIe in esubero
Tale
sovradimensionamento
appare giustificato dalla
situazione di
emergenza
n prospettiva
necessario considerare la
riaIIocazione deI
personaIe in esubero
74
I mezzi da considerare attivi sono 829 a fronte dei 1.138 desunti daII'anagrafica patrimoniaIe
Parco Mezzi: distribuzione
Fonte: Elaborazione BP su dati Dipartimento Logistica
(1) Sono considerati comunque "attivi i cassoni scarrabili, che non richiedono frequenti manutenzioni
(5): Altri mezzi: dumper, escavatori,biotrituratore, carrellini
(4): Mezzi di spostamento: autovetture, minibus, furgoni
Per definire i mezzi "attivi sono stati esclusi i 309 mezzi che non sono stati manutenuti da gennaio 009
(1)
Nota: tutte le analisi sono svolte sui mezzi attivi
(): Sono i mezzi che attualmente sono presso ditte esterne, in attesa fondi
Parco mezzi per tipoIogia e ipartimento di assegnazione
(3): Autocarri attrezzati: autocarri con gr, con attrezzatura aspirafoglie, con attrezzatura per disinfestazione, con struttura per pesatura Racc Diff, con vasca e voltabidoni,
officina mobile, scarrabili con benna e gr, pesanti con benna a polipo
Nota: i mezzi in usufrutto ed a noleggio sono i mezzi acquisiti per fronteggiare l'emergenza. Si prevede di sostituire i mezzi noleggiati con i mezzi che verranno
acquisiti a breve
#accolta
#accolta
Diff
lmpianti
AMlA
Essemme
Manutenzione
Strade
Servizi
(Sanificazione)
Altri
Dipartimenti
Totale
mezzi
attivi
(DI cuI
presso
dItte
esterne (2)
(DI cuI a
noIeggIo
J
usuIrutto)
Mezzi
non
attivi
Totale
mezzi
aziendali
Compattatori extragrandi 32
m3
13 1 14 0 14
Compattatori Crandi 24 m3 71 18 4 93 10 7 100
Minicompattatori 16 34 3 53 1 22 53
Comp. Scarrabili 7 12 19 2 8 28 47
Cassoni scarrabili 12 4 2 18 0 158 176
Autocarri 33 41 9 30 36 6 155 7 34 27 182
Autocarri attrezzati (3) 23 45 3 29 3 14 1 118 7 41 118
Trattori e #imorchi 11 4 5 20 3 0 3 23
Lavastrada 6 6 2 0 6
Pale gommate e cingolate 9 6 8 1 24 3 0 3 27
Spazzatrici ed lnnaffiatrici 4 4 4 2 14 2 0 3 17
Motocarri 177 177 1 0 35 212
Autobotti ed Autospurghi 2 3 2 1 8 1 0 8
Terne e #ulli 1 7 8 1 0 6 14
Vibrofinitrici e Scarificatrici 5 5 0 3 8
Compressori 4 7 11 0 11
Lavacassonetti 1 1 1 1
Mezzi di spostamento (4) 16 10 7 11 15 2 11 72 0 22 94
Altri mezzi (5) 1 9 3 0 13 0 14 27
Totale 214 175 48 261 95 16 20 829 31 115 309 1.138
75
8 7
3
8
4
10
8
11 10
7
9
7
11
9
1
10
10
Comp
extra
grandi
Comp.
grandi
Mini
comp.
Auto-
carri
Autocarri
attrezzati
Trattori
Rimorchi
Lava-
strada
PaIe
gom
cing
Spazzat
Innaffiat
Moto-
carri
Autob
Autosp
Terne
RuIIi
Vibrofinit
Scarificat
Compres Lava-
casson
Mezzi
spostam
AItri
mezzi
Anzianit media dei mezzi per categoria
010, anni di anzianit, numero di mezzi
II parco mezzi attivi ha un'anzianit media reIativamente eIevata, pari a 7 anni. NeI caso dei
compattatori (grandi extragrandi e mini) iI 50% ha un'et pari o superiore a 8 anni, iI 26% pi di 12
anni
*
Parco ezzI AttIvI: anzIanIta medIa per tIpoIogIa
14 14 91 91 53 53 155 155 118 118 20 20 66 24 24 14 14 177 177 88 88 55 11 11 11 72 72 13 13
(1) Di compattatori grandi non si conosce la data di immatricolazione (*) Sono stati esclusi dall'analisi i mezzi a noleggio/usufrutto
Fonte: Elaborazione BP su dati Dipartimento Logistica
76
Analisi dei guasti e dei fermi
I compattatori sono i mezzi che hanno iI tasso di guasto e down time pi aIto, seguiti dagIi autocarri
attrezzati e daIIe spazzatrici ed innaffiatrici
(1) MTBF (tempo medio fra due guasti) e MTBM (tempo medio fra due fermi) sono calcolati sul parco dei mezzi attivi
() l Tempo Medio di Attesa ed il Tempo Medio di Riparazione sono calcolati sui mezzi che hanno avuto tra Gennaio e Settembre '10 commesse di riparazione
(3) Se la manutenzione inizia e finisce lo stesso giorno in cui viene aperta la commessa di riparazione, tempo di attesa nullo e tempo di manutenzione di mezza giornata
Fonte: Elaborazione BP su dati Dipartimento Logistica
(4) l Down Time calcolato come percentuale tra il tempo totale di fermo ed il tempo totale teoricamente disponibile (6/7 giorni lavorativi a seconda del dipartimento)
MTF
(giorni)
(1)
MTM
(giorni)
(1)
Tempo
Medio di
Attesa
(giorni)
Tempo Medio
di #iparazione
(giorni)
Tempo Medio
di Fermo
(giorni) (3)
Down
Time (%)
(4)
N`
Mezzi
Attivi
Comp. extragrandi 6 6 0,2 2,9 3,1 51% 14
Comp. Crandi 5 5 0,2 1,8 1,9 39% 93
Minicomp. 18 17 0,4 2,2 2,6 18% 53
Comp. Scarrabili 167 153 1,2 12,1 13,3 10% 19
Autocarri 90 65 0,8 12,1 12,9 26% 155
Autocarri attrezzati 33 30 0,5 7,9 8,4 31% 118
Trattori e #imorchi 66 61 0,1 14,4 14,5 29% 20
Lavastrada 44 43 0,6 13,0 13,6 51% 6
Pale gommate e
cingolate
101 98 1,5 21,9 23,4 33% 24
Spazzatrici ed
lnnaffiatrici
69 69 1,4 13,9 15,2 26% 14
Motocarri n.s. 589 0,1 5,2 5,3 1% 177
Autobotti ed
Autospurghi
243 182 0,3 12,5 12,7 29% 8
Terne e #ulli 59 56 0,3 8,8 9,1 19% 8
Vibrofinitrici e
Scarificatrici
683 683 6,5 137,8 144,3 25% 5
Compressori n.s. 601 12,1 12,1 2% 11
Mezzi di spostamento 209 182 0,2 25,1 25,3 26% 72
Altri mezzi 592 323 14,1 47,2 61,3 22% 13
77
II down time si concentra su aIcune categorie di mezzi critici per iI servizio
Down Time
Non sono stati considerati i controlli settimanali e bisettimanali dei mezzi, che hanno
una durata di poche ore.
Fonte: Elaborazione BP su dati Dipartimento Logistica
Compattatori grandi ed
extra grandi
Minicompattatori
Autocarri attrezzati
Autocarri
Lavastrada
PaIe gommate e cingoIate
Spazzatrici Innaffiatrici
Autobotti Autospurghi
Terne e RuIIi
AItri mezzi
l Down Time calcolato come percentuale tra il tempo totale di fermo
ed il tempo totale teoricamente disponibile ai mezzi attivi (7 giorni
lavorativi per la Raccolta e 6 per gli altri dipartimenti)
RaccoIta RaccoIta RaccoIta ifferenziata RaccoIta ifferenziata Amia Essemme Amia Essemme
Manutenzione
Strade
Manutenzione
Strade
43%
15%
18%
16%
46%
54%
38%
1%
33%
46%
51%
13%
4%
30%
46%
31%
4%
19%
31%
18%
Servizi Servizi
58% 37% 34% % 69%
Se la manutenzione inizia e finisce lo stesso giorno in cui viene aperta la commessa
di riparazione, tempo di attesa e tempo di manutenzione sono entrambi di mezza giornata
54%
Mezzi critici
UtiIizzati per
disinfestazione
/disinfezione
UtiIizzate
nei mercati
UtiIizzati
neIIa puIizia
caditoie
UtiIizzate
nei mercati e neI
Iavaggio strade
78
Guasti e Tempo di Fermo per et dei Compattatori
Fonte: Elaborazione BP su dati Dipartimento Logistica
L'analisi stata fatta sui compattatori extra grandi, grandi e mini, esclusi i mezzi che sono in usufrutto od a
noleggio
6%
%
4%
5%
6%
1%
5%
1%
30%
1 anno
anni
3 anni
5 anni
6 anni
7 anni
8 anni
9 anni
Tra i 10 ed i 15
anni
Ripartizione deI tempo totaIe di fermo per guasto
dei compattatori per fascia di et
Gennaio-Settembre 010, %
II 41% dei fermi per guasto, e iI 30% deI tempo totaIe di fermo, concentrato tra i mezzi con pi di 11
anni; anche iI tasso di guasto dei mezzi pi recenti reIativamente eIevato e impiega
proporzionaImente maggiore tempo di riparazione
4
30
55
4
56
31
39
8
1
17
64
87 8
4
1 2 3 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15
N medio di guasti per mezzo attivo per fascia di et
Gennaio-Settembre 010, N fermi
N
mezzi
attivi
N
mezzi
attivi
99 12 12 30 30 77 11 66 23 23 22 22 22 11 11 14 14 77 11 127 127
TotaIe Mezzi
Attivi (*)
TotaIe Mezzi
Attivi (*)
(*) 1 mezzo stato escluso dall'analisi per mancanza di data
di immatricolazione
79
Tasso di sinistrosit degli automezzi
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
43
491
546
61
669
750
717
64
380
00 003 004 005 006 007 008 009 2010 (1H)
00-010 1 semestre; totale sinistri
TotaIe sinistri autisti Sinistri autisti per mezzo
II numero totaIe di sinistri ha seguito un trend crescente fino aI 2007, registrando un picco di ca.
750, con una inversione di tendenza negIi uItimi anni
l primo semestre 2010 evidenzia un Ieggero incremento neI numero di sinistri rispetto al corrispondente periodo del
009 (ca. 4%)
Nel 009 il maggior tasso di sinistrosit attiene ai dipartimenti di raccoIta; il turno a maggior livello di sinistrosit
quello antimeridiano (349 sinistri su 642)
00-009; numero sinistri su totale mezzi
00 003 004 005 006 007 008 009
0,49
0,55
0,56
0,59
0,56
0,6
0,64
0,67
80
Fonte: Elaborazione BP su dati aziendali
Costo medio di manutenzione per mezzo*
Le categorie di mezzi a cui associato iI costo medio pi eIevato sono i compattatori extragrandi (22K
C) e grandi (15K C), con a seguire Iavastrade e minicompattatori (6K C)
Costo annuo medio dei mezzi per categoria
010; C
(*) Analisi effettuata sui soli mezzi considerati attivi, esclusi cassoni scarrabili
Comp
extra grandi
Comp.
grandi
Mini
comp.
Auto-
carri
Trattori
Rimorchi
Lava-
strada
PaIe
gom
cing
Spazzat
Innaffiat
Moto-
carri
Autob
Autosp
Terne
RuIIi
Vibrof
Scarific
Mezzi
spostam
Auto-
carri attr
13.500
5.500
.54
963
.939
.697
1.907
840 907
1.136
349
79
7.379
8.076
1.106
4.837
40
89
1.00 70
88
169
.44
35
540
568
418
136 37
58
487
60
97
1.300
Costo medio lavori
Costo medio canoni
Costo medio dei ricambi
21.896 21.896 14.926 14.926
6.054 6.054 5.835 5.835
3.519 3.519 3.354 3.354
2.325 2.325 1.979 1.979 1.936 1.936 1.281 1.281
1.004 1.004 852 852
367 367
43 43
Costo totaIe Costo totaIe
canoni rappresentano il costo principale per compattatori grandi e mini, mentre per compattatori extra grandi e lavastrade incide
maggiormente il costo delle lavorazioni, a causa della presenza di in numero inferiore di mezzi con contratto
81
L'eIevato tasso di guasto (et media, utiIizzo, incidentaIit) e gIi eIevati tempi di fermo portano ad un
uso inefficiente deI parco mezzi(*) con eIevata indisponibiIit (T) e costi eIevati di manutenzione.
Ne consegue che, per mantenere i IiveIIi di servizio, stato necessario introdurre un turno pomeridiano
(ancorch abbia produttivit inferiore) e dotarsi di scorte mezzi pi eIevate (con costi aggiuntivi)
Compattatori grandi: indicatori di performance operativi
Fonte: Elaborazione BP su dati Dipartimento Logistica
analisi dei guasti analisi dei fermi analisi di disponibilit
Servizi persi
Recuperi
Servizi non
effettuati vs
pianificati
Scorte
Disponibilit
dei mezzi
Tempi di
attesa
lavorazione
Fermi per
manutenzione
preventiva
Tempo di
fermo totaIe
(own Time)
Tempi di
riparazione
(MTTR)
Tasso di
guasto
(MTBF)
Affidabilit
Utilizzo dei
mezzi
Guasti in
servizio
Altre cause
Fermi TotaIi
(MTBM)
Utilizzo
programmato
8 anni
Et media
2,1 sinistri aI
giorno
4,6 gg
4,5 gg
0,2 gg
1,8 gg
43 %
38 mezzi
(picco
notte)
47
mezzi
46
mezzi
45-56 da
riIevazione
(*) Gli indicatori sono relativi a compattatori grandi ed extra grandi del dipartimento raccolta
3 turni aI
giorno
8
Manutenzione Strade Elementi di sintesi
II servizio si articoIa in 4 attivit principaIi: Manutenzione deIIe Superfici Viarie, Manutenzione
deIIe Superfici PedonaIi, Pronto Intervento e SorvegIianza*
Fonte: Schede di rilevazione ed informativa aziendale
l contratto di servizio prevede il pagamento da parte del Comune di un corrispettivo proporzionale alle superfici
effettivamente lavorate durante l'anno (laddove quantificabili); il mancato raggiungimento del tetto di lavorazioni
programmate porta ad una perdita di fatturato (come avvenuto nel 009)
Superfici Viarie Superfici Viarie Pronto Intervento Pronto Intervento
Superfici PedonaIi Superfici PedonaIi SorvegIianza SorvegIianza
1) Emergenza: eliminazione delle situazioni di pericolo che
riguardano le sedi stradali e pedonali nell'arco di 4h (5 squadre
da 4)
) Manutenzione voIante: riparazioni delle pavimentazioni al di
fuori delle 4h (5 squadre da 5 con 1 operatore macchine)
- Nel 009 realizzati 19.598 interventi, la maggior parte in
emergenza, a fronte di un ammontare di 12.000 da CdS
1) Monitoraggio deIIe superfici viarie, ogni mese su assi principali,
ogni mesi su altre strade (4 addetti)
) Monitoraggio superfici pedonaIi, ogni 6 mesi (4 addetti)
- l monitoraggio solo visivo senza l'utilizzo di attrezzatura specifica
e supporto informatico
- Nel 009 risulta monitorata tutta Ia rete stradaIe e pedonaIe
della citt, con la dovuta frequenza, per un totale complessivo di 63
mln m

di strade e 4 mln m

di marciapiedi
1) Ripavimentazione degli itinerari principaIi (1 squadra da 19
con 1 vibrofinitrice ed 1 scarificatrice)
2) AItri itinerari (1 squadra da 0 con 1 vibrof. ed 1 scarif.)
3) Sistemazioni viarie (1 squadra da 11, con vibrof. ed 1 scarif.)
Complessivamente le superfici da lavorare per CdS ammontano a
550.000 m
2
all'anno (nel 009 realizzati il 77%: 41.555 m

), con
possibilit di estensione
1) Manutenzione marciapiedi in battuto di cemento (3squadre da 5)
) Marciapiedi in superfici Iapidee o altro (1squadra da 5)
3)Approvvigionamento squadre (15 addetti)
Da CdS, le superfici da lavorare annualmente ammontano a 20.000
m
2
per i marciapiedi in cemento e 300 m
2
per i lapidei (nel 009
realizzati rispettivamente 4.844 m

, iI 24%, e 136 m

, il 45%)
Manutenzione ediIi aziendaIi (1 squadra da 4)
60 addetti
36 addetti 11 addetti
50 addetti
TotaIe dip:
171 addetti**
(*) l dipartimento offre anche un servizio di rimozione residui ed olio a seguito di sinistri stradali
(**) Comprende 14 addetti al coordinamento
83
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
COSTI OPERATIVI - Servizio Manutenzione Strade ed Emergenza
Analisi comparativa 007 010
(*) L'importo originario deI Contratto di Servizio pari ad euro
14,03 mIn. La differenza dovuta aIIa minore produzione di
servizi neII'anno a cui ha seguito Ia mancata fatturazione
Tipologie dei Costi Consuntivo 007 Consuntivo 008 Consuntivo 009
Delta (%)
007 - 010
Consuntivo 010
Personale (retribuzioni
onnicomprensive, sicurezza ecc.)
C 6.490.49 C 6.13.715 C 6.66.003 1,55% C 7.304.907
Carburanti, merci, energia, acqua,
gas
C 4.688.397 C .067.935 C 1.998.85 -63,94% C 1.690.65
Manutenzione mezzi, attrezzature,
immobili
C 193.046 C 148.3 C 56.37 -17,5% C 159.18
Servizi e Godimento beni da terzi
C 1.130.358 C 1.070.05 C 76.344 -68,45% C 356.645
Servizi logistico-amm.vi
C 1.53.40 C 1.443.819 C 1.893.909 -,96% C 1.173.635
Ammortamenti materiali e
immateriali
C 16.44 C 181.750 C 173.991 9,39% C 09.933
Oneri di Gestione
C 75.57 C 8.1.314 C 9.904 -77,18% C 17.49
Costi Operativi Servizio
Manutenzione Strade (*)
C 14.63.86 C 19.47.970 C 11.14.807 -3,49% C 10.91.1
Tipologie dei Ricavi Consuntivo 007 Consuntivo 008 Consuntivo 009
Delta (%)
007 - 010
Consuntivo 010
Corrispettivo da Contratto di
Servizio Comune di Palermo (*)
C 14.035.617 C 14.035.617 C 10.940.719 -4,33% C 10.61.331
Valore della Produzione C 14.035.617 C 14.035.617 C 10.940.719 -4,33% C 10.61.331
MAkGINL CLkA1IVC LCkDC 227669 S2123S3 184088 7,76% 290881
84
Pulizia dei tribunali
Addetti Addetti
109 imensioni compIessive: 96.907 m
2
Palazzo di Giustizia: 60.38 m

