Sei sulla pagina 1di 18

Relazione sulla giustizia italiana dal punto di vista dei cittadini

Mimma Modica Alberti Coordinatore nazionale Giustizia per i Diritti


Roma, 25 Ottobre 2011

Il punto civico 2011 sulla giustizia italiana partendo dai


7 Diritti della Carta dei Diritti del cittadino nella giustizia

Dati 2010 del Servizio PiT in ambito di Giustizia (attivato nel


2008)

..la realizzazione di una durata ragionevole dei processi per il rispetto di un diritto fondamentale di ogni persona,

il diritto alla giustizia,


costituisce una sorta di pre-condizione per la tutela di ogni altro diritto, una sorta di

diritto ai propri diritti; per limmagine dellItalia nel panorama europeo e internazionale; per gli effetti sulleconomia e sulla competitivit internazionale del sistema Italia..
Dal testo orale della Relazione sullamministrazione della giustizia del Primo Presidente della Corte di Cassazione Inaugurazione anno giudiziario 28 gennaio 2011

La giustizia oggi

la giustizia dei luoghi (pi) comuni


Si spende molto
I magistrati lavorano poco

la giustizia del troppo


troppe sedi giudiziarie troppi avvocati troppe leggi troppe liti

La giustizia oggi
una giustizia il cui bilancio stato

negli anni sottoposto a vari dimagrimenti una giustizia che costa di pi oggi a causa dellaumento e dellintroduzione una giustizia che domani potr del contributo unificato costare ancora di pi ai cittadini se si sfora

La giustizia oggi ancora terreno di aspro conflitto

tra poteri dello Stato inaccessibile

inefficiente
a macchie di leopardo

Per una nuova giustizia nel III millennio:

tre condizioni irrinunciabili


Universalit Qualit del servizio Sostenibilit del Sistema giudiziario

una parola dordine


partire dallinformazione per arrivare al diritto alla giustizia

7 diritti della Carta (14 giugno 2001)


1. Informazione
2. Rispetto 4. Strutture Adeguate 5. Partecipazione

6. Processo celere 7. Qualit

2001/2011 - Dieci anni dopo I Diritti oscurati primi in classifica


Accesso? Ancora un miraggio!

Processo celere? Conti in rosso! Partecipazione, la via per un pieno diritto alla giustizia

2001/2011 - Dieci anni dopo

I Diritti oscurati: accesso, tempi e costi della giustizia italiana

I costi economici per i cittadini

2001/2011 - Dieci anni dopo

I Diritti oscurati: Laccesso alla giustizia

Pu costituire una delle possibili terapie per rendere esigibile e sostenibile il diritto alla giustizia?
Se ne parla nella Sessione pomeridiana

2001/2011 - Dieci anni dopo

I Diritti oscurati: partecipazione


Le tre vie per declinare la partecipazione:

i cittadini sono entrati nei tribunali, ovvero la valutazione civica come esercizio di un diritto. i cittadini valutano la potenzialit e limpatto del Piano Best practice nella giustizia avviato nel 2008. gli URP, pesanti o leggeri, purch siano in tutti i tribunali ed aperti al confronto anche con i cittadini.

Per una nuova giustizia: Sette diritti e alcune (altre) proposte:

Sette diritti per una nuova giustizia


Cosa fare per tutelare il bene comune giustizia? Chi? Esistono spazi di interazione con il sistema giudiziario tali da consentire un costante e proficuo flusso di informazioni? Perch non si dispone di informazioni, complete, trasparenti ed attendibili sul funzionamento dei tribunali e sulla loro organizzazione interna?

Sette diritti per una nuova giustizia


Cosa determina una cos variegata quanto casuale collocazione di sacche di sana efficienza nel sistema giudiziario? Il sistema giudiziario veramente cos chiuso ed autoreferenziale da non consentire di attivare forme di dialogo con i cittadini in un quadro di condivisione di responsabilit collettive?

Sette diritti per una nuova giustizia


Quali le risposte possibili, necessarie ed indifferibili per ridurre i tempi, e quindi i costi per i cittadini e per il sistema paese, con cui si amministra la giustizia? Quale pu essere il ruolo dei cittadini nellambito delle attivit degli URP in ambito di giustizia?

Sette Diritti per una giustizia

Parliamone..

Interessi correlati