Sei sulla pagina 1di 76

Onde elettromagnetiche

1. Onde: generalità (interferenza; onde sinusoidali)


2. Equazioni di Maxwell nel vuoto
3. Equazione di D’Alembert (equazione delle onde)
4. Onde EM nel vuoto
5. Polarizzazione (planare e circolare)
6. Lo spettro elettromagnetico
7. La quantizzazione
8. I fotoni, la costante di Planck
Modi per trasferire energia:
onde nell’acqua

+ + +

Moto ondoso
dell’acqua è
assente sul
fondo.
Onda armonica su un filo
Impulso su un filo
Onde longitudinali
Onde classiche - interferenza
N.B. Per arrivare al punto P le onde dai due fori fanno due
percorsi diversi. All’arrivo, sono in fase oppure no? Dipende
dalla differenza tra le lunghezze dei due percorsi.
P

sorgente
Onda sinusoidale

Disturbo NULLO
=
Particelle Classiche

sorgente
Equazioni di Maxwell nel
vuoto
i.e. in assenza di densità di
carica e di densità di corrente
Equazioni di Maxwell nel vuoto
Densità di
carica 
   
 E  0  B  0
 
  B   E
E     B   0 0
t t

materia


j
o rre n te
ità di c
Den s
carica
Il campo elettrico nel vuoto

  B
E   Legge di Faraday-Lenz
t
quindi
 
    B     E
2
  (  E )    (  )   (  B )   0 0 2
t t t
Ma per un teorema di analisi vettoriale
   2     2 
  (   E )    E   (   E )   E
 
nel vuoto   E  0
In definitiva

2   E
2
 E   0 0 2
t
Il campo magnetico nel vuoto

  E
  B   0 0 Legge di Maxwell-Ampere
t
quindi  
    E     B
2
  (  B )    ( 0 0 )   0 0 (  E )   0 0 2
t t t
Ma per un teorema di analisi vettoriale
   2     2 
  (  B )   B  (  B )   B
 
sempre   B  0
In definitiva

2   B
2
 B   0 0 2
t
Equazioni delle onde elettromagnetiche
nel vuoto

2   E
2
 E   0 0 2
t

2   B
2
 B   0 0 2
t
• nel vuoto E e B soddisfano l’equazione delle onde di D’Alembert
• nel vuoto onde piane sinusoidali si propagano senza deformazioni con
velocità di propagazione della fase è v = 1/00 = c (velocità della luce)
• in quanto ONDE manifesteranno il fenomeno dell’interferenza
costruttiva e distruttiva
Equazione di D’Alembert delle onde 1D

 f
2
1  f 2
f ( x, t )  2 2
x 2
v t
L’equazione è LINEARE e ha come soluzione generale

f ( x, t )  A  g ( x, t )  B  h( x, t )  A  g ( x  vt )  B  h( x  vt )
propaga propaga
rigidamente(*) rigidamente(*)
verso x verso x
crescenti con decrescenti con
f(x,t) velocità v
velocità v

g ( x  vt ) h( x  vt )

(*) propagazione rigida = non cambia forma (senza distorsioni)


Si consideri la dipendenza speciale

f ( x, t )  f ( x  vt )  f ( )
cioè f ( ) dove   x  vt
f df  df f df  df
       v
x d x d t d t d

2 f d 2 f 2 f d 2
f
 v 2

x 2
d 2 t 2
d 2

Conclusione: qualsiasi f(x-vt) sarà soluzione dell’equazione di D’Alembert

2 f 1 2 f
 2 2
x 2
v t
Onde sinusoidali che si propagano
Costante con dimensioni L-1 Costante con dimensioni T-1

cos [k(x-vt)] = cos[kx – kvt] = cos (kx - t)


Periodicità nello spazio e nel tempo:

cos(kx - t) = cos(kx - t + 2) =


= cos(kx + 2 - t) = cos[k(x+2/k) - t)
La lunghezza d’onda  = 2/k è la periodicità spaziale

cos(kx - t) = cos(kx - t + 2) =


= cos(kx - t + 2 ) = cos[kx - (t-2/) ]
Il periodo T = 2/ è la periodicità temporale

numero d’onda k = 2/


pulsazione  = 2/T = 2 velocità di fase dell’onda v = /k = 
frequenza  = 1/T
g ( x  vt )  h( x  vt )
g ( x  vt ) h( x  vt )
t0

t0+t

t0+2t

t0+3t

x
g ( x  vt )  h( x  vt )

t0+3t

t0+4t

t0+5t

t0+6t

x
g ( x  vt )  h( x  vt )

t0

t0+3t

t0+6t

x
Equazione di D’Alembert delle onde
3D

f ( x, y , z , t )

2 1  f
2
 f  2 2
v t
onde elettromagnetiche nel vuoto

Domanda: le onde elettriche e magnetiche sono indipendenti oppure no?


