Sei sulla pagina 1di 74

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 1

7. La chimica
dell’acqua
7.1 La molecola
dell’acqua è polare
L’acqua e la Terra • 1

•L’acqua è la sostanza che più


caratterizza il nostro Pianeta tra tutti
quelli del Sistema Solare.
•Dalle sue proprietà fisiche e
chimiche dipendono moltissimi
fenomeni naturali.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 4


L’acqua e la Terra • 2
•Ad esempio, i fenomeni
meteorologici, l’erosione delle rocce,
tutti i fenomeni che interessano gli
esseri viventi…
•Per comprendere le sue incredibili
proprietà analizziamo anzitutto le
caratteristiche della sua molecola.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 5


Molecole polari e apolari • 1

I legami O-H sono covalenti polari.


Infatti, l’ossigeno attira fortemente gli
elettroni di legame, spostando la loro
carica negativa su di sé, mentre
sugli atomi di idrogeno si accumula
una parziale carica positiva. La
distribuzione asimmetrica della carica
elettrica rende la molecola polare.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 6


Molecole polari e apolari • 2

La polarità di una molecola dipende sia dalla presenza di


legami covalenti polari sia dalla geometria della
molecola. Ad esempio CO2 è apolare perché i due dipoli,
nella struttura lineare, si annullano a vicenda.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 7


Molecole polari e apolari • 3

Il CHCl3 (cloroformio) risulta polare per la diversa polarità


dei legami C-H e C-Cl. Nella struttura tetraedrica di CCl4
invece i dipoli si annullano.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 8


7.2 Tra molecole
d’acqua si forma il
legame a idrogeno
Il legame a idrogeno • 1

•L’acqua allo stato di vapore è


costituita da molecole tutte uguali.
•Immaginiamo di avvicinare sempre
di più fra loro queste molecole. Come
si orienteranno una rispetto all’altra?

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 10


Il legame a idrogeno • 2

•La presenza di cariche parziali


positive sugli atomi H e negative sugli
atomi O fa orientare le molecole in
modo che siano più efficaci le
attrazioni elettrostatiche.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 11


Il legame a idrogeno • 3

•Quando le molecole di acqua sono


sufficientemente vicine tra esse si
forma un legame a idrogeno, un
particolare esempio di legame
intermolecolare.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 12


Il legame a idrogeno • 4

Notiamo che, oltre ad essere un dipolo elettrico, H2O ha


due coppie elettroniche libere localizzate sull’ossigeno.
Coppie elettroniche libere

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 13


Il legame a idrogeno • 5

Gli atomi O–H···O


sono allineati

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 14


Il legame a idrogeno • 6

•Nel legame a idrogeno gli atomi


O–H···O devono essere allineati.
•Le molecole legate da legami a
idrogeno sono costrette a orientarsi e
distanziarsi per rispettare la
geometria del legame.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 15


Il legame a idrogeno • 7

•La stragrande maggioranza delle


proprietà dell’acqua deriva dalla sua
polarità e dalla presenza del legame a
idrogeno.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 16


Il legame a idrogeno • 8

•Il legame a idrogeno esiste anche per


altre molecole, in cui H è legato ad un
non metallo di dimensioni piccole
che attrae fortemente gli elettroni di
legame e con una coppia elettronica
libera (N, O, F).

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 17


7.3 L’acqua ha un
comportamento
peculiare: proprietà
fisiche
Struttura cristallina • 1

•Allo stato solido le molecole


occupano posizioni geometriche molto
precise, in un’impalcatura
tridimensionale stabile chiamata
reticolo cristallino.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 19


Struttura cristallina • 2

Allo stato solido le


molecole dell’acqua
sono orientate in
modo che i legami a
idrogeno siano tutti
presenti e trattengano
le molecole a una
distanza ottimale.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 20


Stato liquido • 1

•Nello stato liquido la disposizione


delle molecole è disordinata, quasi
come nel vapore, le molecole hanno
elevata mobilità e si scambiano di
posto frequentemente.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 21