Giudice di Pace: 3.000


Aula Verde 1) Ucciardone: 4.593
Aula Verde ) Pagliarelli: 15.49
Procura presso Pretura 1): 1.535
Procura presso Pretura ): 9.575
Casa Circondariale Minori : 656
Nuovi Locali Finanza: 318
Nuovi locali di Polizia Giudiziaria: 676
Caserma Carini: 680
Erogazione deI servizio Erogazione deI servizio
l servizio viene svolto da personale del
Dipartimento Servizi e rientra nel Contratto
di Servizio di giene
in fase di pianificazione un riassetto
organizzativo che prevede oltre all'orario
06:00-10:30 dei rientri pomeridiani (dalle
14:30 alle 19:00 su due giorni alla settimana)
VoIumi caratteristici / interventi VoIumi caratteristici / interventi
PuIizia dei TribunaIi PuIizia dei TribunaIi
La puIizia dei tribunaIi viene eseguita attuata da n. 109 risorse
Fonte: elaborazioni BP su dati aziendali; Consip, Costi Facility Managementi, 010
n base alle dimensioni delle sedi dei tribunali (m

oggetto di pulizie), il servizio evidenzia margini di migIioramento


in termini di produttivit (range stimato tra un minimo di ca. 54 ad un massimo di ca. 71 addetti). l riassetto
organizzativo mediante razionalizzazione dei turni un prerequisito necessario per abilitare le efficienze
n base alle dimensioni delle sedi dei tribunali (m

oggetto di pulizie), il servizio evidenzia margini di migIioramento


in termini di produttivit (range stimato tra un minimo di ca. 54 ad un massimo di ca. 71 addetti). l riassetto
organizzativo mediante razionalizzazione dei turni un prerequisito necessario per abilitare le efficienze
85
II servizio di sanificazione (disinfestazione, disinfezione, derattizzazione) impiega n. 30 risorse
per ca. 34,7K interventi annui
Sanificazione Disinfestazione, disinfezione, derattizzazione
Addetti Addetti
30
Erogazione deI servizio Erogazione deI servizio
MensiImente vengono redatti caIendari
di derattizzazione e disinfestazione
(per i mesi estivi ) e di derattizzazione e
disinfezione cassonetti ( per i mesi
invernali ) che tengono conto di tutto il
territorio cittadino diviso in circoscrizioni
ue turni: antimeridiano (tutto l'anno);
notturno (1 maggio 30 settembre),
pomeridiano (1 Ottobre 30 aprile)
Ogni squadra formata da operai
VoIumi caratteristici / interventi VoIumi caratteristici / interventi
Parametri Benchmark:
Sanificazione su esterni:
0,07 C / m

potizzando una media di


00 m per intervento il
valore si attesterebbe a
ca. 0,46 mln C
Superfici a prevalenza
interna:
Disinfezione /
disinfestazione: range
100-10 C / intervento
Derattizzazione: ca. 10
C / intervento
Con questi parametri il
valore si attesterebbe tra
0, e 0,5 mln C
Parametri Benchmark:
Sanificazione su esterni:
0,07 C / m

