Sei sulla pagina 1di 10

IL BILANCIO

DELL’ IMPRESA
INDIVIDUALE
4- DAI PROSPETTI DI RACCORDO AL BILANCIO
DELL’IMPREDITORE INDIVIDUALE IN FORMA ABBREVIATA
UNO SGUARDO D’INSIEME
La struttura del bilancio d’esercizio
Il bilancio d’esercizio è un documento di derivazione contabile avente lo scopo di rappresentare la situazione
patrimoniale e finanziaria dell’impresa al termine del periodo amministrativo e il risultato economico dell’esercizio.

L’attuale disciplina del Codice Civile in materia di bilancio è per ora rivolta alle società per azioni, alle società in accomandita
per azioni e alle società a responsabilità limitata, cioè alle società di capitali, per le quali il bilancio d’esercizio è un documento
unitario costituito da quattro parti complementari:

1. lo Stato patrimoniale, che mette in evidenza la composizione qualitativa e quantitativa del


patrimonio aziendale al termine del periodo amministrativo; esso ha la forma a sezioni contrappostee una struttura rigidamente
definita dalla legge;

2. il Conto economico, che mostra la formazione del risultato economico dell’esercizio attraverso un prospetto in forma scalare
o progressiva;

3. la Nota integrativa, che è destinata a chiarire, completare e analizzare taluni dati contenuti nei prospetti di cui sopra;

4. il Rendiconto finanziario, documento che ha lo scopo di consentire una migliore comprensione della situazione finanziaria
dell’azienda attraverso l’indicazione dei flussi di disponibilità liquide generati dalla gestione.
GLI SCHEMI DI BILANCIO:
AGGREGAZIONI E VALUTAZIONI CONTABILI
La materiale compilazione dello Stato patrimoniale e del Conto economico è grandemente agevolata dalla predisposizione
opportuna e “mirata’’ del Piano dei conti, che deve essere strutturato in modo da fornire le informazioni necessarie a esporre le
risultanze contabili secondo quanto prevedono gli schemi disposti dalla legge. Il punto di partenza per questo lavoro, che richiede
opportune aggregazioni e compensazioni di valori A SECONDA DELLA FORMA DI BILANCIO RICHIESTA PER LA DIMESIONE
DELL’IMPRESA; NEL NOSTRO CASO IL BILANCIO DELL’IMPRENDITORE INDIVIDUALE E’ TIPICAMENTE RAPPRESENTATO
DAGLI SCHEMI IN FORMA ABBREVIATA.

Per la formazione dello STATO PATRIMONIALE, le operazioni da compiere per trasformare i dati della Situazione contabile
comprendono:
1. il raggruppamento di talune voci, richiesto dalla “forma abbreviata’’ del prospetto patrimoniale
2. le rettifiche ai valori attivi, i quali sono da esporre al netto dei fondi rettificativi.

Nella formazione del CONTO ECONOMICO le elaborazioni da compiere si presentano un po’ più
complesse. Infatti occorre avere presenti le seguenti avvertenze:
1. i ricavi delle vendite e delle prestazioni, da un lato, e il costo delle merci e delle materie acquistate, dall’altro, devono essere
esposti al netto dei resi, degli abbuoni e ribassi e dei premi;
2. il valore delle esistenze iniziali e il valore delle rimanenze finali devono essere compensati determinando la variazione delle
rimanenze;
3. le altre voci sono facilmente ottenibili sulla base dei codici che contraddistinguono i vari conti;
LO STATO PATRIMONIALE

Lo Stato patrimoniale previsto dall’art. 2424 del nostro Codice Civile presenta le seguenti caratteristiche:

•è strutturato a sezioni contrapposte (attivo a sinistra, passivo e netto a destra);

• le attività sono classificate secondo un criterio “misto’’, nel senso che si tratta di una classificazione che coniuga il criterio
della destinazione nell’ambito del processo produttivo con quello finanziario; esse, inoltre, sono esposte per i loro valori “netti’’,
cioè dedotte le poste rettificative, come i fondi ammortamento, i fondi svalutazione e simili;

