Sei sulla pagina 1di 18

Lo Stoicismo

Zenone il fondatore
• Zenone nato a Cizio nell’isola di Cipro nel 333/332 a.c. , si trasferisce ad
Atene nel 312/311 a.c. per far filosofia, approfondisce la filosofia di
Eraclito e la filosofia di Epicuro come arte del vivere bene.
• Zenone non essendo ateniese non aveva diritto ad acquistare un edificio
e per questo motivo teneva le sue lezioni in un Portico (stoa) dipinto dal
pittore Polignoto
• Lo stoicismo è la filosofia ellenistica destinata ad avere più diffusione nel
tempo anche in età romana
IV–III a.c. Antica Stoa
II-I a.c. Media Stoa
Nuova Stoa età cristiana
La formazione filosofica di Zenone
Zenone è influenzata dalle scuole socratiche:
• scuola cinica: Cratete esempio pratico di vita
• scuola megarica: Stilpone
• rifiuto della filosofia Epicurea e la composizione atomica della realtà
• scuola stoica ammette la libera discussione
• ripudio della seconda navigazione: le idee non esistono, l’anima non è
spirituale, il Demiurgo, il Motore Immobile,
• l’anima è di natura corporea e materiale
• l’anima è pneuma e fuoco, sopravvive per un certo periodo alla morte
• Dio è corporeo, immanente nell’universo
L’influenza di Eraclito
• il fuoco come physis, logos e Dio

• tutte le cose sono uno scambio del fuoco

• il fuoco è ordine del cosmo

• il fuoco governa tutte le cose

• Dio è nella natura


La filosofia stoica
• logica
• fisica
• etica
Zenone accetta divisione della filosofia stabilita dall’Accademia.
La filosofia paragonata ad un frutteto:
• logica: muro di cinta, la difesa
• fisica: gli alberi, la struttura
• etica: i frutti, ciò a cui mira il tutto l’impianto
La tripartizione della filosofia stoica
Il logos è il minimo comun denominatore delle tre parti della
filosofia

• logos è principio di verità in logica

• il logos è principio creatore del cosmo

• il logos è principio normativo in etica


La logica
• La logica stoica fornisce il criterio di verità
• la sensazione è la base della conoscenza che è un’impressione
provocata dagli oggetti sui nostri organi di senso, la quale si trasmette
all’anima e si imprime in essa generando la rappresentazione
• la verità non si riduce secondo gli stoici alla sola sensazione, implica
un acconsentire, un approvare dato dal logos che è nella nostra anima
• solo quando noi diamo il nostro assenso si ha l’apprensione catalettica
•  la rappresetazione catalettica è criterio e garanzia di verità
La verità
Secondo gli stoici la verità , proprio della rappresentazione
catalettica, è un’azione, una modificazione materiale e
corporea che le cose producono sulla nostra anima e che
provoca una risposta materiale e corporea della nostra anima.
Dalla rappresentazione catalettica si origina l’intellezione e il
concetto
La conoscenza
Gli stoici ritengono che la conoscenza derivi dai sensi, paragonando l’anima a
una tabula rasa in cui si registrano le rappresentazioni sensibili.

• rappresentazioni: le impressioni registrate

• assenso: atto con cui si assente alle impressioni

• rappresentazione catalettica: l’atto con cui l’intelletto che afferra,


comprende l’oggetto

• scienza: possesso saldo del sapere


La conoscenza intellettiva
L’uomo ha la capacità di ragionare, pensare ossia di formarsi
rappresentazioni intellettive o concetti.
Se non abbiamo sensazioni non abbiamo concetti.
Dalla sensazione si passa all’intellezione con un operazione
immediata: da questo foglio bianco deriva la nozione generale
di bianco, oppure attraverso un passaggio mediato operando
per associazione, combinazione, divisione delle nozioni
ottenute
Le prolessi

Le prolessi o anticipazioni mentali sono:

• naturali prodotte dall’accumularsi delle rappresentazioni

• artificiali prodotte dall’istruzione e dal ragionamento


La teoria del significato
Per gli stoici il concetto è segno delle cose
Il segno rimanda:
• il significante, ovvero la cosa o il mezzo che significa (le parole)
• il significato, l’immagine evocata dal nome
• la cosa che è significata, l’oggetto reale
La fisica stoica
• tutte le cose sono governate da un ordine immutabile, razionale,
perfetto e necessario
• ordine è principio superiore, è Dio
• La fisica stoica è materialismo panteistico,
• esistono due principi dell’universo uno attivo (forma o logos) e uno
passivo (materia) che determinano la realtà.
• Il panteismo è la dottrina che identifica Dio con il cosmo, la presenza
nella realtà del Dio/logos implica che la realtà sia indirizzata al miglior
fine.
• Secondo gli stoici il principio fisico che determina la realtà è il fuoco
Il principio attivo
• Ragione (Logos)
• Dio, Natura (Physis)
• Soffio caldo (Pneuma)
• Seme di tutti i semi (ragione seminale)
• Destino
• Provvidenza
La realtà
• materialismo, tutto è corpo
• ilozoismo, tutto è animato
• panteismo, tutto è Dio
• finalismo, necessitarismo, tutto è ordinato
• ottimismo finalistico, tutto è bene
Visione ciclica della realtà, dopo un lungo periodo, il grande
anno, una conflagrazione distruggerà il tutto, che si ricreerà
come prima
L’etica stoica
• lo scopo del vivere è il raggiungimento della felicità
• la felicità si raggiunge vivendo secondo natura
• esseri viventi tendono all’autoconservazione
• esseri viventi tendono all’appropriazione, alla conciliazione del
proprio essere
• piante e vegetali è determinato dall’istinto
• nell’uomo impulso è unito alla ragione
L’etica
• Tutti gli esseri sono dotati di un principio di conservazione che li spinge
a evitare ciò che nuoce loro e a ricercare ciò che giova loro
• ogni vivente può vivere secondo natura
• per l’uomo vivere secondo natura significa vivere armonizzandosi con il
proprio essere razionale.
• Il bene è ciò che giova all’uomo, è l’utile, il male è il nocivo, di
conseguenza la virtù è bene e il vizio è il male, le altre condizioni che
riguardano la natura fisica dell’uomo sono indifferenti
• Il saggio per gli stoici è colui che riesce eliminare le passioni,
realizzando l’impassibilità
Le azioni perfette

• le azioni compiute secondo il logos, sono azioni moralmente


perfette

• azioni convenienti o doveri, azioni compiute in grado di


assolvere dei doveri, es leggi

• azioni imperfette compiute senza la direzione del logos

Potrebbero piacerti anche