Sei sulla pagina 1di 12

Suffissi oggetto con l’imperfetto

Lambdin 54
• Quando una forma verbale all’imperfetto
termina per consonante, le viene aggiunto un
suffisso della tabella nel § 192 (NB: la
presenza di -ē- o -en- davanti al pronome
oggetto)
• Forme di entrambe le colonne pos­sono essere
usate senza che vi sia alcuna differenza di
significato.
• Quando la vocale tematica dell’imperfetto
è ō oppure ē, si ha la riduzione in Ə (come nel
paradigma regolare del verbo: ‫ׁשמְרּו‬ ְ ִ ‫) יִשׁ ְ֗מר > י‬
‫ׁש ְמ ֶ֫רּנִי‬ ְ ִ ‫( י‬egli mi osserverà)
‫( י ִּתְ ֶ֫נּנִי‬egli mi darà)
• Quando la vocale tematica è a, questa non
viene ridotta ma allungata in ā davanti alla
sillaba accentata del suf­fisso, cfr.
‫ׁש ָמ ֵ֫ענִי‬
ְ ִ‫> י‬ ‫ׁש ַמע‬
ְ ִ ‫( י‬egli mi ascolterà)
• Le forme dell’imperfetto plurale in -û
(es. ‫ׁשמְרּו‬
ְ ִ‫ ּת‬,‫ׁשמְרּו‬
ְ ִ ‫ ) י‬prendono i suf­fissi presentati
nella colonna B del §184.
• Le variazioni vocaliche del tema avvengono
come spiegato prima:
‫ׁש ְמ ֫רּונִי‬
ְ ִ ‫ י‬/ ‫ׁשמְרּו‬
ְ ִ‫י‬
‫ׁש ָמ ֫עּונִי‬
ְ ִ ‫ י‬/ ‫ׁשמְעּו‬
ְ ִ‫י‬
• Nel Hiphil la distinzione tra imperfetto breve
(iussivo, invertito) e imperfetto normale non
viene mantenuta davanti ai suffissi
pronominali.
• ‫ׁשמִידֵ֫ הּו‬
ְ ַ ‫ׁשמֵד א ֹתֹו → ַוּי‬
ְ ַ ‫ַוּי‬ (ed egli lo distrusse)
• Il suffisso oggetto -ḵā (te, m. s.) può essere
aggiunto direttamente al tema dell’imperfetto,
in cui si ha seguenti varianti vocaliche:
ō → o ē → e a rimane a î rimane î
ָ ‫תך‬
ְ ֹ ‫יִשְׁמ ֹר א‬ → ָ ‫יִשְׁרְמָך ָך‬
ָ ‫תך‬ ֵּ ִ ‫י‬
ְ ֹ ‫תן א‬ → ָ֫ ְ ‫י ִ תֶּנ‬
‫ך‬
ָ ‫תך‬ ֵּ ַ‫יְב‬
ְ ֹ ‫קשׁ א‬ → ָ֫ ‫ש‬
‫ך‬ ֶּ ּ ַ‫יְב‬
ְׁ ‫ק‬
ְ ֹ ‫ל ּח א‬
ָ ‫תך‬ ַ ַׁ‫יְש‬ → ֲ ּ‫ל‬
ָ ‫חך‬ ַ ַׁ ‫י ְש‬
ָ ‫תך‬
ְ ֹ ‫יַשְׁמִיד א‬ → ָ֫ ְ‫יַשְׁמִֽיד‬
‫ך‬
‫‪• Nei verbi da radici III-Hē cade la desinenza -eh‬‬
‫‪davanti ai suffissi:‬‬
‫‪QAL‬‬ ‫יִבְנ ֶה‬
‫יִבְננ ֵ ֵ֫הו ּ‬ ‫בנ ְ ָ֫‬
‫ך‬ ‫יִ ְ‬ ‫יִבְנ ֶנ ֶ ָ֫ך ּ ָּ‬
‫‪ ‬‬ ‫י ִי ִביֶן ִ‬
‫‪PIEL‬‬ ‫יְצַו ֶּה‬
‫‪ ‬‬ ‫ְיצַו‬ ‫יְצַו ּ֫ו ֵ ֵ֫ ֵּ֫הו ּ‬ ‫יְצַו ְ ּ ָ֫‬
‫ך‬ ‫יְצַו ֶ ּו ֶ ֫ ּך ּ ָ‬

‫‪HIPHI‬‬ ‫י ַרְ אֶה‬ ‫א֫הו ּ‬


‫י ַרְ אֵ ֵ‬ ‫יַרְ ֲא ָ֫‬
‫ך‬ ‫א֫ך ּ ָ‬
‫י ַרְ אֶ ֶ‬
‫‪L‬‬
‫‪ ‬‬ ‫יַעֲלֶה‬ ‫יַעֲלֵ ֫לֵהו ּ‬ ‫יַ ַעלְ ָ֫‬
‫ך‬ ‫יַעֲלֶ ֫לֶך ּ ָ‬
Suffissi oggetto con l’imperativo
‫‪• I suffissi usati con l’imperativo sono identici a‬‬
‫‪quelli già trattati per l’imperfetto. Le regole‬‬
‫‪riguardanti le vocali sono analoghe.‬‬

