Sei sulla pagina 1di 7

Hiphil: III-gutt.

e III-Aleph

Lezione 44
Osservazioni: una gutturale (diversa da ‫ )א‬in
terza posizione radicale incide solo su quelle
forme che hanno ē nella sillaba tematica finale
della corrispondente forma non gutturale. E così
nell’imperfetto (femminile plurale),
nello iussivo e nell’imperativo la vocale ē viene
sostituita da a.
Per il resto il paradigma è come quello di ‫ׁשמִיד‬ְ ‫ִה‬
eccetto che per il paṯaḥ furtivo con la finale
gutturale: ‫ׁשמִי ַע‬
ְ ַ ‫ י‬,‫ׁשמִי ַע‬
ְ ‫ ִה‬.
‫‪Hi Perfetto, III-gutt.‬‬
‫)‪(del tutto regolare‬‬
‫‪3m‬‬
‫השְׁמִיעַ‬
‫ִ‬ ‫‪egli fece sentire‬‬ ‫֫מִיעו ּ‬
‫ה שְׁ֫מ ִִ֫‬
‫ִ‬
‫‪3f‬‬
‫מיעָה‬
‫מ ִ֫‬
‫ה שְׁ ִ‬
‫ִ‬ ‫֫מִיעו ּ‬
‫ה שְׁ֫מ ִִ֫‬
‫ִ‬
‫‪2m‬‬
‫מע ּ ָּ‬
‫ְָת‬ ‫השְׁ ַ ֫‬
‫ִ‬ ‫מע ּ‬
‫ְתֶם‬ ‫השְׁ ַ‬
‫ִ‬
‫‪2f‬‬
‫מע ּ ְ‬
‫ְת‬ ‫השְׁ ַ‬
‫ִ‬ ‫השְׁמַע ּ‬
‫ְתֶן‬ ‫ִ‬
‫‪1‬‬
‫מע ּ‬
‫ְתִי‬ ‫השְׁ ַ ֫‬
‫ִ‬ ‫מעְנו ּ‬
‫השְׁ ַ ֫‬
‫ִ‬
Hi Imperfetto, III-gutt.
(attenzione al cambiamento vocalico: ē → a)
3m
ַ‫יַשְׁמִיע‬ egli farà sentire ּ ‫֫מִיעו‬
ִִ֫ ‫יַשְׁ֫מ‬
3f
ַּ
ַ‫תשְׁמִיע‬ ‫מעְנ ָה‬ ַּ
ַ֫ ְׁ‫תש‬
2m
ַּ ּ
ַ‫ַתשְׁמִיע‬ ּ ‫מיעו‬
ִ֫ ‫מ‬ ַּ ּ
ִ ְׁ‫ַתש‬
2f
‫מיעִי‬
ִ֫ ‫מ‬ ַּ
ִ ְׁ‫תש‬ ‫מעְנ ָה‬ ַּ
ַ֫ ְׁ‫תש‬
1
ַ‫אַשְׁמִיע‬ ַ‫נַשְׁמִיע‬
Hi Impf. forme brevi, III-gutt.
(attenzione al cambiamento vocalico: ē → a)
3m IUSSIVO
‫מע‬
ַ ְׁ‫יַש‬ ‫מע‬
ַ ְׁ‫וַיַּש‬
3f IUSSIVO
‫מע‬ ַּ
ַ ְׁ‫תש‬ ַ ְׁ‫ו ּ ַַתש‬
‫מע‬
1
COORTATIVO ‫֫מִיעָה‬
ִִ֫ ‫אַשְׁ֫מ‬ ‫֫מִיעָה‬
ִִ֫ ‫נַשְׁ֫מ‬
Hi Impv. Inf. Costr., Inf. Ass., III-gutt.
(attenzione al cambiamento vocalico: ē → a)

IMPERATI
VO 2SING.
‫מע‬
ַ ְׁ‫הש‬
ַ ּ ‫֫מִיעו‬
ִִ֫ ‫ה שְׁ֫מ‬
ַ
IMPERATI
VO
‫מיעִי‬
ִ֫ ‫מ‬
ִ ְׁ‫ה ש‬
ַ ‫מעְנ ָה‬
ַ֫ ְׁ‫הש‬
ַ
2PLUR.

INF.
COSTR.
ַ‫השְׁמִיע‬
ַ
INF. ASS. ַ‫השְׁמֵע‬
ַ
Hi III-Aleph
I verbi Hiphil da radici III-Aleph hanno ē (᾿) nel
perfetto davanti a desinenze che iniziano con
una consonante: ָ‫( ִה ְמ ֵ֫צאת‬così come il Niphal
ָ‫נִ ְמ ֵ֫צאת‬, il Piel ָ‫ ִמ ֵּ֫לאת‬e il Pual ָ‫) ֻמ ֵּ֫לאת‬.
Tutte le altre forme sono uguali a quelle di
quelle di ‫ׁשמִיד‬ ְ ‫ ִה‬, eccetto il femminile plurale
dell’imperfetto, dove troviamo il solito -é(᾿)nāh:
‫ּתַ ְמ ֶ֫צאנָה‬.