Sei sulla pagina 1di 33

Progetto CCM-RER “Azioni per una vita in

salute”

Guadagnare salute in Toscana: rendere facili le


scelte salutari

Bologna 12 -13 ottobre

a cura di Annamaria Giannoni

Direzione Generale
1 Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Contesti

Internazionale
I principi e le strategie

Nazionale
Piano sanitario Nazionale
Piano nazionale della prevenzione
Programma Guadagnare salute - “rendere facili le scelte salutari”.

Regionale
Piano di Governo
Piano sanitario Regionale 2008-2010
L.R 40/2005 e successive modifiche

Terrritoriale
I piani integrati di salute
Società della Salute
18/03/22
Direzione Generale
2
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Livello internazionale
Dalla Carta di Ottawa (1986)……….

La salute viene creata e vissuta dagli individui nella


sfera della loro quotidianità là dove si gioca, si
impara, si lavora, si ama.

La salute nasce dalla cura se stessi e degli altri, dalla


possibilità di prendere decisioni autonome e di poter
controllare la propria condizione di vita come pure dal
fatto che la società in cui si vive consenta di creare le
condizioni necessarie a garantire la salute a tutti i
cittadini.

18/03/22
Direzione Generale
3
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Livello Internazionale

Alla Dichiarazione “La salute in tutte le politiche”- 2007

I comportamenti dei cittadini…possono essere


efficacemente influenzati, attraverso alleanze e
partnership con politiche ed interventi compiuti al di
fuori del settore sanitario, che hanno come obiettivi i
vari ambienti e le comunità in cui la gente vive e
lavora, nonché le condizioni globali, economiche,
sociali e ambientali, che influenzano la disponibilità e
desiderabilità delle scelte sanitarie.

18/03/22
Direzione Generale
5
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Livello Nazionale

Piano Sanitario Nazionale


2007-2008
Programma
Nazionale
Piano Nazionale Guadagnare Salute -
della Prevenzione rendere facili le scelte
2006-2008 salutari”2007
Attività fisica
Alimentazione

Alcol Fumo

18/03/22
Direzione Generale
6
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Cos’ è “Guadagnare Salute” Livello Nazionale

Programma del Ministero della Salute in collaborazione con l’OMS, per


rendere più facili le scelte salutari al fine di

modificare comportamenti scorretti per la salute e quindi favorire stili di


vita sani

E’ un programma che prevede un approccio intersettoriale attraverso azioni


condivise tra istituzioni, soggetti della società civile e del mondo
produttivo
si articola in 4 azioni specifiche

 lotta al tabagismo
 lotta all’abuso di alcol
 comportamenti alimentari salutari
 promozione dell’attività fisica
18/03/22
Direzione Generale
7
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Per …

Rendere facili le scelte salutari è necessario lavorare


insieme (alleanze, intese, progettualità integrate )

Responsabilità consapevole Responsabilità delle istituzioni


del cittadino Per sostenere l’adozione di
(Empowerment) comportamenti corretti

18/03/22
Direzione Generale
8
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Livello Regionale

PSR 2008 – 2010

Attivazione di strategie intersettoriali per realizzare azioni


mirate alla promozione di stili di vita salutari.

“Guadagnare salute in Toscana : rendere facili le


scelte salutari” (DGR 800/2008)

Allegato A “ linee di indirizzo 2008-2009”


Allegato B “Osservatorio sugli stili di vita”


18/03/22
Direzione Generale
 - 10
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Livello Regionale

Obiettivi strategici:

 Determinare cambiamenti sulle abitudini alimentari, favorire l’attività


fisica, liberi da fumo, consumo consapevole dell’alcol)

 Favorire il consumo delle produzioni locali, soprattutto frutta e verdura di


stagione e del pesce.
Incidere sui determinanti socio-culturali, ambientali, economici,
relazionali, emotivi..

Percorso:
 mettere in atto strategie intersettoriali di prevenzione e
promozione della salute
…….nell’ambito del Piano Integrato di Salute (PIS).

18/03/22
Direzione Generale
11
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Livello regionale

L.R. 40/2005 e successive modificazioni


Disciplina del Servizio Sanitario Regionale

 definire gli obiettivi di salute e benessere

 attivare progetti coerenti con la sanità di iniziativa

 individuare efficaci zone di contrasto nei confronti delle


diseguaglianze nella salute e nell’assistenza sanitaria

“adottare strategie per rendere più facili i progetti individuali di


cambiamento degli stili di vita”

18/03/22
Direzione Generale
12
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Azioni e linee progettuali 2008-2009

Aree di intervento:
 A) Guadagnare salute rendendo più facile un’alimentazione salutare
 B) Guadagnare salute rendendo più facile muoversi e fare attività fisica
 C) Guadagnare salute rendendo più facile essere liberi dal fumo
 D) Guadagnare salute rendendo più facile il consumo consapevole
dell’alcol.