potizzando una media di


00 m per intervento il
valore si attesterebbe a
ca. 0,46 mln C
Superfici a prevalenza
interna:
Disinfezione /
disinfestazione: range
100-10 C / intervento
Derattizzazione: ca. 10
C / intervento
Con questi parametri il
valore si attesterebbe tra
0, e 0,5 mln C Criticit
Disponibilit dei mezzi per disinfezione / disinfestazione
Diminuzione degli interventi nel 010
Sanificazione Sanificazione
Totale interventi 2009: 34.678
Derattizzazione strada : 0.71
Disinfestazione su strada: 5.090
Disinfezione su strada: 6.756
Derattizzazione locali Comune: 468
Disinfestazione locali Comune: 949
Disinfezione locali Comune: 644
nterventi a privati: 59
Totale interventi 2010: 19.979 (Gennaio-
Settembre)
n base a simuIazioni suIIe grandezze operative deII'area si possono ipotizzare efficienze a IiveIIo operativo, sia su
superfici esterne che interne (indicativamente pari a ca. 5 addetti)
n base a simuIazioni suIIe grandezze operative deII'area si possono ipotizzare efficienze a IiveIIo operativo, sia su
superfici esterne che interne (indicativamente pari a ca. 5 addetti)
Fonte: elaborazioni BP su dati aziendali; Consip, Costi Facility Managementi, 010
86
Trend storici del Call Center
Nel periodo 20072009,si registrato, con l'affidamento della gestione del servizio ad un
fornitore esterno, un numero elevato di richiesteJreclamiJsegnalazioni (tipologia prevalente
relativa agli ingombranti)
1sem
007
sem
007
1sem
008
sem
008
1sem
009 009
1sem
010
Lug-Sett
010
Segnalazioni
Richieste di servizio
Reclami
Contatti aI contact center
Gennaio 007- Settembre 010; numero segnalazioni
La cIasse di segnalazioni / richieste
che incide maggiormente anche nel
periodo 007-009 la raccoIta degIi
ingombranti, con il 40% ca. deI
totaIe
La riduzione deII'orario di
erogazione deI servizio (da 8.00-
18.00 luned-sabato a 8.30-13.30
luned-venerd) potrebbe aver
comportato una riduzione nel numero
di contatti
La societ esterna impiegava un
minimo di 5 operatori per gestire il call
center, mentre AMA opera con ca. 3,3
FTE
Durante il periodo di gestione esterna
si registrato un incremento della
quota di richieste di servizio sul totale
(45% in media), una riduzione dei
reclami da met 008 (40%) e un dato
stabile per le segnalazioni (15%)
1sem
007
sem
007
1sem
008
sem
008
1sem
009 009
Lug-Ott
Giu-Ott
4,4
6,0
4,0 4,5
4,0 3,4
10,7
1,1 11,0
13,
17,5
17,1
8,5
13,3
15,
14,6
11,9
11,0
Fonte: Elaborazione BP su dati Dipartimento Affari Legali
(*) nformazioni generiche e accorpamenti non tracciati (**) Non tracciati gli accorpamenti; le informazioni cominciano da Agosto
9.599
39.303
38.48
43.05
43.944
31.478*
16.518*
1.45**
Termine
esternalizzazione
del servizio
Termine
esternalizzazione
del servizio
Di cui: contatti per tipologia ('000)
87
Contact Center / URP: Attivit
II servizio URP, di cui iI CaII Center rappresenta Ia parte prevaIente, impiega 7 FTE. II CaII center
stato internaIizzato aIIa fine deI 2009 ed attivo daI Iuned aI venerd daIIe 8.30 aIIe 13.30
Attivit Attivit escrizione escrizione
Gestione "caII center"
gestione dei flussi di informazioni provenienti dall'esterno tramite "call center e
inserimento dati nel sistema informatico di smistamento
Gestione
segnaIazioni e-maiI
analisi ed inserimento delle e-mail nel sistema informatico
FTE FTE
EIaborazione
riscontri
inserimento dei riscontri provenienti dai Dipartimenti tecnico-operativi
AItro
gestione segnalazioni da protocollo, smistamento commesse, newsletter, adempimenti
procedura PG 01/01, comunicazione con l'ufficio stampa
Riscontro agIi utenti
e-maiI
risposta agli utenti che contattano l'Azienda attraverso i canali e-mail o sito aziendale
Verifica riscontri analisi dei riscontri provenienti dai Dipartimenti tecnico-operativi
Archiviazione
archiviazione della documentazione cartacea pervenuta all'URP (commesse, note e
riscontri)
3,3
0,6
0,7
0,5
0,5
0,4
1,0
Fonte: Elaborazione BP su dati Dipartimento Affari Legali
7,0 TotaIe
88
Segnalazioni al call center
Breakdown mensiIe per ipartimento
Gennaio-Settembre 010; numero segnalazioni
Si riIeva come circa n. 3 segnaIazioni su 4 coinvoIgano Ia raccoIta differenziata; iI 22% riguarda
Amia Essemme e Ia raccoIta indifferenziata. II 90% circa deIIe segnaIazioni avviene
teIefonicamente ed iI 10% via e-maiI
Fonte: Elaborazione BP su dati Dipartimento Affari Legali
SegnaIazioni
mese
SegnaIazioni
mese
1.945 1.945 2.561 2.561 3.380 3.380 3.094 3.094 2.983 2.983 2.555 2.555 3.596 3.596 3.150 3.150
SegnaIazioni per
dipartimento
SegnaIazioni per
dipartimento
GennaioFebbraio Marzo ApriIe Maggio Giugno LugIio Agosto
178
1%
74%
10%
1%
3%
SegnaIazioni per ipartimento
Gennaio-Settembre 010; % per Dipartimento
RaccoIta ifferenziata
RaccoIta
Servizi
Man. Strade
Essemme
27.399 27.399
TotaIe segnaIazioni che
richiedono un intervento
Si osserva un trend stagionaIe e legato ai servizi forniti (lancio porta a porta), con un incremento sensibile a settembre
(1): Richieste di numeri telefono dei dipartimenti, di info sulle proprie richieste precedenti, di info varie (bonifica amianto, Piazza Pulita, orario conferimento
rifiuti, servizi a pagamento). Si iniziato a tracciare queste chiamate a partire da fine Agosto 010
4135 4135
Settembre
6
390 409 380 350 304
391
308
436
1.516
1.855
.643
.33
.75
1.845
.68
.300
3.03
163
49
7
301
33
67
364
35
40
6
40
30
4
31
39
35
8
56
7
94
100
178
16
18
166
1.198
6
48
Raccolta
Raccolta Diff.
Amia Essemme
Man. Strade
Servizi
nfo varie (1)
3.194 3.194
20.408 20.408
2.603 2.603
327 327
867 867
1.364 1.364
89
Principali categorie di segnalazioni
PrincipaIi tipoIogie di segnaIazioni che richiedono un intervento
Gennaio-Settembre 010; medie mensili per tipologia di segnalazione
3.044 3.044
Media mensiIe segnaIazioni
che richiedono un intervento
II 60 % ca. deI totaIe deIIe segnaIazioni aI caII center riguarda Ia raccoIta degIi ingombranti, in
particoIare Ia Ioro raccoIta a domiciIio (52% deI totaIe); un aItro 34% riguarda Ie attivit di raccoIta
(ingombranti su strada, Porta a Porta, bonifiche varie, cassonetti), di spazzamento e di
disinfestazione/diserbo
Fonte: Elaborazione BP su dati Dipartimento Affari Legali
NB. Le info varie, la cui tracciatura iniziata da fine Agosto '10, non sono state considerate
Ingombr.
omiciIio
Spazz.
iserbo
Racc.
iff. PAP
Bonifiche
varie
Casso-
netti
isinfest
erattizz.
Bidoni Ramag
Potature
1.585
48 40
10
185
156
93
55
34 3
30 6 4 4 16
Carogne Carta
Cartone
omiciIio
Cestini
gettacarte
Farmaci Manut.
Strade
Caditoie RaccoIta
PiIe
AItro Ingombr.
Strada
17
69
Raccolta
Raccolta
Differenziata
Amia Essemme
Manutenzione strade
Servizi
90
S.p.A.
Dipartimento Servizi
Dipartimento
lmpianto
Dipartimento #accolta
Differenziata
Dipartimento
Manutenzione Strade
e Edili Aziendali
Dipartimento
Logistica
Dipartimento Affari
del Personale
Dipartimento
Amministrazione e
Finanza
CoordInamento e
SegreterIa
#.D. Porta a
porta
#.D. StradaII
e mercatI
notturnI
ServIzI a
terzI, arcatI
dIurnI e
mercatInI
Prevenz.,
protez.
AmbIentaIe
UIIIcIo
quaIIta
SegreterIa,
arketIng e
VendIta Serv.
AutoparchI e
portInerIe
VeIcoII,
sInIstrI,
capItoIatI e
coIIaudI
anutenzIon
e ImpIantI
OrganIzza
zIone e
progettazIone
Cest. EconomIca
deI personaIe
EntI assIstenzIaII e
prevIdenzIaII
edIcIna
preventIva
ormazIone e
comunIcazIone
StaIII dI DIrezIone
e #eIazIonI
IndustrIaII
ControIIo
economIco dI
gestIone
agazzIno
Dipartimento Ufficio
Progetti
COSSA# ST#AO#D.
Dl#EZlONE CENE#ALE
SegreterIa SegreterIa
CestIone
servIce
SegreterIa
anutenzIone
ordInarIa
pedonaIe
anutenzIone
ordInarIa
stradaIe
SorvegIIanza
Pronto
Intervento CestIone rete
CestIone
dIscarIche
SegreterIa
anuten
zIone
dIscarIche Settore Est
Settore
Ovest
CassonettI
SegreterIa
ercatI
DIserbo e
Svuotamento
CestInI
Spazzamento CuardIanIa SPC
Dipartimento #accolta
AMlA ESSEMME
Dipartimento Affari
Legali e Cenerali
CoordInamento
Area
AmmInIstratIva
CoordInamento
Area CeneraIe
CoordInamento
Area egaIe
SIstemI
InIormatIvI
AcquIstI,
ContrattI e Care
U#P
SegreterIa
ArchIvIo e
protocoIIo
AmmInIstrazIone
deI personaIe
OIIIcIna
aboratorIo
chImIco
PuIIzIa sedI
CIudIzIarIe
SanIIIcazIone
ApprovvIgIo
namento e
gestIone scorte
Pagamento
IornItorI
ContabIIIta e
bIIancI
UIIIcIo
supporto
CestIone
DIscarIche
area
manutentIva
CestIone
DIscarIche
area
operatIva
TeIecomunIca
zIonI
Cest. EconomIca
deI personaIe
(Essemme)
SegreterIa
DIrezIone
CeneraIe e
CommIssarIaIe
DeIIbere e
accessodatI
UIIIcIo
#eIazIone
Stampa
SegreterIa
CoordInam.
ServIzI
DIpartImentaII
SPC
47 47
60 60
31 31
530 530 421 421 91 91 125 125 172 172 157,5 157,5
3 3
13 13
909 909
1.651 1.651
2 2 4 4 4 4 5,5 5,5 3 3
6 6
71 71 5 5 9 9
4 4
35 35
2 2
2 2
1 1
7 7
40 40 2 2 26 26 3 3
3 3
8 8
6 6
10 10
88 88 173 173 145 145 4 4
8 8 5 5 11,5 11,5 3 3 2 2 3,5 3,5 4 4 7 7
2 2
1 1 31 31 116 116 7,5 7,5 2 2
3 3 36 36
5 5
3 3 2 2 6 6 4 4
50 50 11 11 14 14 36 36 60 60
7 7 245 245 262 262
11 11
4 4
6,5 6,5
Macro-organizzazione aziendale attuale
La macrostruttura aziendaIe evidenzia un eIevato numero di riporti organizzativi aI Vertice ed un
contenuto IiveIIo di controIIo neIIe funzioni di staff; I'articoIazione dei settori dei singoIi ipartimenti
particoIarmente ramificata
91
AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA
Programma
L PANO D SVLUPPO
4
9
IL ONTESTO DI SVILUPPO AZIENDALE
Aree di forza Aree di deboIezza
MarginaIit negativa (EBT: -17,5 mln C nel
009)
Elevata incidenza dei costi deI PersonaIe
(dimensionamento staff superiore a benchmark,
livello elevato straordinari, anche se in
diminuzione)
Aree di improduttivit ad ampio spettro su
servizi operativi
Organizzazione degli itinerari di raccoIta
(indifferenziata) in itinere; criticit sull'unico
scarico e sui tempi di trasferimento a
Bellolampo
Modalit di spazzamento pressoch esclusiva-
mente manuaIe, con livelli di produttivit
migliorabili e struttura di controllo e coor-
dinamento ridotta
Numerosi mezzi non attivi, elevato numero di
fermi, contratti di manutenzione solo su mezzi
prioritari
PenaIi erogate dal Comune su raccolta e
mancata fatturazione su Manutenzione strade
Struttura organizzativa con numerosi riporti
operativi e limitato livello di controllo e
responsabilizzazione
Avvio deI PaP spinto, con buoni risuItati in
termini di raccolta differenziata sull'area
iniziale (superiore al 50%)
Progetti di investimento per incrementare la
dotazione impiantistica di BeIIoIampo in
ottica di gestione integrata della filiera, anche
per ulteriori conferimenti di terzi
Investimenti pianificati sui mezzi (37 nuovi
compattatori) e sui cassonetti (ca. 5.00)
Assenteismo sostanzialmente allineato a
medie nazionaIi
Incremento dei servizi da rendere (attual-
mente in fase di valutazione contrattuale)
93
Valutazione degli elementi di sintesi:
Minacce/Opportunit Forze/Debolezze (SWOT)
Sviluppo del sistema impiantistico, con capacit
basata sull'ATO Palermo
Pieno conseguimento fatturato Manutenzione Strade
e incremento a tendere deIIa capacit produttiva
Valutazioni di efficacia / efficienza su altri servizi
Potenziali sviIuppi commerciaIi su Comuni terzi e
presso privati
Sviluppo della R di prossimit (con PaP sul centro)
e riaIIineamento organizzativo su indifferenziata
Re-enginering sui processi operativi e
razionaIizzazione costi
Razionalizzazione mezzi e contratti manutenzione
Riconfigurazioni organizzative e contenimento
straordinari; sviIuppo e riquaIificazione forza Iavoro
Aree di forza Aree di forza Opportunit Opportunit
Aree di deboIezza Aree di deboIezza Minacce Minacce
Potenzialit di beneficiare in ottica prospettica su
aperture prospettiche all'interno del proprio ATO
Potenzialit di sviIuppo business a regime
presso Comuni terzi e/o privati
Copertura dei costi della Regione Siciliana
minore in talia
Elevata incidenza dei costi deI PersonaIe;
incidenza dello straordinario
Necessit di re-engineering sui servizi operativi
Forte ricorso allo smaltimento in discarica
Parco mezzi con criticit (es. non attivi, fermi)
Struttura organizzativa con numerosi riporti
operativi e limitato livello di controllo
Le evidenze deIIe anaIisi esterna ed interna impIicano Ia necessit di consoIidare organizzazione,
processi e risorse per perseguire efficienze ad ampio spettro (in particoIare operative)
Obiettivi di raccoIta differenziata molto sfidanti
eboIe sistema industriaIe di recupero / ricicIo
neIIa Regione
Assenza di impianti di termovaIorizzazione nella
Regione
Avvio del PaP spinto, con buoni risultati in termini
di raccolta differenziata
Progetti di investimento per incrementare la
dotazione impiantistica di Bellolampo
Investimenti pianificati su mezzi / cassonetti
94
Obiettivi strategici e linee guida dal Piano
Orientamento
strategico a
tendere
Orientamento
strategico a
tendere
Essere iI soggetto istituzionaIe di riferimento riconosciuto da cittadini e parti sociaIi
per Ia erogazione efficace, efficiente e sinergica dei servizi di igiene ambientaIe -
gestendo a IiveIIo integrato Ia fiIiera dei rifiuti neII'ambito territoriaIe - e dei servizi di
manutenzione stradaIe
MigIioramento deIIa quaIit deII'ambiente e dei IiveIIi di servizio ai cittadini
Conseguimento deIIa autosufficienza gestionaIe e operativa neI cicIo dei rifiuti
Raggiungimento deII'equiIibrio economico neIIa gestione caratteristica
MigIioramento deII'organizzazione aziendaIe orientata aII'efficacia e aII'efficienza
Obiettivi
strategici
Obiettivi
strategici
Incremento
raccoIte
differenziate
Incremento
raccoIte
differenziate
SviIuppo sistema
impiantistico
SviIuppo sistema
impiantistico
Identificazione di
costi industriaIi e
aree di inefficienza
Identificazione di
costi industriaIi e
aree di inefficienza
Reengineering e
riorganizzazione
Iinee operative
Reengineering e
riorganizzazione
Iinee operative
Riduzione spese e
sviIuppo ricavi
Riduzione spese e
sviIuppo ricavi
Ridisegno
organizzativo
Ridisegno
organizzativo
SviIuppo e
riquaIificazione
forza Iavoro
SviIuppo e
riquaIificazione
forza Iavoro
Linee Guida di Piano Linee Guida di Piano
Questi obiettivi identificano le seguenti linee guida del piano
95
Linee guida del Piano industriale di massima
Incremento raccoIte
differenziate
Incremento raccoIte
differenziate
SviIuppo sistema
impiantistico
SviIuppo sistema
impiantistico
Identificazione di costi
industriaIi e aree di
inefficienza
Identificazione di costi
industriaIi e aree di
inefficienza
Re-engineering e
riorganizzazione Iinee
operative
Re-engineering e
riorganizzazione Iinee
operative
Riduzione spese e
sviIuppo ricavi
Riduzione spese e
sviIuppo ricavi
Ridisegno organizzativo Ridisegno organizzativo
SviIuppo e
riquaIificazione forza
Iavoro
SviIuppo e
riquaIificazione forza
Iavoro
Copertura di tutte Ie
frazioni e di tutto iI
territorio comunaIe
nell'arco di Piano mediante
PaP (~130k abitanti) e
raccolta stradale di
prossimit (restante quota di
popolazione)
Target di significativo
incremento della raccolta
differenziata: ~31% nel 015
(rispetto al 6% attuale)
Sviluppo di un sistema
impiantistico volto alla
minimizzazione deI rifiuto
in discarica e aIIa
creazione di un poIo
d'ambito
Conseguimento della
autonomia gestionaIe e
operativa su fasi chiave
(pretrattamento,
compostaggio, selezione,
incremento capacit vasche)
dentificazione delle
principali dinamiche relative
ai costi industriaIi per
l'erogazione dei singoli
servizi
Enucleazione delle aree di
inefficienza e
individuazione dei costi
impropri (Essemme)
Valutazione di massima
delle modalit di re-
engineering dei principaIi
servizi operativi (raccolte,
manutenzione strade,
mezzi) in ottica di
conseguire incrementi
nell'efficienza operativa e
nell'efficacia del servizio
potesi di riorganizzazione
in funzione delle linee
definite
Criteri di riduzione dei costi
"vivi su tutti i cantieri
operativi
Maggiore sfruttamento deIIe
aree di ricavo, possibiIe
dopo Ie gare:
servizi a Comuni terzi
nell'ambito territoriaIe di
riferimento
Valutazione su possibili
sviluppi su cIienti privati
Criterio di maggiore
coerenza con
responsabiIit di processo
Miglioramento del controllo
di gestione ed operativo
Rafforzamento delle
capacit di progettazione e
programmazione
VaIorizzazione deIIe
risorse interne mediante
attivit di formazione e
riqualificazione ad ogni
livello organizzativo
Svolgimento di attivit di
pianificazione, formazione e
sviIuppo del personale, anche
per la copertura di nuovi profili
professionali / ruoli operativi
delineati
96
Evoluzione della Produzione di rifiuti
2009 2010 2011 2012 2013
Abitanti
Abitanti Numero 659.433 655.717 652.021 648.346 644.692
Tasso dI crescIta IpotIzzato Z 0,56Z 0,56Z 0,56Z 0,56Z 0,56Z
Produzione #ifiuti
#ifiuti Tonnellate 365.097 374.332 366.408 362.521 358.676
ProcapIte kgJab 554 562 562 559 556
ProcapIte gIornaIIera kgJabJgIorno 1,52 1,54 1,54 1,53 1,52
Tasso dI crescIta IpotIzzato Z 1,50Z 0,00Z 0,50Z 0,50Z
Terra da spazzamento Tonnellate 17.886 18.052 17.950 17.760 17.571
Totale rifiuti Tonnellate 382.983 392.384 384.358 380.281 376.247
La produzione annuaIe di rifiuti risuIta aIIineata ai trend degIi uItimi anni
Si ipotizza un lieve decremento degli abitanti residenti di PaIermo (in linea con l'andamento registrato a partire dal 00)
fino al 013; la popolazione residente viene successivamente ipotizzata costante
Si ipotizza un tasso di crescita della produzione pro capite pari a 1,5% nel 010 (incremento conseguente al recupero
rispetto alla contrazione dovuta alla crisi economica)
Si ipotizza dal 011 la stabilizzazione e successivamente una lieve contrazione della produzione di rifiuti, come effetto
dell'incremento dell'RD e della riduzione dei conferimenti impropri
Politiche pi spinte di riduzione a monte dei rifiuti potrebbero avere effetti significativamente positivi sui costi dell'intero
sistema
97
Scenario evolutivo
L'attuaIe IiveIIo di raccoIta differenziata (pari a 4,13% neI 2009) non incontra i IiveIIi richiesti daIIe
normative vigenti. AI fine di incrementare Ia raccoIta differenziata, neI 2010 stato definito iI progetto
PaIermo ifferenzia in coIIaborazione con iI Ministero deII'Ambiente ed iI Comune di PaIermo
si ipotizza di incrementare iI IiveIIo di differenziata attraverso iI ricorso aI sistema di raccoIta di
Prossimit StradaIe ', ci aI fine di adempiere aIIe prescrizioni normative
* 130.000 considerando gli abitanti non censiti
Progressiva introduzione deIIa raccoIta di prossimit stradaIe in tutta Ia citt in step di 100.000
abitanti a partire daI 2011
Raccolta dei rifiuti attraverso contenitori stradaIi (frazione organica raccolta a partire dal 015)
Distanza tra due postazioni di campane pari a circa 160 metri
Distanza di percorrenza utente-contenitori al pi pari a 80 metri
RaccoIta di
Prossimit
StradaIe
RaccoIta di
Prossimit
StradaIe
Mantenimento deI Porta a Porta neII'area servita da PaIermo ifferenzia (100.000 residenti)
Raccolta dei rifiuti conferiti a pi portone dagli utenti in appositi contenitori/sacchi (frazioni organica,
carta, multimateriale, secco residuo)
Raccolta del vetro attraverso campane stradali
RaccoIta Porta a
Porta
RaccoIta Porta a
Porta
31%
2012 2013 2014 2015 2011 2010
13,7%
16,5%
19,0%
1,0%
RaccoIta
ifferenziata
6,0%
98
Scenario alternativo di raccolta differenziata spinta
ntroduzione di un nuovo step di RaccoIta Porta a Porta su 100.000 abitanti nel corso del 011
Progressiva introduzione della raccoIta di prossimit stradaIe nel resto della citt in step di 100.000 abitanti
a partire dal 011, inizialmente senza la raccolta della frazione organica (raccolta a partire dal 015)
ntroduzione di un nuovo step di RaccoIta Porta a Porta su 100.000 abitanti nel corso del 011
Progressiva introduzione della raccoIta di prossimit stradaIe nel resto della citt in step di 100.000 abitanti
a partire dal 011, inizialmente senza la raccolta della frazione organica (raccolta a partire dal 015)
Scenario differenziata spinta
Progressiva introduzione della raccoIta di prossimit stradaIe in tutta la citt in step di 100.000 abitanti a
partire dal 011, inizialmente senza la raccolta della frazione organica (raccolta a partire dal 015)
Mantenimento della raccoIta Porta a Porta nell'area servita da Palermo Differenzia
Progressiva introduzione della raccoIta di prossimit stradaIe in tutta la citt in step di 100.000 abitanti a
partire dal 011, inizialmente senza la raccolta della frazione organica (raccolta a partire dal 015)
Mantenimento della raccoIta Porta a Porta nell'area servita da Palermo Differenzia
Scenario base
Scenario base 31%
Estensione PP 41%
2012 2013 2014 2015 2011 2010
6,0% 14,9%
1,8%
4,%
6,5%
13,7%
16,5%
19,0%
1,0%
L'estensione deI servizio di raccoIta Porta a Porta permette di incrementare i IiveIIi di differenziata
raggiunti, migIiorare iI IiveIIo di servizio percepito daII'utenza e ridurre iI quantitativo di rifiuti
conferiti in discarica
L'estensione della raccolta Porta a Porta permette di incrementare la frazione di raccolta differenziata arrivando a rispettare i
vincoli richiesti dalla normativa, reimpiegare il personale (circa 40 FTE) attualmente disponibile e migliorare la qualit
generale del servizio percepito dall'utenza
L'estensione del servizio richiede finanziamenti per l'acquisizione dei nuovi mezzi di raccolta e lo smaltimento della frazione
organica
99
Composizione Merceologica e tassi d'intercettazione
Organico
Carta
Cartone
Vetro
Multimateriale
RAEE
Altri ingombranti
Altra differenziata
Residuo non riciclabile
Composizione merceoIogica rifiuti PaIermo
Ripartizione percentuale per categoria di rifiuto
42,4
9,9
9,9
8,2
8,4
1,1
2
1
17,1
La composizione merceoIogica dei rifiuti ipotizzata neI Piano Strategico aIIineata aIIa
cIassificazione deI progetto PaIermo ifferenzia*
Le categorie carta e cartone vengono raccolte congiuntamente in tutti i sistemi di raccolta ipotizzati (stradale, porta a porta);
la categoria muItimateriaIe comprende plastica e metalli (alluminio e acciaio)
Viene esclusa la categoria terra da spazzamento (rifiuti raccolti durante l'attivit di spazzamento delle strade), quantificata a
parte
La classificazione merceologica viene ipotizzata costante durante tutto l'orizzonte di piano
Redatto dal Ministero dell'Ambiente in collaborazione con il CONAI
RaccoIta di
Prossimit
StradaIe
RaccoIta di
Prossimit
StradaIe
RaccoIta Porta a
Porta
RaccoIta Porta a
Porta
Tassi di intercettazione
Ripartizione percentuale per categoria di rifiuto
Organico Carta Cartone Vetro Multi.
60%
64% 64%
80%
60%
48% 47% 47%
60%
45%
Organico
(dal 015)
Carta Cartone Vetro Multi.
100
000/tonn
013
Rifiuti urbani* Rifiuti urbani*
372 372
StabiIizzazione
chimica (UNIECO)
StabiIizzazione
chimica (UNIECO)
Pretrattamento** Pretrattamento**
RaccoIta RaccoIta
Rifiuti Indiffer. e
puIizia strade
Rifiuti Indiffer. e
puIizia strade
246 246
iscarica iscarica
181 181
*: produzione complessiva del Comune di Palermo
Impianti Partanna
MondeIIo
Impianti Partanna
MondeIIo
iff. StradaIe, P/P e
prossimit
iff. StradaIe, P/P e
prossimit
115 115
Carta Carta
MuItimat. MuItimat.
Vetro Vetro
AItro AItro
Consorzi,
mercato
Consorzi,
mercato
SmaItitori
speciaIizzati
SmaItitori
speciaIizzati
Ingombranti + RAEE Ingombranti + RAEE
11 11
SeIezione e
trattamento
SeIezione e
trattamento
RicicIo RicicIo SmaItimento SmaItimento
l ciclo integrato dei rifiuti previsto al 013
La messa a regime dei sistemi di raccoIta differenziata e degIi impianti di trattamento/ricicIo
determina un biIancio di materia cos configurato aI 2013
32 32
13 13
17 17
33
Umido Umido 50 50
Compostaggio Compostaggio
96 96
52 52
46 46
52 52
246 246
123 123
32 32
Consorzi,
mercato
Consorzi,
mercato
35 35
29 29
Perdita di massa
26 26
86 86
26 26
**: esclusi eventuali conferimenti di Comuni terzi
101
Evoluzione del ciclo integrato 010-013
2009 2010 2011 2012 2013
Totali (tonnellate)
Totale rifiuti 382.983 392.384 384.358 380.281 376.247
% raccolta differenziata 4% 6% 12,0% 13,7% 16,5%
Frazioni raccolte (tonnellate)
lndifferenziato 306.858 299.084 287.091
Differenziato 48.191 52.199 60.466
Orgnnco* 14.29b 14.225 14.154
CnrIn 15.71 17.97 22.2bb
VeIro 7.99 9.73 11.434
MuIImnIernIe b.45 7.29 9.2b
AIIrn djjerenznIn 3.bb4 3.b25 3.57
Altro (lngombranti, #AEE) 11.359 11.238 11.119
Terra spazzamento 17.950 17.760 17.571
Sistema ellolampo
ln discarica 324.809 213.063 204.500
Materiali recuperati 0 89.206 85.516
Perdita massa 0 28.800 28.800
*: produzione relativa al solo Comune di PaIermo, esclusi Comuni terzi. l materiale inviato presso i sistemi di trattamento/smaltimento di Bellolampo comprende i rifiuti
indifferenziati, la terra da spazzamento e la frazione organica (organico solo dal 01; cfr cantiere impianti per dettagli)
10
Cantieri di intervento
Lo sviIuppo strategico di AMIA si fonda su sei principaIi cantieri di intervento, a presidio di tutte Ie
aree chiave a IiveIIo aziendaIe
Organizza-
zione
RaccoIte RaccoIte
AMIA
Essemme
AMIA
Essemme
Mezzi Mezzi Impianti Impianti
Manuten-
zione
strade
ncremento capacit discarica
mpianto di preseIezione rifiuti
indifferenziati
mpianto di compostaggio /
stabiIizzazione
Potenziamento stoccaggio
percoIato
n fase di valutazione l'impianto di
separazione Partanna Mondello
Perseguimento obiettivi di raccolta
differenziata dettati dalla normativa
Sviluppo della raccolta differenziata di
prossimit (incremento di ca. 100k abitanti
per anno); stabilit del PaP su livelli 010
Riorganizzazione raccoIta indifferenziata
(eliminazione turno pomeridiano), con
confluenza nella differenziata dal 016
Conseguimento e superamento
degIi obiettivi da CdS
Riorganizzazione processi e
turnistica
ncremento mezzi chiave
Incentivazione squadre solo su
raggiungimento obiettivo
Meccanizzazione e reingegnerizzazione
del servizio di spazzamento
Meccanizzazione degli spurghi
efinizione deI IiveIIo di efficienza
necessario per la erogazione dei servizi
con reengineering dei processi
Acquisizione nuovi
mezzi
ismissione mezzi
inutilizzati / ridondanti
Contratti di
manutenzione
Efficientamento officina
Riorganizzazione macrostruttura
organizzativa in ottica di
responsabilizzazione
Copertura di processi non presidiati
a livello di staff
Efficientamento strutture di service
RiquaIificazione deI personaIe
Cantieri
di
intervento
AA
BB
CC
EE
FF
103
Cantiere A) Sistemi di raccolta
iscarica
BeIIoIamp
o
Autoparco
Nord
Autoparco Sud
NeII'ambito deI piano necessario procedere ad una revisione degIi attuaIi sistemi di raccoIta, con
I'obiettivo di espandere i sistemi di raccoIta differenziata ed ottimizzare I'attuaIe impianto di raccoIta
indifferenziata
RaccoIta Indifferenziata
Organizzazione deI servizio su due
autoparchi (nord e sud) al fine di
ridurre i tempi di trasferimento
Ottimizzazione degIi itinerari di
raccolta, incrementando carichi medi e
riducendo le varianze, al fine di ridurre
gli itinerari necessari; riduzione del
ricorso a lavoro straordinario e festivo
Progressiva eIiminazione deI
ricorso aI turno pomeridiano
attraverso l'adeguamento del parco
mezzi
Adeguamento deI parco cassonetti
(acquisizione di nuovi cassonetti e
manutenzione del parco esistente)
all'effettiva produzione di rifiuti
Riorganizzazione deIIe funzioni di
staff a supporto delle strutture
operative
RaccoIta Indifferenziata
Organizzazione deI servizio su due
autoparchi (nord e sud) al fine di
ridurre i tempi di trasferimento
Ottimizzazione degIi itinerari di
raccolta, incrementando carichi medi e
riducendo le varianze, al fine di ridurre
gli itinerari necessari; riduzione del
ricorso a lavoro straordinario e festivo
Progressiva eIiminazione deI
ricorso aI turno pomeridiano
attraverso l'adeguamento del parco
mezzi
Adeguamento deI parco cassonetti
(acquisizione di nuovi cassonetti e
manutenzione del parco esistente)
all'effettiva produzione di rifiuti
Riorganizzazione deIIe funzioni di
staff a supporto delle strutture
operative
RaccoIta Porta a Porta
Reengineering deII'impianto di
raccoIta (turnistica, squadre, mezzi
impiegati)
Ottimizzazione degIi attuaIi itinerari
di raccoIta, al fine di completare il
progetto Palermo Differenzia con le
attuali risorse
RaccoIta Porta a Porta
Reengineering deII'impianto di
raccoIta (turnistica, squadre, mezzi
impiegati)
Ottimizzazione degIi attuaIi itinerari
di raccoIta, al fine di completare il
progetto Palermo Differenzia con le
attuali risorse
RaccoIta di StradaIe di Prossimit
Definizione delle risorse necessarie
(autisti, operatori, mezzi, cassonetti)
Progettazione di dettagIio degIi
itinerari di raccolta differenziata, al
fine di garantire la saturazione delle
risorse e l'efficace esecuzione del
servizio
RaccoIta di StradaIe di Prossimit
Definizione delle risorse necessarie
(autisti, operatori, mezzi, cassonetti)
Progettazione di dettagIio degIi
itinerari di raccolta differenziata, al
fine di garantire la saturazione delle
risorse e l'efficace esecuzione del
servizio
104
Cantiere A) Sistemi di raccolta
Si prevede I'introduzione progressiva deIIa raccoIta di Prossimit StradaIe in tutta Ia citt, che
sostituir progressivamente Ia raccoIta indifferenziata stradaIe; taIe sistema di raccoIta permetter di
raggiungere neI corso deI 2013 un IiveIIo di differenziata pari aI 16% con uIteriori ipotesi di crescita
A far data dal 011 sono previsti 4 step annuaIi per l'attuazione della raccoIta stradaIe di prossimit (100.000 residenti /
anno) per le frazioni carta, plastica/metalli e vetro. Non si prevede, inizialmente, la raccolta della frazione organica
Nel corso del 013 si prevede l'estensione della raccolta di prossimit su tutta la citt, incIudendo Ia raccoIta deIIa frazione
organica in tutta l'area servita da raccolta stradale di prossimit
Tempificazione estensione sistemi di RaccoIta ifferenziata
000 / residenti serviti
2011 2012 2013 N+1 N+2
Porta a Porta Prossimit Stradale Differenziato Non differenziato
EvoIuzione raccoIta differenziata
000 / tonnellate RSU; % differenziata
+100
Prossimit + 145
Prossimit
(senza umido)
+100 +100 +100
100 100 100 100 100
545
200
300
400
452
348
245
145
100
652 648 645 645 645
6%
13% 14%
16%
18%
31%
94%
87%
86%
84%
8%
69%
392 384 380 376 374 372
2010 2011 2012 2013 N+1 N+2
105
Cantiere A) Raccolte
Dimensionamento dinamico dei sistemi di raccolta (1/)
GIi scenari evoIutivi ipotizzati evidenziano Ia possibiIit di sviIuppare Ie raccoIte differenziate senza
aumento di risorse impiegate e, verosimiImente, con una Ioro riduzione attraverso un efficiente
dimensionamento dei servizi
La razionalizzazione degli attuali itinerari di raccoIta indifferenziata render possibile compensare pi che
proporzionalmente il fabbisogno della raccolta differenziata
Le risorse, attualmente, dedicate alla raccolta indifferenziata vengono gradualmente convertite al servizio di raccoIta
stradaIe di prossimit, senza significativi incrementi di ulteriore personale
imensionamento ottimaIe
deII'attuaIe sistema
(pag. successiva)
RaccoIta di Prossimit
Risorse effettive totali necessarie (autisti e operatori)
Raccolta RSU Raccolta PaP Raccolta di prossimit
010 dim.
effettivi
010
dim.
ottimizzati
011 01 013 N+1 N+
485
443
334
88
14
144
50
158
85
15
15
15
11
11
86
133
1
95
38
643*
528
545 546 551
560
553
Include 5ersonale manutenzione cassonetti e ritiro abbandonati
106
Cantiere A) Raccolte
Dimensionamento dinamico dei sistemi di raccolta (/)
L'estensione deI servizio di raccoIta Porta a Porta richiede un maggior impiego di personaIe rispetto aI
servizio di Prossimit StradaIe. Tuttavia iI personaIe attuaImente disponibiIe risuIta sufficiente per
dimensionare correttamente I'estensione deI servizio
Raccolta RSU Raccolta PaP Raccolta di prossimit
Estensione RaccoIta di Prossimit
Risorse effettive totali necessarie (autisti e operatori)
010 dim.
effettivi
010
dim.
ottimizzati
011 01 013 014 015
485
443
334
88
14
144
50
158
85
15
15
15
11
11
86
133
1
95
38
643*
528
545 546 551
560
553
011 01 013 014 015 010 dim.
effettivi
010
dim.
ottimizzati
RaccoIta di Porta a Porta
Risorse effettive totali necessarie (autisti e operatori)
Include 5ersonale manutenzione cassonetti e ritiro abbandonati
485
443
365
5
18
113
8
158
85
180
36
36
9
9
86
173
5
70
643*
528
545
575
592 594
581
107
Cantiere A) Raccolte
Dimensionamento ottimale dell'attuale sistema
Risorse Risorse
RaccoIta Indifferenziata
Risorse operative effettive necessarie
RaccoIta ifferenziata
Risorse operative effettive necessarie
485 485 443 443
Residenti serviti Residenti serviti 600.000 600.000
Risorse Risorse 139 139 125 125
Residenti serviti Residenti serviti 100.000* 100.000*
II dimensionamento ottimaIe deII'impianto di raccoIta indifferenziata evidenzia Ia possibiIit di
organizzare iI servizio con 11 itinerari principaIi in meno.
Le risorse dedicate aIIa raccoIta Porta a Porta (soIo personaIe operativo), incrementate neI corso degIi
uItimi mesi, presentano margini di efficienza per servire a regime I'area oggetto di PaIermo ifferenzia
(100.000 residenti)
Organizzazione del servizio su 2 turni (antimeridiano, notturno) e su 7
giorni
Raccolta effettuata attraverso compattatori da 24 mc (90% dei pesi;
1 scarico per turno) e autocarri (10% dei pesi; 3 scarichi per turno) e
compattatori a postazione
Squadre composte da 1 autista e operatori per i compattatori;
operatori sugli autocarri; 1 autista e 1 operatore sulle postazioni
Parametri operativi (tempi, carichi, trasferimenti) coerenti con
sistema attuale
Tasso di scorte applicato pari al 0% (ferie, assenteismo)
Organizzazione del servizio su 2 turni (antimeridiano e notturno) e su
6 giorni. Raccolta giornaliera del secco, trisettimanale dell'umido,
settimanale di carta, vetro e multimateriale
Raccolta effettuata attraverso minicompattatori da 15 mc (94% dei
pesi; scarichi per turno) e autocarri (6% dei pesi; 3 scarichi per
turno) e compattatori a postazione
Produttivit (scarichi per turno) condivisa e coerente con sistema
attuale
Squadre composte da 1 autista e operatori per i compattatori;
operatori sugli autocarri; 1 autista e 1 operatore sulle postazioni
Tasso di scorte applicato pari al 0% (ferie, assenteismo)
Ipotesi Ipotesi
AttuaIe AttuaIe Ottimizzato Ottimizzato AttuaIe AttuaIe Ottimizzato Ottimizzato
residenti serviti a regime (attuale 0.000)
108
Cantiere A) Raccolte
Organizzazione Raccolta RSU
Organizzazione degIi itinerari e deIIe squadre
Autista (66) Operatore (1)
011; itinerari, personale (incluso 0% di scorte), mezzi
Itinerari
SateIIitare (43)
Itinerari
SateIIitare (43)
PersonaIe PersonaIe Minicomp. / Autocarro Minicomp. / Autocarro
4/8 mc
Itinerari
PrincipaIi (58)
Itinerari
PrincipaIi (58)
PersonaIe* PersonaIe* Autocompattatore Autocompattatore
24 mc
Itinerari
SateIIitare (4)
Itinerari
SateIIitare (4)
PersonaIe PersonaIe Autocomp. Extra Autocomp. Extra
48-32 mc
Antimeridiano
(05:00-11:00)
Antimeridiano
(05:00-11:00)
Notturno
(:00-04:00)
Notturno
(:00-04:00)
43
tinerari
Navette Navette
22
21
Navette Navette
58
tinerari
PrincipaIi PrincipaIi
29
29
PrincipaIi PrincipaIi
Postazioni Postazioni
2
Postazioni Postazioni
2
4
Postazioni
Totale
105 itinerari
Totale
105 itinerari
Organizzazione turni di raccoIta RSU
011
II servizio di raccoIta RSU mantiene I'organizzazione attuaIe, con Ia ripartizione tra itinerari
principaIi e itinerari sateIIite. II servizio organizzato su due turni di Iavoro: notturno e
antimeridiano e non si prevede iI turno pomeridiano
Gli itinerari principaIi vengono serviti attraverso compattatore. Gli itinerari sateIIite vengono serviti attraverso mezzi
navetta (autocarri o minicompattatori) che alimentano una postazione mobile (compattatore grande o scarrabile)
Si prevede l'organizzazione del servizio su due turni di Iavoro (notturno e antimeridiano) e l'eliminazione del turno
pomeridiano, grazie all'acquisizione di nuovi mezzi e all'incremento della loro disponibilit
109
Cantiere A) Raccolte
Organizzazione Raccolta Porta a Porta
Organizzazione degIi itinerari e deIIe squadre
Autista (8) Operatore (76)
011; itinerari, personale (incluse 0% di scorte), mezzi
Itinerari
Compatt. (22)
Itinerari
Compatt. (22)
Postazioni (6) Postazioni (6)
Itinerari
Autocarro (10)
Itinerari
Autocarro (10)
Organizzazione turni di raccoIta RSU
011
II servizio di RaccoIta Porta a Porta mantiene I'organizzazione attuaIe, attraverso I'impiego di
minicompattatori ed autocarri. II servizio viene organizzato su un unico turno di Iavoro
antimeridiano per tutte Ie utenze (domestiche e commerciaIi)
La raccolta viene effettuata principalmente attraverso minicompattatori e autocarri (gli autocarri servono le vie dove il
compattatore non in grado di operare); i mezzi pieni scaricano in compattatori di dimensioni maggiori (postazione)
Si prevede la raccolta quotidiana della frazione indifferenziata, trisettimanale della frazione organica e settimanale per carta,
multimateriale e plastica. Sulla base dei tassi di intercettazione, possibile prevedere una riduzione delle frequenze per la
frazione secca a favore delle altre frazioni
PersonaIe PersonaIe
PersonaIe PersonaIe
PersonaIe PersonaIe
Minicomp. Minicomp.
8/15 mc
Autocompattatore Autocompattatore
24 mc
Autocarro Autocarro
5 mc
Iuned Iuned venerd venerd mercoIed mercoIed marted marted gioved gioved sabato sabato
Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff.
Umido Umido Carta Carta Umido Umido
MuIti
materiaIe
MuIti
materiaIe
Umido Umido Vetro Vetro
Erogazione servizio (turno antimeridiano 5.00-11.00) Erogazione servizio (turno antimeridiano 5.00-11.00)
110
Cantiere A) Raccolte
Organizzazione Raccolta di Prossimit
Organizzazione degIi itinerari e deIIe squadre
Autista (106) Operatore (1)
013; itinerari, personale (incluse 0% di scorte), mezzi
Organizzazione turni di raccoIta RSU
013
l sistema di smaltimento e recupero ipotizzato allineato all'attuale (frazione secca smaltita Bellolampo, carta conferita a
Palermo, vetro e plastica conferiti a Termini merese, umido smaltito a Marsala)
Si prevede la raccolta quotidiana della frazione indifferenziata, trisettimanale per l'umido e settimanale per le altre frazioni
Itinerari
Compatt. (82)
Itinerari
Compatt. (82)
PersonaIe PersonaIe Autocompattatore Autocompattatore
24 mc
Iuned Iuned venerd venerd mercoIed mercoIed marted marted gioved gioved sabato sabato
Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff. Indiff.
Umido Umido Carta Carta Umido Umido
MuIti
materiaIe
MuIti
materiaIe
Umido Umido Vetro Vetro
Erogazione servizio (turno antimeridiano 5.00-11.00) Erogazione servizio (turno antimeridiano 5.00-11.00)
II servizio di RaccoIta di Prossimit prevede I'impiego di autocompattatori grandi per Ia raccoIta
deIIe frazioni indifferenziate, carta e muItimateriaIe, ed autogru per Ia raccoIta di umido e vetro. II
servizio viene organizzato su un unico turno di Iavoro notturno
Itinerari
autogru (27)
Itinerari
autogru (27)
PersonaIe PersonaIe Autocompattatore Autocompattatore
30 mc
111
Cantiere A) Raccolte
Necessit di investimento
Compattatori grandi Autogr
47
10
0
18
3
1

