Sei sulla pagina 1di 30

Caratteristiche fondamentali

degli esseri viventi

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Le forme della vita

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Cos’è un essere vivente: le 7 caratteristiche

Agglomerato di sostanze organiche che


1) Programma : possiede un piano di organizzazione con
determinati elementi che interagiscono tra loro in modo
definito
Copyright © 2006 Zanichelli editore
Cos’è un essere vivente: le 7 caratteristiche

2) Improvvisazione:
è capace di cambiare il programma
quando cambiano le condizioni

3) Compartimentalizzazione:
possiede membrane o altre
strutture che lo dividono dal
mondo esterno

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Cos’è un essere vivente: le 7 caratteristiche

4) Energia:

acquista e scambia
energia con il mondo
esterno.

5) Rigenerazione:
è soggetto al ricambio di
strutture usurate o mancanti

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Cos’è un essere vivente: le 7 caratteristiche
6) Adattabilità:

risponde immediatamente ai
pericoli o agli stimoli esterni

7) Specificità:
possiede determinati enzimi
che svolgono una certa
funzione

Copyright © 2006 Zanichelli editore


le cellule

Tutti gli esseri


viventi (escluso i
virus) sono costituiti
da unità strutturali e
funzionali
elementari,
chiamate cellule
capaci di svolgere
tutte le funzioni
proprie dei viventi.
Le cellule nascono,
si nutrono,
crescono, si
riproducono e
muoiono
Copyright © 2006 Zanichelli editore
Le cellule

Possiamo distinguere due tipi di cellule:


• le cellule eucariotiche contengono organuli racchiusi
in membrane, tra i quali un nucleo che contiene il
DNA cellulare.
• le cellule procariotiche sono prive di questo tipo di
organuli. Nucleo
(al cui interno
si trova il DNA)
Cellula procariotica

Cellula eucariotica

DNA

Organuli

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Le cellule
Esistono organismi

unicellulari

pluricellulari

Nei pluricellulari si
individuano tessuti
(insiemi di cellule
simili per struttura e
funzione)

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Tessuti, organi e apparati
I tessuti , a loro volta,
formano gli organi (un
insieme di tessuti in
grado si svolgere una ben
determinata funzione)

Gli organi costituiscono i


sistemi e gli apparati e
questi s’integrano a
formare l’organismo.

Copyright © 2006 Zanichelli editore


La complessità
Un batterio, che è una delle forme di
vita più semplici e piccole, è fatto da
circa 7000 sostanze chimiche diverse.
Ognuna ha una sua funzione biologica
ben precisa e deve essere sempre
presente nella quantità “giusta” per il
buon funzionamento del batterio.

L’uomo è costituito da almeno 10000


miliardi di cellule; queste, a loro volta,
sono composte da decine di migliaia di
sostanze chimiche diverse distribuite in
numerose strutture ultramicroscopiche
(organuli cellulari)

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Programma: L’informazione
• Le molecole di DNA
contengono
l’informazione
genetica per costruire
le molecole che
costituiscono cellule e
organismi.
• Il DNA si trova in tutte
le cellule e
l’informazione
genetica è codificata
nello stesso modo in
tutti gli organismi.
Copyright © 2006 Zanichelli editore
Metabolismo

“Metabolismo” significa trasformazione.

È il complesso di ben organizzate reazioni chimiche capaci di sfruttare


energia esterna per rinnovare, accrescere o riparare le strutture
dell’organismo.

Comporta una continua trasformazione di numerose molecole.


L’alimentazione, la respirazione e l’escrezione sono l’espressione più
evidente dei processi metabolici
Copyright © 2006 Zanichelli editore
Metabolismo: organismi autotrofi
Autotrofo: un organismo in grado di sintetizzare le proprie
molecole organiche a partire da sostanze inorganiche e utilizzando
energia non derivante da sostanze organiche. La parola, di origine
greca, è formata dai termini αὐτός (stesso) e τροφή (nutrimento).

Sono autotrofe le piante, le alghe (pluri- e unicellulari) e alcuni


batteri

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Metabolismo: organismi eterotrofi
Eterotrofo: organismo che non è in grado di sintetizzare il proprio
nutrimento autonomamente a partire da sostanze inorganiche. Per
la sopravvivenza esso deve quindi far riferimento a composti
organici pre-sintetizzati da altri organismi, che sono invece detti
autotrofi (ad es. tutte le piante che posseggono clorofilla).

