Sei sulla pagina 1di 18

Lo šüwä

Esistono due tipi si šüwä (hanno la stessa grafia):


- šüwä mobile (sonoro)
- šüwä quiescente (muto)
šüwä mobile
Lo šüwä mobile è sonoro, si pronuncia e,
quindi, si trascrive; segna la presenza della
vocale ridotta ü
1) sotto la prima consonante della parola:
tyrIB. (Bürît); tyviarEB. (Bürë’šît)
2) il secondo tra due šüwä consecutivi dentro la
parola:
WbT.k.yI (yikTübû)
3) sotto una consonante doppia (con il
dageš forte):
~yrIb'D>h; (haDDübärîm)
4) sotto la prima di due consonanti uguali
consecutive:
• Wll.q;y> (yüqalülû)
5) sotto una consonate che segue una
vocale lunga atona:
Wbv.y)" (yäšübû)
šüwä quiescente
Lo šüwä quiescente non si pronuncia e
quindi non viene trascritto; segna
l’assenza del suono vocalico
1) sotto una consonante preceduta da una
vocale breve:
• rB'd>mi (midBär)
2) dopo una vocale lunga accentata:
• hn"b.Tok.Ti (TikTöºbnäh)
3) sotto l’ultima o le ultime due consonanti di
una parola:

T.r>m:a'w> (wü’ämarT); T.a' ;


%l,m,

4) il primo di due šüwä consecutivi all’interno


di una parola:

WbT.k.yI (yikTübû)
Il Dägëš
1. Il Dägëš lene (leggero)
► Riguarda solo le ‫בּגּדּכּפּתּ‬ -
bgdkpt
► Indica la qualità del suono – lettura
esplosiva
→ ricorre all’inizio di una parola:

tyIB; (Bayit) ; tl,D, (Delet)


→ ricorre all’interno di una parola quando
una b g d k p t è preceduta da una
consonante (quando segue uno šüwä
muto; inizia così una sillaba):

rB;v.nI (niš-Bar) yKil.m;


(mal-Kî) rB'd>mi (mid-Bär)
2. Il Dägëš forte
► Riguarda tutte le consonanti,

tranne le gutturali ‫ר אעה ח‬ e


► Indica il raddoppiamento della consonante

► Nel caso delle bgdkpt si ha il Dägëš forte


quando le precede una vocale –
normalmente una vocale breve.
In questo caso il Dägëš forteindica che la
consonante è raddoppiata e insieme
esplosiva: -bb-, -gg-, -dd-, -kk-, -pp-, -tt-.
bN"G: (Gan-näb)
G - Dägëš lene (l’inizio della parola)
N - Dägëš forte (cons. qualsiasi)
b - spirata (preceduta da una vocale)
rABGI (GiB-Bôr)
G - Dägëš lene (l’inizio della parola)
B - Dägëš forte (dopo una vocale breve)
~T,r>B;DI (DiB-Bar-Tem)

D - Dägëš lene (l’inizio della parola)


B - Dägëš forte (dopo una vocale breve)
T - Dägëš lene (dopo una consonante;
šüwä muto)
Gli accenti

1. rb'D" – Däbär aybin" – näbî´


(milra` - da sotto)

2. %l,m,ò - meºlek hl'y>l;ò - laºylâ


(mil`êl - da sopra)
Sillabe

• C + v → (Cv) → sillaba aperta

• C + v + C → (CvC) → sillaba chiusa

C=consonante; v=vocale
Vocali e sillabe
1. sillaba aperta
• Cv̄ (consonante + vocale lunga) (più frequente)

rb'D" Dä - bär
• Cv́ (cons. + vocale breve accentata)

%l,m, meº - lek


Vocali e sillabe
2. sillaba chiusa
• CvC (cons. + vocale breve + cons.) (99%)

%l,m, meº - lek (opp. CvºC)

• Cvº̄C (cons. + voc. lunga accent. + cons.)

rb'D' Dä - bäºr
Vocali e sillabe

è “impossibile” la costruzione Cv̄C

Ad eccezione: ~yTiB' BäT-Tîm


qämec o qämec Ha†ûp
La vocale ¤' indica qämec ossia la vocale
lunga ä quando si trova in una sillaba
aperta o in una sillaba chiusa accentata.

La vocale ¤' indica qämec Ha†ûp ossia la


vocale breve o quando si trova in una
sillaba chiusa non accentata.

~q'Y"ñw: way - yäº - qom


• vyai-lK' Kol - ´îš (maqqep “toglie”
l’accento)

• hm'k.x' Hok - mäh (sapienza)


• hm'k.x'( Hä - kü - mäh (ella fu saggia)
(meºtheg indica qui la vocale lunga, la sillaba aperta)