Sei sulla pagina 1di 24

Bloccanti Neuromuscolari

Farmaci che interferiscono in modo


selettivo con la trasmissione
neuromuscolare agendo al livello della
placca neuromuscolare
Placca neuromuscolare
Sinapsi che gli assoni dei motoneuroni
stabiliscono con le fibre muscolari
scheletriche.

I terminali assonici rilasciano Ach che si lega alla


subunità alfa del recettore nicotinico post-
sinaptico. Solo il legame simultaneo di due
molecole di Ach con le due subunità alfa
permette l’apertura del canale.
Recettore nicotinico

Proteina pentamerica asimetrica del


P.M. di 250 KDa costituito da 4
distinte subunità:
Alfa, Beta, Gamma,Delta in rapporto
stechiometrico di 2: 1:1:1.
Fisiologia della contrazione
muscolare
Rilascio di Ach legame con il recettore
nicotinico aumento dell’ingresso di
Na+ riduzione della negatività
intracellulare potenziale d’azione.
Idrolisi dell’ Ach ad acetato e colina
nell’arco di millisecondi da parte delle
acetilcolinesterasi (c. vera) a livello della
sinapsi colinergica.
Distinguo tra c.vere e pseudocolinesterasi
Classificazione

o DEPOLARIZZANTI
Mimano l’azione dell’Ach

o NON DEPOLARIZZANTI
Competono con l’Ach
Caratteristiche chimiche

o GRUPPO DI NH4+
o IDROSOLUBILITA’ filtrati dal glomerulo
poco riassorbiti dal

tubulo renale

Non attraversa la BEE, la barriera


placentare e le membrane cellulari
Miorilassanti

Depolarizzanti
Succinilcolina

Meccanismo d’azione :
depolarizza la membrana della cellula
muscolare provocando fascicolazioni
muscolari transitorie con
depolarizzazione prolungata e periodo
di eccitazione ripetitiva. Segue blocco
della trasmissione neuromuscolare e
paralisi placcida.
FARMACOCINETICA
o Dopo somministrazione di un bolo le
concentrazioni plasmatiche descrscono
secondo una cinetica di I ordine
o Emivita 4 minuti
o Idrolisi da parte dell
pseudocolinesterasi a colina e
succinilmonocolina, eliminate per
filtrazione glomerulare
PERCHE’ LA USIAMO?
o Rapido onset
o Breve durata del blocco muscolare

QUANDO LA USIAMO?
o Intubazione difficile (1 mg/Kg e.v.)
EFFETTI COLLATERALI
o Bradicardia
o Fascicolazioni
o Aumento della pressione
intragastrica, intraoculare ed
endocranica
o Ipercaliemia
o Ipertermia maligna
o Reazioni allergiche
MIORILASSANTI

NON DEPOLARIZZANTI
CURARO:

miscela di alcaloidi naturali


tra cui la tubocurarina da
cui originano i farmaci di
sintesi
CLASSIFICAZIONE
a) Composizione chimica :
c. steroidei
c. benzilisochinolonici

e) Durata d’azione clinica :


c. ultrabrevi
c. a breve durata d’azione
c. durata d’azione intermedia
c. a lunga durata d’azione
MECCANISMO D’AZIONE
NELLA PLACCA
NEUROMUSCOLARE
Antagonismo competitivo a livello dei
recettori colinergici nicotinici
postsinaptici

effetto blocco neuromuscolare per


paralisi motoria reversibile ad andamento
centripeto.
Sistema Nervoso Autonomo
 Azione ganglioplegica
ipotensione tachicardia
 Inibizione dei recettori Muscarinici
M2
 Tachicardia
 Effetti sulla liberazione sul reuptake
della noradrenalina
Liberazione di Istamina
 Meccanismo aspecifico
 Meccanismo anafilattico
ATTIVITA’
ANTICOLINESTERASICA
FARMACOCINETICA
Curari Clearance Volume Emivita di
Plasmatica Distribuzione eliminazione
ml/kg/min ml/kg min
Atracurio 5 87-141 20
Cisatracurio 5.3 144 22-25
Vecuronio 3-5 480 116
Rocuronio 4 270 131
Pancuronio 1,7 260 110-140
Metabolismo ed Eliminazione
Curari Metabolismo Elim. Elimin.
% renal Epatica
Atracurio Via di Hofmann ed idrolisi 60-90% 10-40% -

Cisatracurio Via di Hoffman ed esterasi plasm. ? ?


Vecuronio Epatica 40% 20-30 70-80
Rocuronio
<10% 30 70
Pancuronio Epatica 10-20% 70 30
Questi parametri
farmacocinetici influenzano:
 1) Velocità d’insorgenza della curarizzazione
dipende da:
parametri emodinamici:
-portata cardiaca
-distanza cuore muscolo scheletrico
-flusso ematico del muscolo
potenza della molecola

 2) Durata d’azione dipende : dall’emivita di eliminazione


Interazioni farmacologiche
 Anestetici volatili
 Anestetici locali
 Antibiotici
 Anticonvulsivanti