• le passività sono classificate fondamentalmente secondo l’origine delle fonti di finanziamento, distinguendo le fonti di
capitale proprio da quelle di capitale di terzi, con alcune indicazioni circa l’esigibilità dei debiti;
• è uno schema obbligatorio, in quanto le voci previste dalla legge devono essere iscritte “separatamente e nell’ordine
indicato’’;
• è a stati comparati, in quanto ai valori relativi all’esercizio cui il bilancio si riferisce vanno affiancati quelli relativi all’esercizio
precedente.
SITUAZIONE PATRIMONIALE IMPRESA INDIVIDUALE XXXX
Conti eccedenze dare Conti eccedenze dare
IMMOBILIZZAZIONI FONDI A RETTIFICA ATTIVO
COSTI DI IMPIANTO 5.000,00 FONDO AMM. COSTI DI IMPIANTO 2.000,00
FABBRICATI 313.000,00 FONDO AMM. FABBRICATI 102.090,00
MOBILI 32.890,00 FONDO AMM. MOBILI 10.524,80
PROSPETTO DI RACCORDO
AUTOMEZZI 36.230,00 FONDO AMM. AUTOMEZZI 10.868,50
ATTIVO CIRCOLANTE FONDO SVALUTAZIONE CREDITI 20.604,00
ANTICIPI A FORNITORI ( DI MERCI) 23.600,00 PATRIMONIO NETTO
MAGAZZINO MERCI 46.000,00 PATRIMONIO NETTO 350.000,00
CREDITI VERSO CLIENTI 155.200,00 RISULTATO ECONOMICO 17.857,87
CAMBIALI ATTIVE 33.020,00 FONDI RISCHI E ONERI
CREDITI INSOLUTI 1.300,00 FONDO OPERAZIONI A PREMIO 2.200,00
FATTURE DA EMETTERE 42.565,80 DEBITI PER TFR 64.314,40
ASSEGNI IN CASSA 2.548,00 DEBITI
BANCA C/C ATTIVI 65.457,40 MUTUI PASSIVI 30.000,00
RITENUTE SUBITE ALLA FONTE 184,60 DEBITI V/ERARIO PER IVA 7.795,80
CAUZIONI DI CLIENTI PER IMBALLI 870,00
DEBITI VERSO FORNITORI 76.877,00
ERARIO C/RITENUTE OPERATE 2.443,60
DEBITI DIVERSI 12900
DEBITI VERSO BANCHE PER INTERESSI 620,00
BANCHE C/C PASSIVI 34.651,00
ANTICIPI DA CLIENTI 346,00
DEBITI V/ISTITUTI DI PREVIDENZA 3.412,00
CAMBIALI PASSIVE 9.000,00
FATTURE DA RICEVERE 2.300,00
DEBITI PER IRAP 550,00
RISCONTI ATTIVI 5.729,17 RATEI PASSIVI 500,00
762.724,97 762.724,97
STATO PATRIMONIALE

BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA


atti vo 31/12/20.. passivo 31/12/20..

A) CREDITI VERSO SOCI A) PATRIMONIO NETTO 367.673


per versamenti ancora dovuti -

B) IMMOBILIZZAZIONI B. FONDI RISCHI E ONERI 2.200


I) Immobilizzazioni immateriali 3.000,00 C. TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO 64.314
II) Immobilizzazioni materiali 258.636,70
1) Fabbricati 210.910,00 D) DEBITI

4) Debiti verso banche


4) Altri beni 47.727 ( di cui 27.000 oltre l'esercizio successivo) 65.271
III) Immobillizzazioni finanziarie 6) Acconti 346
7) Fornitori
TOTALE IMMOBILIZZAZIONI 261.637 (di cui 3.843,85 oltre l'esercizio successivo) 79.177

C) ATTIVO CIRCOLANTE 8) Titoli di credito 9.000


I) RIMANENZE 12) Debiti Tributari 10.789
4)Prodotti fi niti e merci 46.000 13) Istituti previdenza 3.412
5)Acconti 23.600 14) Altri Debiti 13.770
II) CREDITI TOTALE DEBITI 181.765