Sono eterotrofi gli animali, i funghi, i protozoi e quasi tutti i batteri

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Risposta agli stimoli
Tutti gli organismi
viventi reagiscono
agli stimoli,
rispondendo alla
presenza di
particolari sostanze
chimiche, a variazioni
di temperatura,
luminosità, umidità

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Omeostasi
Gli organismi viventi sono -
entro i limiti fisiologici - in
grado di mantenere
condizioni interne
favorevoli anche a fronte
di cambiamenti
nell'ambiente esterno.

La capacità di mantenere
un'organizzazione e una
composizione interna
relativamente costanti e
anche notevolmente
diverse da quelle presenti
nell'ambiente esterno è
detta omeostasi
Copyright © 2006 Zanichelli editore
Riproduzione
ciascun vivente è in grado di riprodursi.

Un organismo unicellulare duplica il proprio DNA, si accresce e si


divide in due cellule figlie che erediteranno una delle due copie del
DNA. I discendenti sono quindi delle semplici copie (cloni) del
genitore

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Riproduzione

Negli esseri pluricellulari la riproduzione avviene attraverso la fusione


di due cellule (dette gameti), prodotte da due individui di sesso
opposto.

Il risultato della fusione si chiama zigote ed è una cellula che contiene


metà del DNA proveniente dal padre, e metà proveniente dalla
madre. L’individuo che si sviluppa dallo zigote ha un patrimonio
genetico che deriva dal rimescolamento dell’informazione
proveniente dei genitori .
Copyright © 2006 Zanichelli editore
Sviluppo

La crescita è un aspetto caratteristico degli organismi viventi.


Anche i batteri s’ingrandiscono, seppure di poco, dopo una
divisione. Negli organismi pluricellulari lo zigote si divide più volte
fino a formare miliardi di cellule. L’accrescimento è accompagnato
dalla comparsa di nuovi tessuti e di nuovi organi.

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Sviluppo e differenziamento cellulare

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Darwin

Il naturalista inglese Charles Darwin


pubblicò uno dei libri più importanti
che siamo mai stati scritti (L’origine
delle specie per selezione naturale) in
cui propose la teoria della selezione
naturale.
Copyright © 2006 Zanichelli editore
La selezione naturale
La selezione naturale è un meccanismo di «rielaborazione»
che si verifica quando le popolazioni o gli organismi, con
variazioni ereditabili, vengono esposti a fattori ambientali che
favoriscono il processo riproduttivo di alcuni individui rispetto
ad altri.

(1) Popolazione con varie


caratteristiche ereditarie

(2) Eliminazione degli individui


con certe caratteristiche
2

(3) Riproduzione degli


organismi sopravvissuti

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Evoluzione
Quando la somma delle
modificazioni genetiche
avvenute negli
organismi esistenti
porta alla formazione
di nuovi organismi, si
verifica quella che i
biologi chiamano
evoluzione.

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Evoluzione della vita

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Copyright © 2006 Zanichelli editore
Estinzioni

La continua differenziazione di nuovi gruppi di


organismi è accompagnata dalla progressiva
estinzione delle forme viventi che non sono in
grado di fare fronte ai cambiamenti delle condizioni
ambientali o alla competizione con specie più
efficienti.
Copyright © 2006 Zanichelli editore
La specie

La specie è
rappresentata
dall’insieme di
quegli individui che
incrociandosi tra
loro generano,
potenzialmente,
una prole
illimitatamente
feconda

Copyright © 2006 Zanichelli editore


Biodiversità
Le forme di vita si possono classificare in tre domini
– Eubacteria (eubatteri) e Archeabacteria
(archebatteri o archei), i due domini dei procarioti;

– Eukarya, il dominio degli eucarioti.

SEM 3250

SEM 25 000
Copyright © 2006 Zanichelli editore
Biodiversità
Il dominio degli Eukarya comprende quattro regni:
• i Protista (protozoi e alghe);
• i regni Fungi, Plantae e Animalia.

275

Il regno
delle piante

Copyright © 2006 Zanichelli editore