Sei sulla pagina 1di 22

UNIVERSITA’ DEGLI STUDI DI FERRARA

Facoltà di Ingegneria
Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Civile

Corso di COSTRUZIONI IN C.A. E C.A.P.


ESERCIZI TORSIONE
Prof. Ing. Nerio Tullini
Studente: Federica Forlani

Anno Accademico 2009/2010


TORSIONE SEMPLICE

B = 400mm
H = 600mm
c = 40mm

Staffe Φ8 passo 100mm (Asw=50mm2)

Armatura longitudinale 6Ф16 = 1206 mm2

Ac 600 * 400
t   120 mm  80 mm
u (600  400) * 2

Ac = area della sezione


u = perimetro della sezione
PRIMA IPOTESI   45

•Calcestruzzo
cot 
TRcd  2 Atf 'cd
(1  cot 2 )
1
 2 * (280 * 480 ) * 120 * 0.5 * 14.17 *  114 .2 kNm
(1  1)

A = area racchiusa dalla fibra media del profilo periferico

•Staffe
As
TRsd  2 A fyd cot 
s
50
 2 * (280 * 480 ) * * 391 .3 * 1  52.6 kNm
100
A = area racchiusa dalla fibra media del profilo periferico;
As = area delle staffe;
um = perimetro medio del nucleo resistente;
s = passo delle staffe;
•Ferri longitudinali

TRld  2A
 A
f l
/ cot 
yd
um
1206
 2 * (280 * 480 ) * * 391 .3  83.45kNm
(280  480 ) * 2
A = area racchiusa dalla fibra media del profilo periferico
um = perimetro medio del nucleo resistente;
 Al  area complessiva delle barre longitudinali

Il momento resistente è il minore dei tre e risulta associato


alle staffe:

TR sd  52.6 kNm
SECONDA IPOTESI   38.5
Il valore di θ è stato calcolato imponendo la rottura simultanea di staffe e ferri longitudinali,
che garantisce un comportamento duttile della sezione

1/ 2 1/ 2
 al   0.79 
cot        1.26
 as   0.5 

al 
 A l

1206
 0.79
um ( 480  280) * 2

As 50
as    0. 5
s 100
•Calcestruzzo
cot 
TRcd  2 Atf 'cd
(1  cot 2 )
1.26
 2 * (280 * 480 ) * 120 * 0.5 * 14.17 *  111 .3 kNm
(1  1.26 2 )
•Staffe
As
TRsd  2 A fyd cot 
s
50
 2 * (280 * 480) * * 391.3 * 1.26  66.3 kNm
100
•Ferri longitudinali

TRld  2A
 A
f
l
/ cot 
yd
um
1206
 2 * (280 * 480) * * 391.3 / 1.26  66.2 kNm
(280  480) * 2

Il momento resistente in questo caso è quello legato alla rottura


bilanciata di staffe e ferri longitudinali:

TR ld  66.2 kNm
TORSIONE COMBINATA A TAGLIO E FLESSIONE

B = 600mm
H = 600mm H
c = 45mm

Msd = 800 kNm B


Vsd = 500 kN Combinazione delle
Tsd = 240 kNm sollecitazioni

Calcestruzzo
1)
fck  40 MPa
40
fcd  0,85 *  22,67 MPa
1,5
Acciaio
fyd  391,3 MPa 2)
1) PROGETTO DELLA SEZIONE – CONFIGURAZIONE 1

Le azioni interne dovute alla torsione si concentreranno in una sezione cava di spessore t

Ac 600 * 600
t   150 mm  90 mm
u (600  600) * 2

Il taglio dovuto a Vsd può essere assegnato al nucleo di larghezza (b-2t)

Le azioni taglianti dovute alla torsione saranno le stesse per tutte le quattro pareti

Tsd (b  t ) 240 * 10 6 * (600  150 )


Ft    267 kN
2A 2 * (600  150 ) 2

Le azioni longitudinali dovute alla flessione sono

Msd M sd 800 * 10 6
   1778 kN
z (h  t ) (600  150 )
Si sceglie cot   2

Si procede al calcolo delle armature necessarie per le sollecitazioni da taglio e da torsione


per le pareti esterne:

 L’armatura trasversale deve sopportare

Ft 267 * 10 3
  297 kN/m
z cot  450 * 2
 L’armatura longitudinale deve sopportare
Ft cot   267 * 2  534kN

Per quanto riguarda il nucleo:

 L’armatura trasversale deve sopportare

Vsd 500 * 10 3
  556 kN/m
z cot  450 * 2

 L’armatura longitudinale deve sopportare

Vsd cot   500 * 2  1000kN


Le azioni longitudinali possono essere prese da ferri distribuiti lungo tutta l’altezza della
sezione oppure possono essere divisi tra la parte superiore e inferiore.
Essendo più semplice distribuire le barre lungo le pareti laterali che nel nucleo, i ferri
necessari saranno posizionati nella zona più esterna della sezione.