Stato liquido • 2
•Nel liquido, come nel solido, il
numero di molecole per unità di
volume è molto elevato (liquidi e solidi
sono considerati pressoché
incomprimibili).
•Il numero di legami idrogeno è però
molto minore che nel solido.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 22


Acqua liquida e ghiaccio • 1

•La formazione di legami a idrogeno


comporta un allontanamento delle
molecole d’acqua passando allo stato
solido.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 23


Acqua liquida e ghiaccio • 2

•A differenza di quanto avviene per la


maggior parte dei materiali, la densità
dell’acqua solida (ghiaccio) è quindi
minore di quella dell’acqua liquida.
•La massima densità dell’acqua è a
4°C.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 24


Acqua liquida e ghiaccio • 3

Questo fenomeno è di
incredibile importanza per la
vita. È possibile vivere negli
oceani sotto la calotta
polare, e negli abissi
oceanici la temperatura
rimane sempre superiore a
0°C.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 25


Acqua liquida e vapore

•Per passare allo stato aeriforme si


devono spezzare tutti i legami a
idrogeno. Questo avviene a una
temperatura molto elevata (100°C),
quando le molecole hanno sufficiente
energia cinetica.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 26


Calore specifico • 1

L’acqua è liquida tra 0° e 100°C,


un intervallo di temperatura
molto grande. Infatti la
superficie del globo terrestre è
occupata per più di due terzi da
oceani, e la maggior parte dei
fenomeni chimici naturali
avviene in ambiente acquoso.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 27


Calore specifico • 2

•Per raggiungere la temperatura di


100 °C l’acqua deve assorbire
un’elevata quantità di calore.
•1 kg d’acqua per aumentare di un
grado la sua temperatura deve
assorbire 1 kilocaloria (4,184 J).

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 28


Calore specifico • 3

Il calore specifico è la quantità


di energia che deve assorbire
(o cedere) 1 kg di materiale per
aumentare (o diminuire) di 1 K
la sua temperatura.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 29


Calore specifico • 4

•Mettiamo un pentolino d’acqua sul


fuoco. Dopo alcuni secondi:
–Se tocchiamo il metallo ci bruciamo: il metallo
ha un basso calore specifico (conduce il
calore);
–L’acqua, è ancora fredda: l’acqua ha un elevato
calore specifico (è un isolante termico).

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 30


Calore specifico • 5

•Dall’elevato calore specifico


dell’acqua deriva l’azione mitigatrice
dei climi delle località costiere o lacustri,
e parte della stabilità termica degli
organismi viventi.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 31


Tensione di vapore • 1

•I liquidi passano allo stato di vapore


attraverso l’evaporazione e
l’ebollizione.
•L’evaporazione può avvenire a
qualsiasi temperatura e interessa
solo la superficie del liquido.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 32


Tensione di vapore • 2

•Le particelle del liquido non hanno


tutte la stessa energia e velocità.
Quelle con energia cinetica
superiore alla media, se si trovano
vicine alla superficie, possono
sfuggire dal liquido.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 33


Tensione di vapore • 3

La tensione di vapore è la
grandezza che esprime la tendenza
delle molecole di un liquido a passare
allo stato aeriforme.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 34


Tensione di vapore • 4

Se la tensione di vapore
è alta il liquido evapora
facilmente.
La tensione di vapore
aumenta con l’aumento
della temperatura.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 35


Tensione di vapore • 5

I liquidi caratterizzati da forze


intermolecolari più deboli
(come l’etere) hanno un’elevata
tensione di vapore e sono detti
volatili.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 36


Tensione di vapore • 6

•Nell’acqua i legami a idrogeno


determinano una tensione di vapore
particolarmente bassa, cioè una
scarsa volatilità.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 37


Tensione di vapore • 7

Quando la tensione di vapore


uguaglia la pressione esterna,
il liquido giunge all’ebollizione.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 38


Tensione di vapore • 8

•L’acqua bolle a 100 °C a 1 atm, ma


può bollire a temperature più basse
(come in alta montagna) o più alte
(come in una pentola a pressione).

