Sei sulla pagina 1di 4

LA COLLINA PIU’ URBANIZZATA (1994) 2/4

Servizio Parchi e Risorse Forestali – Enzo Valbonesi 1


LA COLLINA PIU’ URBANIZZATA (2003) 3/4

Servizio Parchi e Risorse Forestali – Enzo Valbonesi 2


LA COLLINA PIÙ INTENSAMENTE URBANIZZATA 4/4

 Si è messo in evidenza l'incremento che nel corso del periodo 1976-2003 ha segnato l'urbanizzato di quella che oggi può essere
considerata la parte più antropizzata della collina regionale, una delle aree più congestionate dell'intera regione.
Questa fascia territoriale (qui rappresentata nel tratto Bologna-Modena, ma che riguarda anche le prime colline di Reggio Emilia e di
Parma), oltre al forte incremento delle aree urbanizzate, è caratterizzata dalla previsione del completamento della così detta grande
strada di comunicazione "pedemontana".
Occorre considerare che l'area territoriale in questione coincide anche con i suoli di protezione delle acque sotterranee che
alimentano la maggior parte degli acquedotti civili di questa parte della regione.
L'area di protezione degli acquiferi è suddivisa in zone di diversa importanza (sotto il profilo della loro funzione per la ricarica della
falda ), ma tutte essenziali per contribuire ad evitare il peggioramento della qualità e della quantità della risorsa idrica.
I principali rischi che, sotto il profilo ecologico, corre la fascia territoriale in questione si possono sinteticamente riassumere nei
seguenti:
- Un ulteriore impermeabilizzazione dei suoli con il conseguente impoverimento quali-quantitativo degli acquiferi
sottostanti;
- Una ulteriore spinta alla artificializzazione dei corsi d'acqua;
- La chiusura dei corridoi ecologici naturali, costituiti da spazi agricoli aperti e da lembi di bosco, a causa dell'espansione
urbanistica e dell'aumento della dispersione insediativi che inevitabilmente ne conseguirebbe.
- Un effetto "doppia barriera" che, in conseguenza di una definitiva saldatura dell'urbanizzato già presente lungo il tratto
collinare tra Bologna e Parma, si determinerebbe a monte dell'asse infrastrutturale costituito dalla Via Emilia rendendo
impossibili le trasmigrazioni di qualsiasi specie animale (ad eccezione degli uccelli) dalla collina (media ed alta) alla pianura.
 Cosa si può tentare di fare per scongiurare questi rischi e quali azioni prioritariamente possono essere promosse in
quest'area per non pregiudicarne definitivamente la funzionalità ecologica e paesaggistica?
- Frenare l'ulteriore espansione urbanistica;
- Favorire la permeabilità e la protezione dei suoli puntando innanzitutto a favorire una idonea forestazione e la
realizzazione di fasce "tampone" capaci di aiutare la ripresa della naturalità dell'area e le riconnessioni ecologiche;
- Ripristinare, dove ciò risulti possibile, la funzionalità biologica dei corsi d'acqua

Servizio Parchi e Risorse Forestali – Enzo Valbonesi 3


LA DORSALE APPENNINICA 1/2

Reggio Emilia

Modena

Bologna

Forlì

Servizio Parchi e Risorse Forestali – Enzo Valbonesi 4

Interessi correlati