‫שְׁמֹר ‪QAL‬‬ ‫שָׁמְרֵרֵ ֫נִי‬ ‫שִׁמְרר֫וּנִי שִׁמְרו ּ‬


‫ּתֵן‬ ‫ְּ‬
‫תנ ֵנ ֵ ֫נִי‬ ‫תְנו ּ‬
‫ּ‬ ‫תְננ ֫וּנִי‬
‫ּ‬
‫‪ ‬‬

‫שְׁמַ‬ ‫ע ֫עֵנִי‬ ‫שְׁמָ ֵ‬ ‫שְׁמָע ֫עוּנִי שִׁמְעו ּ‬


‫‪ ‬‬

‫ע‬
‫מְצָא‬ ‫א֫נִי‬‫מְצָאֵ ֵ‬ ‫מִצְאו ּ‬ ‫מְצָאא֫וּנִי‬
‫‪ ‬‬

‫בְּנ ֵה‬ ‫בְ ּננ ֵ ֵ֫הו ּ‬ ‫בְּנו ּ‬ ‫ְנו ּ֫הו ּ‬‫בּ נ‬


‫‪ ‬‬

‫שִׂים‬ ‫מהו ּ‬ ‫מ ֵ֫‬ ‫שִׂי ֵ‬ ‫שִִִׂ֫֫ימו ּ‬


‫ש‬ ‫ׂ֫‬ ‫שִׂימ ו ֫מּהו ּ‬
‫‪ ‬‬

‫ס ֹב‬ ‫בהו ּ‬ ‫ב ֵ ּ֫‬‫ס ֵּ‬


‫ֻ‬ ‫ס ֹב ּו ּ‬
‫ס ֹ֫‬ ‫בּהו ּ‬ ‫ב ו ּ֫‬
‫ס ּ‬‫ֻ‬
‫‪ ‬‬
‫‪PIEL‬‬ ‫שֵהו ּ בַ ּ ֵּ‬
‫קשׁ‬ ‫ְש ֵֵׁ֫֫‬ ‫בַ ּ ּ‬
‫ק ׁ֫‬ ‫קשׁו ּ‬
‫בַ ּ ּ ְ‬ ‫ְש ושּׁ֫הו ּ‬
‫ק ׁ‬‫ַבַּ ּ ּ‬

‫‪ ‬‬ ‫חֵהו ּ שַׁלַּח‬


‫שַׁלְּחֵ ֫‬ ‫שַׁלְּחו ּ‬ ‫חּהו ּ‬
‫שַׁלְּח ו ֫‬

‫‪ ‬‬ ‫‪ ‬‬ ‫‪ ‬‬ ‫‪ ‬‬ ‫‪ ‬‬


‫‪HIPHIL‬‬ ‫השְׁמִידֵדֵ ֫הו ּ ַ‬
‫השְׁמֵד‬ ‫ַ‬ ‫֫מִידו ּ‬ ‫דּהו ּ ַ‬
‫השְׁ֫מ ִִ֫‬ ‫השְׁמִיד ו ֫‬
‫ַ‬

‫‪ ‬‬ ‫הַרְ בֵּה‬ ‫בהו ּ‬


‫ב ֵ ּ֫‬
‫הַרְ ֵ ּ‬ ‫הַרְ ב ּו ּ‬ ‫בּהו ּ‬
‫ב ו ּ֫‬
‫הַרְ ּ‬

‫העֲלֵה‬
‫ַ‬ ‫ל ֫לֵהו ּ‬
‫העֲ ֵ‬
‫ַ‬ ‫העֲלו ּ‬
‫ַ‬ ‫העֲל ו ֫לּהו ּ‬
‫ַ‬
‫‪ ‬‬
Suffissi oggetto con l’infinito
costrutto
• A causa dell’ambivalenza dell’infinito dal
punto di vista della diatesi, i suf­fissi soggetto
studiati al §115 possono essere tradotti anche
con il valore di oggetto. Es. “egli cercò la mia
uccisione” può riferirsi sia alla “mia uccisione
di qualcun altro” sia al “mio essere ucciso”.
• Alla 1a persona singolare l’ambiguità può
essere risolta utilizzando il suffisso -ḗnî come
suffisso dell’oggetto ‫( ה ְָר ֵ֫גנִי‬il mio essere ucciso)
e -î come suffisso del soggetto ‫( ה ְָרגִי‬la mia
uccisione di qualcun altro)