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 39


Tensione superficiale • 1

La tensione superficiale fa sì che l’acqua si comporti


come una pellicola, e che le gocce d’acqua siano sferiche.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 40


Tensione superficiale • 2

Le forze attrattive che


agiscono sulle molecole di
superficie non sono
bilanciate: ciascuna molecola
di superficie risente di una forza
che la attira verso l’interno e,
per questo motivo, la superficie
tende a contrarsi.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 41


Tensione superficiale • 3

La tensione superficiale è
la tendenza delle molecole
della superficie a lasciarsi
attrarre verso l’interno.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 42


Tensione superficiale • 4

•A causa della tensione superficiale il


liquido tende ad assumere la forma
che gli permette di avere la minore
area superficiale (la forma sferica).

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 43


Tensione superficiale • 5

•La superficie del liquido si


comporta come una specie di
pellicola che cerca di contenere il
volume interno opponendosi al suo
aumento.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 44


Tensione superficiale • 6

•La tensione superficiale diminuisce


all’aumentare della temperatura.
•I tensioattivi contenuti nei
detersivi riducono moltissimo la
tensione superficiale dell’acqua.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 45


Tensione superficiale • 7
idrogeno carbonio ossigeno

testa
polare

coda apolare

Le molecole dei tensioattivi contengono una lunga catena


apolare e un’estremità polare. La parte polare si immerge
tra le molecole dell’acqua mentre la parte apolare rimane
fuori dal liquido.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 46


Tensione superficiale • 8

•I tensioattivi riducono la tensione


superficiale tanto che l’aria può essere
incorporata nel liquido e formare una
schiuma.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 47


Tensione superficiale • 9

•Inoltre, minuscole goccioline oleose


possono essere disperse nell’acqua e
formare un’emulsione, permettendo il
lavaggio.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 48


Capillarità • 1

•Se immergiamo un tubicino di vetro


(capillare) in acqua, essa penetra nel
tubicino e raggiunge un’altezza tanto
più alta quanto più è stretto il tubicino.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 49


Capillarità • 2

•Questo fenomeno, chiamato


capillarità, sembra un paradosso
perché contravviene al principio di
Archimede dei vasi comunicanti.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 50


Capillarità • 3

•La capillarità è dovuta alle proprietà


chimiche e fisiche dell’acqua:
–coesione, cioè attrazione reciproca tra le
molecole d’acqua attraverso il legame a
idrogeno;
–adesione, cioè affinità chimica delle molecole
d’acqua per il vetro, dovuta alla loro polarità.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 51


Capillarità • 4

•Le molecole di acqua a contatto


con il vetro vi aderiscono e tendono a
salire lungo il capillare bagnandolo.
•Le molecole all’interno sono coese
tra loro e tendono a resistere alla
risalita.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 52


Capillarità • 5

•La contrapposizione di queste forze


fa sì che la superficie del liquido prenda
una forma emisferica, detta menisco.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 53


Capillarità • 6

L’acqua bagna il vetro,


quindi sale nel capillare e
si forma un menisco
concavo. Il mercurio non
bagna il vetro, la salita nel
capillare è ostacolata dalla
coesione tra le particelle e
il menisco è convesso.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 54


7.4 L’acqua ha un
comportamento
peculiare: proprietà
chimiche
Soluzioni acquose • 1

Molte sostanze tendono


spontaneamente a miscelarsi con
l’acqua.
La teina e la catechina sono
sostanze che si liberano dalle
foglie di tè messe in infusione in
acqua calda, formando una
soluzione acquosa.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 56


Soluzioni acquose • 2

•Perché si formi una soluzione (cioè


un miscuglio omogeneo), si devono
rompere i legami tra le particelle di
soluto e molti dei legami tra le
particelle di solvente.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 57


Soluzioni acquose • 3

•Al loro posto si formano legami tra


le particelle del soluto e del solvente.
•L’acqua è in grado di solubilizzare
sostanze ioniche (come NaCl) e
sostanze polari (come HCl e gli
zuccheri).