In particolare:
1. Può esserci solo un onda elettrica (senza onda magnetica) e viceversa?
2. Possono le onde E e B avere forme diverse?

Ey Bz
vc vc

x y

Risposte:
3. No. Se c’è un onda elettrica ci deve essere anche un onda magnetica.
4. No. Istante per istante deve essere |B|=|E|/c quindi le onde devono
avere la stessa forma!
Onde piane nel vuoto

Onde piane sinsuoidali che propagano nella


direzione k
z
  i ( krt )
E piana  E0e
  i ( krt ) k

B piana  B0e

x
y
2
Distanza tra i piani   
k
Onda piana che propaga
nella direzione x

   
k  ku x  0u y  0uz
ikx  it
e e t = 0

y=0

x=0  
ikx  it
e e t > 0

y=0

x=0
Onda piana che propaga
nella direzione y

   
k  0u x  ku y  0uz
iky  it
e e t = 0

y=0

x=0
iky  it
e e t >0

y=0

x=0
Onda piana che propaga
nella direzione che è a 45o
tra la direzioni x e y
   
k  k x u x  k y u y  0uz

kx  k y
kx  k y ikx iky  it
e e e t = 0

'

Ecc. ecc.

y=0

x=0
NOTA BENE!
In questi casi che ho rappresentato

 
'

Perché?
 
k k k  k x2  k y2  k 2  k 2  2k
Onde piane nel vuoto – le divergenze
       
  E piana  ik  E piana   B piana  ik  B piana
 
 Nel vuoto
 E  0
 
quindi concludiamo che deve essere k  E piana  0
 
 Si ha sempre che   B  0
 
e quindi si conclude che deve essere k  B
piana  0

Nel vuoto onde elettriche e magnetiche piane sono


necessariamente TRASVERSE
(perpendicolari alla direzione della propagazione)
Onde piane nel vuoto – i rotori
       
  E piana  ik  E piana   B piana  ik  B piana

  B piana 
 Per Faraday-Lenz è anche   E piana    iB piana
t
  
quindi concludiamo che deve essere k  E piana  B piana


  E piana 
 Per Maxwell-Ampere è anche   B piana   0 0  i 0 0B piana
t
  
quindi concludiamo che deve essere k  B piana   0 0 E piana
Onde piane nel vuoto – la velocità di propagazione
     
k  E piana  B piana k  B piana   0 0 E piana
 1  
Dalla prima si ha B piana  k  E piana

 1   
che sostituita nella seconda da k  ( k  E piana )   0 0 E piana

Il membro a sinistra può essere riscritto (prodotto vettoriale triplo)
         2 
k  ( k  E piana )  ( k  k ) E piana  ( k  E piana )k   k E piana
 
nel vuoto k  E piana  0
Si conclude che deve essere
2   1  2
k E piana    0 0 E piana 
2
 c   2  v 2fase
2

 0 0 k
Onde piane nel vuoto – la velocità di propagazione

v fase    c
k
N.B. La velocità di fase v = /|k| è una costante; i.e. non dipende da |
k| (non dipende dalla lunghezza l’onda =2/|k|). Quindi nel vuoto un
qualsiasi disturbo elettromagnetico piano si propagherà senza
distorsione (le componenti di Fourier vanno tutti alla stessa velocità e
quindi la forma del disturbo si mantiene nel tempo; propagazione
senza dispersione).

x
In presenza di materia ciò non sarà vero e la velocità di fase
dipenderà da k e quindi la forma del disturbo subirà una
DISTORSIONE (si disperde; fenomeno della dispersione).

