Sei sulla pagina 1di 20

LA GUERRA DEI

TRENT’ANNI
la guerra dei Trent'anni fu l'ultima
grande guerra di religione, nata nei
territori del Sacro Romano Impero, in
cui però entrarono in gioco interessi
1618-1648)
politici, mascherati dalle diverse
posizioni religiose prese. (
LE PREMESSE DEL CONFLITTO
Nella prima metà del Seicento, l’Europa fu travolta dalla guerra dei
Trent’anni

Protagonista fu la Germania sotto il dominio degli Asburgo, che


cercarono di ripristinare la loro egemonia dal punto di vista

Politico ( principio del Pace di Religioso


cuius regio, eius Augusta (1555) (religione cattolica)
religio )
Il primo ad intraprendere una politica favorevole al cattolicesimo fu
Rodolfo II

Alcuni stati tedeschi nel 1608 formarono


l’Unione protestante guidata da Federico del
Palatinato

Nel 1609 nacque come contrappunto la Lega


cattolica guidata da Massimiliano di Baviera

Nello stesso anno il re di Boemia concesse la Lettera di maestà con


la quale garantiva libertà di culto ai sudditi boemi e istituiva la
Chiesa di Stato protestante boema
Nel 1617 salì sul trono boemo Ferdinando II che restaurò il cattolicesimo e
sostenne una politica di intolleranza contro i protestanti non rispettendo la
Lettera di Maestà

Il 23 maggio 1618, a Praga, una folla si radunò davanti


al castello del re, dove i capi protestanti, per
rivendicare la libertà religiosa, scaraventarono dalla
finestra due rappresentanti cattolici e un loro segretario

DEFENESTRAZIONE DI PRAGA
oggi questa grande guerra viene
suddivisa in quattro fasi:
I FASE: Boemio-palatina (1618-
1625)Danese (1625-1629)
ASE:
III FASE: Svedese (1630-
FASE:
1635) Francese (1635-1648)
LA FASE BOEMO-PALATINA
(1618-1621)
I nobili protestanti ripudiarono Ferdinando II come sovrano del regno ed
offrirono la Corona di Boemia al calvinista Federico V (1619)

Ferdinando invase il Basso Palatinato facendo fuggire


Federico mentre il conte di Tilly penetrò in Boemia

Nel 1620 scoppiò la battaglia della Montagna Bianca in cui i


cattolici ebbero la meglio, costringendo i sudditi boemi ad
aderire al cattolicesimo pena l’esilio
Ferdinando II fu aiutato dalla
Spagna (cattolica)

Nel 1621 le truppe spagnole


occuparono l’Alto Palatinato,
regione di importanza
strategica per muovere contro
le Province Unite ( scadenza
«tregua dei dodici anni» )

In seguito si mossero anche a sud


Il duca di Olivares ne verso la Valtellina che garantiva un
approfittò per riprendere la collegamento fondamentale con la
guerra contro gli olandesi Lombardia
LA FASE DANESE (1625-1629)
Tutti questi avvenimenti cominciavano a minacciare il Mare del
Nord e dunque gli interessi di Cristiano IV, re danese

Nel 1625 egli strinse un’alleanza con l’Olanda e l’Inghilterra e


l’anno successivo invase la Germania, dove trovò le truppe di
Tilly con quelle guidate da Albrecht von Wallenstein

Rimasto con pochi alleati fu sconfitto e costretto a firmare la


pace di Lubecca (1629)
CONFLITTI INTERNI

Nel 1629, cinque prelati Ferdinando premeva perché


cattolici elaborarono la carica imperiale divenisse
l’editto di restituzione ereditaria

Nel 1630 con la dieta di Ratisbona riuscì ad ottenere dagli


elettori la conferma dell’editto di restituzione ma non
l’ereditarietà del titolo imperiale
LA FASE SVEDESE (1629-1635)
Il re di Svezia Gustavo Adolfo, Nel 1632 Gustavo Adolfo fu ucciso
spaventato dalla sconfitta danese, sul campo di Lützen, ma la
cominciò a cercare alleati battaglia fu comunque vinta dagli
svedesi
Dopo che le truppe di Tilly devastarono
Magdeburgo per imporvi l’editto di
Alla morte di Tilly l’esercito fu
restituzione, gli elettori di
affidato a Wallenstein
Brandeburgo e di Sassonia presero le
armi

Nel 1631 Gustavo Adolfo sconfisse le truppe imperiali a Breitenfeld


Nel frattempo correva voce che Wallenstein, generale dell’esercito
imperiale di origine boema,si stesse accordando con i nemici per scacciare
il sovrano asburgico