9.150 1.900 3.700 4.400


011* 01 013 014 015
Piano investimenti neI parco mezzi
Compattatori e autogr
Piano investimenti in cassonetti
Cassonetti e campane
Gli investimenti in compattatori gi pianificati nel 011 (circa 9 milioni di euro) permettono di rinnovare il parco automezzi
della raccolta indifferenziata e soddisfare le esigenze di mezzi per la raccolta di prossimit per il 01; negli anni seguenti
necessario prevedere nuovi investimenti in compattatori ed autogr
necessario prevedere investimenti in cassonetti per un ammontare pari a circa milioni di euro all'anno per introdurre la
raccolta di prossimit stradale (l'investimento pu essere ridimensionato attraverso il reimpiego di cassonetti attualmente
dedicati alla raccolta indifferenziata)
L'evoIuzione dei sistemi di raccoIta differenziata comporta Ia necessit di effettuare investimenti in
mezzi di raccoIta (compattatori e autogr) e contenitori stradaIi (cassonetti e campane)
K C
4.000 3.900
5.800 5.800
1.000
.000 .000 3.000 3.000 6.000
011* 01 013 014 015
K C
gare gi assegnate
1
11
Cantiere A) Raccolte
Sintesi di obiettivi e risultati attesi
2010 2010 2011 2011 2013 2013 2015 2015
R (%) R (%) 6% 12% 17% 31%
PersonaIe operativo* PersonaIe operativo* 615 580 586 593
12,8 14,0 15,9 19,9 Cassonetti (mln lt) Cassonetti (mln lt)
L
i
v
e
I
I
i

d
i

s
e
r
v
i
z
i
o
L
i
v
e
I
I
i

d
i

s
e
r
v
i
z
i
o
E
f
f
i
c
i
e
n
z
a

o
p
e
r
a
t
i
v
a

E
f
f
i
c
i
e
n
z
a

o
p
e
r
a
t
i
v
a

Ottimizzazione
itinerari
Ottimizzazione
itinerari
-11
itinerari
E
c
o
n
o
m
i
c
s

E
c
o
n
o
m
i
c
s

Straordinari e festivi
(mln C)
Straordinari e festivi
(mln C)
2,2 1,8 1,4 1,0
Costi totaIi (mln C) Costi totaIi (mln C) 48,0 48,7 47,8 47,5
L'introduzione dal 011 della raccoIta
di prossimit in step di 100.000
abitanti/anno
Nel 011 entra a regime la raccoIta
porta a porta su 100.000 abitanti
complessivamente serviti
iminuzione deI personaIe operativo
dovuto a riduzione itinerari (reengineering)
e incremento differenziata (011)
Riduzione del costo di straordinari e
festivi, legato al passaggio da 7 a 6 giorni
di raccolta (da raccolta indifferenziata a
raccolta di prossimit) ed efficientamento
dei servizi
20/30 FTE disponibiIi per altre attivit
iminuzione dei costi totaIi legati a
riduzione dei costi variabili del lavoro e
all'ottimizzazione del parco mezzi
nvestimenti in mezzi di raccoIta e
contenitori per raccolta di prossimit
Rifiuto a terra
(saturazione cassonetti)
Rifiuto a terra
(saturazione cassonetti)
110% 90% 90% 90%
Investimenti totaIi
(mln C)
Investimenti totaIi
(mln C)
11 5 10,5
* Comprende personale dedicato a manutenzione cassonetti e raccolta rifiuti abbandonati
isponibiIi isponibiIi 34 28 21
113
Cantiere A) Raccolte
Leve operative
Riorganizzazione dei
servizi di RaccoIta
Riorganizzazione dei
servizi di RaccoIta
Progettazione raccoIta di
Prossimit e affinamento
porta a porta
Progettazione raccoIta di
Prossimit e affinamento
porta a porta
Riorganizzazione
processi di Autoparco
Riorganizzazione
processi di Autoparco
Riorganizzazione logistica dei
due due autoparchi (nord-
sud)
Integrazione dei servizi di
staff e coordinamento dei
reparti e dei due autoparchi
Reengineering degIi itinerari
di raccoIta RSU (ottimiz-
zazione carichi, bilanciamento
itinerari, incremento della
saturazione dei mezzi)
Riprogettazione servizio (eli-
minazione turno pomeridiano,
riduzione lavoro festivo)
AnaIisi deIIa produzione di
rifiuti delle aree oggetto e
definizione delle zone
Definizione delle risorse
necessarie (autisti, operatori,
mezzi, cassonetti)
Progettazione di dettagIio
degIi itinerari di raccolta
differenziata di prossimit
Fine tuning porta porta.
Ottimizzazione turni (antime-
ridiano), allineamento servizi
giornalieri e rapporto tra mezzi
grandi e satellite
Processi di scheduIazio-
ne giornaliera, assegna-
zione mezzi, risorse ed
emissione ordini di servizio
Processi di controIIo
dell'esecuzione, gestione
delle varianze e consunti-
vazione
Processi di interfaccia
con officina: segnalazione
guasti, fermo mezzo, mes-
sa in disponibilit, fideliz-
zazione
Riorganizzazione dei servizi di RaccoIta
Progettazione di Prossimit e affinamento PaP
Riorganizzazione processi di Autoparco
12/2010 1/2011 2/2011 3/2011 4/2011 5/2011 6/2011 7/2011
Riorganizzazione processi di Programmazione
Riorganizzazione
processi di
Programmazione
Riorganizzazione
processi di
Programmazione
Automazione processi pro-
grammazione, assegnazione
risorse, schedulazione, varia-
zione ordini di servizio
Automazione ordini di
servizio, schede di Iavoro,
orari di uscita, scarico, rientro,
pesature
Strumenti di geoIocaIizza-
zione e rilevazione tempi di
inizio-fine itinerario per
ottimizzare progettazione e
gestione
Reportistica operativa e
direzionale
114
Cantiere B) mpianti
Elementi di sintesi
NeII'ambito di piano si prevede Ia reaIizzazione di un impianto di pretrattamento dei rifiuti
indifferenziati ed un impianto di stabiIizzazione deIIa frazione organica
Tutti i rifiuti indifferenziati vengono trattati presso l'impianto di preselezione; la frazione organica in uscita viene
successivamente stabilizzata presso l'impianto di compostaggio
l materiale organico raccolto in modo differenziato viene destinato a linee dedicate presso l'impianto di compostaggio (capacit
complessiva pari a 96k t/anno), in modo da ottenere compost di qualit da destinare alla vendita
La frazione organica non processata presso l'impianto di compostaggio viene stabilizzata nell'impianto UNECO, ottenendo in
uscita materiale da copertura per la discarica, solamente i sovvalli degli impianti verranno abbancati in discarica
*: compresi Comuni terzi conferenti
RaccoIta
indifferenziata
PaIermo
RaccoIta
indifferenziata
PaIermo 246 246
iscarica
BeIIoIampo
iscarica
BeIIoIampo
Impianto di
preseIezione
Impianto di
preseIezione
359 359
260 260
Terzi Conferenti Terzi Conferenti
113 113
Impianto
UNIECO
Impianto
UNIECO
: /000 tonnellate anno
FIusso dei rifiuti con nuovi impianti a regime (2015)* FIusso dei rifiuti con nuovi impianti a regime (2015)*
Impianto di
compostaggio
Impianto di
compostaggio
Compost di
quaIit
Compost di
quaIit
MateriaIe da
copertura
MateriaIe da
copertura
96 96
97 97
Organico da R Organico da R
50 50
46 46
17 17
66 66
Recupero (pIastica e
metaIIi)
Recupero (pIastica e
metaIIi)
36 36
32 32
48 48
180 180
Trattamento Trattamento Ingresso Ingresso Output Output
18 18
49 49
18 18
97 97
36 36
115
Piano degli investimenti impiantistici
AMIA ha identificato 4 interventi ritenuti prioritari e strategici per I'impianto di BeIIoIampo
Capacit complessiva:
4*.000m
3
Peso del serbatoio: 47.000
Kg
Diametro scala: 1.500mm
Potenziamento
stoccaggio deI
percoIato
Potenziamento
stoccaggio deI
percoIato
Si compone di 4 serbatoi ed 1 scala a chiocciola con
passerella in acciaio inox
Ogni serbatoio realizzato con virole orizzontali, a forma
cilindrica, posto su basamento di cemento armato; tetto e
fondo sono cilindrici, con tubo per la fuoriuscita del
percolato
4+1 mesi 4+1 mesi
22
Raggiunge un volume utile
di 3,9Mln m
3
, su una
superficie di 167.000 m

.
Lavora su 3 lotti, 16h/g per
365g/a, con una vita utile
prevista di 5anni
iscarica per
rifiuti non
pericoIosi (VI
vasca)
iscarica per
rifiuti non
pericoIosi (VI
vasca)
Si compone di: impermeabilizzazione di fondo, sistema di
drenaggio e di convogliamento ed accumulo del percolato,
sistema di intercettazione e convogliamento delle acque
meteoriche, viabilit, recinzione e copertura
Prevede l'impiego in ogni turno di 8 operatori, 1
responsabile e 1 coordinatore
8+3 mesi
(progetto
definitivo)
8+3 mesi
(progetto
definitivo)
10 10
Impianto di
compostaggio/
stabiIizzazione
Impianto di
compostaggio/
stabiIizzazione
Opera sulla frazione organica, tramite 5 sezioni:
ricevimento materiale e trattamento meccanico,
compostaggio/ stabilizzazione aerobica, maturazione del
materiale, raffinazione del compost, maturazione finale e
stoccaggio
Prevede l'impiego in ogni turno di 1capo impianto, 4 addetti
alla manutenzione e pulizia, 4 alla movimentazione e al
controllo
12+3 mesi
(progetto
definitivo)
12+3 mesi
(progetto
definitivo)
n funzione per 16h/g,
30g/a, per trattare 96.000
t/a, producendo 35.000 t/a
di prodotto
Carico elettrico: 1.600
KW
33 24 24
3 mIn C 3 mIn C 59 mIn C 59 mIn C TotaIe TotaIe
Impianto di
preseIezione
di rifiuti
indifferenziati
Impianto di
preseIezione
di rifiuti
indifferenziati
composto da una fase di preselezione e da una
raffinazione successiva
Prevede l'impiego in ogni turno di 8 addetti alla
movimentazione, 5 alla pulizia, alla supervisione e
controllo ed 1 manutentore
12+3 mesi
(da
progettare)
12+3 mesi
(da
progettare)
23
Mecc.:13
CiviIi:10
23
Mecc.:13
CiviIi:10
Si compone di 3 linee, per
16h/g di lavoro, arrivando a
trattare 1.500t/g
Assorbimento elettrico:
5.000 Kwh/g
ettagIi tecnici ettagIi tecnici escrizione escrizione
TipoIogia
impianto
TipoIogia
impianto
Tempi:
realizzazione
+ progettaz.
Tempi:
realizzazione
+ progettaz.
Costo
gestione
(in mln C)
Costo
gestione
(in mln C)
Costo
reaIizz.
(in mln C)
Costo
reaIizz.
(in mln C)
116
Triturazione Triturazione
Separazione
magnetica
Separazione
magnetica
Separazione
baIistica ed
aerauIica
Separazione
baIistica ed
aerauIica
Separazione
ottica
Separazione
ottica
Pressatura Pressatura
SottovagIio
SopravagIio
Ferro ed
aIIuminio
Ferro ed
aIIuminio
BaIIe da
conferire in
discarica
BaIIe da
conferire in
discarica
PE/PET PE/PET
Rifiuto
indifferenz.
Rifiuto
indifferenz.
Layout di processo deII'impianto di preseIezione meccanica
015; /000 tonnellate per anno
Fonte: Elaborazione BP su informativa aziendale
Cantiere B) mpianti
Layout dell'impianto di preselezione dei rifiuti indifferenziati
Organico
per
stabiIizz.
Organico
per
stabiIizz.
SopravagIio
SottovagIio
Scarti
VagIiatura
primaria
VagIiatura
primaria
VagIiatura
secondari
a
VagIiatura
secondari
a
L'impianto di preseIezione aIimentato da rifiuto indifferenziato e si compone di una fase di
triturazione, due fasi di vagIiatura e vari steps per I'estrazione dei materiaIi recuperabiIi (metaIIi e
pIastiche); in output fornisce Ia frazione organica destinata aIIa stabiIizzazione o aI compostaggio
30% 30%
70% 70%
5% 5%
65% 65%
30% 30%
35% 35%
5% 5%
0% 0%
5% 5%
50% 50%
40% 40%
180 180 18 18 18 18
143 143
Volumi in input o output
MateriaIi
ceIIuIosici
L'impianto, a regime, ricever in ingresso 359.000 t di rifiuto indifferenziato e fornir in uscita 143.000 t di frazione organica
per alimentare la fase successiva di stabilizzazione
Durante il processo vengono estratti 180.000 t di secco da smaltire in discarica, mentre da riciclare 18.000 t di metalli ed
altrettanti di plastica
359 359
117
Fonte: Elaborazione BP su informativa aziendale
Cantiere B) mpianti
Layout dell'mpianto di compostaggio / stabilizzazione
L'impianto viene aIimentato con parte deIIa frazione organica, proveniente daIIa seIezione dei rifiuti
e con iI materiaIe organico raccoIto. II processo di aIimentazione si compone di una fase iniziaIe di
misceIazione, una successiva di biostabiIizzazione ed una fase finaIe di vagIiatura, fornendo in
output F.O.S. e composto
L'impianto, avendo una capacit limitata di 96.000 t/a, lavorer tutta la materia organica proveniente dalla RD (50.000 t) e
solo la quantit possibile della frazione proveniente dalla preselezione (46.000 t); la quantit restante di F.O. (97.000) verr
destinata all'impianto di stabilizzazione chimica gi presente in discarica, al fine di ottenere materiale da copertura
l processo comporta una perdita di massa pari al 30% della frazione organica in ingresso; vengono, poi, estratte 3.000 t
di materiale da smaltire, 17.000 t di materiale da impiegare nella copertura della discarica e 18.000 t di composto di qualit
Layout di processo deIIa fase di compostaggio / stabiIizzazione
015; /000 tonnellate per anno Volumi in input od output
MisceIazione /
Triturazione
MisceIazione /
Triturazione
Biossidazione
(30gg)
Biossidazione
(30gg)
Maturazione /
StabiIizzazione
(30gg)
Maturazione /
StabiIizzazione
(30gg)
Maturazione
finaIe /
stoccaggio
Maturazione
finaIe /
stoccaggio
SottovagIio
MateriaIe
da smaItire
MateriaIe
da smaItire
SopravagIio
VagIiatura
a 20 mm
VagIiatura
a 20 mm
Organico
avviato a
vaIIe
Organico
avviato a
vaIIe
46 46
Organico
da R
Organico
da R
50 50
32 32
33,5% 33,5%
36,5
%
36,5
%
70
%
70
%
Perdita di massa rispetto aIIa quantit in ingresso aI compostaggio
30
%
30
%
FOS FOS
StabiIizzaz-
ione
chimica
StabiIizzaz-
ione
chimica
97 97
29 29
FOS
Copertura
discarica
FOS
Copertura
discarica
Compost
Vendita
Compost
Vendita
18 18
17 17
18,9
%
18,9
%
17,6
%
17,6
%
Organico
da
seIezione
Organico
da
seIezione
143 143
118
Cantiere B) mpianti
nvestimenti su discarica per rifiuti non pericolosi
Attesa Ia Iimitata capacit di accogIimento rifiuti residua deIIa 5
a
vasca, stata pianificata Ia
costruzione di una nuova vasca con capacit di stoccaggio compIessiva 3,9 mIn m
3
in 3 Iotti
L'investimento previsto attualmente, pari ad Euro10 mln , si limita alla costruzione del solo primo lotto (capacit pari a 1,3 mln
m
3
); gli altri verranno realizzati in stream successivi (al momento non quantificati tempi e importi)
La nuova vasca sar munita dei necessari sistemi volti al recupero ed allo stoccaggio del percolato, oltre che di un sistema di
cattura delle acque meteoriche, per ridurne la formazione
l nuovo lotto, con la situazione impiantistica attuale, avrebbe una vita utile stimata di ,4 anni; l'incremento della RD e la
costruzione dei nuovi impianti di TMB permetterebbero di estendere il tempo di utilizzo di oltre il 50%, tramite una riduzione
delle quantit da abbancare
SS ann|
24 ann|
29 ann|
Scenario 1 Scenario 2 Scenario 4
Stima deIIa vita utiIe deI primo Iotto deIIa nuova vasca *
010; anni di vita residua
330 330 60 60 176 176 Quantit da stoccare (t/anno) Quantit da stoccare (t/anno) 400 400
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale
Scenario 1: situazione AS-S con
RD al 6,5% ed impianto UNECO
Scenario 2: RD al 31% (come da
modello per il 015) e nessun nuovo
impianto
Scenario 3: RD al 31% e nuovi
impianti di TMB (da modello 015)
Scenario 4: situazione ideale con
RD al 65%
(*) Assumendo 30g di conferimento all'anno ed un valore di 0,8 t/m
3
per il peso specifico e 1,08 per il fattore di ricoprimento
37 ann|
Scenario 3
l progetto di massima
presentato prevede
una serie di scenari di
raccolta differenziata
(es. 5%, 65%), su cui
sono state inserite le
ipotesi di Piano
l progetto di massima
presentato prevede
una serie di scenari di
raccolta differenziata
(es. 5%, 65%), su cui
sono state inserite le
ipotesi di Piano
119
Cantiere B) mpianti
nvestimenti su impianto di Partanna Mondello (1 di )
AMIA sta vaIutando I'ipotesi di rendere operativo I'impianto presente a Partanna MondeIIo per Ia
separazione deIIe frazioni raccoIte in modo differenziato (carta e muItimateriaIe)
L'impianto stato realizzato ma non ancora posto in funzione; per utilizzarlo necessario sostenere un investimento di Euro
2,79 mIn per l'adeguamento delle infrastrutture ed il ripristino della funzionalit
L'utilizzo di tale impianto permetterebbe di separare le frazioni di RD presso AMA, evitando di far svolgere l'operazione alle
piattaforme, risparmiando sul costo (stimato tramite i dati di bilancio in 96 C/t per tutti i materiaIi)
Lo studio dei dati forniti dal dipartimento amministrazione e finanza, rileva un NPV per l'investimento negativo dopo 7 anni (-
107K C), ma positivo nel lungo periodo (3,4 mln C dopo 15 anni), con un Payback Period elevato (8 anni)
Curva cumuIata dei fIussi di cassa attuaIizzati*
010 - 00; NCF in KC
Fonte: elaborazione BP su informativa aziendale (*) Assumendo un costo del capitale dell'8%
-.790
-3.9
-.73
-1.390
-107
993
1.936
.744
3.437
-.000
-1.000
0
1.000
.000
3.000
010 01 014 016 018 00 0 04 06
Investimento
iniziaIe:
2,79 mIn C
NPV dopo 7
anni: -107K C
NPV dopo 15
anni: 3,4 mIn C
10
Cantiere B) mpianti
nvestimenti su impianto di Partanna Mondello ( di )
II punto di Break-Even per I'impianto stimato in 29.000 t; I'impianto diventa profittevoIe soIamente
quando I'aumento deIIa quota di R porta un incremento specuIare deIIe quantit da seIezionare
n ossequio allo specifico piano, si prevede che I'impianto impieghi 32 addetti (in buona parte adibiti alla selezione
manuale) per un costo annuo del lavoro stimabile in 1,17 mln C; Ia redditivit deII'investimento aumenterebbe
sensibiImente se gIi addetti necessari potessero esser riaIIocati su questo impianto da altre attivit aziendali (per
esempio impiegando gli FTE messi a disposizione da reingegnerizzazione attivit di discarica)
(*) Costi fissi comprendenti: spese generali, manutenzione, assicurazione, carburante, varie
010; KC
.175
1.169
44
398
6
67
Ricavi
complessivi
Costo del
personale
Filo di
ferro per
imballaggi
Energia
e gas
Smaltimento
dei sovvalli
Altri costi*
Quantit 011 in ingresso:
Carta 16K t
Multimateriale 6,5K t
Quantit 011 in ingresso:
Carta 16K t
Multimateriale 6,5K t
Costi e ricavi deII'impianto neI 2011 (1 anno)
010; KC
ProfittabiIit deII'impianto in funzione deIIe quantit
-1.411
-933
-455
4 50
981
1.459
-43
36
714
1.193
1.671
.149
.68
-1.500
-500
0
1.000
2.000
10 0 30 40 50 60
Costo del
perdonale
"uantit di
BE: 29K t
"uantit
di BE: 5k t
Volumi 011 Volumi 011
Volumi 017 Volumi 017
Con costo del personale Senza costo del personale
11
VedI progetto
preIImInare.
ScarrabIII e attrezzature
per stoccare
5.000 t #AEE neI corso
deII`anno con scarIchI
settImanaII per II
CDCC#AEE
PlATTAFO#MA di
stoccaggio rifiuti
urbani e speciali
peric. e non da
avviare a succ.
recuperoJsmalti
mento
PlATTAFO#MA di
stoccaggio rifiuti
urbani e speciali
peric. e non da
avviare a succ.
recuperoJsmalti
mento
WSI compone dI un`area attrezzata, Idonea
aII`accogIImento dI taIe ImpIantIstIca, dI sup. non InI.
15.000 mq., dotata dI tettoIe, sIstemI dI sIcurezza e
tuteIa ambIentaIe, per I`accogIImento dI scarrabIII e
settorI IsoIatI per II DeposIto preIImInare o Ia messa In
rIserva dI tuttI I rIIIutI urbanI e specIaII trattatI e raccoItI
da AA spa In attesa dI essere avvIatI ad ImpIantI dI
trattamento per recupero, smatImento deIInItIvo o dI
rIuso quaII materIe prIme secondarIe. noItre neII`area sI
prevede I`aIIestImento dI una stazIone dI trasIerenza per
Ia IrazIone umIda aI IIne dI ottImIzzare I trasportI dI
organIco verso gII ImpIantI dI compostaggIo. Prevede
I`ImpIego In ognI turno dI 1 addetto aIIa movImentazIone
e manutennzIone, 1 aIIa puIIzIa, 1 aIIa supervIsIone e
controIIo, sIcurezza,pesature e adempImentI normatIvI.
2 anni
(da
progettare)
2 anni
(da
progettare)
44
Piattaforma
#AEE
Piattaforma
#AEE
W un`area prevIsta neII`ambIto deII`autoparco dI Partanna
In adIacenza aII`ImpIanto dI seIezIone #D e destInata
aIIo stoccaggIo deI #AEE provenIentI daIIe utenze
domestIche o daI rIvendItorI, ed In attesa dI rItIro da
parte deI Centro Naz. DI Coord. #AEE. a reIatIva gestIone
rIentra neII`ambIto deIIe specIIIche procedure dI Iegge
prevIste per questI ImpIantI. E` composto da capannonI
esIstentI, attrezzature scarrabIII e dI sIcurezza
ambIentaIe, da reaIIzzare con adattamento deIIe strutture
esIstentI come da apposIto progetto preIImInare.Prevede
I`ImpIego In ognI turno dI 1 addetto aIIa movImentazIone
e manutennzIone, 1 aIIa puIIzIa, 1 aIIa supervIsIone e
controIIo
da 6 a12
mesi (da
approvare e
redigere
prog.
Esecutivo)
da 6 a12
mesi (da
approvare e
redigere
prog.
Esecutivo)
0.2 0.2
WSI compone dI tettoIe dI
copertura, capannone
IavorazIonI, settI dI
deposIto
ImpermeabIIIzzatI,
pIazzaII dI deposIto e
manovra, aree dI
posIzIonamento
scarranIII e mezzI.
WI reIatIvo progetto
preIImInare e In Iase dI
redazIone.
Dettagli tecnici Dettagli tecnici Descrizione Descrizione
Tipologia
impianto
Tipologia
impianto
Tempi:
reaIIzzazIone
+ progettaz.
Tempi:
reaIIzzazIone
+ progettaz.
Costo
realizz.
(In mIn C)
Costo
realizz.
(In mIn C)
Cantiere B) mpianti
mpianti di stoccaggio (1 di 4)
1
Le piattaforme di stoccaggio per rifiuti urbani e speciali che
si prevede di realizzare nel prossimo biennio saranno
necessarie per consentire un pi agevole e razionale avvio
agli impianti di trattamentoJsmaltimento definitivo di
molte delle frazioni raccolte da AMlA.
ln tal senso si prevede una ampia piattaforma di stoccaggio
idonea per deposito preliminare, messa in riserva di urbani
e speciali, pericolosi e non e una stazione di trasferenza
per l'organico, nonch una piattaforma dedicata ai #AEE.
Cantiere B) mpianti
mpianti di stoccaggio ( di 4)
13
Layout di processo delle piattaforme
PlATTAFO#MA Dl STOCCACClO
TipoIogia impianto escrizione e ubicazione ettagIi tecnici
Tempi:
reaIizzazione e
progettazione Costo
mpianto di stoccaggio dei rifiuti urbani
e speciali e di trasferenza
L'impianto dovr contenere, in
regime provvisorio e transitorio
nell'attesa di essere poi smaltiti e/o
riciclati, i rifiuti pericolosi e non
pericolosi provenienti dalla raccolta
rifiuti urbani e/o dalla raccolta
differenziata. Ubicazione: area
industriale da individuare
Potenzialit
stoccaggio: 5.000
tonn/semestre
Potenzialit
trasferenza: 00
tonn/giorno
Area: 15.000 mq Anni 4 Milioni di Euro
FIusso impianto di stoccaggio
Rifiuti urbani e speciali
Organico
ndifferenziato residuale
Rifiuti urbani diversi da
organico ed indiff.
residuale
Rifiuti speciali
Scarrabili e/o aree
coperte
Stazione trasferenza
mpianto di
compostaggio o altro
impianto di smaltimento
Piattaforme di
recupero/trattamento o
industrie di
trasformazione
Cantiere B) mpianti
mpianti di stoccaggio (3 di 4)
14
TipoIogia impianto escrizione e ubicazione ettagIi tecnici
Tempi:
reaIizzazione e
progettazione Costo
mpianto centro di raccolta RAEE
L'area si compone di aree
suddivise in modo da rendere
possibile i raggruppamenti
compresi nella categoria RAEE.
Ubicazione: Autoparco di Partanna
Mondello
Potenzialit: 5000
tonn/anno Area:
1.000 mq 6 mesi 180.000 Euro
FIusso impianto RAEE
Centro Nazionale di
Coordinamento RAEE
RAEE
TV e monitor
altri grandi bianchi
Freddo e clima
nformatica ed elettronica
di consumo
Sorgenti luminose
Layout di processo delle piattaforme
PlATTAFO#MA #AEE
Cantiere B) mpianti
mpianti di stoccaggio (4 di 4)
15
I
m
p
a
t
t
o

