Sei sulla pagina 1di 12

IL PATRIMONIO

AZIENDALE
REDDITO E PATRIMONIO
LEZIONE 1
LA FOTO DELL’IMPRESA PRIMA DELLA
GESTIONE
INVENTARIO DI COSTITUZIONE
Attività (Impieghi) Passività e netto (Fonti)
IMMOBILIZZAZIONI   DEBITI  
Immobilizzazioni immateriali Debiti a medio/lungo termine  
Software 10.000,00 Mutuo ipotecario 100.000,00
Brevetti -  Debiti a breve termine  
Immobilizzazioni materiali   Debiti v/ fornitori di beni di consumo 10.000,00
Fabbricati 400.000,00  
Arredi 36.000,00 PATRIMONIO NETTO INIZIALE  
Attrezzature 15.000,00 Valore del conferimento iniziale 360.000,00
ATTIVO CIRCOLANTE    
Disponibilità liquide     
Banca X c/c 8.000,00    
Denaro in cassa 1.000,00    
Totale attività 470.000,00 Totale a pareggio 470.000,00
LA CORRELAZIONE TRA IMPIEGHI
E FONTI DI FINANZIAMENTO
Impieghi finanziamenti  
Grado di capitalizzazione = Cp/Ct >1
Capitale proprio (Cp)
Immobilizzazioni (I)

Debiti a medio/lungo Indice di disponibilità = Ac/Db >1


(Dml)
Capitale
Attivo circolante (AC) di terzi (Ct)
Debiti a breve (Db)
Indice di copertura globale = (Cp + Dml)/ I >1
2 CORRELAZIONE tra:
1 EQUILIBRIO tra: •Investimenti e finanziamenti a lungo termine
•Capitale proprio e capitale di
Cp + Dml > I
terzi •Attivo circolante e debiti a breve
Cp > (Dml + Db) Ac > Db
Beni strumentali immateriali
GLI (lungo ciclo utilizzo)
Beni destinati alla vendita
(breve ciclo utilizzo) IMPIEGHI Diritti autore

Brevetti

Licenze
Beni di consumo
Prodotti finiti (breve ciclo di utilizzo) Marchi
(Trasformazione fisico-tecnica
mediante combinazione di fattori produttivi) Software
Materie prime

Merci Parti componenti materiali


(Trasformazione economica mediante
trasferimento nel tempo e nello spazio)
Prodotti in corso
di lavorazione Attrezzature industriali

Semilavorati Impianti e macchinari

Mobili e arredi

Terreni e fabbricati
La competenza economica dei costi sostenuti per
l’acquisizione dei fattori a lungo ciclo di utilizzo
euro 8.000 = Costo d’acquisto di un pc 4 anni = utilizzo del bene
Per ogni anno la quota
Quale sarà la vita di valore da inserire tra i
2.000 COSTI della SITUAZIONE
utile del bene?
ECONOMICA ammonta a
8.000 2.000 2.000
euro 2.000
2.000

Anno 0 Anno 1 Anno 2 Anno 3 Anno 4


8.000
2.000 ZERO
4.000
6.000
Il piano di ammortamento

Costo storico Quota di Fondo Valore residuo


di acquisto ammortamento ammortamento del bene
8.000 2.000 2.000 6.000
8.000 2.000 4.000 4.000
8.000 2.000 6.000 2.000
8.000 2.000 8.000 0

8.000
Ogni anno viene rilasciata gradualmente
una quota di valore 6.000
Le quote di valore che si accumulano 4.000
costituiscono il fondo ammortamento 2.000
COMPOSIZIONE DELLE FONTI INIZIALI

• CAPITALE PROPRIO: CONFERIMENTO + AUTOFINANZIAMENTO = CAPITALE DI RISCHIO


• CAPITALE DI DEBITO: CAPITALE DI TERZI – FINANZIAMENTO = CAPITALE DI DEBITO

Non c’è la certezza del rimborso


CAPITALE PROPRIO
(Conferimenti iniziali)

Piano di rimborso DEBITI A LUNGO


(quota capitale + interessi) (Mutui, Debiti per TFR, ecc.)

Correlazione con i tempi DEBITI A BREVE


di riscossione dei crediti (verso fornitori, debiti commerciali, tributari)
Determinazione del PATRIMONIO NETTO
di fine periodo: metodo 1
PATRIMONIO NETTO Capitale proprio
INIZIALE (Capitale d’apporto)

Patrimonio
PATRIMONIO NETTO netto iniziale
FINALE
Conferimenti
del titolare

Prelevamenti
del titolare

Utile/Perdita
del periodo
Determinazione del PATRIMONIO NETTO
di fine periodo: metodo 2
PATRIMONIO NETTO Impieghi Capitale di terzi

Composizione fonti e impieghi: prospetto sintetico


Attività Passività e netto
   

IMMOBILIZZAZIONI 460.200,00 DEBITI


    Debiti a medio/lungo termine 133.920,00
    Debiti a breve termine 25.652,00
545.872 –159.572
ATTIVO CIRCOLANTE 85.672,00 PATRIMONIO NETTO 386.300,00
     

     
Totale attività 545.872,00 Totale a pareggio  545.872,00
VEDIAMO IN PRATICA
Durante il mese di novembre l’imprenditrice Clara Follo ha avviato un negozio di snow board a Cortina,
effettuando le seguenti operazioni:
• apporto di un fabbricato del valore di euro 200.000;
• apporto di un assegno bancario di euro 80.000, che utilizza per effettuare gli investimenti iniziali;
• acquisto di mobili dal fornitore Pedrini per euro 35.000, che paga stipulando un mutuo decennale;
• acquisto di merce dal fornitore Vitalini per euro 34.000, regolamento immediato;
• acquisto di materiali di consumo dal fornitore Galli per euro 10.000, regolamento a 60 giorni.
Il signor Giacomelli decide di entrare in società apportando, come capitale di rischio, un automezzo del valore di
euro 40.000.
Redigi e calcola:
a. la Situazione patrimoniale dell’impresa individuale dopo gli investimenti iniziali;
b. il valore del patrimonio netto dell’impresa dopo l’entrata del signor Giacomelli.
BANCA X C/C
Descrizione operazioni Entrate Uscite

Apporto iniziale della signora Follo 80.000,00  


Pagamento fattura Vitalini per acquisto merci   34.000,00

Totali 80.000,00 34.000,00

 Saldo finale 46.000,00   

Potrebbero piacerti anche