Fondamentale per lo sviluppo delle linee progettuali:

 Visione di programmazione trasversale sugli stili di vita


 Riferimenti tra gli obiettivi dei PIS e le azioni previste
 Sistema di valutazione e adozione di indicatori nell’ambito dei profili di salute

18/03/22
Direzione Generale
13
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Guadagnare salute
 rendendo più facile un’alimentazione salutare

Favorire un’alimentazione sana nella ristorazione

•Le Scuole alberghiere per la salute


•Il pranzo sano… fuori casa

•Promuovere i consumi salutari


• Fare la spesa…e guadagnare salute

•.Un’alimentazione sana a scuola

Informare i consumatori e tutelare i minori


Genitori, educatori e bambini…crescere insieme alimentando la
salute

18/03/22
Direzione Generale
14
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Guadagnare salute rendendo più facile
muoversi e fare attività fisica

 . Per contribuire ad un sano sviluppo dei


bambini e dei giovani e per un
invecchiamento sano, è importante
mantenere un’attività fisica costante
lungo tutto l’arco della vita.

18/03/22
Direzione Generale
15
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Guadagnare salute rendendo più facile
muoversi e fare attività fisica

 Azione. Favorire l’attività fisica nei bambini e nei giovani

Bambini in movimento….per guadagnare salute


Obiettivo
Individuare e sperimentare interventi intersettoriali che facilitino
l’aumento della proporzione dei bambini che svolgono una regolare
attività fisica.
In particolare, dovranno essere individuate azioni che facilitino il
movimento nei bambini .
Il progetto complessivo dovrà prevedere l’integrazione con i progetti:
- “OKkio alla SALUTE”, precedentemente descritto;
- “Promozione dell’attività fisica - Azioni per una vita in salute”,
promosso dal CCM e coordinato dalla Regione Emilia Romagna, cui
collabora la Regione Toscana;

18/03/22
Direzione Generale
16
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Guadagnare salute rendendo più facile
muoversi e fare attività fisica

 Azione. Favorire l’attività fisica nei bambini e nei


giovani


Giovani e stili di vita sani

Obiettivi

favorire e promuovere stili di vita sani e consapevoli nei


ragazzi e nelle ragazze, facilitando anche le relazioni tra pari,
la conoscenza e il rispetto dell’ambiente, delle risorse e
tradizioni del territorio toscano, anche attraverso la
realizzazione di campus;

18/03/22
Direzione Generale
17
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Guadagnare salute rendendo più facile
muoversi e fare attività fisica
Azione. Favorire l’attività fisica nei bambini e nei giovani

Seminari e laboratori per facilitare le scelte salutari


Obiettivo
Promuovere, secondo la metodologia delle life skill education,
l’acquisizione di nuove competenze (empowerment) per gli
educatori delle associazioni no profit, che nell’ambito della LR 32
del 26 Giugno 2002 partecipano al bando annuale (promosso dalla
Direzione Generale Politiche formative, beni e attività culturali) che
prevede contributi destinati ad Enti senza scopo di lucro che
organizzano soggiorni residenziali per bambini e ragazzi fino a 18
anni.

:-

18/03/22
Direzione Generale
18
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Guadagnare salute rendendo più facile muoversi e
fare attività fisica

Azione 2 - Favorire l’attività fisica per le persone portatrici


di disagio e disturbo mentale

:- Insieme, in movimento… per guadagnare salute

Obiettivo

Favorire l’attività fisica per le persone


portatrici di disagio e disturbo
mentale

18/03/22
Direzione Generale
19
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Guadagnare salute rendendo più facile
essere liberi dal fumo
Prevenire l’iniziazione al fumo nei giovani
 Percorsi di benessere per gli adolescenti

Guadagnare salute rendendo più facile il consumo


consapevole dell’alcol

Proteggere i minori e giovani dal danno e dagli incidenti alcol-


correlati
 Divertirsi…guadagnando salute

18/03/22
Direzione Generale
20
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Allegato B
Osservatorio sugli stili di vita

 Funzioni e finalità

 Raccordo tra tutti i soggetti coinvolti per ricondurre a sistema le


esperienze e facilitare la condivisione delle azioni sugli stili di vita

 Creazione di un sistema permanente di raccolta di informazioni


e progetti da mettere in rete

 Individuazione di indicatori per la valutazione delle politiche


regionali

18/03/22
Direzione Generale
21
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Le alleanze per la salute. La scuola
i Protocolli

Tra Regione Toscana e Ufficio Scolastico Regionale, per promuovere


azioni volte a favorire stili di vita sani e consapevoli per il benessere
ed il successo formativo dei giovani nella scuola e nella comunità
sociale di appartenenza.(2007).