L’armatura longitudinale richiesta per ogni parete a causa della torsione è pari a

Ft cot  534 * 10 3
  1365 mm 2
fyd 391.3

L’armatura trasversale richiesta per ogni parete è

Ft 297 * 103
  759 mm 2 /m
fyd z cot  391.3

Si utilizzano Ф12 passo 140mm lungo le pareti.

Mentre per il nucleo


Vsd 500 * 10 3
  1421mm 2 /m
fyd z cot  391.3 * 450 * 2

Si utilizzano Ф12 passo 140mm posizionate nel nucleo .


Nella parte inferiore la richiesta totale di armatura longitudinale deve sopportare 1778kN
dovuti alla flessione e 534kN dovuti alla torsione, in più 500kN per gli effetti del taglio nel
nucleo.
1778  534  500  2812kN

Si ha quindi un totale di 2812kN che richiedono


2812
 7186mm 2
391.3
Utilizzando 14Ф26 = 7433 mm2 rimangono 247 mm2 che possono collaborare con i
ferri necessari lungo le pareti.

Nella parte superiore agiscono la trazione di 534kN dovuta alla torsione e la


compressione dovuta dalla flessione, pari a 1778kN, che non rendono quindi
necessaria la presenza di armatura longitudinale aggiuntiva per torsione.

Si sceglie di inserire 4Ф26 come reggistaffe.


La richiesta di armatura longitudinale rimanente è quella riguardante le pareti.
Per il loro calcolo è necessario tenere in considerazione il contributo dei ferri d’angolo
della parte superiore della sezione, che collaborano come quelli presenti in eccesso
nella parte inferiore.

1365-134-531 = 700 mm2

Si utilizzano 3Ф20 = 942 mm2 per parete.


La parte superiore della sezione presenta una sollecitazione tagliante di 267kN e una
compressione di 1778-500=1278kN

• Compressione longitudinale
Fc 1278 * 103
   14.2MPa
At 600 * 150
• Taglio
Ft 267 * 103
   3.96MPa
Al 450 * 150

Fc = forza di compressione agente sulla parte superiore della sezione


Ft = forza di trazione agente

At = area della parte superiore
Al = area della parete laterale

Le tensioni principali sono date da


2
 
        3.96 2  7.12  7.1
2

2 2

da cui si ottengono una tensione di compressione c 2  15.2MPa


e una di trazione  c1  1.03MPa
Se le sezioni maggiormente sollecitate rispettano le seguenti limitazioni, allora
si potrà assumere che non si avrà fessurazione inclinata:
f ck
• per  c 2   3 c  devo verificare  c1  f ctd
 
f ck   
• per  c 2   3 c  devo verificare  c1  f ctk ,0,05   1  c 2 
f ck
  c 

Queste limitazioni hanno l’effetto di ridurre il dominio resistente del cls.

f ctk,0.05
f cd f ctk,0.05

f ctd

f cd f cd1 f cd/3
fck
 40  8.9MPa
3 c 3  1. 5

c 2  15.2  8.9MPa

   
    15.2 
 c1  fctk ,0,05 1  c 2   2.46  1    1.06MPa
 fck   40 
 c   1. 5 

c1  1.03  1.06MPa

La sezione non è soggetta a fessurazione inclinata.


2) PROGETTO DELLA SEZIONE – CONFIGURAZIONE 2

Le azioni interne dovute alla torsione si concentreranno in una sezione cava di spessore t

Ac 600 * 600
t   150 mm  90 mm
u (600  600) * 2

Il taglio dovuto a Vsd può essere assegnato a tutta la larghezza b della sezione, sommando o
sottraendo nelle due pareti laterali i contributi dovuti alla torsione.