L’imperatore lo fece assassinare il 25 febbraio 1634

Grazie ai rinforzi spagnoli gli imperiali vinsero gli svedesi a Nördlingen (1634)

Nel 1635 la guerra si concluse con la pace di Praga tra i principi tedeschi e
i cattolici al fine di sospendere l’editto di restituzione
la Francia si era sempre limitata ad
aiutare economicamente quegli stati
che, come la Danimarca e la Svezia,
avevano cercato di contrastare i
dominio asburgico, ma in quell'anno, il
primo ministro Richelieu decise che
era ora di entrare direttamente nel
conflitto…

Richelieu
il momento era favorevole poiché l'impero usciva indebolito da tutto il
periodo della guerra fin dal suo principio

si crearono così due schieramenti:

Spagna ed Asburgo d'Austria Francia,


Paesi Bassi e Svezia

una serie di battaglie segnarono l'esito della guerra:


-la flotta spagnola fu distrutta dagli olandesi
- i francesi sconfissero l'esercito spagnolo nella battaglia di Rocroi

la vittoria della Francia era ormai evidente e d’allora si adoperò con una
LA FASE FRANCESE (1635-1645)
Il cardinale francese Richelieu, spaventato dalla potenza aragonese, decise di
intervenire direttamente

Egli mirava alla conquista di alcuni territori strategici: l’Alsazia, l’Artois,


il Pinerolo, il Rossiglione e alcune postazioni sul Reno

Si alleò con la Svezia, l’Olanda e i ducati di Savoia, Parma e Mantova

Gli Asburgo subirono attacchi da più lati. Fino al 1640 riuscirono a reggere il
colpo, ma, in seguito alle insurrezioni scoppiate in Catalogna e Portogallo, lo
sforzo divenne insostenibile
LA FASE FINALE DELLA GUERRA

Alla morte di Richelieu, divenne cardinale Giulio Mazarino

Egli inflisse alla Spagna una serie di pesanti sconfitte tra cui quella di
Rocroi (1643) che causò le dimissioni di Olivares

La guerra continuò fino al 1659, ma già nel 1645 l’imperatore Ferdinando


III aveva iniziato a stipulare la pace
LA PACE DI WESTFALIA
Nelle cittadine di Münster e Osnabrück in Westfalia , l’impero e i suoi
avversari arrivarono a vari trattati che presero il nome di pace di Westfalia
(1648)

La pace risolse i problemi della Germania, che fu la principale vittima del conflitto

Demografico Economico
(dimezzamento della (abbandono dei terreni
popolazione) coltivati e delle attività
manifatturiere)
I cattolici ottennero: I discendenti di Federico V ottennero:
• L’Alto Palatinato • Il Palatinato renano
• Il titolo di elettori • La dignità elettorale

In questo modo:
• I prìncipi elettori divennero 8 con una più solida maggioranza cattolica
• La Corona rimase agli Asburgo
• Le questioni religiose furono regolate nel 1624 con la «data di
decorrenza»
• La Germania uscì frammentata in 350 stati
Dopo aver risolto i problemi della Germania, si pensò a quelli
della Svezia e della Francia
Ottenne: Ottenne:
• 30 milioni di talleri • L’acquisizione dei
• Alcuni territori della vescovadi di
Germania del Nord Metz, Toul e
( Pomerania Verdun
Occidentale, porti di • Il rafforzamento
Stalsunda e Wismar) dei propri confini
con l’impero
Per quanto riguarda
La Svizzera e le Province Unite
Ottennero la loro
Ottenne il
indipendenza e
riconoscimento della
siglarono un accordo
confederazione
separato con la Spagna
svizzera
IL SIGNIFICATO DELLA
PACE DI WESTFALIA
Esito politico Esito religioso
•Mise fine al progetto asburgico •Comportò un allargamento del
di un’egemonia dinastica principio cuius regio, eius religio
sull’Europa e al contempo una sua
attenuazione che consentiva ai
•Ci fu una nuova stabilità
sudditi di seguire privatamente
politica europea una religione diversa da quella del
•Impose la libertà e la sovranità re
di ogni stato •I diplomatici impegnati in
•Determinò una svolta nelle Westfalia non ammisero la
relazioni fra gli stati europei presenza degli inviati del papa in
fondate sulla diplomazia quanto non ritenevano necessaria
una pace a livello teologico

Potrebbero piacerti anche