Sei sulla pagina 1di 5

Dante ha rivoluzionato la storia

della letteratura e la lingua


attraverso parole ed espressioni
inventate , ancora oggi di uso
comune.
Molti sono i neologismi , da
lui ideati , che riportano
ancora oggi lo stesso
significato mentre altri
hanno assunto un’accezione
diversa da quella da lui
originariamente voluta.

Ad esempio : «Cinghia» Inferno, V,2


Significato per Dante:
racchiudere, circondare.
Il verbo assume uno spazio fisico e il poeta è
l’unico a dargli tale accezione.
“Così discesi del
cerchio primaio giù
nel secondo , che
men loco cinghia , e
tanto più dolor che
punge a guaio”
Significato attuale:
Si usa anche nel linguaggio parlato “tirare la
cinghia” fare economia, ovvero, fare attenzione
alle spese per far quadrare il bilancio.

Striscia di cuoio munita di fibbia e ganci che


serve a sostenere i pantaloni, usata come mezzo
di chiusura.

La cinghia di trasmissione: utilizzata


nelle aziende come mezzo meccanico,
perché trasmette il moto tra due
elementi di un macchinario.
Nell’automobile è il nastro che mette in
relazione il motore e il cambio di trasmissione.
Fine