a
m
b
i
e
n
t
a
I
e
I
m
p
a
t
t
o

a
m
b
i
e
n
t
a
I
e
nvestimenti (mln C) nvestimenti (mln C) 36
Rifiuti in ingresso
(t/anno)*
Rifiuti in ingresso
(t/anno)*
466 438 430 359
Materiali recuperati
(t/anno)
Materiali recuperati
(t/anno)
24 24 123 119
Rifiuti in discarica (t/anno) Rifiuti in discarica (t/anno) 442 414 292 260
Riduzione dei voIumi legata al
potenziamento dei sistemi di RD
ncremento dei materiali recuperati dagli
impianti TMB (preselezione
dell'indifferenziato e compostaggio)
Personale impianti TMB
(FTE)
Personale impianti TMB
(FTE)
~30 ~30
*: compresi 80.000 tonnellate di rifiuti conferiti da comuni terzi, ipotizzati costanti nel tempo
2010 2010 2011 2011 2012 2012 2015 2015
P
e
r
s
o
n
a
I
e
P
e
r
s
o
n
a
I
e
Reimpiego di personaIe deIIa discarica
negli impianti TMB a seguito del re
engineering dei processi di discarica
Da valutare la possibilit di assegnare altri
FTE disponibiIi aII'impianto di Partanna -
MondeIIo, laddove attivato
Personale discarica
(FTE)
Personale discarica
(FTE)
92 92 ~31-33 ~31-33
E
c
o
n
o
m
i
c
s
E
c
o
n
o
m
i
c
s
Lieve riduzione dei costi variabiIi di
discarica a seguito di efficientamento nei
processi operativi
ncremento dei costi di pretrattamento
nvestimenti in impianti di preseIezione
(3 mln C), compostaggio (5 mln C), VI
vasca per rifiuti non pericolosi (10 mln C),
stoccaggio percolato ( mln C)
Costi discarica (mln C) Costi discarica (mln C) 13,0 13,3 13,0 12,7
Costi impianti Unieco e
TMB ( mln C)
Costi impianti Unieco e
TMB ( mln C)
4,5 4,9 5,2
FTE potenzialmente
disponibili**
FTE potenzialmente
disponibili**
~25-27
Cantiere B) mpianti
Sintesi di obiettivi e risultati attesi
**: potenziale collocazione sull'impianto di Partanna Mondello
~25-27
24
16
Cantiere B) mpianti
Leve operative
Ottimizzazione dei
processi di discarica
Ottimizzazione dei
processi di discarica
ReaIizzazione deI piano di
investimenti
ReaIizzazione deI piano di
investimenti
Gestione operativa deI
sistema impiantistico
Gestione operativa deI
sistema impiantistico
Riorganizzazione dei
processi di discarica
(operativi e di supporto)
Rilevazione di dettaglio
attuale impiego di risorse
Dimensionamento e
identificazione delle risorse
destinabili ad altre attivit
impiantistiche
dentificazione dei fIussi
fisici di materiali e informativi
connessi ai nuovi impianti
Scelta definitiva nuove
opzioni impiantistiche e
parametri funzionamento
(incluso imp. separazione
Partanna)
AnaIisi costi/benefici delle
alternative tecniche
precedentemente identificate
Progettazione di dettaglio ed
esecutiva e tempificazione
realizzazione opere
Affidamento realizzazione e
direzione lavori
Definizione dinamica dei
rifiuti trattati in ingresso
BiIanciamento e
saturazione del sistema
impiantistico
Definizione nuovi processi di
discarica e risorse impiegate
Definizione Iinee guida per
Ia gestione dei materiaIi
recuperati (vendita e
smaltimento)
Ottimizzazione dei processi di discarica
ReaIizzazione deI piano di investimenti
Gestione operativa deI sistema impiantistico
12/2010 1/2011 2/2011 3/2011 4/2011 5/2011 6/2011 7/2011
17
Cantiere C) Essemme
Nuovo modello di Spazzamento Elementi di sintesi
L'attuaIe organizzazione deI servizio di spazzamento prevede iI ricorso aI soIo servizio manuaIe,
generando eIevati costi e IiveIIi quaIitativi non soddisfacenti. La progressiva meccanizzazione deI
servizio consentirebbe di ridurre i costi operativi ed incrementare Ia quaIit
L'insieme di strade oggetto di spazzamento, pari a 1.410 km Iineari*, stato ripartito in tre macro aree: grandi strade (30%)
in cui si passa allo spazzamento meccanizzato; aree pedonaIi (7%) in cui viene introdotto lo spazzamento meccanizzato
attraverso minispazzatrici; aItre aree (63%) in cui viene mantenuto lo spazzamento manuale
Le 3 macro aree contemplano zone con frequenze di spazzamento differenti (da quotidiana a mensile)
Nelle aree servite da spazzamento meccanizzato vengono introdotte spazzatrici (medie e grandi), eventualmente associate
all'impiego di operatori a terra
Ripartizione dei servizi
Km lineari
Manuale
63%
Minispazzatrice
7%
Spazzamento
meccanizzato
30%
Organizzazione deI servizio
FTE tecnici e spazzatrici
ManuaIe
PersonaIe PersonaIe
Meccanizzato
Spazzatrice
grande
Spazzatrice
grande
6MC mc
PersonaIe PersonaIe
Spazzatrice
media
Spazzatrice
media
Spazzatrice
media
Spazzatrice
media
PersonaIe PersonaIe
PersonaIe PersonaIe
4 mc
4 mc
Aree pedonaIi
Minispazzatrice Minispazzatrice
PersonaIe PersonaIe
2 mc
Conducente Operatore *: da allegati tecnici a CDS 001
TotaIe
1.410 km
TotaIe
1.410 km
18
Cantiere C) Essemme Progetto Spazzamento
Possibile organizzazione a regime
In base aII'estensione deIIa rete viaria da spazzare e aIIe produttivit medie deIIe risorse impiegate,
vengono definiti iI numero di ambiti per ciascuna area e Ie risorse necessarie per erogare i servizi
pianificati
La frequenza media dello spazzamento settimanale per le aree servite da spazzamento manuale e spazzatrice
meccanizzata, quotidiana per le aree pedonali (servite da minispazzatrice)
Lo spazzamento manuale organizzato su un unico turno di Iavoro antimeridiano, lo spazzamento meccanizzato su due
turni di Iavoro (per garantire una maggior produttivit delle spazzatrici impiegate)
Strade Organizzazione servizi #isorse impiegate
Km
lineari
%
Freq.
media
Produttivit
(km cunetta
J turno)
Ambiti Turni
FTE
tecnici
FTE
effettivi
(+18%)
Spazzatrici
Spazzamento meccanizzato
SpazzatrIce grande (2 operatorI)
141 10Z 4,5 4 16 2 47 8
SpazzatrIce medIa (1 op)
141 10Z 4,5 4 16 2 32 8
SpazzatrIce medIa (no op)
141 10Z 4,5 6,5 10 2 10 5
Aree pedonali
InIspazzatrIce (1
conducente)
100 7Z
tuttI I
gIornI
6,5 16 2 15 8
Altre aree
Spazzamento manuaIe
887 63Z 6,2 1,5 190 1 190
Totale 1.410 100% 247
294 352 29
Progetto attuale 1.410 394
394 472
19
Cantiere C) Essemme Progetto Spazzamento
Tempificazione
2010 2011 2012 2013 2014
Composizione del servizio
Spazzamento manuaIe 100Z 90Z 83Z 73Z 63Z
SpazzatrIce grande con 2 operatorI 10Z 10Z 10Z 10Z
SpazzatrIce medIa con 1 operatore 10Z 10Z
Spazzamento medIa senza marcIapIede (1 operatore) 10Z
InIspazzatrIce 7Z 7Z 7Z
Personale tecnico 394 319 313 314 294
Spazzamento manuaIe 394 271 250 220 190
SpazzatrIce grande con 2 operatorI 47 47 47 47
SpazzatrIce medIa con 1 operatore 32 32
Spazzamento medIa senza marcIapIede (1 operatore) 10
InIspazzatrIce 15 15 15
Mezzi 0 8 16 24 29
SpazzatrIcI grandI 8 8 8 8
SpazzatrIcI medIe 8 8
SpazzatrIcI medIe (senza marcIapIede) 5
InIspazzatrIcI 8 8 8
Si prevede di introdurre graduaImente Ia meccanizzazione deI servizio di spazzamento, compIetando iI
progetto neI 2014
La meccanizzazione del servizio viene introdotta in 4 step annuaIi, associati all'acquisizione dei mezzi necessari
(eventualmente ripristinando le spazzatrici gi presenti nel parco mezzi)
A far data dal 011 si prevede un graduaIe contenimento deI personaIe tecnico impiegato, grazie all'incremento di superfici
viarie servite meccanicamente
Anno a regime
130
Cantiere C) Essemme Progetto Spazzamento
Business case
Personale
#isorse
tecniche
#isorse effettive
Modello attuale 394 472
Modello proposto 294 352
120
II modeIIo proposto prevede Ia riduzione di circa 120 FTE neII'erogazione dei servizi di spazzamento.
La meccanizzazione deI servizio comporta investimenti in nuovi macchinari, per un importo
compIessivo di circa 3,5 miIioni di euro
Mezzi
#isorse
tecniche
#isorse effettive Costo unitario (C) Totale (C)
lnvestimenti
Spazzatrici 6 MC 8 10 120.000 1.200.000
Spazzatrici 4 MC 13 16 100.000 1.600.000
Mini spazzatrici 8 10 70.000 700.000
3.500.000
Costi
Ammortamenti,
manutenzione, consumi e
costi fissi
29 36 40.000 1.440.000
1.440.000
131
Ipotesi di modifica/integrazione contrattuaIe avviata con AMAP, aventi ad oggetto sia un
incremento deIIe quantit che Ia estensione di servizi attuaImente resi, con I'aggiunta deIIa
eventuaIe cessione/distacco di risorse umane in numero da definire
Cantiere C) Essemme Pulizia caditoie
potesi di modifica contrattuale
TipoIogia TipoIogia Numero Numero
Fonte: elaborazioni BP su informativa aziendale
Costo unitario
(Euro / unit)
Costo unitario
(Euro / unit)
Chiaviche e
bocche di Iupo
GrigIie
Interventi spot
eIta quantit eIta quantit
18.000
40.000
1.000
73 C
45 C
100 C
.000
8.000
-
TotaIe 4.314.000 C
I
p
o
t
e
s
i

n
u
o
v
o

a
c
c
o
r
d
o
I
p
o
t
e
s
i

n
u
o
v
o

a
c
c
o
r
d
o
E
s
t
e
n
s
i
o
n
e

s
e
r
v
i
z
i
E
s
t
e
n
s
i
o
n
e

s
e
r
v
i
z
i
PuIizia canaIi maItempo
PuIizia vasche
drenaggio
506.000 C
Sostituzione grigIie
caditoie
Abbuono mezzi
200.000 C
400.000 C
200.000 C
50.000 C
1.356.000 C TotaIe estensioni
13
Cantiere C) Essemme
Proposta di riorganizzazione
I
n
c
r
e
m
e
n
t
o

d
e
i

I
i
v
e
I
I
i

d
i

s
e
r
v
i
z
i
o
I
n
c
r
e
m
e
n
t
o

d
e
i

I
i
v
e
I
I
i

d
i

s
e
r
v
i
z
i
o La razionalizzazione della forza lavoro, la reingegnerizzazione e la meccanizzazione
permetteranno un significativo aumento dei livelli di servizio
Km spazzati totali + 50.000 km/anno
Km meccanizzati + 60.000 km/anno
Numero interventi su caditoie + 10.000 / anno
Garantita frequenza almeno settimanaIe di spazzamento (giornaIiera nelle aree sensibili)
La razionalizzazione della forza lavoro, la reingegnerizzazione e la meccanizzazione
permetteranno un significativo aumento dei livelli di servizio
Km spazzati totali + 50.000 km/anno
Km meccanizzati + 60.000 km/anno
Numero interventi su caditoie + 10.000 / anno
Garantita frequenza almeno settimanaIe di spazzamento (giornaIiera nelle aree sensibili)
I
p
o
t
e
s
i