x
Onde piane nel vuoto – direzione di propagazione

Sappiamo che i campi E e B sono trasversi, cioè sono perpendicolari alla direzione
di propagazione data dal vettore k
 
k  E piana  0
e sappiamo pure che
 1  
B piana  k  E piana

Che angolo c’è tra E e B?
   1  
E piana  B piana  E piana  ( k  E piana )  0

Quindi E e B sono perpendicolari rispetto alla direzione di
propagazione e sono perpendicolari tra di loro!
Onde piane nel vuoto – terna ortogonale
Domanda: La terna vettoriale E, B e k è ortogonale ma è una terna levogira
(mano sinistra) o destrogira (mano destra)? Pensato al piano individuato da E e
B. Come è orientato il vettore k?

k
destrogira levogira

 oppure 
B B
 
E E

k
   1  
E piana  B piana  E piana  ( k  E piana ) 

2
1    1 2  E 
  ( E piana  k ) E piana  E pianak  piana
k
  
 
k  E piana  0
Onde piane nel vuoto – terna destrogira
Epiana  k

Bpiana  k

Bpiana  Epiana

Epiana  Bpiana // k

|Bpiana| = |Epiana|/c

k


B

E
Onde piane nel vuoto – propagazione di cosa

 1    
S E  B   0c E  B
2

0
  
S piana  0c E piana  B piana 
2

 1    c 2 
  0c E piana  ( k  E piana ) 
2 0
E pianak 
2

 
Modulo di k

 0c k 2 
2

 E pianauk  c 0 E pianauk
2


Versore nella
direzione di k
Campo elettrico sinusoidale trasverso
y

N.B. è rotazionale
E = Ey cos(kx-t) uy e ha divergenza nulla
Un’a istantanea di un
onda piana trasversale
(il luogo di punti di uguale fase è un piano)

Piani di ugual fase


perpendicolari alla direzione
di propagazione

Di
re
zio
ne
di
pr
op
ag
az
io ne
  
E  E z u z  E z 0 sin( kx  t )u z
Z

L’asse x esce fuori


dalla pagina
Onda EM piana che si propaga
Y nella direzione x
polarizzata lungo l’asse z
(verticalmente)

La direzione di polarizzazione
è quella del campo elettrico.
Questi campi sono polarizzati
   planarmente (la polarizzazione
E  E y u y  E y 0 sin( kx  t )u y non cambia nel tempo).

Z
L’asse x esce fuori
dalla pagina

Onda EM piana che si propaga


Y nella direzione x
polarizzata lungo l’asse y
(orizzontalmente)
Onde EM polarizzate Circolarmente che
si propagano nella direzione x
Z
Circolarmente destrogiro L’asse x esce fuori
dalla pagina

E y  A sin( kx  t  ) Y
2
E z  A sin( kx  t )

Z
Circolarmente levogiro L’asse x esce fuori
dalla pagina

E y  A sin( kx  t  ) Y
2
E z  A sin( kx  t )
Interazione di un
onda EM con la
materia:

… assorbimento Z
Materiale con un
Y
coefficiente di
spegnimento x

(“extinction”)

Z Z

L’onda diventa più debole L’asse x esce fuori


dalla pagina
(l’ampiezza diminuisce) più
Y Y
penetra nella materia

E y  Ae x sin( kx  t )
In (x=0) Out (x=d)
Campo elettrico sinusoidale longitudinale
y

N.B. è irrotazionale
E = Ex cos(kx) ux ma ha divergenza non-nulla!!!
Onde piane ed equazioni delle onde
elettromagnetiche nel vuoto

• B ed E sono perpendicolari

• B= c Ecioè la forma di B nello spazio è istante per


istante identica e quella di E

• E e B propagano assieme lungo la direzione data da EB con


una velocità di fase c = /k = 

Segue dimostrazione con gli integrali


elettrodinamica
Il campo può avere vita propria
Propaga a velocità finita trasportando:
• quantità di moto (*)
1 2
• energia
• momento della quantità di moto

(*) Ptot(t) = p1(t) + p2(t) + pcampo(t) = costante


quindi non vale la 3° legge di Newton (p1  -p2)
Prendete una carica elettrica …. e spostatela
Campo Si avranno increspature nelle
elettrico linee di campo elettrico

Quindi se la scuote ripetutamente bene



Andate al link

http://phet.colorado.edu/en/simulation/radiating-charge

radiating-charge.jar
onde elettromagnetiche nel vuoto
onde elettromagnetiche

interferenza interferenza

I()=Iocos2()
Legge di Malus

Filtro
Polaroid
Io
Prisma (rifrazione) Legge di Malus
Intensità
I=Iocos2() sorgente
Ondeelettromagnetiche
Onde elettromagnetichedi di 10 -6
nm  1.23 GeV
diverselunghezze
diverse d’onda
lunghezze d’onda
eequindi
quindienergia
energia(frequenza)
(frequenza)

