Sei sulla pagina 1di 7

SEZIONI E MISURE DI

PORTATA

Raggio idraulico: rapporto tra l’area della


sezione ed il suo perimetro.

Portata di un corso d’acqua: rapporto tra il volume d’acqua che scorre attraverso la
sezione di misura ed il tempo impiegato. La superfice curva in figura rappresenta
l’inviluppo dell’estremità di tutti i vettori di velocità (ovviamente misurati allo stesso
tempo) e si chiama superfice di portata. Infatti, è meno pronunciata vicino al letto e alle
sponde e più pronunciata al centro. Invece, il solido di portata è volume racchiuso tra la
sezione di misura e la superficie di portata (inviluppo dei vettori velocità di deflusso ad un
dato istante). Se il volume del solido di portata è il frutto del flusso in 1 secondo il solido
rappresenta la portata.
Un modo per misurare la portata è misurare l’area della sezione di deflusso e la velocità
con la quale avviene il deflusso.
SEZIONI E MISURE DI PORTATA
SCALA DI DEFLUSSO
Esiste una correlazione tra portata e altezza dipendenti dalla geometria della sezione, dalla scabrezza
del letto fluviale e delle sponde e dalle proprietà reologiche dell’acqua (Ac – ac). Anche se la reologia
dell’acqua è facilmente mutevole le altre due caratteristiche sono più rilevanti.
La taratura dell’equazione viene ripetuta periodicamente per ovviare ad eventuali variazioni di
sezione. La taratura viene effettuata misurando la velocità. Quindi una volta tarata l’equazione per
calcolare la portata basta misurare l’altezza idrometrica. La stazione va calibrata in periodi di acque
non turbolente.

Relazione tra portata e altezza q = Ac (h + ac)3/2

Mulinello

Limite di velocità misurabile


7 m/s (adesso sono più
evoluti ma non di molto).
CHEZY-
BAZIN 1
vm  C Rb S  q  Rb S 2

CA
C  (8g/) 1/2 

con vm = velocità media nella sezione considerata,


C = coefficiente (di scabrezza) sperimentale che tiene
conto della natura dei materiali dell’alveo (l= indice di
resistenza),
Rb = raggio idraulico della sezione (rapporto tra area e
perimetro della sezione)
S = pendenza del corso d’acqua, espressa come tangente
dell’angolo di inclinazione.
GEOMORFOLOGIA APPLICATA E RISCHIO IDROGEOLOGICO – E. ROTIGLIANO

Il mulinello non può


funzionare in regime
turbolento, ma solo in
regime laminare.
Il mulinello è zavorrato.
La velocità di deflusso è
data dai numeri di giri
sul tempo. Misurando
anche la sezione
otteniamo la portata.
Essendo che la velocità
varia all’interno della
sezione si fanno diverse
misure trasversali al
corso d’acqua e in
profondità è sufficiente
misurare a 0.2h e 0.8h o
0.58h.
GEOMORFOLOGIA APPLICATA E RISCHIO IDROGEOLOGICO – E. ROTIGLIANO

Asta idrometrica
GEOMORFOLOGIA APPLICATA E RISCHIO IDROGEOLOGICO – E. ROTIGLIANO
Portata giornaliera: media aritmetica delle portate istantane (istantanea perché la si prende
in un momento preciso e subito dopo potrebbe variare) di un giorno;

Portata mensile: media aritmetica delle portate giornaliere di un mese;

Portata annuale: media aritmetica delle portate mensili di un anno;

Portata media giornaliera: media aritmetica delle portate giornaliere di un dato giorno
calcolata su un periodo di almeno un trentennio;

Portata media mensile: media aritmetica delle portate mensili di un dato mese
calcolata su un periodo di almeno un trentennio;

Portata media annuale o modulo: media aritmetica delle portate annue calcolata su un
periodo di almeno un trentennio;

Coefficiente mensile di portata: rapporto tra la portata media mensile ed il


modulo oppure, In riferimento ad un solo anno, tra la portata mensile e quella
annuale;

Portata specifica o portata unitaria o contributo: rapporto tra la portata misurata ad


una sezione e l’estensione del bacino sotteso (l/s km2); il contributo medio è quello ricavato
utilizzando invece della portata la portata media;

Altezza di deflusso: spessore della lama d’acqua ottenuta distribuendo uniformemente


il volume affluito sulla superficie del bacino sotteso dalla sezione di riferimento