Sei sulla pagina 1di 15

Le forze e l'equilibrio

meccanico
Di Leonardo Alemanno 1A 1AFM
Nel linguaggio comune il concetto di forza è quasi sempre
legato allo sforzo muscolare che avviene.
Sollevare una valigia ,spingere un carrello, spostare un mobile
richiedono l'intervento della forza muscolare.
Esempio di uso della forza muscolare (in foto).
In natura esistono altri tipi di forze oltre a quella muscolare:
La forza elastica;
Forza d'attrito: che in genere, si oppone al movimento dei corpi in contatto tra loro,
provocando un attrito (come dice il nome stesso della forza).
La forza di gravità e magnetica
La forza di gravità attira i corpi verso Terra mentre quella magnetica
provoca l’attrazione tra due oggetti; (ad esempio un oggetto di ferro e
una calamita).
Queste forze sono quelle che agiscono a distanza. (la prima di gravità e
la seconda magnetica)
Quando una forza viene applicata può produrre due diversi effetti:
1) Effetto statico si manifesta provocando sulla materia una deformazione.
2) Effetto dinamico avviene quando si mette in moto un corpo fermo;
ovvero quando questo accelera, rallenta o arresta il proprio movimento.
Esempio di effetto dinamico:
Esempio di effetto statico: la donna provoca lo stropicciamento del foglio.
Possiamo arrivare alla seguente affermazione:
Una forza è una azione che produce sul corpo su cui agisce una deformazione
(effetto statico) o una variazione di velocità (effetto dinamico).
Peso e l’unità di misura della forza
Ci accorgiamo che ogni volta che lasciamo libero un oggetto cade, a
meno che non venga sostenuto da un mezzo di vincolo (esempio un
tavolo).
Questo fenomeno avviene perché la terra attrae tutti gli oggetti situati
nelle vicinanze con una forza chiamata Forza di gravità o forza peso o
normalmente con peso.
Le principali caratteristiche della forza peso sono:
È sempre diretta lungo la verticale del luogo in cui è situato il corpo;
È rivolta sempre verso il basso;
La sua intensità dipende dal luogo della Terra in cui si trova il corpo;
In un dato luogo della Terra la sua densità è direttamente
proporzionale alla massa del corpo.
Il kilogrammo peso e il Newton
L’unità di misura della forza usata è il kilogrammo peso tale unità di
misura non è utilizzata nel SI.
Nel SI l’unità di misura della forza è il newton (N).
La forza di 1 newton è uguale al peso di un corpo avente una massa
pari a 1/9.8 kg (cioè circa 100 g).
Relazione tra un peso e massa di un corpo
La massa e il peso di un corpo sono grandezze direttamente
proporzionali
peso = massa x g
La costante g viene chiamata accelerazione di gravità.
Poiché il peso di 1 N corrisponde alla massa di 1/9.8 kg ponendo questi
valori nella relazione precedente otteniamo g=9.8 N/kg e la relazione
tra peso e massa di un corpo diventa:
Peso (n)=massa (kg)x9.8 N/kg
Esempio di  accelerazione di gravità. Il primo elemento a toccare il
suolo è la palla da basket per via del suo peso.
Dal momento che la forza di gravità varia da un luogo a un altro, tale
relazione è valida soltanto sulla superficie terrestre e alle nostre
latitudini, dove la massa di un kg pesa 9.8 N. All’Equatore, per
esempio la costante g vale 9,78 N/kg mentre ai poli g vale 9.81 N/kg.
E ancora, se pensassimo un corpo con una massa di 1 kg sulla Luna,
otterremmo un valore di 1,6 N/ kg, cioè circa un sesto del valore che
ha sulla Terra.
La seguente immagine raffigura le formule (inverse comprese)
per calcolare la massa.

Ma una delle più importanti è questa


Massa = densità moltiplicato al volume