d
i

r
i
o
r
g
a
n
i
z
z
a
z
i
o
n
e

A
m
i
a

S
p
A
I
p
o
t
e
s
i

d
i

r
i
o
r
g
a
n
i
z
z
a
z
i
o
n
e

A
m
i
a

S
p
A Riprogettazione dei servizi (introduzione spazzamento meccanizzato e reengineering itinerari,
turni e frequenze; pulizia caditoie tramite autospurghi; introduzione diserbo chimico; incremento
efficienza pulizie sedi aziendali)
Investimenti in meccanizzazione (circa 30 spazzatrici e 6 autospurghi, circa 4 mln C)
Riprogettazione dei servizi (introduzione spazzamento meccanizzato e reengineering itinerari,
turni e frequenze; pulizia caditoie tramite autospurghi; introduzione diserbo chimico; incremento
efficienza pulizie sedi aziendali)
Investimenti in meccanizzazione (circa 30 spazzatrici e 6 autospurghi, circa 4 mln C)
I
p
o
t
e
s
i

r
i
a
s
s
o
r
b
i
m
e
n
t
o

"
c
o
s
t
o

s
o
c
i
a
I
e
"
I
p
o
t
e
s
i

r
i
a
s
s
o
r
b
i
m
e
n
t
o

"
c
o
s
t
o

s
o
c
i
a
I
e
"
Contratti di soIidariet o aItri ammortizzatori sociaIi
(ipotesi riduzione media del costo del lavoro di circa 30%)
Incremento deI contratto di servizio corrisposto daI Comune
Contratti di soIidariet o aItri ammortizzatori sociaIi
(ipotesi riduzione media del costo del lavoro di circa 30%)
Incremento deI contratto di servizio corrisposto daI Comune
16 mIn C
133
Cantiere C) Essemme
Leve operative
Riprogettazione dei
servizi di spazzamento
Riprogettazione dei
servizi di spazzamento
RiIevazione quantitativa deIIa
produzione di sporco per
via/cluster di vie
Clusterizzazione delle aree/ vie per
caratteristiche di frequentazione/
utilizzo
Assegnazione deIIe frequenze di
spazzamento in funzione del
fabbisogno
Determinazione di
uomini/mezzi/costi e disegno degIi
itinerari per ogni metodologia
Assegnazione deI personaIe e
mezzi alle zone
Ridisegno dei servizi di
spazzamento
Ridisegno dei servizi di
spazzamento
Mappatura territoriaIe con
classificazione delle vie della
citt in tipologie territoriali
omogenee (commerciali, punti
sensibili, n corsie, marciapiedi,
parcheggi auto.)
efinizione deIIe tipoIogie di
servizio per aree deIIa citt
(manuale, meccanizzato con
1// operatori, minispazzatrici
aree pedonali,.)
Definizione degli standard di
produttivit ed efficacia per
metodologia di spazzamento
che saranno utilizzati anche nel
modello di controllo
Definizione del modeIIo
operativo e delle procedure per
ogni servizio
ModeIIo di controIIo
deIIe prestazioni e deIIa
quaIit
ModeIIo di controIIo
deIIe prestazioni e deIIa
quaIit
Definizione un modeIIo di
controIIo territoriaIe efficiente
ed efficace per incrementare il
livello di servizio fornito
Suddivisione del territorio in
presidi territoriaIi con un
responsabile del presidio
Definire un modello di controIIo
di quaIit suI Iavoro eseguito
con caratteristiche di "terziet
(centrale o anche esternalizzato
Definizione indicatori di quaIit
del lavoro e dei risultati coerenti
con gli standard di progettazione
Misurazione delle performance
di qualit del presidio ed
incentivazione sui risultati
Reingegnerizzazione
degIi aItri servizi
Reingegnerizzazione
degIi aItri servizi
Meccanizzazione deI servizio
(autospurghi, trattamenti chimici,
.)
Razionalizzazione degli interventi
attraverso una
reingegnerizzazione deIIa
pianificazione e dei processi
dei vari servizi (caditoie, diserbo,
pulizia dei cestini, pulizia delle
sedi aziendali)
Ridisegno dei servizi di spazzamento
Riprogettazione dei servizi di spazzamento
Reingegnerizzazione degIi aItri servizi
ModeIIo di controIIo deIIe prestazioni e deIIa quaIit
12/2010 1/2011 2/2011 3/2011 4/2011 5/2011 6/2011 7/2011
134
Cantiere D) Manutenzione Strade
Coordinamento
amministrativo e
attivit di supporto
Coordinamento
amministrativo e
attivit di supporto
Monitoraggio e
rendicontazione
Monitoraggio e
rendicontazione
Gestione Manutenzione Strade
Pronto intervento Pronto intervento
nterventi di
emergenza 4h/4
nterventi di
emergenza 4h/4
nterventi di
manutenzione
volante
nterventi di
manutenzione
volante
Controllo dei lavori
e del livello di
qualit
Controllo dei lavori
e del livello di
qualit
Rendicontazione
delle produzioni
rese
Rendicontazione
delle produzioni
rese
Programmazione
e coordinamento
Programmazione
e coordinamento
Organizzazione dei
cantieri di lavoro e
delle squadre
Organizzazione dei
cantieri di lavoro e
delle squadre
dentificazione delle
superfici su cui
intervenire
dentificazione delle
superfici su cui
intervenire
Predisposizione dei
progetti esecutivi
Predisposizione dei
progetti esecutivi
Sorveglianza
della rete
stradale
Sorveglianza
della rete
stradale
Aggiornamento
indici di deperibilit
per
programmazione
Aggiornamento
indici di deperibilit
per
programmazione
Attivazione pronto
intervento
Attivazione pronto
intervento
Monitoraggio su
segnalazione di
terzi
Monitoraggio su
segnalazione di
terzi
Monitoraggio visivo
dello stato di
degrado
Monitoraggio visivo
dello stato di
degrado
Esecuzione
lavori da
programma
Esecuzione
lavori da
programma
Esecuzione lavori Esecuzione lavori
Approvvigionament
o squadre di
materiali e mezzi
Approvvigionament
o squadre di
materiali e mezzi
Assistenza
meccanica mobile
Assistenza
meccanica mobile
70,0
4,1
6,0
16,2
3,0
8,1
0,9
1,2
22,3
24,3
6,8
0,3
0,6
1,0
1,1
11,3 13,7 89,2 46,6 5,1
171
Insufficiente presidio
deII'attivit di
pianificazione dei
Iavori (meno di 1 FTE)
Verifica dei Iavori di
riIievo a basso presidio
(1 FTE)
Limitato
supporto deI
sistema
informativo aIIa
gestione deI
servizio
Risorse operative da
riorganizzare (anaIisi
da benchmark)
Pianificazione
Miglioramento del presidio dell'attivit tramite l'assegnazione di un maggior numero di FTE ed il supporto di un
S aggiornato; importante pianificare gli interventi in modo da ottimizzarne l'esecuzione sul campo
Verifica dei Iavori
Aumentare l'attenzione riservata alla fase di controllo dei lavori svolti porterebbe importanti benefici in termini di
incentivazione al rispetto dei piani di lavoro ed erogazione mirata dei bonus di produttivit
Organizzazione
squadre
Le attuali squadre operative risultano essere spesso sovradimensionate: una riorganizzazione degli addetti in
squadre pi piccole, aumentando la dotazione dei mezzi, permetterebbe di aumentare la capacit produttiva
Sistema informativo
l miglioramento del sistema operativo risulta prioritario al fine di disporre di un database approfondito sulla rete
in gestione, da aggiornare in continuo tramite l'attivit di sorveglianza, per individuare interventi mirati
135
Cantiere D) Manutenzione strade
Sintesi di obiettivi e risultati attesi
/000 m
2
Iavorati /000 m
2
Iavorati
FTE richiesti con
nuova squadra
FTE richiesti con
nuova squadra
Investimenti totaIi
(mIn C)
Investimenti totaIi
(mIn C)
2010
(stimato)
2010
(stimato)
289
-
70%
2011 2011
470
-
85%
2013 2013
650
13
118%
% di compIetamento
(su CdS attuaIe)
% di compIetamento
(su CdS attuaIe) L
i
v
e
I
I
i

d
i

s
e
r
v
i
z
i
o

*
L
i
v
e
I
I
i

d
i

s
e
r
v
i
z
i
o

*
Produttivit per
addetto (m
2
/ g)
Produttivit per
addetto (m
2
/ g)
E
f
f
i
c
i
e
n
z
a

o
p
e
r
a
t
i
v
a

E
f
f
i
c
i
e
n
z
a

o
p
e
r
a
t
i
v
a

FTE disponibiIi
(da benchmark)
FTE disponibiIi
(da benchmark)
E
c
o
n
o
m
i
c
s

E
c
o
n
o
m
i
c
s

Ricavi differenziaIi
rispetto a CdS (mIn C)
Ricavi differenziaIi
rispetto a CdS (mIn C)
- - 0,5
Progressivo azzeramento delle superfici
non lavorate (100% nel 01)
Dal 013, mantenimento del livello
attuale di superficie sui marciapiedi ed
incremento fino a 650K m

per le strade,
grazie all'aggiunta della nuova squadra
l miglioramento della produttivit
permetterebbe a regime di ridurre
sensibilmente il ricorso al Iavoro
straordinario
Gli FTE inizialmente disponibili nel 010
vengono reimpiegati nel 013
aggiungendo una squadra di Iavoro
sulle superfici stradali, intervento reso
possibile dall'acquisto di 1 scarificatrice
ed 1 vibrofinitrice
Gli investimenti riguardano l'acquisto dei
mezzi necessari a rendere operativa la
nuova squadra
L'incremento nelle superfici lavorate
porta un aumento di 1mIn C nei ricavi
Strade
Marciapiedi
6,3 17 20
Strade
Marciapiedi
30% 85% 100%
24 39 54
Strade
13 -
Strade
-3,0 -1,0 +1,0
Strade
Marciapiedi
(*) Sono state trascurate le pavimentazioni di superfici lapidee in quanto di peso marginale
Straordinari, festivi,
notturno (kC)
Straordinari, festivi,
notturno (kC)
243 219 123
Strade
Marciapiedi
Strade
-
136
Revisione deI processo
di pianificazione e deI
modeIIo operativo
Revisione deI processo
di pianificazione e deI
modeIIo operativo
Ottimizzazione dei
processi di esecuzione
e controIIo
Ottimizzazione dei
processi di esecuzione
e controIIo
Estensione deI servizio Estensione deI servizio
Pronto intervento,
sorvegIianza ed
integrazione deI SI
Pronto intervento,
sorvegIianza ed
integrazione deI SI
Revisione del processo di
pianificazione degli interventi,
con ottimizzazione della
distribuzione temporale
Modifica della suddivisione
attuale degli operatori in
squadre, al fine di migliorarne
l'efficienza e la produttivit
Progettazione e
standardizzazione delle attivit
operative
Miglioramento del supporto
alle squadre e riduzione del
blocco dei lavori per
mancanza di materiale o
guasti ai mezzi
Processo di monitoraggio
dell'avanzamento periodico
per ridurre il ricorso allo
straordinario e certificare la
produttivit reale
Revisione del processo di
assegnazione del bonus di
produttivit
Definizione degli investimenti in
mezzi necessari per rendere
operative tutte le squadre
Quantificazione dell'effettiva
capacit produttiva
Valutazione dell'opportunit di
estendere le superfici annue da
lavorare, negoziando col
comune di Palermo degli
interventi aggiuntivi o
partecipando a gare per appalti
nei comuni limitrofi
Separazione delle risorse adibite
alla manutenzione volante da quelle
per l'emergenza
Miglioramento del processo di
sorveglianza, tramite assegnazione
della necessaria attrezzatura e
monitoraggio dei percorsi realizzati
Potenziamento del database sulla
rete stradale, con registrazione
delle criticit e progressivo
aggiornamento dello stato di usura
(funzionale alla pianificazione)
Cantiere D) Manutenzione Strade
Leve operative
Estensione del servizio 2012)
Revisione deI processo di pianificazione e deI
modeIIo operativo
Ottimizzazione dei processi di esecuzione
e controIIo
Pronto intervento, sorvegIianza ed integrazione deI SI
12/2010 1/2011 2/2011 3/2011 4/2011 5/2011 6/2011 7/2011
137
Cantiere E) Manutenzione Mezzi
Gestione Mezzi
Movimentazi. e
predisposiz.
mezzi
Movimentazi. e
predisposiz.
mezzi
Pianificazione e
Acquisizione
mezzi
Pianificazione e
Acquisizione
mezzi
Approvvigion. e
logistica
materiali
Approvvigion. e
logistica
materiali
ngegneria e
pianificazione
manutenzione
ngegneria e
pianificazione
manutenzione
Programmaz.
operativa e
Schedulazione
Programmaz.
operativa e
Schedulazione
Esecuzione e
controllo della
manutenzione
Esecuzione e
controllo della
manutenzione
Pianificazione
fabbisogni e
investimenti
Pianificazione
fabbisogni e
investimenti
Definizione delle
caratteristiche
funzionali e
tecniche dei
mezzi
Definizione delle
caratteristiche
funzionali e
tecniche dei
mezzi
Definizione dei
capitolati tecnici
e gestione gare
per
l'acquisizione
Definizione dei
capitolati tecnici
e gestione gare
per
l'acquisizione
Gestione ciclo
vita (rinnovi,
dismissioni) e
Gestione
Amministrativa
Gestione ciclo
vita (rinnovi,
dismissioni) e
Gestione
Amministrativa
3,6
Pianificazione
materiali e
specifiche
Pianificazione
materiali e
specifiche
Politiche delle
scorte
Politiche delle
scorte
Approvvigiona-
mento materiali
Approvvigiona-
mento materiali
Logistica e
gestione
magazzino
Logistica e
gestione
magazzino
Analisi dei guasti
e efficacia
interventi di
manutenzione
Analisi dei guasti
e efficacia
interventi di
manutenzione
Definizione
strategie e
politiche di
manutenzione
Definizione
strategie e
politiche di
manutenzione
Definizione
specifiche
manutentive e
requisiti ricambi
Definizione
specifiche
manutentive e
requisiti ricambi
Valutazione
make or buy;
capitolati e
contratti di
servizio esterni
Valutazione
make or buy;
capitolati e
contratti di
servizio esterni
Previsione e
elaborazione
dei piani di
manutenzione
Previsione e
elaborazione
dei piani di
manutenzione
1,3
Gestione
interventi non
programmati
(guasti)
Gestione
interventi non
programmati
(guasti)
Pianificazione
ordini di
manutenzione
Pianificazione
ordini di
manutenzione
Verifica
capacit/ risorse
e decisioni
tattiche di make
or buy
Verifica
capacit/ risorse
e decisioni
tattiche di make
or buy
Attivazione
richieste di
materiali
Attivazione
richieste di
materiali
Schedulazione
delle attivit di
manutenzione
Schedulazione
delle attivit di
manutenzione
Esecuzione
interventi interni
(a guasto)
Esecuzione
interventi interni
(a guasto)
Esecuzione
interventi interni
(periodici)
Esecuzione
interventi interni
(periodici)
10,0
2,0
Riparazione e
sostituzione
pneumatici
Riparazione e
sostituzione
pneumatici
9,1
Gestione
interventi esterni
(preventivi,
controlli...)
Gestione
interventi esterni
(preventivi,
controlli...)
3,6
Consuntivazione
risorse; aggiorn
dati; disponibilit
Consuntivazione
risorse; aggiorn
dati; disponibilit
3,2
Gestione,
manutenzione
interna officina
Gestione,
manutenzione
interna officina
1,8
Gestione transiti
e accessi
Gestione transiti
e accessi
Lavaggio e
gestione piazzali
Lavaggio e
gestione piazzali
18,2
5,4 1,3
29,7
18,2
0,4
1,4
54,6
Necessit di
ottimizzare i
processi di
dismissione ed
acquisto dei
mezzi
Basso presidio suIIa
gestione deI make or
buy e dei contratti di
manutenzione
Mancanza di
addetti adibiti
aII'ingegneria
deIIa
manutenzione
Riorganizzazi
one
deII'officina
interna;
vaIutare
possibiIe
estensione
attivit
Eccesso di risorse
adibite ad attivit non
strategiche
RazionaIizzazione
deI parco mezzi
Necessit di analizzare in dettaglio l'attuale parco a disposizione, identificando i mezzi da dismettere e le
necessit d'investimento, per ridurre l'anzianit e rispondere alle esigenze derivanti dalla revisione dei servizi
SegnaIazione guasto
e gestione officina
Revisione dell'intero processo di segnalazione del guasto, di valutazione ed ingegnerizzazione della
riparazione; l'officina interna deve essere riorganizzata, valutando la possibilit di aumentare le lavorazioni
Make or buy e
contratti
L'estensione del numero di mezzi coperti da contratto di manutenzione permetterebbe di migliorare sensibilmente
la gestione dei guasti, riducendo i tempi di riparazione e la spesa per le lavorazioni esterne
138
AMIA ha identificato i seguenti investimenti in beni strumentaIi Iegati aIIe sceIte di gestione
deII'attuaIe parco automezzi
Servizi di
RaccoIta e
Spazzamento
Servizi di
RaccoIta e
Spazzamento C6.833 C6.833 C 3.070 C 3.070 C 2.960 C 2.960
C 900 C 900 C 480 C 480 C 960 C 960
iscarica di
BeIIoIampo
iscarica di
BeIIoIampo
"uantit prevista "uantit prevista escrizione bene strumentaIe escrizione bene strumentaIe
TipoIogia
attivit
TipoIogia
attivit
011 011 2013 2013 2012 2012
- Autocompattatore Grande ed Extra-grande
- Compattatorie Scarrabile
- Autocarro Scarrabile
- Cassone Scarrabile
- Semirimorchio compattante
- Spazzatrice media
- Lavacassonetti a Car. Post. Grande
- Altri Automezzi e scarrabili
-Pala Cingolata
- Pala Gommata Grande
- Mini Pala Gommata
- Escavatore
- Caricatore Rifiuti
- Autospurgo
- Pickup fuoristrada
- Macchine operatrici varie
30
3
3
3
4
10

4
1

1
4
in migliaia di euro
Cantiere E) Manutenzione Mezzi
Piano acquisizione mezzi (1 di )
139
Servizi di
Iogistica ed a
supporto
Servizi di
Iogistica ed a
supporto
C 0 C 0 C 645 C 645 C 575 C 575
Attrezzatura Attrezzatura
C 5.425 C 5.425 C 4.555 C 4.555 TotaIe TotaIe
C 3.144 C 3.144 C 1.230 C 1.230 C 60 C 60
"uantit prevista "uantit prevista escrizione bene strumentaIe escrizione bene strumentaIe
TipoIogia
attivit
TipoIogia
attivit
011 011 2013 2013 2012 2012
-Furgone Combinati
- Autovetture classe medio-piccola
- dropulitrice
- Muletto
- Motopompa
-- Attrezzatura per disinfestazione
- Lavasciuga pavimenti
- Autocarro uso promiscuo cassone
- Autocarro uso promiscuo ribaltabile
- Furgoni, motocarri e Autovetture varie
-Contenitori metallici lt 1.700
-Contenitori metallici lt 1.100
-Contenitori Modulari lt 1800-000 RD organico
- Contenitori Modulari lt 1800-000 RD vetro
- Contenitori modulari lt 300-3500 multimateriale
- Attrezzatura per disinfestazione
1
1

4
1
6
3
3

1.10
3.00
10
60
140
6
C 10.877 C 10.877
in migliaia di euro
Cantiere E) Manutenzione Mezzi
Piano acquisizione mezzi ( di )
140
Cantiere E) Manutenzione Mezzi
Sintesi di obiettivi e risultati attesi
2010 2010 2011 2011 2012 2012
Downtime Downtime 33%
8
Tassi di guasto (MTBF)
(giorni)
Tassi di guasto (MTBF)
(giorni)
20%
11
15%
12
E
f
f
i
c
i
e
n
z
a

p
r
e
s
t
a
z
i
o
n
i

t
e
c
n
i
c
h
e
E
f
f
i
c
i
e
n
z
a

p
r
e
s
t
a
z
i
o
n
i

t
e
c
n
i
c
h
e
Mezzi acquistati Mezzi acquistati
Saving da dismissione
mezzi attivi (mln C)
Saving da dismissione
mezzi attivi (mln C)
R
a
z
i
o
n
a
I
i
z
z
a
z
i
o
n
e

p
a
r
c
o

m
e
z
z
i
R
a
z
i
o
n
a
I
i
z
z
a
z
i
o
n
e

p
a
r
c
o

m
e
z
z
i
Costi manutenzione
esterna (mln C)
Costi manutenzione
esterna (mln C)
Et media (anni) Et media (anni)
E
c
o
n
o
m
i
c
s

