Sei sulla pagina 1di 10

LEONARDO DA VINCI

Creato da:
Giulia Gallo
MariaClara Caruso
Mauro Basile
La Vita
• Nasce il 15 aprile 1452 ad
Anchiano di Vinci.

• Fu pittore, architetto, scultore.

• Leonardo entrò presto come


apprendista nella bottega di
Andrea del Verrocchio, uno dei
più stimati artisti del tempo.

• Opere importanti: Gioconda,


Ultima Cena, Adorazione dei
Magi, Annunciazione e
Cenacolo.

• Morì il 12 Agosto 1519 e fu


sepolto nella chiesa di Saint-
Florentine di Amboise.
Il Disegno

• Egli divenne celebre per l'accuratezza delle


sue figure, realistiche nell'esattezza delle
proporzioni e dei tratti fisici.
• Inventò una tecnica mista di tempera e olio
su due strati di intonaco.
• Ci sono pervenuti disegni e fogli, uno di
questi: il disegno di un cavaliere su un
cavallo impennato.
L’Annunciazione.
• Uno dei primi esempi di esordi pittorici fiorentini.

• Non realizzata interamente da Leonardo.

• Restauro nel 2000.

• Il tema trattato è di soggetto religioso; a destra la Vergine è seduta presso un leggio, a sinistra c’è
l'arcangelo Gabriele.
Adorazione dei Magi.
• Con l’Adorazione dei
Magi, Leonardo da
dimostrazione della sua
nuova visione artistica.
• L'opera è di tipo
religioso.
• Rappresenta la visita dei
Magi alla Madonna e al
bambino.
• I personaggi principali
sono:
La Madonna col
Bambino, al centro
dell'immagine.
I Re Magi ai lati.
La folla intorno.
La Vergine delle Rocce
• La tavola fu dipinta da Leonardo per i
frati del convento della Concezione.
• Le figure e il paesaggio roccioso si
fondono in un trapassare leggero di
ombre e di luci.
• La Vergine è al centro della
composizione, ma non in primo piano.
• L’angelo indica col dito il Battista
(patrono della Toscana).
• Nell’opera Leonardo realizza una
composizione piramidale. I due
bambini creano , grazie alla loro
disposizione , una figura trapezoidale
che corrisponde all’unione delle teste
dei personaggi.
Cenacolo
• Raffigura l’ultima cena di Cristo.
• Il dipinto è di notevoli dimensioni, fu eseguito per dovere di Ludovico Sforza.
• Questo tema era stato trattato più volte, ma Leonardo introduce delle novità:
I 12 apostoli sono tutti dalla stessa parte.
Il momento raffigurato è quello in cui Gesù annuncia: « In verità , in verità, vi dico.»
• Volle trattare , non di un evento che riguarda la fede, ma di un tradimento di un amico.
Battaglia d’Anghiari
• Ciò che più celebra la vittoria dei fiorentini è l'affresco "perduto" commissionato a Leonardo
da Vinci: l'idea era quella di decorare la sala principale di Palazzo della Signoria,
rappresentando un episodio della Battaglia d’Anghiari.
• Leonardo decise di utilizzare per l'affresco la tecnica dell'encausto.
• La procedura non ebbe l'esito sperato e l'opera venne danneggiata in modo irrimediabile.
• L'affresco de La Battaglia di Anghiari rimase visibile per alcuni anni e diversi pittori lo
riprodussero.
La Gioconda
• Disegnata nei primi anni
del 500
• Il soggetto ritratto è Lisa
Gherardini, moglie di
Francesco del Giocondo.
• La tavola mostra la donna
in posa in un paesaggio,
che non è un puro sfondo
ma è parte viva e
integrante dell'opera.
• Leonardo trasforma un
semplice ritratto in
un'immagine ideale
Sant’Anna
• Venne commissionata dalla Signoria per
celebrare le riconquistate libertà
repubblicane.
• Sono raffigurati: Sant’Anna, la Vergine e
il Bambino che gioca con un agnello.
• Di questo dipinto esisteva un cartone
preparatorio, nel quale c’era anche San
Giovanni.
• Qui ritroviamo numerosi elementi della
pittura Leonardesca, tra cui lo sfumato, il
cosiddetto “contrapposto”.
• La composizione piramidale vede le
figure disposte lungo una retta inclinata.