Sei sulla pagina 1di 19

DECRETO MINISTERALE 5 febbraio 1992 Approvazione della nuova tabella indicativa delle percentuali dinvalidit per le minorazioni e malattie

e invalidanti

Apparato endocrino . 9309


diabete mellito tipo 1 o 2 con complicanze micro macroangiopatiche con manifestazioni cliniche di medio grado ( Classe III ) 41 - 50

Apparato endocrino
. 9310
diabete mellito insulino - dipendente con mediocre controllo metabolico e iperlipidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti nonostante terapia ( Classe III ) 51 - 60

Apparato endocrino
. 9311 diabete mellito complicato da grave nefropatia, e/o retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o arteriopatia ostruttiva ( Classe IV) 91 - 100

Apparato endocrino
. Classe I Diabete mellito tipo 2 (non insulino- dipendente) con buon controllo metabolico ( tasso glicemico a digiuno mg 150/dl, e tasso glicemico dopo pasto mg 180 200/ dl)

Apparato endocrino
. Classe II Diabete mellito tipo 1 (insulino- dipendente) con buon controllo metabolico ( tasso glicemico a digiuno mg 150/dl, e tasso glicemico dopo pasto mg 180 200/ dl) Diabete mellito tipo 1 o 2 con iniziali manifestazioni micro e macroangiopatiche rilevabili solo con esami strumentali

Apparato endocrino
. Classe III Diabete mellito insulino- dipendente con mediocre controllo metabolico ( tasso glicemico a digiuno mg 150/dl, e tasso glicemico dopo pasto mg 180 200/ dl con iperlipidemia o con crisi ipoglicemiche frequenti nonostante una terapia corretta ed una buona osservanza da parte del paziente) Diabete mellito tipo 1 e 2 con complicanze micro e/o macroangiopatiche con sintomatologia clinica di medio grado, es. retinopatia non proliferante e senza maculopatia, presenza di microalbuminuria patologica con creatininemia ed azotemia normali, arteriopatia ostruttiva senza gravi dolori etc)

Apparato endocrino
. Classe IV Diabete mellito complicato da a) nefropatia con insufficienza renale cronica e/o b) retinopatia proliferante, maculopatia, emorragie vitreali e/o c) arteriopatia ostruttiva con grave claudicatio o amputazione un arto

di

Problematiche valutative

Leccesso di rilevanza relativa delle complicanze micro macroangiopatiche La scarsa rilevanza relativa della qualit del controllo La difficile applicabilit alle forme giovanili e/o non complicate

La certificazione utile allo scopo: il diabetico senza complicanze ma con labile controllo metabolico

Frequenza e pericolosit delle ipoglicemie Capacit di avvertire e compensare lipoglicemia Capacit di interpretare correttamente lesito delle misurazioni glicemiche ed effettuare corretti adeguamenti posologici Comorbilit eventuale

La certificazione utile allo scopo: il diabetico giovane o bambino

Sufficiente conoscenza della malattia e dei suoi sintomi Capacit di riconoscere lipoglicemia Capacit di misurare in autonomia il livello glicemico ed attuare in autonomia adeguate variazioni posologiche dellinsulina Conscenza degli equivalenti glicemici dei cibi e capacit di controllare lalimentazione Capacit di adeguare la posologia insulinica alle attivit programmate nella giornata

La certificazione utile allo scopo: il diabetico (anziano) con complicanze consolidate e/o invalidanti e/o riduttive dellautonomia nelle AVQ

Complicanze invalidanti rispetto allefficienza motoria (arteriopatia neuropatia ) Complicanze invalidanti rispetto allefficienza relazionale (retinopatia)

Legge 5 febbraio 1992 n 104

( Legge quadro per lassistenza, lintegrazione sociale e i diritti delle persone handicappate)

Art. 3 comma 1

E persona handicappata colui che presenta una minorazione fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che causa di difficolt di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione ( la persona handicappata ha diritto alle prestazioni stabilite in suo favore in relazione alla natura ed alla consistenza della minorazione, alla capacit complessiva individuale residua ed alla efficacia delle terapie riabilitative)

Art.3 comma 3

Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto

lautonomia personale, correlata allet, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravit (le situazioni riconosciute di gravit determinano priorit nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici)

La certificazione utile allo scopo

Necessit e frequenza degli accessi alle strutture di diagnosi, terapia e riabilitazione Necessit di supporto attivo o agevolazioni per la realizzazione delle autonomie personali possibili Necessit di supporto/agevolazioni per lo svolgimento e la conservazione dellattivit lavorativa Necessit di supporto/agevolazioni per un dignitoso inserimento sociale Necessit di supporto/agevolazioni per la realizzazione dello spazio abitativo adeguato

Legge 68/92 (legge quadro per linserimento lavorativo dei disabili)

Specularit rispetto alla valutazione dellinvalidit civile Complementariet rispetto alla valutazione dellHandicap Evidenziazione e valorizzazione di ci che resta rispetto a ci che perso Individuazione delle limitazioni alla capacit lavorativa Individuazione e descrizione delle capacit migliori e dei sistemi adattivi o vicarianti Individuazione delle necessarie modifiche allambiente di lavoro Sintesi finale delle capacit lavorative residue

La certificazione utile allo scopo

Le limitazioni allattivit lavorativa determinate dalle personali condizioni di malattia le capacit lavorative mantenute a diverso livello dal particolare paziente/persona I sistemi adattivi da lui sperimentati con successo ( e le precedenti esperienze)

Formazione