E
c
o
n
o
m
i
c
s

- 44
3,0 3,7 3,5
- 0,5 -
NB L'analisi considera tutti i mezzi impiegati direttamente nelle operazioni di raccolta: compattatori grandi ed extragrandi, minicompattatori, autocarri, autogr, esclusi i cassoni scarrabili
7,4 6,5 6,1
Razionalizzazione parco
(dismissioni)
Razionalizzazione parco
(dismissioni)
- -63 -
La revisione dei servizi di raccolta
porta ad una razionaIizzazione deI
parco mezzi, consistente in una
dismissione di mezzi pi vecchi e
maggiormente soggetti a guasti e
nell'acquisto di mezzi nuovi e pi
efficienti, cos da non dover ricorrere
ai noleggi
Si prevede di annuIIare Ia quota di
mezzi senza contratto di
manutenzione, migliorando il servizio
reso agli utilizzatori
L'aggiunta di mezzi nuovi e i
miglioramenti nella gestione di quelli
preesistenti permettono di migliorare le
prestazioni tecniche e Ia disponibiIit
media del parco
Percentuale mezzi senza
contratto manutenzione
Percentuale mezzi senza
contratto manutenzione
27% 0% 0%
II costo compIessivo di
manutenzione cresce per effetto
dell'aumento del numero di contratti;
tale incremento per mitigato
dall'attuazione di una serie di
efficientamenti (meno lavorazioni
esterne, uso migliore dell'officina,
negoziazione attenta)
3
141
RazionaIizzazione deI
parco mezzi
RazionaIizzazione deI
parco mezzi
PoIitiche manutentive,
make or buy e
ottimizzazione officina
PoIitiche manutentive,
make or buy e
ottimizzazione officina
Gestione dei contratti di
manutenzione
Gestione dei contratti di
manutenzione
Riorganizzazione e
Programmazione
operativa
Riorganizzazione e
Programmazione
operativa
dentificazione dei mezzi da
dismettere (per obsoloescenza
o bassa disponibilit)
Ripianificazione della domanda
di mezzi derivante dalla
riorganizzazione dei servizi
Ottimizzazione dei processi di
acquisto
Analisi tecniche dei guasti
(tipologia, cause, frequenza,
ripetitivit, durata)
Analisi del costo e della durata
dei fermi e delle riparazioni
Valutazione e ottimizzazione
del mix di manutenzione
programmata / ispettiva / a
guasto
Valutazione del funzionamento
dell'officina interna e della
possibilit di aumentare le
lavorazioni in funzione della
saturazione delle risorse
Definizione delle scelte tattiche
di make or buy
Definizione strategia aziendale
per i contratti di
manutenzione, identificando le
categorie interessate e la
durata
Estensione e ottimizzazione
dei contratti sotto il profilo
prestazionale e dei costi
dentificazione dei fornitori e
valutazione delle alternative
contrattuali (per tipo mezzo/
telaio/ attrezzatura/ tipo
guasto; global service;
partnership con i fornitori, etc.)
Realizzazione della nuova
organizzazione basata sulle
officine di autoparco
Attribuzione della responsabilit
tra Dipartimento ingegneria e
Dipartimenti servizi, con
sensibilizzazione del personale
alle tematiche manutentive
Perfezionamento del processo di
segnalazione per guasto e della
pianificazione degli ordini, con
velocizzazione del processo di
autorizzazione; consuntivazione
delle risorse e controllo delle
lavorazioni esterne
Miglioramento / integrazione dei
sistemi informativi (database
mezzi, componenti, guasti,
interventi, disponibilit,.)
Cantiere E) Manutenzione Mezzi
Leve operative
RazionaIizzazione deI parco mezzi
PoIitiche manutentive, make or buy ed officina
Gestione dei contratti di manutenzione
Riorganizzazione e Programmazione operativa
12/2010 1/2011 2/2011 3/2011 4/2011 5/2011 6/2011 7/2011
14
Cantiere F) Linee guida per la nuova macrostruttura
Incremento deIIa responsabiIizzazione e controIIo su tutti i processi aziendaIi, con
strutturazione di quelli meno presidiati o non adeguatamente organizzati, mediante:
attribuzione di ownership definite e unitarie con responsabiIit di risuItato
costituzione di unit organizzative su processi chiave
ricoIIocazione di attivit nei processi e sotto processi di riferimento
Riduzione dei riporti organizzativi aIIa irezione GeneraIe dei ipartimenti di Linea con
rafforzamento della funzione di indirizzo e controIIo operativo a IiveIIo aziendaIe (funzioni di
Staff)
VaIorizzazione deIIe risorse interne a presidio dei profili professionali delineati, ad ogni livello
organizzativo, mediante attivit di pianificazione, formazione e sviluppo del personale
Linee guida della nuova macrostruttura organizzativa
La riconfigurazione deIIa macrostruttura organizzativa intende essere I'eIemento abiIitante deIIe
opzioni di Piano, sia in termini di attribuzione di responsabiIit organizzative definite, che di
copertura di tutti i processi chiave e di riduzione dei riporti operativi per i ipartimenti di Iinea
143
Cantiere F) potesi di macrostruttura
S.p.A.
COSSA#
ST#AO#DNA#
lmpianti
Manutenzione
Strade
Servizi lgiene Urbana
rancaccio
Legale e Servizi
Cenerali
ControIIo dI
gestIone
CIcIo attIvo J
cIcIo passIvo
ContabIIIta e
bIIancIo
Inanza
azIendaIe
CestIone
servIce
#isorse Umane
AcquIstI e
CestIone gare
ApprovvIgIo
namento e
magazzIno
SegreterIa DC
e CommIssarI
arketIng
CommerIcIaIe
D#EZONE CENE#AE
DeIIbere e
accesso datI
UIIIcIo
#eIazIone
Stampa
Area
AmmInIstratIva
Area CeneraIe Area egaIe
ArchIvIo e
protocoIIo
CT e ServIzI
CeneraII
OrganIzzazIone
e CestIone deI
personaIe
EntI
assIstenzIaII e
prevIdenzIaII
ormazIone e
comunIcazIone
Interna ed
esterna (U#P)
#eIazIonI
IndustrIaII
AmmInIstra
zIone deI
personaIe
Amministrazione
Finanza Controllo
AMlA Essemme
Progettazione e
Programmazione
ngegnerIa
mezzI
PIanIIIcazIone
anutenzIone
strade
ProgettazIone
ServIzI U
CdS con
Comune e
AA Essemme
Servizi lgiene Urbana
Partanna
QuaIIta J
SIcurezza e
CestIone
mpIantI
144
Cantiere F) potesi di nuova macrostruttura
Dettaglio funzioni di linea
ndIIIerenzIata
DIIIerenzIata e
aItrI servIzI
ndIIIerenzIata
DIIIerenzIata e
aItrI servIzI
anutenzIone
ordInarIa
stradaIe
SorvegIIanza
Pronto
Intervento
anutenzIone
ordInarIa
pedonaIe
S.p.A.
COSSA#
ST#AO#DNA#
D#EZONE CENE#AE
Servizi lgiene Urbana
rancaccio
UIIIcIo ProgettI
ProgrammazIone
lmpianti
CestIone
operatIva
dIscarIca
anutenzIone,
ogIstIca e
IaboratorIo
mpIantI dI
preseIezIone J
compostaggIo
Manutenzione
Strade
anutenzIone
mezzI
OIIIcIna
CestIone
Autoparco
Servizi lgiene Urbana
Partanna
UIIIcIo
movImentI
UIIIcIo
movImentI
ogIstIca e
servIzI
145
Cantiere F) Organizzazione
Leve operative
ImpIementazione della struttura ImpIementazione della struttura Piano delle risorse Piano delle risorse
Controllo delle performance di
processo
Controllo delle performance di
processo
Definizione dei IiveIIi di responsabiIit e
di deIega
Definizione della responsabiIit di
risuItato (costi, Conto Economico,
performance) e dei criteri di misura per i
dipartimenti
Definizione degIi indicatori per iI
controIIo deIIe performance di processo
Approfondimento delle interdipendenze
di processo e dei sistemi di
coordinamento
Definizione delle unit organizzative di
secondo IiveIIo
AIIocazione delle attuali unit e risorse
alla nuova struttura
Analisi di dettagIio dei processi, attivit
e carichi di lavoro per unit organizzativa
e per processi
Mappatura deIIe competenze
imensionamento deIIe singoIe unit e
mappatura di dettaglio delle aree di
ottimizzazione o di deficit di competenza
efinizione deI piano di formazione /
mobilit / recruiting
BPR di seIezionati processi critici per
strategicit/efficienza (es. mezzi, ...)
Creazione delle Job description per Ie
singoIe risorse interne al fine di
ottimizzare le competenze specifiche del
dipendente
Definizione di un manuaIe organizzativo
per individuare e attribuire le ownership
definite dal riassetto organizzativo
efinizione indicatori di misurazione
delle performance di secondo livello
ImpIementazione deIIa struttura
Piano deIIe risorse
ControIIo deIIe performance di processo
12/2010 1/2011 2/2011 3/2011 4/2011 5/2011 6/2011 7/2011
146
AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA
Programma
"UADRO EONOMIO - PATRIMONIALE - FINANZIARIO
'Il ontratto di Servizio con il omune di Palermo"
5
147
Contratti di servizio
CdS - Servizio di Igiene Urbana CdS - Manutenzione strade
% su CdS
43,1%
10,6%
14,9%
0,5%
5,6%
3,9% 0,3%
11,2%
Manut. ordinaria
pavimentazione
Manut. ordinaria sedi stradali e
marciapiedi
Sorveglianza e monitoraggio rete
stradale
Manutenzione volante
Squadre di emergenza
Sinistri
Residuo
Manut. ordinaria pavimentaz. in
cemento battuto
14,0 mIn C 14,0 mIn C
I contratti di servizio (CdS) di AMIA con iI Comune di PaIermo, reIativi aII'Igiene Urbana e aIIa
Manutenzione strade, prevedono per un importo compIessivo pari ad Euro 104,4 mIn e sono cos
suddivisi:
L' Igiene AmbientaIe, pari a circa euro 71 mIn nel 001, stato incrementato nel 006 di euro 12,9 mIn quale contributo
per i servizi di Essemme e, a far data dal 010, per i servizi di compostaggio e pretrattamento (da addendum 010) per
complessivi euro 7,3 mIn
La manutenzione ordinaria deIIa pavimentazione (conglomerato bituminoso) pesa per iI 43,1% ca. dei 14 mln C totali
del contratto di servizio di manutenzione strade come di seguito dettagliato
Fonte: elaborazione BP su consuntivo AMA 009; valori da Dipartimento Amministrazione e Finanza
001- 05 006- 09 Dal 010
70,8
82,8
90,4
Contratto di servizio
Igiene AmbientaIe
Addendum spazzamento
e aItri servizi
Compostaggio
Pretrattamento
Mln C; 001-010
148
PenaIi PenaIi
Contratto di servizio
giene ambientale Elementi di sintesi
II Contratto di Servizio (30/11/2001 e successiva integrazione deI 2010) definisce i servizi ed i
corrispettivi riconosciuti daI Comune per singoIa area deII'Igiene ambientaIe
Fonte: contratto di servizio e successive integrazioni
**: da integrazione al CDS 8 gennaio 010
Servizio Servizio Area Area Standard di riferimento Standard di riferimento
RaccoIta RU RaccoIta RU
Aumento del numero dei contenitori
per raccolta differenziata da 6 a 1
lt./ab
Raccolta RSU, raccolta differenziata, ingombranti
Raccolta e pulizia mercati stabili
Bonifica siti igienicamente degradati, eliminazione cumuli di rifiuti e
materiali abusivamente depositati
Spazzamento strade Spazzamento strade
ncremento volumetria cestini da
0,3 a 0,6 lt./ab
Aumento 15% (vs 000) dello
spazzamento meccanizzato
Spazzamento manuale e meccanizzato
Lavaggio strade
Svuotamento cestini gettacarte
SmaItimento rifiuti SmaItimento rifiuti
Smaltimento e/o trattamento dei rifiuti urbani mediante conferimento in
discarica controllata o altro impianto
Risanamento e gestione post mortem della discarica
Servizi accessori
igiene ambientaIe
Servizi accessori
igiene ambientaIe
Derattizzazione e disinfestazione aree di propriet pubblica e/o privata
Pulizia Tribunali
Compostaggio** Compostaggio**
Trattamento biologico (compostaggio) della frazione
organica (compreso il trasporto)
*: importi da CDS 001, convertiti in C
n caso di mancato rispetto degli standard minimi quaIitativi viene applicata una penale di importo compreso tra
10.000.000 e 100.000.000 . L'arco temporaIe reIativo aII'appIicazione deIIe penaIi non definito
Pretrattamento Pretrattamento
Obbligo di pretrattamento di rifiuti in discarica dal 1/1/010
149
Contratto di servizio
Manutenzione strade Elementi di sintesi
II Comune attraverso iI Contratto di Servizio (con integrazioni iI 15/1/2010) prevede, anche per Ia
manutenzione strade, Ia definizione dei servizi e dei corrispettivi
Fonte: contratto di servizio e successive integrazioni
Servizio Servizio Area Area
Corrispettivo*
(mln C)
Corrispettivo*
(mln C)
Standard di riferimento Standard di riferimento
Servizi a misura Servizi a misura 6,9 6,9
Pavimentazione congIomerato
bit. 11 C/mq per 550.000 mq
Pavimentazione cemento battuto
39,15 C/mq per 0.000 mq
Sedi stradaIi e marciapiedi 16
C/mq per 300 mq
Manutenzione ordinaria pavimentazione in
congIomerato bituminoso
Manutenzione ordinaria pavimentazione in cemento
battuto
Manutenzione ordinaria sedi stradali e marciapiedi
Tot 14,0
Servizi non a misura Servizi non a misura 3,6 3,6
SorvegIianza e monitoraggio della rete stradale
Manutenzione voIante
Squadre di emergenza
Manutenzione voIante 540
interventi e 4.175 mq trimestrali
Squadre emergenza 1.000
interventi annui
Sinistri Sinistri 3,5 3,5
Somme erogate relative alla gestione dei sinistri
stradaIi
Sono previste penaIi trimestraIi di ammontare pari aI 5% dei diversi corrispettivi in caso di mancato
raggiungimento degli standard minimi di riferimento. Con l'integrazione del 010 i servizi sono pagati in base alle
quantit realizzate (servizi a misura) e alla rendicontazione (servizi non a misura)
*: importi da CDS 001, convertiti in C
PenaIi PenaIi
150
Contratto di servizio
Elementi di sintesi
urata deI Contratto (Premesse): anni trenta dalla stipula
Oggetto deI contratto (Art. 3):
Servizio di Gestione rifiuti ed Igiene AmbientaIe: Raccolta rifiuti urbani; Raccolta differenziata rifiuti urbani e rifiuti
urbani pericolosi; Raccolta e pulizia dei mercati cittadini stabili; Bonifica di siti igienicamente degradati ed eliminazione di
cumuli di rifiuti e materiali diversi abusivamente depositati; Spazzamento manuale e meccanizzato; Lavaggio stradale;
Gestione dei cestini gettacarte; Smaltimento e/o trattamento rifiuti urbani mediante conferimento in discarica controllata o
altro impianto; ecc
Servizio di manutenzione strade: Servizio di sorveglianza e monitoraggio della rete stradale; Manutenzione ordinaria
per le pavimentazioni in conglomerato bituminoso e marciapiedi (inclusi strade e marciapiedi in materiali lapidei naturali o
artificiali; Manutenzione volante per il ripristino di inefficienze strutturali od usura su qualsiasi tipo di pavimentazione;
Servizio di emergenza per l'eliminazione di pericoli esistenti sulla sede stradale ed i marciapiedi, ecc
Estensione dei servizi (Art. 10): AMA si impegna ad eseguire uIteriori servizi accessori o compIementari, su richiesta del
Comune. Tale servizi verranno retribuiti suIIa base dei corrispettivi stabiIiti d'intesa col Comune.
Standard quaIitativi (Art. 16):
Gestione rifiuti ed Igiene AmbientaIe:incremento volumetria cestini fino a 0,6 lt/ab; aumento km spazzamento
meccanizzato del 15% rispetto al 000; incremento volumetria cassonetti raccolta differenziata a 1 lt/ab
Manutenzione strade: interventi in emergenza entro 5 ore dalla segnalazione, in oltre il 90% dei casi; manutenzione
ordinaria delle superfici viarie per almeno 550.000 mq; manutenzione ordinaria marciapiedi per almeno 0.000 mq
Corrispettivi (Art. 1):
Gestione rifiuti ed Igiene AmbientaIe:150.849.994.766 (VA inclusa)
Manutenzione strade: 3.61.09.000 (VA inclusa)
PenaIi (Art. 15): in caso di mancato rispetto degli standard minimi qualitativi viene applicata una penale di importo compreso tra
10.000.000 e 100.000.000.
Contratto di
Servizio
30/11/2001
Contratto di
Servizio
30/11/2001
ocumento e
data
ocumento e
data
Punti saIienti Punti saIienti
151
Contratto di servizio
Atti integrativi giene e Manutenzione
Oggetto deI Contratto (Art. ): AMA assicura il compostaggio della frazione organica proveniente dalla raccolta differenziata
nell'abito del progetto "Palermo Differenzia. l Comune si impegna ad erogare il corrispettivo annuo di .7.600 C (VA inclusa*)
per trasporto e compostaggio
Oggetto deI contratto (Art. 3):
Servizi non pi forniti: rifiuti cimiteriali; carcasse animali; monitoraggio dell'aria; progetto Auto Pulita
Servizi ridimensionati: bonifica dei siti igienicamente degradati (interventi quindicinali); carcasse auto abbandonate
(solo vetture prive di targa); disinfestazione (solo in orari antimeridiani); servizi domenicali e festivi (servizi minimi in orari
diurni); rifiuti ingombranti (ritiro presso postazioni mobili)
AMA continua ad assicurare tutti i servizi fino a quando il Comune non abbia individuato un nuovo soggetto gestore
Atto
integrativo aI
Contratto di
Servizio
8/1/2010
Atto
integrativo aI
Contratto di
Servizio
8/1/2010
ocumento e
data
ocumento e
data
Punti saIienti Punti saIienti
Atto
integrativo aI
Contratto di
Servizio
15/1/2010
Atto
integrativo aI
Contratto di
Servizio
15/1/2010
LiveIIi di servizio manutenzione strade (Art. ): vengono introdotti i seguenti criteri interpretativi:
Servizi a misura: servizi pagati in base alle quantit realizzate (manutenzione ordinaria conglomerato bituminoso,
manutenzione ordinaria marciapiedi in battuto di cemento, manutenzione ordinaria sedi stradali e marciapiedi in materiali
lapidei; ammontare complessivo pari a 6.870.800 C)
Servizi non a misura: corrispettivi liquidati previa rendicontazione (servizio di sorveglianza e monitoraggio della rete
stradale, manutenzione volante, squadre di emergenza; ammontare complessivo pari a 3.601.270 C)
Gestione dei sinistri stradaIi (Art. 10): le somme da corrispondere per la gestione dei stradali sinistri ammontano
complessivamente a 3.490.525 C (dettaglio negli Art. 6-9)
*: VA 0% per trasporto; 10% per compostaggio
15
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
RICAVI - II Contratto di Servizio con iI Comune di PaIermo
IGIENE AMBIENTALE - EvoIuzione storica
%1) Cbbllghl sopravvenuLl non prevlsLl da ConLraLLo Servlzlo %4) lncremenLo dl euro 12249971 per sLablllzzazlone LSu spazzamenLo
%2) Cbbllghl sopravvenuLl coperLl da ConLraLLo Servlzlo %3) lncremenLo dl euro 6612376 per servlzl agglunLlvl
%3) Servlzl agglunLlvl non prevlsLl da ConLraLLo dl Servlzlo
Anno Adeguamento ISTAT
Valore orrispettivo
omune PA
riconosciuto
Valore orrispettivo
comprensivo di
adeguamento ISTAT
Servizi Aggiuntivi garantiti da Amia Spa
(%) (valori annui) (tipologia) (valori annui)
1999 VaIore IniziaIe C 70.762.388
C 70.762.388
000 2,6 C 0.62.88 C 7.60.10 Oneri post mortem (1) C 1.00.000
001 2,8 C 0.62.88
C 74.635.07 Ecotassa Regionale (1)
C 1.500.000
00 2,5 C 0.62.88 C 76.500.949 Pretrattamento rifiuti () C 5.000.000
003 2,5 C 0.62.88 C 78.413.47 Raccolta porta a porta () C .700.000
004 2,2 C 0.62.88
C 80.138.569 Bonifiche e ritiro carcasse (3)
C 500.000
005 1,8 C 0.62.88
C 81.581.063
006 (4) 2,2 C 8.946.55
C 95.65.818
007 1,9 C 8.81.48
C 97.44.708
008 ,2 C 8.012.59
C 100.560.875
009 1,8 C 83.01.359
C 10.370.970 Maggiori Costi per Servizi
Aggiuntivi
C 10.900.000
010 (5) 1,7 C 89.64.735 C 110.73.653
VaIore Teorico
Corrispettivo
Reindicizzato aI 2010
110.723.653 I CUI RICONOSCIUTI C 8.600.000
orrispettivo riconosciuto attuale 89.624.735
Perdita di vaIore
corrispettivo per mancato
adeguamento ISTAT
21.098.918
Valore del orrispettivo comprensivo di Adeguamento e
dei Servizi Aggiuntivi in atto non riconosciuti nel ontratto
vigente
113.923.653
Differenza di valore tra
orrispettivo Atteso e
Riconosciuto al 31.12.2010
24.298.918
153
Servizio igiene ambientaIe e discarica Citt di PaIermo
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
I Conti Economici - RicIassificazione comparativa anaIitica
* ifferenza sostenuta da ricavi 5er uso discarica
Categoria/Anno di
riferimento
001 006 007 008 009 010
ncremento in
termini
assoluti
001 - 010
ncremento
percentuale
001 - 010
Andamento dei costi di
produzione per g. Amb.
3.314.344 8.46.184 3.461.184 33.469.573 6.154.39 8.77.144
30.47.117 19,74%
Costo operativo personale
Amia Essemme srl
0 15.765.87 18.59.487 19.485.705 3.69.768 4.789.317
Costo operativo personale
Amia Spa g. Amb.
63.385.387 71.519.08 7.84.530 71.16.645 67.40.749 C 68.817.5 5.431.838 8,57%
Personale Amia Spa g.
Amb.
1.667 1.630 1.673 1.501 1.499 1.481 -186 -11,16%
Personale Amia Essemme
srl adibiti al Servizio Spazz.
0 590 675 674 753 736 736 100,00%
TotaIe costi operativi
Igiene Amb. per anno
86.699.731 115.531.084 123.878.201 124.081.923 117.024.909 122.378.686 35.678.955 41,15%
Corrispettivo dal Comune
di Palermo per g. Amb.
70.76.388 83.946.755 83.831.483 83.01.359 83.01.359 89.64.735 18.86.347 6,66%
RisuItato differenziaIe
Costi/Ricavi (*)
-15.937.343 -31.584.39 -40.046.718 -41.069.564 -34.01.550 -3.753.951 -16.816.608
154
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
RICAVI - II Contratto di Servizio con iI Comune di PaIermo
IGIENE AMBIENTALE - COMMENTARIO (1/2)
L'analisi delle tavole che precedono dimostra l'inadeguatezza dell'attuale corrispettivo del
vigente contratto di servizio per l'igiene ambientale in Palermo.
l corrispettivo ancorato ai prezzi del 001. L'andamento 001 010 di alcuni costi
caratteristici/operativi viene di seguito, sinteticamente, riepilogato.
(*) L'incremento tiene conto
anche dei rinnovi contrattuali
(**) Comprensivo di manuale e
meccanizzato
Tipologia di costi 001 006 010
RisuItato ifferenziaIe
(2001-2010)
9SCnAL ul9nun1 %&) 1.667 1.630 1.481 -186
C 63.385.387 C 71.519.08 C 68.817.5 C 5.431.838
CARBURANTE C .64.753 C 4.068.549 C 4.615.853 C .351.100
ECOTASSA REGONALE C 0 C 4.910.13 C 914.363 C 914.363
ACCANTONAMENTO
POST MORTEM
C 495.094 C 8.303.405 C 495.094 C 0
SPAZZAMENTO (**) C 9.500.000 C 15.765.87 C 7.08.306 C 17.58.306
MANUTENZONE
AUTOMEZZ
C 1.343.38 C 5.946.654 C 4.143.604 C .800.366
TOTALI COSTI C 76.988.472 C 110.513.631 C 106.014.445 C 29.025.973
Corrispettivo da
Contratto di Servizio
Comune di PaIermo
C 70.762.388 C 83.946.755 C 89.805.855 C 19.043.467
ifferenza a carico Amia
spa
-C 6.226.084 -C 26.566.876 -C 16.208.590 -C 9.982.506
155
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
RICAVI - II Contratto di Servizio con iI Comune di PaIermo
IGIENE AMBIENTALE - COMMENTARIO (2/2)
Si riporta, di seguito, un'analisi comparata dei dati di cui alle precedenti schede che sintetizza
l'attuale situazione deficitaria di AMA. n particolare, si rilevano i costi sostenuti e gli introiti
assicurati dal Comune di Palermo per il servizio di igiene ambientale cittadina:
Categoria/Anno di riferimento 001 006 007 008 009 010
Andamento dei costi di
produzione per g. Amb.
3.314.344 8.46.184 3.461.184 33.469.573 6.154.39 8.77.144
Costo operativo personale Amia
Essemme srl
0 15.765.87 18.59.487 19.485.705 3.69.768 4.789.317
Costo operativo personale Amia
Spa g. Amb.
63.385.387 71.519.08 7.84.530 71.16.645 67.40.749 C 68.817.5
TotaIe costi operativi Igiene
Amb. per anno
86.699.731 115.531.084 123.878.201 124.081.923 117.024.909 122.378.686
Corrispettivo daI Comune di
PaIermo per Ig. Amb.
70.762.388 83.946.755 83.831.483 83.012.359 83.012.359 89.624.735
Costo Operativo personale
spazzamento manuale AMA
ESSEMME srl (A)
Corrispettivo integrativo
riconosciuto a regime dal
Comune di Palermo per
stabilizzazione LSU (Amia
Essemme) (B)
Costi Operativi Amia Servizio
Spazzamento manuale
storicizzato (anno 004) (C)
lnLegrazlone corrlspeLLlvo
necessarlo a sosLenere ll magglor
cosLo a carlco Amla Spa per Servlzlo
SpazzamenLo Manuale A(8+C)
C 27.043.973 C 12.950.892 C 6.707.776 7.385.305
156
AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA
Programma
Obiettivi
e
Sviluppo Economico
6
157
Riequilibrio costi/ricavi a regime attraverso l'adeguamento del corrispettivo del contratto di
servizio con il Comune di Palermo e l'attuazione del piano di razionalizzazione e
contenimento dei costi operativi
Completamento processo di ripatrimonializzazione e ricapitalizzazione
Sviluppo dell'impiantistica aziendale
Realizzazione Piano di investimenti programmato
Eventuale ricorso al mercato finanziario mirato alla ristrutturazione del carico debitorio a
m/l termine
Dismissione delle partecipazioni non significative, laddove ritenute non pi strategiche alla
mission aziendale
Analisi, studi di fattibilit e valutazione economica per operazioni infrasocietarie
straordinarie volte alla aggregazione strategica con altre realt aziendali
Preparazione all'ingresso nel mercato dei gestori privati del servizio di pubblica utilit
Le prospettive di sviIuppo 2011-2013
158
Analisi economico-finanziaria-patrimoniale
Evoluzione prospettica dei Ricavi
Obiettivo: Incremento del Valore della Produzione
a) Revisione del contratto di servizio principale in base alla riparametrazione al valore
attuale ed alla sensitivit dei ricavi calcolata sulla base di:
"uantita media (Kg) di rifiuti raccolti 5er abitante
Numero di abitanti (5o5olazione servita) com5reso tra 600 mila e un milione di
5ersone
Ricavo medio 5er tonnellata com5reso nel dato medio nazionale
a) Aumento del fatturato derivante dalla analisi del rapporto costo/ricavi per servizi a
domanda in base a:
Ri5arametrazione delle tariffe e dei 5rezzi a55licati
Ottimizzazione dei servizi
Acquisizione di nuovi e/o diversi servizi nel settore dei rifiuti e delle energie
Aumento 5roduttivit ed efficacia dei servizi resi al fine di non incrementare il livello
dei costi in ragione di nuove commesse
b) Mantenimento del livello effettivo dei ricavi provvedendo a:
Controllare il livello e la qualit dei servizi resi 5er contratto
Attivare 5rocedure di com5osizione dei conflitti con i Committenti
Rivisitare i meccanismi e le 5rocedure di a55licazione delle 5enalit
159
AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA
Programma Triennale 011-013
DATI PREVISIONALI
I ricavi
7
160
Piano Economico 011-013
Conti Economici Previsionali
VALORE ELLA PROUZIONE
(*) A far data dal 011 ipotizzato un incremento del contratto di
servizio con il Comune di Palermo basato prudenzialmente sul
proporzionale adeguamento ai soli costi per le attivit effettive
svolte da Am ia .
Tipologie dei Ricavi x macrovoci
riepilogative
010 011 01 013
Ricavi da corrispettivo Comune
di Palermo . A. (*) C 89.310.761 C 94.484.519 C 96.914.410 C 96.914.410
Ricavi da corrispettivo Comune
di Palermo M.S. C 10.61.331 C 14.035.616 C 14.035.616 C 14.035.616
Ricavi da terzi per smaltimento
rsu C 10.189.498 C 11.717.93 C 1.303.819 C 1.919.010
Ricavi da Raccolta differenziata C 870.000 C 1.300.000 C .444.16 C 3.06.495
Ricavi per gestione post mortem C .896.780 C .850.000 C 3.100.000 C 3.400.000
Altri Ricavi (da Comune di
Palermo e da terzi) C .578.813 C 4.950.000 C 4.715.647 C 4.11.948
TOTALI RICAVI C 116.467.183 C 129.338.057 C 133.513.708 C 134.408.479
Totale Costi di Produzione t 133094939 t 138133663 t 131409643 t 130034823
DFFERENZA t 16627736 t 8817606 t 2104063 t 4373633
Gestione non caratteristica t 2920318 t 2330000 t 2020000 t 4223338
lsulLaLo dl eserclzlo flnale t 19348274 t 11367606 t 84063 t 148117
161
2011
R
i
c
a
v
i