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 58


Soluzioni acquose • 4
Tramite gli atomi O
H2O solvata Na+ L’azione delle molecole di
acqua sui composti ionici
indebolisce i legami ionici.
Nella maggioranza dei casi gli
ioni del composto vengono
liberati, in un processo detto
dissociazione.
Tramite gli atomi H
H2O solvata Cl-

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 59


Soluzioni acquose • 5

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 60


Soluzioni acquose • 6

•Analogamente, quando le molecole di


H2O interagiscono con sostanze
polari come HCl riescono a rompere i
legami covalenti polari formando
ioni idrati, in un processo detto
ionizzazione.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 61


Soluzioni acquose • 7

•Gli ioni idrati che si formano dalla


ionizzazione o dalla dissociazione
sono circondati da molecole di acqua
orientate in modo da massimizzare le
interazioni elettrostatiche attrattive.

Autore, Autore, AutoreTitolo © Zanichelli editore 2009 62


Soluzioni acquose • 8

•Le soluzioni in cui sono presenti ioni


come soluti conducono la corrente
elettrica e sono dette soluzioni
elettrolitiche.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 63


Soluzioni acquose • 9

Le sostanze in grado di
liberare ioni in soluzione
vengono dette elettroliti.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 64


Soluzioni acquose • 10

•Il saccarosio si solubilizza perché le


molecole di H2O instaurano legami a
idrogeno con i gruppi OH delle
molecole di saccarosio. Il reticolo
cristallino del saccarosio si sfalda ma
non si formano ioni.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 65


Soluzioni acquose • 11

•L’olio non viene solubilizzato


dall’acqua. Le molecole apolari dell’olio
non possono attirare le molecole di H2O
che continuano ad attirarsi tra di loro.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 66


Il simile scioglie il simile

•I solventi polari (acqua, alcol,


acetone) solubilizzano molecole polari
(saccarosio o glicerina).
•I solventi apolari (benzina, CCl4,
cherosene) solubilizzano molecole
apolari (naftalina, olio).

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 67


Solventi
Sostanze chimiche utilizzate come solventi

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 68


Acidi e basi • 1

•Gli elettroliti che in acqua liberano


ioni H+ sono detti acidi, quelli che
liberano ioni OH- sono detti basi.
•Gli ioni H+ in acqua si trovano in
realtà come H3O+.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 69


Acidi e basi • 2
•OH- è detto ione idrossido.
•H3O+ è detto ione idronio.
•Nell’acqua pura c’è una uguale
quantità di ioni H3O+ e di ioni OH-.
•Una soluzione con uguali quantità di
H3O+ e di OH- è detta neutra.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 70


Acidi e basi • 3

•Sciogliendo in acqua un acido si


ottiene una soluzione acida, in cui la
concentrazione di H3O+ è maggiore di
quella di OH-. Esempi sono il succo di
limone e l’aceto.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 71


Acidi e basi • 4

•Sciogliendo in acqua una base si


ottiene una soluzione basica, in cui la
concentrazione di OH- è maggiore di
quella di H3O+. Esempi sono
l’ammoniaca, il bicarbonato e molti
detersivi.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 72


Acidi e basi • 5

L’indicatore universale diventa rosso nelle soluzioni


acide, blu in quelle basiche, giallo-verde in quelle neutre.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 73


Acidi e basi • 6

•Il grado di acidità di una soluzione si


indica con la scala del pH, che va da
0 a 14:
–se pH=7 la soluzione è neutra,
–se pH<7 la soluzione è acida,
–se pH>7 la soluzione è basica.

Valitutti, Tifi, Gentile La chimica della Natura © Zanichelli editore 2011 74

Potrebbero piacerti anche