Le azioni taglianti dovute alla torsione saranno le stesse per tutte le quattro pareti

Tsd (b  t ) 240 * 10 6 * (600  150 )


Ft    267 kN
2A 2 * (600  150 ) 2

Le azioni trasversali dovute al taglio che agiscono nel singolo spessore t sono

Vsd 500 * 10 3
t  150  125 kN
b 600
L’azione massima trasversale che agisce su una parete laterale è pertanto
FTOT  125  267  392 kN
Si sceglie cot   2

Si procede al calcolo delle armature necessarie per le sollecitazioni da taglio e da torsione


per le pareti esterne:

 L’armatura trasversale della parete più sollecitata deve sopportare

Ft 392 * 10 3
  436 kN/m
z cot  450 * 2
 L’armatura longitudinale deve sopportare
Ft cot   267 * 2  534kN

Per quanto riguarda il nucleo:

 L’armatura trasversale deve sopportare il taglio agente nel solo nucleo

Vsd 250 * 10 3
  278 kN/m
z cot  450 * 2

 L’armatura longitudinale deve sopportare

Vsd cot   500 * 2  1000kN


Le azioni longitudinali dovute alla flessione sono
M sd M sd 800 * 10 6
   1778 kN
z (h  t ) (600  150 )

Nella parte inferiore la richiesta totale di armatura longitudinale deve sopportare 1778kN
dovuti alla flessione e 534kN dovuti alla torsione, in più 500kN per gli effetti del taglio nel
nucleo.
1778  534  500  2812kN

Si ha quindi un totale di 2812kN che richiedono


2812
 7186mm 2
391.3

Utilizzando 14Ф26 = 7433 mm2 rimangono 247 mm2 che possono collaborare con i
ferri necessari lungo le pareti.

Nella parte superiore agiscono la trazione di 534kN dovuta alla torsione e la


compressione dovuta dalla flessione, pari a 1778kN, che non rendono quindi
necessaria la presenza di armatura longitudinale aggiuntiva per torsione.

Si sceglie di inserire 4Ф26 come reggistaffe.


L’armatura longitudinale richiesta per ogni parete a causa della torsione è pari a

Ft cot  534 * 10 3
  1365 mm 2
fyd 391.3
La richiesta di armatura longitudinale rimanente è quella riguardante le pareti.
Per il loro calcolo è necessario tenere in considerazione il contributo dei ferri d’angolo
della parte superiore della sezione, che collaborano come quelli presenti in eccesso
nella parte inferiore.

1365-134-531 = 700 mm2

Si utilizzano 3Ф20 = 942 mm2 per parete.

L’armatura trasversale richiesta per la parete più sollecitata è


Ft 436 * 103
  1114 mm 2 /m
fyd z cot  391.3
Si utilizzano Ф12 passo 140mm lungo le pareti.

Mentre per il nucleo


Vsd 250 * 10 3
  710 mm 2 /m
fyd z cot  391,3 * 450 * 2

Si utilizzano Ф12 passo 140mm posizionate nel nucleo .


In questo caso si è preso il braccio della coppia interna pari a z = (h-t) approssimandolo,
ma l’esatta profondità del centro delle compressioni e delle tensioni è da determinarsi.
Di seguito si riporta la sezione completa di armature.
45
172,5

4Ф26
300
427,5
510
555

3Ф20
per parte

14Ф26

L=190cm
Inserendo la sezione definita precedentemente nel programma di Gelfi è possibile
determinare sia la curvatura della sezione, che la deformazione del lembo compresso di
calcestruzzo, in corrispondenza di Msd=800kNm.

2.847
Nota la deformazione del lembo compresso, εcls=1.341‰, e nota la pendenza della retta
delle deformazioni, 0.004745, è possibile determinare la deformazione di tutte le
armature longitudinali a partire dalla loro profondità nella sezione.
Attraverso i legami costitutivi di calcestruzzo e acciaio si determinano gli sforzi
corrispondenti, al fine di individuare la posizione della risultante delle compressioni e di
quella delle trazioni.
C

Rc * bcls  R As1 * b1  R As 2 * b2
yC   180.6mm Le distanze sono calcolate
Rc  R As1  R As 2
a partire dall’asse neutro.

R As 3 * b3  R As 4 * b 4  R As 5 * b5  R As 6 * b6
yT   247.1mm
R As 3  R As 4  R As 5  R As 6

z  yC  yT  180.6  247.1  427.7mm


z approx  b  t  600  150  450mm
errore  4.9%

Dal punto di vista ingegneristico l’approssimazione è accettabile.