Sei sulla pagina 1di 11

FATE LO

SPORT, NON
FATE LA
GUERRA
A CURA DI BESATI, DEL
FABBRO, DI BIASE,
HOLGUIN, UBEZIO E
BARBERA
NASCITA OLIMPIADI MODERNE

INTRODUZIONE
I giochi olimpici nascono nel 1896,
per iniziativa del barone francese
Pierre de Coubertin, sull’onda del
rinnovato interesse per l’età
classica portato dalle straordinarie
scoperte archeologiche di quei
decenni. Nacquero come un
evento quadriennale in cui
vengono svolte le più diffuse
discipline sportive praticate a
livello mondiale.
LE PARALIMPIADI:

•Sono nate all’origine del 1948


da Luwig , alla fine della
seconda guerra mondiale.
•In quel periodo Luwig, fece
una competizione, che
succesivamente chiameremo
paralimpiadi, come
riabilitazione per consentire
agli ex soldati gravemente feriti
di fare sport.
La bandiera olimpionica ideata
da De Coubertin ha un fondo
bianco, con cinque anelli
intrecciati: azzurro, giallo, nero,
verde e rosso. Questo disegno
è simbolico; rappresenta i
cinque continenti abitati del
mondo, uniti dall'Olimpismo;
inoltre i cinque colori sono
quelli che appaiono fino ad ora
in tutte le bandiere nazionali.

SIGNIFICATO LOGO
PIERRE DE
COUMBERTEIN
Pierre de Coubertin è nato a Parigi l’1 gennaio del 1863 da
una famiglia aristocratica ed è stato un dirigente sportivo,
pedagogista e storico francese. Il 23 giugno 1894 alla Sorbona
di Parigi annunciò per la prima volta l’idea di recuperare gli
antichi giochi olimpici. I primi giochi si rivelarono un successo
e crebbero fino a diventare il più importante evento sportivo
del mondo. Morì a Ginevra il 2 settembre del 1937.
FAIR PLAY: CASI CELEBRI

Durante le Olimpiadi di Atene del 2004,


Michael Phelps riuscì invece a
conquistare le prime pagine di tutti i
giornali per lo splendido gesto prima
della staffetta 4×100 mista.
L'olimpionico più decorato della storia
del nuoto, decise infatti di non
partecipare a quella gara (e dunque
rinunciare ad un'altra medaglia) per
dare l’opportunità ad un compagno di
squadra di salire sul podio e festeggiare
anche lui il metallo più importante
ANTI FAIR PLAY

La Russia tra il 2012 e il 2015


promosse un programma per
dopare gli atleti della propria
nazione. Tra il 2016 e il 2018 la
Russia è stata accusata di aver
manomesso e nascosto le
prove e i dati all'interno del
sistema informatico del
laboratorio di Mosca.
UN BREVE VIDEO…
LE CONSEGUENZE
La Russia viene quindi squalificata per quattro anni dalle olimpiadi,
l’esempio più
SECONDO ESEMPIO DI FAIR PLAY
• MATTEO UBEZIO
• 08:39
• Il primo a morire per doping alle Olimpiadi fu il già citato ciclista danese Jensen, 23 anni. Alle 9.32 del 25 agosto 1960 si
lanciò con tre compagni nella crono a squadre dei Giochi di Roma: 100 km sotto il sole di agosto. La squadra danese era
quarta e lottava per il podio, quando al terzo e ultimo giro Jensen crollò a Casalpalocco. Due ore dopo morì in ospedale per
collasso cardiaco. L'autopsia però rilevò la presenza di uno stimolante, il ronicol. Rino Negri scrisse nel suo libro Doping (198
• Carla Di Biase
• 08:57
• La Russia è colpevole di aver messo in atto un criminale sistema di “doping di stato” che ha coinvolto più di mille atleti tra il
2012 e il 2015. Successivamente, dal 2016 al 2018, l’accusa è di aver manomesso e nascosto le prove e i dati all’interno del
sistema informatico del laboratorio di Mosca. Il panel del Tribunale Arbitrale Internazionale dello Sport, di cui faceva parte
anche l’italiano Luigi Fumagalli, ha deciso di accogliere a metà il ricorso presentato dall’Agenzia Antidoping russa (
• Carla Di Biase
• 09:11
• Fino al 16 dicembre del 2022 la Russia non potrà partecipare alle Olimpiadi di Tokyo 2021 e ai Giochi Invernali di Pechino
2022.
Con che intento sono state create le olimpiadi?
Chi è pierre de Coubertein?
Cosa sono le olimpiadi; significato del logo, informazioni base?
Il rapporto tra Olimpiadi e fair play, faccio esempi

Potrebbero piacerti anche