EE == hc/
hc/ == h
h 10 -3
nm  1.23 MeV

400 nm  3 eV

700 nm  1.76 eV

1 cm  1.23  10-5 eV

h = 6.6  10 -34 J-s 1 m  1.23  10-6 eV


Costante di Planck
c = 2.99  10 8 m/s
1 km  1.23  10-9 eV
Velocità della luce

1 eV = 1.6  10 -19
J
visibile
Raggi X
Cassiopeia A Onde radio
infrarosso
Effetto faro C’è una PUSLAR nel
Granchio

Scoperto in onde
radio
ma visto anche
nell’ottico
(qui accanto),
raggi-X e raggi
gamma
Spettro continuo Spettri di emissione di un filamento caldo e di uno MOLTO
caldo. Qual è quello più caldo? La distribuzione dell’intensità dei
vari colori è continua, ma l’energia è quantizzata!
Anche un pizzaiolo sa che sarebbe catastrofico se non fosse
così! La h nella formula qui sotto è la mia costante e vale
6.626… 10-34 J-s invece KB = 1.38… 10-23 J/K è la costante
di Boltzmann.
“Catastrofe ultravioletta” La catastrofe ultravioletta, chiamata
anche catastrofe di Rayleigh-Jeans,
era la predizione della teoria di Maxwell
che un corpo nero in equilibrio termico
emetterebbe radiazione con una potenza
INFINITA, con contributi alla potenza
dalle varie frequenze sempre più grandi
al diminuire della lunghezza d’onda.

I pizzaioli non muoiono per esposizioni a


pericolosi raggi-X e peggiori gamma (ma
cosa mai sudano troppo perché si
surriscaldano), evidentemente la
catastrofe non avviene!

La soluzione di Planck al problema


equivale a dire che i “fotoni” (introdotti
da Einstein) trasportano una energia che
dipende dalla loro frequenza E = h =
hc/. Il pizzaiolo si salva perché in un
forno ad una certa temperatura non c’è
abbastanza energia per creare fotoni di
alta energia. (analogia: Se avete 100
Euro sul conto non avete abbastanza
soldi per chiedere dal cassiere una
banconota da 500 Euro.)
Micro-onde
Radar
Effetto faro
“radiazione cosmica di fondo”
Scoperta da Penzias e Wilson,
è la radiazione elettromagnetica
che permea l’universo. Si ritiene
che sia il prodotta dal Big Bang.

Pulsar
Onde radio
Line discrete
Linee di assorbimento

Linee di emissione
Cellafotoelettrica.
Cella fotoelettrica.

spettrodiscreto
spettro discreto(quantizzazione
(quantizzazioneevidente)
evidente)

EsperimentodidiYoung,
Esperimento Young,ma
maununsingolo
singolo fotone
fotone alla
alla volta!
volta!
Nonsappiamo
Non sappiamoprevedere
prevederedove
doveandrà
andràililsingolo
singolofotone,
fotone,mama
siamoveramente
siamo veramente molto
molto bravi
braviaacalcolare
calcolareprobabilità!
probabilità!
E
Spettri discreti:
fotoni
assorbimento e
diseccitazione
quantistica

Stati eccitati ( eV)


atomo di sodio
Livello fondamentale

Stati eccitati ( MeV)


nucleo del piombo
Livello fondamentale
La frontiera Domande: Il fotone è una particella,
Intellettuale o un onda?
L’elettrone è una particella, o un onda?

Risposta unica:
Sono quanti !

IDEA STRANA...
MA VERA!

fotoni (luce)

elettroni (materia)
Quanti (fotoni, elettroni, protoni,…)

sorgente
La frontiera intellettuale
• “The most incomprehensible thing about the world is that it is
at all comprehensible.”
• “Physical concepts are free creations of the human mind, and are
not, however it may seem, uniquely determined by the outside world.”

Il mondo è comprensibile? STRANO, MA VERO!


La frontiera intellettuale

“Not only is the Universe stranger than we imagine,


it is stranger than we can imagine.” (Eddington)

“Deep in human unconscious is a pervasive need


for a logical universe that makes sense. But the
real universe is always one step beyond logic.”
(Frank Herbert)

Potrebbero piacerti anche