1) Cred. vs Clienti 211.482


IV) DISPONIBILITA' LIQUIDE

1) Depositi bancari 65.457


3) Denaro in cassa 2.548
TOTALE ATTIVO CIRCOLANTE 349.087

D) RATEI E RISCONTI 5.729 E) RATEI E RISCONTI 500


Totale attivo 616.453 Totale passivo e patrimonio netto 616.453
IL CONTO ECONOMICO

Il conto economico previsto dall’art. 2425 del nostro Codice Civile presenta le seguenti caratteristiche:

•rappresenta il valore e i costi della produzione con la determinazione finale del risultato economico

• è strutturato in forma scalare mediante l’evidenza di risultati intermedi che risultano dalle seguenti
gestioni:

 Gestione ordinaria ( caratteristica + patrimoniale)

 Gestione finanziaria

 Gestione tributaria

 Risultato economico
SITUAZIONE ECONOMICA A SEZIONI CONTRAPPOSTE
Conti eccedenze dare Conti eccedenze dare
avere
MERCI C/ACQUISTI 712.300,00 MERCI C/VENDITE 988.290,00
TRASPORTI SU ACQUISTI 15.300,00 MERCI C/RIMANENZE FINALI 46.000,00
PREMI DI ASSICURAZIONE 520,83 ABBUONI E RIBASSI ATTIVI 310,00
PROSPETTO DI RACCORDO
SPESE DI PUBBLICITA' 9.600,00 RIMBORSI DIVERSI SU VENDITE 78,00
SPESE POSTALI E TELEFONICHE 2.700,00 RIMBORSI PER IMBALLI 120,00
CONSULENZE 7.500,00 SOPRAVVENIENZE ATTIVE 23,00
FITTI PASSIVI 15.000,00 RIMBORSI PER TRASPORTI 155,00
SPESE BANCARIE DIVERSE 90,00 PROVENTI FINANZIARI DIVERSI 154,00
SALARI E STIPENDI 108.000,00 INTERESSI ATTIVI V/CLIENTI 60,00
ONERI SOCIALI 35.220,00 INTERESSI ATTIVI BANCARI 710,00
TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO 9.140,00
AMMORTAMENTO COSTI DI IMPIANTO 1.000,00
AMMORTAMENTO FABBRICATI 8.190,00
AMMORTAMENTO MOBILI 3.946,80
AMMORTAMENTO AUTOMEZZI 5.434,50
SVALUTAZIONE CREDITI 17.500,00
ACCANTONAMENTO OPERAZIONI A PREMIO 2.200,00
MERCI C/ESISTENZE INIZIALI 46.500,00
MINUSVALENZE 3.400,00
PERDITE SU CREDITI 800,00
INTERESSI PASSIVI V/ FORNITORI 2.150,00
INTERESSI PASSIVI SU MUTUI 500,00
INTERESSI PASSIVI BANCARI 620,00
ONERI FINANZIARI DIVERSI 8.900,00
IRAP DELL'ESERCIZIO 1.530,00
TOTALE 1.018.042,13 TOTALE 1.035.900,00

RISULTATO ECONOMICO 17.857,87


BILANCIO IN FORMA ABBREVIATA
CONTO ECONOMICO 31/12/N

A) Valore della produzione:

1) Ricavi vendite e prestazioni 988.290


5) Altri ricavi 376
Totale (A) 988.666
B) Costi della produzione
6) Materie prime e consumo 711.990

7) Servizi 35.711

8)Godimento beni di terzi 15.000


9)Totale costi del personale 152.360
10)Ammortamenti e svalutazioni 36.071
11)Variazione materie 500
13)Altri accantonamenti 2.200,00
14) Oneri diversi di gestione 4.200
Totale (B) 958.032
differenza tra valore e costi della produzione
30.634
(A-B)
C)PROVENTI E ONERI FINANZIARI
16) Altri Proventi 924
17)Oneri finanziari 12.170
Totale (C) -11.246
risultato prima delle imposte(A-B+/-C) 19.388
20. Imposte dell'esercizio 1.530
21. UTILE/PERDITA DI ESERCIZIO 17.858

Potrebbero piacerti anche