Sei sulla pagina 1di 4

Critica della ragion pura

ESTETICA TRASCENDENTALE
INTUIZIONI E FENOMENI
• L’est.trasc. tratta delle condizioni che rendono possibile la
sensibilità
• La sensibilità permette il contatto diretto con gli oggetti, che
vengono in questo modo intuiti sensibilmente
• In questa intuizione, gli oggetti ci vengono dati e si adattano
così alle nostre forme pure a priori trascendentali
• Queste forme, per la sensibilità, sono lo spazio e il tempo
• Gli oggetti così intuiti sono definiti da Kant fenomeni, e
costituiscono la nostra rappresentazione spazio-temporale
della realtà
SPAZIO E TEMPO COME
FORME DELLA SENSIBILITÀ

• Lo spazio è la forma del senso esterno, e ci mette in contatto con


gli oggetti fuori di noi
• Il tempo è la forma del senso interno, e permette l’apparire dei
nostri stati d’animo interiori, oltre che degli oggetti interni
insieme allo spazio
• Su di essi si fonda la scientificità della matematica
LA DATITÀ DEGLI OGGETTI
• La nostra rappresentazione spazio-temporale del mondo si fonda,
dunque, sull’adattamento degli oggetti allo spazio e al tempo
• Questo significa che, per noi, il mondo non può apparirci diverso
da come spazio e tempo sono configurati
• SPAZIO: tridimensionalità degli oggetti
• TEMPO: irreversibilità degli eventi
• Il risultato nel nostro rapporto con il mondo è che possiamo
conoscere gli oggetti solo nella misura in cui questi ci sono dati, e
in questo modo adattati alle nostre forme a priori