d
a
I
I
e

v
e
n
d
i
t
e
R
i
c
a
v
i

d
a
I
I
e

v
e
n
d
i
t
e
Ipotesi di Piano Ipotesi di Piano
2010
2013
Fatturato (C / mIn)
CdS
Manutenzione
strade
CdS
Manutenzione
strade
10,6 14,03 Atteso che nel 010, a fronte di un corrispettivo pari a 14,03 mln stato
fatturato un minore ricavo per circa 3 mln, si prevede a far data dal 011 di
entrare gradualmente a regime e tenere integro il corrispettivo. l corrispettivo
si assume costante fino al 013.
L'incremento del valore del contratto di servizio considerato dal 011
pari a 4,5 mln di euro annui circa per effetto della riparametrazione
esplicata alla Tabella 15, poi assestato a circa 9,0 mln di euro annui a
regime
CdS Igiene
AmbientaIe
CdS Igiene
AmbientaIe
89,3 96,9
II Piano PrevisionaIe deI Triennio 2011 - 2013 stato costruito suIIa base dei dati consuntivi 2009 e 2010 e deIIe Iinee
strategiche fissate dai vertici aziendaIi. opo un'attenta anaIisi, sono state individuate aree di sviIuppo e di obiettivo
strategico che hanno consentito di simuIare a IiveIIo economico gIi impatti ad essi correIati.
I VaIori dei Ricavi indicati neIIa precedente tabeIIa afferente Ie previsioni deI triennio 2011-2013 riportano Ie principaIi
ipotesi assunte che di seguito sinteticamente si descrivono. Per compIetezza di informazione viene riportato iI vaIore
2010 assunto come base per Ia proiezione effettuata neI periodo 2011 - 2013.
II Business PIan costruito a prezzi costanti
I conti economici previsionaIi presentati prevedono graduaIi riduzioni di impiego di personaIe da concordare, in
quanto a modaIit e tempistica, con Ie parti sociaIi.
Valore della produzione (1/)
16
2011
R
i
c
a
v
i

d
a
I
I
e

v
e
n
d
i
t
e
R
i
c
a
v
i

d
a
I
I
e

v
e
n
d
i
t
e
Ipotesi di Piano Ipotesi di Piano 2010 2013
Fatturato (C/mIn)
Ricavi per
servizi
Ricavi per
servizi
9,9 12,5 SmaItimento Comuni terzi: si ipotizzano crescenti volumi conferiti in
discarica da Comuni Terzi, per effetto della maggior capienza e
dell'attivazione di nuovi contratti
Proventi da vendita materiaIi R: proporzionali all'aumento di volumi di RD
raccolti a tariffe invariate del 010
Contratti con ditte terze: ipotizzato un volume di servizi sostanzialmente
costante negli anni
Ecotassa Comuni: calcolata in funzione dei volumi conferiti in discarica da
terzi alla tariffa vigente 010
AItri ricavi da servizi: si ipotizzano stabili nel tempo con sensibile trend al
rialzo. Essi includono proventi per servizi aggiuntivi della manutenzione
strade, per noleggi, rifiuti ingombranti per disinfestazione e derattizzazione
Post-Mortem Post-Mortem
2,8 3,4 Ricavi da post-Mortem comuni terzi: calcolata in funzione dei volumi
conferiti in discarica da terzi tenuto conto dei parametri tariffari previsti dalla
vigente normativa (E. 0/tonn)
AItri ricavi e
proventi
AItri ricavi e
proventi
1,9 1,9 Ricavi per service: valore del contratto di Service a AMA Essemme
ipotizzato costante negli anni
Ricavi Asja - biogas: stimata la produzione per il 010 di biogas seguendo il
trend e ipotizzato il nuovo corrispettivo del contratto di servizio 011
AItri ricavi e proventi: si ipotizzano stabili nel tempo. Essi includono
risarcimenti da NAL (pari a circa 0,4 mln), penalit e risarcimenti verso terzi
(0,4 mln) e recuperi da terzi (0,)
0,8 3,0
0,6 0,8
0,2 0,3
0,5 0,7
1,0 1,0
0,5 2,0
VaIore deIIa produzIone (2J2)
163
AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA
Programma
DATI PREVISIONALI
I costi
8
164
(1) A far data dal 01 si prevede l'adozione di misure straordinarie per riduzione del costo del personale
() Costo ridotto conseguente alla eventuale estensione della procedura di amministrazione straordinaria
Piano Economico 011-013
Conti Economici Previsionali
Costi di Produzione
Tipologie dei Costi
CONSUNTVO
010 (*)
Budget 011 Budget 01 Budget 013
Personale (retribuzioni onnicomprensive, sicurezza
ecc.) (1) C 74.540.64 C 74.39.88 C 71.863.150 C 71.144.519
Carburanti, merci, energia, acqua, gas C 8.550.38 C 9.169.84 C 8.833.65 C 8.391.944
Manutenzione mezzi, attrezzature, immobili C 4.390.49 C 6.171.554 C 5.5.694 C 5.777.963
Noli, fitti ed altri servizi tecnici C 1.83.58 C 350.7 C 98.453 C 38.98
Assicurazioni C .747.706 C .463.160 C 1.939.055 C .13.961
Servizi terziarizzati C .946.01 C 4.851.794 C 6.400.000 C 6.057.000
Servizi spazzamento e pulizia della controllata Amia
Essemme (2) C 7.043.973 C 7.043.973 C 1.513.973 C 19.36.576
Ammortamenti materiali e immateriali C 4.53.31 C 4.83.68 C 5.77.68 C 6.349.950
Vigilanza e pulizia sedi e impianti C 5.387 C 53.000 C 61.000 C 67.100
Oneri di pretrattamento rifiuti C 3.158.835 C 4.49.000 C 4.70.000 C 5.17.00
Tassa Reg. Smalt RSU ecotax e altre tasse e imp C 1.09.107 C .140.648 C .335.139 C .568.653
Oneri post mortem discarica C .918.698 C .500.000 C .437.874 C .681.661
TotaIe generaIe costi di produzione C 133.094.939 C 138.155.663 C 131.409.645 C 130.034.825
165
Materie prime manutenzione strade: calcolati sulla base dei volumi di
strade/marciapiede effettivamente realizzati
Impianti di seIezione e compostaggio: introdotti a far data dal 01, con
l'entrata in funzione degli impianti di pretrattamento di Bellolampo; costi
stimati sulla base della progettazione di massima degli impianti
Materie prime igiene ambientaIe e aItre: calcolate sulla base dei volumi
di attivit stimati negli anni (driver: itinerari teorici). l costo include il
vestiario per tutti i dipartimenti
Acquisto carburante: stimati sulla base della correlazione al numero
di mezzi e ai volumi di attivit (driver: itinerari teorici); ipotizzata in
diminuzione a seguito dell'ottimizzazione degli itinerari, rinnovamento
parco mezzi, annullamento itinerari di recupero
2011
C
o
s
t
i

d
i

p
r
o
d
u
z
i
o
n
e
C
o
s
t
i

d
i

p
r
o
d
u
z
i
o
n
e
Acquisto
materie prime
Acquisto
materie prime
Costi di
servizio
Costi di
servizio
Ipotesi di Piano Ipotesi di Piano 2010 2013
Fatturato (C/mIn)
CdS AMIA Essemme: ipotizzato in riduzione durante tutto l'arco di piano
SmaItimento R non venduta e organico: modellizzato tenendo costante
la tariffa di smaltimento dei singoli materiali e dell'organico.
Costi UNIECO: l'impianto viene avviato nel 010 ed entra a regime nel
011. Dal 01, con l'entrata in funzione dei nuovi impianti, viene ridotto il
costo legato ad UNECO. Modellizzato in funzione delle quantit raccolte di
indifferenziata
Costi assicurazioni: calcolati in funzione dei contratti disponibili per il 011,
ipotizzando efficienze nell'arco di piano
Lavori e ricambi manut. ordinaria: stimati ipotizzando riduzione delle
riparazioni senza contratto ed aumento canoni con efficienze nell'officina
interna
AItri costi di servizio: si ipotizzano costanti
27,0 19,3
1,3 3,0
CostI dI produzIone (1J2)
1,7 1,9
0,9 2,4
3,0 5,0
2,7 2,1
4,3 4,3
-
1,5 2,7
0,0 2,0
4,5 3,8
166
Canoni di manutenzione: ipotizzata l'estensione dei canoni su tutti i
mezzi necessari all'esecuzione dei servizi, al netto di efficienze derivanti
da una adeguata negoziazione con i fornitori
NoIeggi, affitti, Iocazioni e simiIi: ipotizzata riduzione legata a
cessazione di contratti
2011
C
o
s
t
i

d
i

p
r
o
d
u
z
i
o
n
e
C
o
s
t
i

d
i

p
r
o
d
u
z
i
o
n
e
Godimento
beni terzi
Godimento
beni terzi
Costi deI
personaIe
Costi deI
personaIe
Ipotesi di Piano Ipotesi di Piano 2010 2013
76,1 71,1
Fatturato (C/mIn)
Retribuzioni e contributi: le previsioni comprendono sia l'aumento del
costo del personale dovuto al rinnovo del contratto pari al ,5 % in termini
reali dal 01 (ipotizzando un incremento contrattuale pari al 4%, al netto
dell'inflazione pari a 1,5%) , sia gli effetti dell'adozione di un piano di misure
straordinarie al livello occupazionale
Straordinario, notturno e festivo: al fine di allineare i costi variabili del
personale, stata considerata una riduzione graduale dei costi dello
straordinario e del festivo, mentre viene ipotizzata sostanzialmente costante
la spesa per il lavoro notturno
2,6 3,5
CostI dI produzIone (2J2)
1,2 0,3
8,0 6,7
167
Piano Economico 011-013
Conti Economici Previsionali
COST D PRODUZONE PER SERVZ SOLO GENE AMBENTALE
Settore di attivit
osto Operativo osto
Operativo
osto Operativo osto Operativo
2010 2011 2012 2013
Raccolta Indifferenziata
assonetti e
Bonifiche)
34.150.907 3.409.138 7.467.487 3.096.363
Raccolta Differenziata
Servizio Integrato)
19.30.34 3.71.396 8.465.675 34.158.810
Smaltimento rifiuti 14.109.13 14.497.665 15.947.43 16.744.803
Altri Servizi Operativi 1.16.833 1.779.71 11.501.741 10.96.654
Spazzamento 7.043.973 7.043.973 1.513.973 19.36.576
Servizi generali e
comuni a supporto
15.555.436 14.50.483 13.37.373 1.74.136
TotaIi 122.378.686 124.972.367 118.268.680 117.031.342
168
AMA SPA N AMMNSTRAZONE STRAORDNARA
Programma
Gli investimenti - la ricapitalizzazione - la ripatrimonializzazione
9
169
Piano Economico 011-013
II
II programma degIi investimenti previsti stato sviIuppato tenendo conto sia
deII'impegno deI Comune di PaIermo a ricapitaIizzare e ripatrimoniaIizzare
AMIA sia deIIa possibiIit, di questa, di far ricorso aI mercato dei capitaIi per
far fronte aIIe proprie necessit finanziarie rivenienti daIIe esigenze correnti e
da queIIe che hanno generato Io stato d'insoIvenza e determinato I'ammissione
aII'amministrazione straordinaria (creditori concorrenti).
I
N
T
E
R
V
E
N
T
I

I
N

C
O
N
T
O

C
A
P
I
T
A
L
E

P
R
O
G
R
A
M
M
A
T
I
Interventi di ricapitalizzazione e ripatrimonializzazione deliberati dal Comune di Palermo
b Conferimento pacchetto azionario 49 AMG Energia spa 64.299.564
b Conferimento immobile denominato "Palazzo ex Ferrovie" 16.500.000
b Conferimento immobile denominato "Palazzo La Rosa" 4.450.000
in corso Conferimento terreno in localit "Bellolampo" 11.700.000
in corso FONDI CIPE: Ripristino ambientale discarica di Bellolampo 59.216.143
in corso FONDI EX FAS: Automezzi di trasporto ed estensione progetto raccolta differenziata 9.400.000
TOTALE PROGRAMMA DI RICAPITALIZZAZIONE DEL COMUNE DI PALERMO 165.565.707
170
Piano Economico 011-013
Valori di nvestimento Previsionali
AMIA SPA AMIA SPA
Autofinanz.
Socio Unico
Programma degIi investimenti previsti per iI triennio ripartiti per competenza e area di finanziamento (*)
Ministero
Fondi ipe
Ministero
Fondi ipe
Totale Totale
Mercato
finanziario
Mercato
finanziario
2012 2012
2013 2013 Totale Totale
1,00 1,00 6,00 6,00 18,70 18,70
1,00 1,00 ,00
0 5,00 16,70
30,00 30,00
33,20 33,20
00
8,00 8,00
68,61 68,61
100,51 100,51
2,20 2,20 2,00 2,00 4,20 4,20
Investimenti in beni strumentaIi,
tecnoIogie e sviIuppo
2011 2011
11,70 11,70
-
11,70
38,61 38,61
59,31 59,31
--
() in Mln di Euro
REGIONE REGIONE 9,00 9,00 0,00 0,00 0,00 0,00 9,00 9,00