- Tra Regione Toscana e CONI (Comitato olimpico nazionale italiano)


per la promozione di iniziative per l’aumento e la diversificazione
dell’offerta sportiva in ambito scolastico e l’esercizio della pratica
sportiva all’aperto (2007);

Stammibene.net LIFE-SKILL-EDUCATION

La scuola promotrice di
salute
18/03/22
Direzione Generale
22
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Le alleanze per la salute. Lo Sport

 Indicazioni congiunte ai comuni per l’organizzazione di impianti sportivi,


incremento delle piste ciclabili, spazi verdi.
 Attuazione e valorizzazione di iniziative volte ad attuare concretamente
il concetto di “Sport per Tutti” nell’intero territorio toscano.
Iniziative ed interventi diretti verso i giovani tesi a favorire attività
concrete di prevenzione dell’uso di sostanze dopanti.
 Riduzione del fenomeno dell’abbandono della pratica sportiva.
 Utilizzo delle attività sportive come modello di promozione.
Sociale per favorire ed accelerare il recupero e l’integrazione dei
diversamente abili e delle altre categorie svantaggiate.

Attività fisica e alimentazione: un binomio vincente

18/03/22
Direzione Generale
23
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Le C per lavorare insieme
• Conoscenza
• Condivisione
• Coerenza
• Creatività
• Comunicazione

Cambiamento
18/03/22
Direzione Generale
24
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Progetto stretching in classe

 Introduzione di una pausa di 5 minuti tra una ora di


 lezione e l’altra in cui gli studenti eseguono esercizi di
 stretching seduti o in piedi a fianco del banco, guidati
 dall’insegnante o da uno studente “guida”.

18/03/22
Direzione Generale
25
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Progetto stretching in classe

 Interventi:
 Attività di formazione dei docenti della scuola primaria e
 infanzia, relativa alle modalità di stretching da praticare
 in classe al termine delle ore di lezione;
 Attività di sostegno e supervisione effettuata con la
 collaborazione di un tecnico di Scienze Motorie;
 Elaborazione e distribuzione di materiale didatticoinformativo
 per i docenti;

18/03/22
Direzione Generale
26
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Progetto stretching in classe

 Obiettivi generali:

 Promuovere momenti di stretching in classe al di fuori delle


lezioni di educazione fisica;
 Prevenire difetti posturali da eccessiva sedentarietà;
 Incoraggiare il movimento come stile di vita sano attraverso il
coinvolgimento diretto dei ragazzi da parte dei docenti
diqualsiasi disciplina;

18/03/22
Direzione Generale
27
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
RAGAZZINSIEME.IT

UNA COLLABORAZIONE TRA UISP E REGIONE


TOSCANA e parchi ed aree verdi della Toscana

18/03/22
Direzione Generale
28
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Le alleanze per la salute. Con I
parchi e
aree verdi
 .

Quali collaborazioni?

18/03/22
Direzione Generale
29
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
RAGAZZINSIEME.IT

 9 giugno 2009
 “Ragazzinsieme 2009”: l’estate nei parchi regionali e nelle aree
verdi
 Parco di San Rossore
 Prima fase del percorso formativo
 Obiettivo

 condividere con gli educatori e le guide ambientali l’articolazione dei


soggiorni e la metodologia di approccio, in un ottica di continuità
educativa e di raccordo con il territorio attraverso un confronto:
 sui contenuti educativi dei soggiorni per facilitare e promuovere stili di
vita sani legati a salute, ambiente, tradizione e cultura
 sulla comunicazione e socializzazione tra i giovani, secondo la
metodologia della life-skills-peer education

18/03/22
Direzione Generale
30
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Le evidenze scentifiche

 In collaborazione con L’ARS

 Analisi della letteratura pertinente:


 sono state reperite 3 revisioni sistematiche e 4 studi
primari.

18/03/22
Direzione Generale
31
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Ragazzinsieme…..Estate 2009 un’opportunità da
non perdere…….

……..per scoprire che il


cibo sano è anche
…. per apprezzare il piacere del buono!!!!!!
movimento in compagnia

……per capire che senza


fumo si vive meglio
……..per imparare a rispettare la
natura e diventare protagonisti
della sostenibilità ambientale ……per scoprire le bellezze
del paesaggio toscano

…..per essere consapevoli che


l’abuso di alcol fa star male
……per stare bene insieme

18/03/22
Direzione Generale
32
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Parchi- Aziende Sanitarie- Usip- associazionismo………
per …….

Facilitare e promuovere il benessere


dei ragazzi e delle ragazze Conoscere e utilizzare le
specificità locali

Fare proposte
Lavorare insieme con i servizi
territoriali
(Aziende USL – Società della Salute -
Comuni – Province)

18/03/22
Direzione Generale
33
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
Conclusioni

Solo con politiche e programmi


che riconoscano alla salute un ruolo trasversale
sarà possibile attuare strategie integrate
per favorire stili di vita sani nella popolazione toscana

La salute in tutte le politiche regionali

18/03/22
Direzione Generale
34
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà
La bellezza muove le idee………..buon
18/03/22
lavoro!
Direzione Generale
35
Diritto alla Salute e Politiche di Solidarietà

Potrebbero piacerti anche